Mps: a processo Vigni, Mussari e Baldassarri

Pubblicato il 01 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – MILANO, 1 OTT – Il gup di Milano, Livio Cristofano, ha mandato a processo tutti i 16 imputati per il caso Mps fra cui gli ex vertici della banca senese Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gianluca Baldassarri e, in qualità di enti, Nomura International Plc, Deutsche Bank AG e la sua filiale londinese. Il processo si terrà il prossimo 15 dicembre davanti alla seconda sezione penale del Tribunale di Milano.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

21:14Strangolata con filo pc: autopsia, morta per soffocamento

(ANSA) - GROSSETO, 21 FEB - E' morta per soffocamento dovuto a strangolamento: è questo il primo risultato dell'autopsia su Anna Edvige Costanzo, la donna di 69 anni uccisa dal marito Alberto Novembri, 70 anni, uccisa il 15 febbraio nel loro appartamento in località Pozzarello di Porto Santo Stefano (Grosseto). L'autopsia è stata compiuta oggi dall'equipe di medicina legale di Siena. Domani alle 15 nella chiesa di Santo Stefano, nell'omonima località dell'Argentario, i funerali. Il marito è attualmente ai domiciliari con l'accusa di omicidio volontario aggravato dal vincolo di parentela.(ANSA).

21:11Moto: Rossi, la maggior rivalità? È stata con Biaggi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Cosa cambierei della mia carriera? Vincerei i due Mondiali di Valencia". Così Valentino Rossi in un'intervista con "Le Iene", durante la quale ha anche dichiarato che intende correre "ancora per due anni, perché ho un contratto", e che l'avversario che lo ha fatto più arrabbiare non è stato Lorenzo, e nemmeno Marquez, ma "Max Biaggi, con cui c'è stata grande rivalità". Rispondendo alle domande di Stefano Corti e Alessandro Onnis, che lo hanno sfidato in una gara di MotoGp su videogame, Rossi ha poi affermato di non poter barattare un Mondiale con uno scudetto dell'Inter, "perché è una cosa troppo grande", e di ricordare il primo vinto con la Yamaha come il più bello dei nove conquistati in carriera. Tra una battuta e l'altra dell'intervista, che andrà in onda domani sera su Italia 1, il campione marchigiano ha svelato che gli piacerebbe avere un figlio, ma "piano piano. Facendo questa vita, è sempre difficile".

20:58Calcio: Allegri, Bonucci domani andrà in tribuna

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Domani Bonucci andrà in tribuna: è una decisione giusta per rispetto della squadra, dei tifosi e della società, con la quale l'ho concordata. Il caso è chiuso". Massimiliano Allegri conferma la scelta disciplinare nei confronti del difensore (che era nell'aria dopo il diverbio di venerdì scorso nella gara con il Palermo), per la trasferta di Champions League a Porto. "Leo - aggiunge il tecnico della Juventus - ha capito da ragazzo intelligente quale è, da persona e giocatore importante. Questa decisione è anche un esempio per il futuro. Io, a mia volta, ho avuto una reazione che non fa parte del mio modo di essere e, dal momento che è stata vista da milioni di persone e da tanti bambini, farò una donazione ad un ente per aiutare chi ha bisogno". Del caso, nella stessa conferenza stampa, aveva parlato poco prima Gigi Buffon. "Leo, che è ragazzo intelligente, tiene al gruppo e incarna lo stile Juve, non avrà nessuna difficoltà ad accettare qualsiasi decisione: sa che sarà per dare un segnale educativo".

20:41Haiti: muoiono di stenti 42 detenuti

(ANSA) - PORT-AU-PRINCE, 21 FEB - Le "crudeli, disumane" e "degradanti" condizioni in cui vivono i carcerati nel più grande penitenziario di Haiti hanno portato alla morte 42 detenuti dall'inizio dell'anno. Lo ha denunciato Sandra Honore, rappresentante speciale delle Nazioni Unite nel Paese, nel giorno in cui si sono tenuti nella capitale Port-au-Prince i funerali di massa di una ventina di prigionieri morti recentemente nel carcere. Tra le cause dei decessi vi sono la penuria di cibo e medicine, oltre alle malattie che non vengono curate. Lo ha ricordato Marie Lumane Laurore al funerale del figlio: "Questo è un Paese senza giustizia", ha urlato prima di svenire accanto alla bara. I familiari di Eddy Laurore hanno aggiunto che l'uomo è stato affetto da anemia e tubercolosi durante tutti i due anni in cui è stato rinchiuso nel penitenziario, accusato di violenza sessuale.

20:40Killer catamarano: famiglia skipper uccisa, non finirà mai

(ANSA) - PESARO, 21 FEB - "E' incredibile, questa storia non finirà mai". Così Michele Curina, il fratello di Annarita, la skipper pesarese uccisa nel 1988 da Filippo De Cristofaro, alla notizia della sua ennesima fuga, secondo quanto riporta il legale della famiglia, l'avv. Stefano Tornimbeni. La reazione, racconta Tornimbeni, è stata di "sconforto e angoscia. Non abbiamo parole, è una vicenda che fin dall'inizio non fa che creare angoscia e dolore nella famiglia, e continua a distanza di 29 anni". Tornimbeni ha espresso anche "sdegno, perché è impossibile da digerire quello che è successo. Tutto è stato fatto con leggerezza, senza tenere in considerazione i sentimenti della parte offesa". Il legale ce l'ha non solo con le autorità portoghesi ma anche con le italiane, per quel permesso premio che era stato accordato a De Cristofaro nel 2014, quando poi era fuggito dal carcere di Porto Azzurro. Un pensiero va anche alle forze di polizia che "lavorano a vuoto, perché i loro sforzi sono vanificati".

20:27Sarah: Misseri prelevato da cc e portato in carcere

(ANSA) - AVETRANA (TARANTO), 21 FEB - I carabinieri hanno prelevato dalla sua abitazione per condurlo in carcere Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi. Per l'uomo oggi è diventata definitiva la condanna a otto anni di reclusione per concorso in soppressione di cadavere della quindicenne. Misseri è stato fatto salire su un'auto dei militari che l'ha portato via. "Michele Misseri ha scritto lettere a Sarah in cui chiede perdono", ha poi reso noto il suo avvocato, Luca Latanza. "Misseri - ha aggiunto il legale - è molto provato, lui si aspettava di svolgere un altro giudizio di merito per portare avanti la sua tesi. Non si aspettava una conclusione così rapida. Il processo oggi dal punto di vista giuridico si è concluso".

20:26Incidenti montagna: scivola in crepaccio su M.Rosa, disperso

(ANSA) - AOSTA, 21 FEB - Un giovane scialpinista scandinavo di 18 anni è disperso dopo essere finito in un profondo crepaccio sul Monte Rosa mentre stava sciando con il padre. L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio sopra la Capanna Gnifetti, a circa 3.800 metri di quota, nella valle di Gressoney. A peggiorare la situazione è stato il crollo di un ponte di neve che è finito sopra lo sciatore. Le speranze di ritrovare la scialpinista in vita sono molto scarse. A dare l'allarme è stato il padre che ha assistito alla caduta ed è sceso per circa 400 metri prima di trovare una zona dove il telefono prendesse la linea. Nella zona la visibilità è ridotta e soffia un forte vento: per questo l'elicottero non ha potuto raggiungere il luogo dell'incidente e sono dovute salire delle guide alpine a piedi. le ricerche sono state sospese alle 18.30. Lo scialpinista - di cui non è stata resa nota l'identità - è precipitato per diversi metri all'interno della fessura di ghiaccio. Sull'accaduto indaga la guardia di finanza. (ANSA).

Archivio Ultima ora