Papa in Azerbaigian, fede non è forza magica nè superpotere

Pubblicato il 02 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – TBILISI, 2 OTT – “La fede, che è un dono di Dio e va sempre chiesta, va anche coltivata da parte nostra. Non è una forza magica che scende dal cielo, non è una ‘dote’ che si riceve una volta per sempre, e nemmeno un superpotere che serve a risolvere i problemi della vita”. Lo ha detto papa Francesco nella messa celebrata a Baku, primo di una serie di appuntamenti che lo attendono oggi in Azerbaigian, dove è giunto questa mattina presto. “Perché una fede utile a soddisfare i nostri bisogni sarebbe una fede egoistica, tutta centrata su di noi”, ha spiegato. Secondo il Pontefice, “la fede non va confusa con lo stare bene o col sentirsi bene, con l’essere consolati nell’animo perché abbiamo un po’ di pace nel cuore”. “La fede è il filo d’oro che ci lega al Signore – ha aggiunto -, la pura gioia di stare con Lui, di essere uniti a Lui; è il dono che vale la vita intera, ma che porta frutto se facciamo la nostra parte”. Francesco conclude oggi il suo viaggio nel Caucaso che lo ha condotto dalla Georgia all’Azerbaigian.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

16:46Ex imprenditore trovato con 23 kg cocaina e 4 kg hascisc

(ANSA) - FERMO, 18 NOV - I carabinieri di Porto Sant'Elpidio e di Montegranaro hanno arrestato un 42enne insospettabile del posto, ex imprenditore, che viaggiava a bordo di una Maserati, del valore di circa 100mila euro, risultata immessa in Italia irregolarmente: nella sua abitazione, un appartamento con mansarda in pieno centro nella città rivierasca dove è stata estesa la perquisizione, sono stati rinvenuti 23 Kg di cocaina purissima suddivisa in panetti, oltre 2 Kg di sostanza da taglio, 4 Kg di hascisc e 25.000 euro in contanti, tutto sequestrato. Il valore di mercato dello stupefacente supera i tre milioni di euro. L'uomo, i cui movimenti venivano tenuti d'occhio già da giorni dai carabinieri, si trova ora nel carcere di Fermo.

Archivio Ultima ora