Il Napoli cade a Bergamo, Juve-show è già in fuga

Pubblicato il 02 ottobre 2016 da ansa

Juventus' Paulo Dybala (L) and teammate Gonzalo Higuain in action during the Italian Serie A soccer match Empoli FC vs Juventus FC at Carlo Castellani stadium in Empoli, Italy, 02 October 2016. ANSA/FABIO MUZZI

Juventus’ Paulo Dybala (L) and teammate Gonzalo Higuain in action during the Italian Serie A soccer match Empoli FC vs Juventus FC at Carlo Castellani stadium in Empoli, Italy, 02 October 2016.
ANSA/FABIO MUZZI

ROMA. – Tre gol in 5′ lanciano la Juve che, prima lavora al corpo l’Empoli, poi lo stende, dando dimostrazione di come, dosando una rosa ampia, si può essere travolgenti. E questo successo lancia la Juve nella prima fuga che conta (+4), perché il Napoli si fa superare da un’ottima Atalanta. Stanchezza e mancanza di personalità frenano i partenopei per i quali la sosta giunge opportuna. Una delle peggiori partite della gestione Sarri.

Lazio e Chievo, vittoriose negli anticipi, sono affiancati adesso dal Milan, che batte il Sassuolo 4-3, rimontando l’1-3 degli ospiti, abili nelle ripartenze, ma piuttosto svagati nella fase difensiva. I rossoneri in classifica hanno solo Juve e Napoli davanti.

Proprio come la Roma, che piega l’Inter e si rilancia. Dzeko, poi Banega, quindo Manolas decidono il match dell’Olimpico. Una partita bella, spettacolare, che diverte il non numerosissimo pubblico. Per l’Inter un’altra battuta d’arresto e la conferma che il lavoro da svolgere per De Boer è ancora notevole.

Nel posticipo delle 18 successo pesantissimo del Torino sulla Fiorentina, che ancora dimostra di non aver trovato continuità di rendimento e risultati. Negli altri incontri Simeone junior firma la vittoria del Genoa a Bologna, mentre Bruno Fernandes salva Giampaolo, arpionando il pari al 95′ col Palermo passato in vantaggio con l’ottimo Nestorovski. Il Cagliari batte 2-1 il Crotone in una partita che può segnare il destino di Nicola.

La premiata ditta argentina Higuain-Dybala comincia ad assemblarsi, ne fa le spese un volenteroso Empoli che tiene testa per un tempo ai campioni. Partita di contenimento contro una Juve tonica con un Cuadrado ispirato. Poi è un affare per argentini: Dybala si sblocca anche in Serie A e con un tiro magnifico supera Skorupski, tra i migliori in campo. Poi, si carica Higuain, che raddoppia con un tiro di forza e chiude il conto sull’errore di uno Zambelli ormai in bambola. Una prova di superiorità: la Juve segna quando vuole e chiude le partite senza soffrire.

Stenta e si allontana, invece, il Napoli che trova un’Atalanta stretta a Gasperini che già aveva dato segni di ripresa. Papu Gomez è scatenato sulla fascia, mentre in avanti Petagna fa dannare Koulibaly. I bergamaschi passano su iniziativa arrembante di Gomez, il pallone viene deviato da Ghoulan che libera Petagna. Poi, l’Atalanta si rende ancora pericoloso tanto che Dramè colpisce una traversa. Il Napoli fa fatica a carburare ma, nella ripresa, cambia passo. Ma gli attaccanti non trovano sbocchi, affiora un po’ di stanchezza e per l’Atalanta non è complicato chiudere con una vittoria che cambia le sorti di Gasperini.

Si muove anche la zona retrocessione: il Cagliari stende alla distanza un Crotone sempre più il difficoltà, con un gran tiro di Di Gennaro. Poi, Borriello colpisce la traversa e, sugli sviluppi dell’azione, Padoin pone il suggello. Per i sardi 10 punti conquistati in casa. Il Crotone è fermo e staccato a un punto e questo ko potrebbe segnare l’esonero di Nicola.

Arranca ancora Giampaolo visto che la Samp si salva dalla quinta sconfitta consecutiva al 95′ con Bruno Fernandes contro un buon Palermo. I liguri fanno la partita e creano con Muriel, poi alla distanza su cross di Alesami errore di Skriniar e per Nestorovski è facile fare secco Viviano. Ma in pieno recupero la Samp porta a casa un punto che evita guai per Giampaolo.

Poche emozioni tra Bologna e Genoa. Salta la terza panchina in A: l’Udinese esonera infatti Iachini, dopo la disfatta casalinga contro la Lazio.

Ultima ora

09:54Molestie: anche Uma Thurman contro Weinstein

(ANSA) - WASHINGTON, 24 NOV - Anche l'attrice Uma Thurman punta il dito contro Harvey Weinstein. La protagonista di Kill Bill, pellicola prodotta da Weinstein, ha colto l'occasione della festa del Ringraziamento e di un post su Instagram per rompere il silenzio: "Ho detto che ero arrabbiata di recente, e avevo alcuni motivi, #metoo, nel caso non si capisse dal'espressione del mio volto". Nelle scorse settimane, con l'irrompere delle prime rivelazioni su Weinstein, Uma Thurman aveva affermato che preferiva aspettare prima di parlare. "Credo sia importare seguire i propri tempi, essere giusti, esatti, quindi... felice giorno del Ringraziamento a tutti! (Escluso te Harvey, e tutti i tuoi perfidi cospiratori - sono contenta che procede a rilento - non ti meriti un proiettile", ha scritto l'attrice.

09:53India: deraglia treno in Uttar Pradesh, almeno tre morti

(ANSA)- NEW DELHI, 24 NOV - Tredici carrozze di un treno per il trasporto di passeggeri si sono rovesciate oggi nello Stato indiano di Uttar Pradesh, con un bilancio di almeno tre morti e nove feriti. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. Nell'incidente è rimasto coinvolto il Vasco da Gama-Patna Express, deragliato intorno alle 4:15 locali poco dopo aver lasciato la stazione di Manikpur nel distretto di Chitrakoot. Secondo i soccorritori l'incidente, che ha causato caos nel traffico ferroviario locale, è stato provocato dalla rottura di un segmento di binario.In un secondo incidente di questo tipo in poche ore, 14 vagoni di un treno merci che trasportava carbone sono deragliati nello Stato di Orissa. Il deragliamento, dovuto a cause non ancora accertate, è avvenuto vicino alla località di Jagatsinghpur. Solo quest'anno in India vi sono stati almeno sei incidenti ferroviari, soprattutto in Uttar Pradesh, dovuti al cattivo stato delle infrastrutture e della manutenzione dei binari quasi assente.

01:12E.League: Montella, ora testa a rimonta Milan in campionato

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Conquistata la qualificazione ai sedicesimi di Europa League al primo posto del girone, Vincenzo Montella ora pensa alla rimonta che attende il Milan in Serie A. "E' stata una serata positiva, ora abbiamo più tempo per concentrarci meglio sul campionato dove dobbiamo necessariamente recuperare. La squadra vale più della classifica che ha", ha spiegato l'allenatore rossonero, convinto che la squadra "nelle ultime 4-5 partite abbia dimostrato una crescita". Dopo il 5-1 rifilato all'Austria Vienna, Montella ha sottolineato di avere apprezzato "che la squadra non si è fatta prendere dalla frenesia dopo lo svantaggio". Fra le note positive, la doppietta di André Silva, il primo nella storia rossonera a segnare otto gol in Europa League. "Sono felicissimo e spero di avere più opportunità, vedremo - ha detto il portoghese -. Pesa giocare poco in campionato? Per me è uguale. In Europa League, però, ho più opportunità, sono più concentrato e riesco a dare il meglio di me stesso, ma spero di giocare di più in Serie A".

01:09E.League: Gasperini, importante esserci anche nei 16/i

(ANSA) - LIVERPOOL, 23 NOV - "Sono molto contento per la felicità che ho visto sugli spalti, più di 3 mila a Liverpool e tanti anche a Reggio Emilia, sono contento per la famiglia Percassi: siamo dentro le coppe fino a febbraio, poi vedremo per il primo posto e il sorteggio". Gian Piero Gasperini è raggiante, dopo la cinquina all'Everton, che proietterebbe l'Atalanta al primo posto con un pari casalingo col Lione, ma intanto si gode la qualificazione negli ottavi di Europa League. "Cristante è in grande evoluzione dopo un po' di apprendistato, stavolta è partito forte e ha prospettive notevoli - spiega il tecnico nerazzurro soffermandosi sul migliore in campo -. Cornelius i ha dato tantissimo in un settore dove abbiamo bisogno di crescere. Rooney? Per me rimane un giocatore importante, tornerà sui suoi livelli abituali". Il 'Gasp' elogia i giovani: "Ne abbiamo alcuni che potranno diventare fondamentali anche per la Nazionale, ma non è che sarà per nostro merito che potrà rinascere tutto il calcio italiano".

00:32Calcio: Europa League, Milan e Atalanta a suon di cinquine

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Milan e Atalanta travolgono i rispettivi avversari e si qualificano per i sedicesimi di finale dell'Europa League. I rossoneri sono primi nel proprio girone (D), i bergamaschi devono aspettare l'ultima partita, in casa contro il Lione. Di 5-1 il successo della squadra di Montella in casa sull'Austria Vienna, andata in vantaggio con Monschein al 21'. Il pari è arrivato con 27' grazie a Ricardo Rodriguez, mentre Andrè Silva ha firmato il 2-1 al 36'. Il tris è arrivato al 42', grazie a Cutrone, lo stesso Silva ha calato il poker al 25' della ripresa e Cutrone ha realizzato anche nel finale. Stesso punteggio anche dell'Atalanta, 5-1, a Liverpool contro l'Everton (prima vittoria italiana a Goodison park). La squadra di Gasperini è andata avanti con una doppietta dell'ottimo Cristante (12' pt e 19' st) e, dopo il gol della bandiera di Ramirez al 26' st, è arrivato il tris di Gonens al 41'. Cornelius al 43' e al 49' st ha chiuso i conti. Da segnalare un errore dal dischetto di Gomez.

23:31Europa League: Lazio, Inzaghi “ko Nani unica nota stonata”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio non riesce a invertire la rotta e impatta sul Vitesse. Pareggio indolore, visto che i biancocelesti erano già qualificati da primi del girone: "Stasera con la classifica già raggiunta era più difficile, ma sono contento perché i ragazzi hanno saputo reagire. Ora ci prepariamo per giocare al meglio contro la Fiorentina", ha spiegato a caldo Simone Inzaghi, secondo il quale "l'unica nota stonata è l'infortunio di Nani". Il portoghese ha giocato circa un'ora senza incidere, poi si è arreso per un dolore alla coscia: "Sembrava tutto a posto e invece oggi si è fermato, peccato perché stava per entrare nei meccanismi. Speriamo di non perderlo per molto ma per un paio di settimane non sarà con noi".

22:58Flash mob precari ricerca, non uccideteci, assumeteci

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - Uomini in abito e maschera bianca, in ginocchio a terra, simbolicamente uccisi con un colpo di pistola alla testa: questo il flash mob 'non sparate alla ricerca', portato 'in scena' nella centralissima piazza della Repubblica a Firenze dai precari di alcuni dei più importanti istituti del settore italiani, come Indire, Cnr, Iss, Ispra, Crea. Obiettivo della manifestazione, chiedere a Governo e Parlamento di avviare subito un percorso certo di stabilizzazione, "perché questa situazione anomala, che riguarda quasi 9000 persone in Italia, si concluda e possa finalmente iniziare un nuovo ciclo che indirizzi il Paese verso una visione più lungimirante per noi e per le generazioni che verranno. Non uccideteci, assumeteci", hanno spiegato oggi alcuni degli organizzatori della protesta. Solo l'Indire, racconta uno dei manifestanti, tra i suoi "400 lavoratori, tra ricercatori, collaboratori tecnici, amministrativi, ha solo il 30% degli addetti a tempo indeterminato. Gli altri collaboratori, ben 230 tra tempi determinati e cococo, nonostante anni di esperienza e idoneità in concorsi pubblici nazionali, sono rimasti fino ad oggi in una situazione di precariato che si fa sempre più instabile e fosca, mese dopo mese". (ANSA).

Archivio Ultima ora