Le radici e le ali: un libro dove ogni evento, storia o personaggio degno di memoria diventa un piccolo cammeo. Un capolavoro di lingua e di scrittura

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Goffredo Palmerini

Goffredo Palmerini

Dovendo parlare di Goffredo Palmerini, non saprei da dove iniziare. Eppure ne sono direttamente investito; e per questo mi sento obbligato a parlarne: da quando mi inviò, più di dieci anni fa, una pubblicazione a carattere culturale-turistico che promuoveva l’immagine dell’Abruzzo. Forse conteneva un suo articolo. Ma, forse no. Mi aveva fatto recapitare quell’opuscolo – suppongo – semplicemente per presentarmi uno spaccato della sua Regione: vita sociale, attività economiche, bellezze naturalistiche, tradizioni storia e cultura; a me che insegnavo all’estero e cominciavo a bazzicare l’associazionismo dell’emigrazione italiana.

Perciò ho un obbligo morale che mi lega a lui. Da allora, poi, mi sono sempre giunti, puntuali, i suoi libri: Oltre confine (L’Aquila 2007), Abruzzo gran riserva (L’Aquila 2008), L’Aquila nel mondo (L’Aquila 2010), L’Altra Italia (L’Aquila 2011), L’Italia dei sogni (L’Aquila 2014), e, finalmente, Le radici e le ali (L’Aquila 2016).

Con Palmerini ci conoscevamo fin dal 1972, colleghi di lavoro e subito amici, a Verona. Si sperimentava in prima persona, anche noi, la migrazione interna; alla ricerca di una sistemazione economica ed esistenziale nella fase conclusiva della parabola discendente del boom economico, e all’esaurirsi della carica esplosiva di quel movimento chiamato autunno caldo. Proprio mentre nuove minacce si annunziavano all’orizzonte politico.

L’anno dopo ci ritrovammo a Roma, trasferiti nel rispetto delle cosiddette esigenze di servizio, a lavorare con nuove e diverse mansioni in due uffici, non troppo distanti tra loro, della sede centrale dell’amministrazione di cui eravamo dipendenti. Da lì a poco ognuno avrebbe preso la sua strada: lui rientrava all’Aquila, io, cambiando lavoro, imboccavo di nuovo la strada del nord che, successivamente, mi avrebbe portato anche all’estero.

L’esitazione, l’incertezza, a parlare di Goffredo Palmerini, a me che, onorato della sua amicizia, l’ho sempre ammirato, forse nasce dal timore di essere adulatorio, affettato, sdolcinato, poco naturale; comunque convenzionale. Perché di Palmerini come persona, umanamente parlando, non se ne può dire che bene. Come professionista e cittadino impegnato – politicamente, intendo; nel senso più ampio e completo della parola – non se ne può dire altro che bene.

Come uomo sensibile ai fenomeni sociali e culturali, e come amministratore pubblico non se ne può dire che bene. Come intellettuale, cultore appassionato delle tradizioni della sua terra, e ad essa (e ai suoi abitanti) legato da amore viscerale, non se ne può dire che bene. Tutti questi aspetti, e altri altrettanto preziosi che è inutile star qui a riprendere, comprese le possibili – e probabili – peculiari debolezze delle diverse applicazioni, egli li vive intensamente; e sa esprimerli e rappresentarli, poi, in forma di elaborate e gradevoli narrazioni, con la capacità di farne articoli giornalistici che diffonde dove può; con l’intelligenza, infine, di raccoglierli, una volta pubblicati, in valide e consistenti pubblicazioni. Sono i suoi libri: quelli sopra elencati. E di questi ora dobbiamo parlare. In particolare, l’ultimo: Le radici e le ali.

Ma Palmerini di professione non fa lo scrittore. Pensionato delle Ferrovie, dopo una lunga e significativa carriera politica nella sua città, L’Aquila, si è dedicato al coordinamento delle comunità abruzzesi nel mondo, organizzate nelle Associazioni regionali degli emigrati all’Estero. Attualmente è delegato regionale, in rappresentanza dell’Abruzzo, dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrate (ANFE), e fa parte del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo (CRAM). Inoltre è membro del comitato scientifico del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. Se pubblica, è perché scrive. E se scrive è per la comunicazione e l’informazione. Le finalità sono strettamente collegate al suo ruolo e ai suoi compiti.

Il prodotto della sua scrittura sono comunicati, relazioni, nonché articoli di cronaca su storia costume e tradizione, ben documentati e ben articolati, in un registro di lingua tra la prosa scientifica e quella letteraria. Poiché scrive essenzialmente per gli abruzzesi, i suoi articoli vengono pubblicati sui giornali abruzzesi, oltre che dalle agenzie internazionali e dalla stampa italiana all’estero (Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Uruguay, Venezuela).

Ogni evento, ogni personaggio, ogni data e ogni avvenimento della storia d’Abruzzo o dell’Italia, che sia degno di memoria, diventa l’occasione di un piccolo cammeo giornalistico, un capolavoro di lingua e di scrittura, da indirizzare ai concittadini abruzzesi o di origine abruzzese. Creando così, un patrimonio di informazioni su costume, storia, arte, cultura, e varia umanità, utile non solo alle famiglie abruzzesi, ma a tutte le biblioteche di persone che amano la vita italiana, la sua propagazione nel mondo, l’eco della sua voce e la sua memoria conservata nel racconto letterario.

È questa la scrittura di Palmerini. Articoli freschi e attuali che si leggono come appena usciti dalla penna dello scrittore; all’interno dei quali, eventi, cerimonie, anniversari, celebrazioni, manifestazioni, profili biografici, descrizioni, riflessioni, pagine di bella prosa, serate d’arte e cultura, concerti e mostre, presentazione di opere letterarie o scientifiche, relazioni sociali e sindacali, associazioni e patronati, comunicazioni estemporanee, testimonianze di gente semplice o di personalità ed altre eccellenze, specialmente artisti italiani, o anche stranieri se discendenti da abruzzesi, o per qualche motivo in relazione con l’Abruzzo, la vita insomma, emergono come fatti atemporali, e tuttavia ricchi di nomi, di date, di richiami, di momenti e di tanti altri particolari, che vanno a formare un quadro generale della storia dell’Aquila, dell’Abruzzo, dell’Italia tutta, con al centro il popolo abruzzese e la sua componente di abruzzesi nel mondo. Sono questi i pregi della scrittura di Palmerini.

(di Luigi Casale)

Ultima ora

14:13Calcio: De Laurentiis Higuain? Ha dimostrato scarsa cultura

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Può indicare me col dito per assolversi di fronte ai tifosi, ma i tifosi non sono stupidi e capiscono perfettamente". Aurelio De Laurentiis torna a parlare di Gonzalo Higuain. "Se tu sei una persona di buon gusto e conosci la storia - aggiunge il presidente - non puoi tradire la tua squadra dove hai giocato e ti sei affermato a livello mondiale, perché tutti ti hanno visto, per andare nella squadra acerrima nemica che è la Juventus". "Credo - conclude De Laurentiis - che sia una caduta di gusto, dove non c'entra più né il presidente né il fratello del giocatore, ma c'entra soltanto la sua cultura che ha dimostrato di essere piccola".

14:11Brasile:indios con archi e frecce manifestano per loro terra

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Migliaia di membri di una tribù brasiliana si sono scontrati a Brasilia, armati di archi e frecce, con la polizia in tenuta antisommossa che ha risposto con gas lacrimogeni: gli indigeni hanno dimostrato nella capitale del Paese per ottenere maggiori diritti e denunciare la continua espansione del settore agricolo nelle loro riserve, riportano i media internazionali. Indossando i tradizionali copricapi ricoperti di penne, gli indigeni hanno portato nel centro della città decine di finte bare per ricordare la strage dei loro antenati morti difendendo le terre ancestrali. La protesta coincide con la cosiddetta 'Settimana Indigena', che prevede a Brasilia una serie di attività per denunciare i crescenti problemi delle tribù. I dimostranti hanno detto che almeno quattro indigeni sono stati arrestati negli scontri, mentre la polizia non ha fornito alcuna informazione.

14:09Napoli: Loreto Mare, fogna intasata,liquami corridoi reparti

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Improvvisamente è uscita acqua maleodorante dai gabinetti, il reparto è stato invaso dalla puzza ma devo dire anche che sono intervenuti gli idraulici che hanno lavorato fino a tarda notte". Così Salvatore racconta, dal suo letto in Chirurgia al secondo piano dell'Ospedale Loreto Mare di Napoli, la rottura della colonna fecale della struttura. La rottura è avvenuta dal secondo piano: è lì che lunedì sera si è otturato il tubo, fino a rompersi, sversando le acque nei bagni e fuori, fino al corridoio dei reparti. "L'acqua sporca non è arrivata nelle stanze - dice - gli operai l'hanno fermata in tempo. Abbiamo aperto le finestre e cercato di tollerare il cattivo odore". E ora la corsa è contro il tempo per riattivare al più presto i bagni. Ma perché si è rotta la fecale? Lo spiega Mariella Corvino, direttore sanitario: "Si è otturata perché i pazienti ci buttano di tutto: pannoloni, garze, ovatta. Gli idraulici stavolta hanno trovato anche grossi pezzi di plastica e bicchierini del caffé''.

14:08Scuola senza fondi non fa corso recupero, nulla bocciatura

(ANSA) - GENOVA, 26 APR - Una scuola, anche se mancano i fondi, non può bocciare uno studente se prima non garantisce nei tempi dovuti un corso di recupero per dare la possibilità di rimediare a carenze in una materia di studio. Così il Tar della Liguria ha permesso a una studentessa di un istituto superiore di Chiavari di opporsi alla non ammissione alla terza classe obbligando la scuola a rivalutare la sua preparazione dopo il ricorso presentato dai genitori. La ragazza è stata promossa alla fine del percorso di applicazione del piano di offerta formativa (Pof) imposto dal Tar consistente in un corso di recupero di 6 ore e una nuova verifica in matematica, la materia in cui aveva evidenziato insufficienze. La vicenda giudiziaria si riferisce all'anno scolastico 2015-2016 ma si è conclusa in questi giorni con la pronunzia del Tar che ha preso atto dell'ammissione alla classe successiva verbalizzata dal consiglio di classe a inizio 2017 condannando il Ministero dell'Istruzione al pagamento di 2 mila euro per le spese di giudizio. "Il Pof richiede nei casi più gravi, come quello della studentessa, l'attivazione di corsi di recupero - spiega il Tar nell'ordinanza che ha messo in discussione la bocciatura -. Il mero invito a intensificare lo studio non appare sufficiente a ritenere adempiuto quanto richiesto dal Pof".(ANSA).

14:03Calcio: De Laurentiis, Sarri ha clausola da 8 milioni

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Sarri ha un contratto che lo lega a noi per molti anni e ha una clausola penale, che può scattare soltanto tra un'altra stagione, di 8 milioni di euro". Così il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis parlando in un'intervista a Beln Sports dei rapporti tra la società e l'allenatore azzurro. "Non mi sembra poco come penale per andare ad allenare da qualche altra parte", ha aggiunto De Laurentiis.

14:02Killer ricercato: rubato nella zona kit di pronto soccorso

(ANSA) - BOLOGNA, 26 APR - Un kit di pronto soccorso, con bende, garze e disinfettante. La cassetta era in un garage-ripostiglio vicino ad un casolare ed è sparita nella zona in cui si sta concentrando da giorni la caccia a Norbert Feher, serbo accusato di tre omicidi dalle Procure di Bologna, Ferrara e Ravenna. A constatarne la mancanza è stato di recente il proprietario dello stabile, che però non ha saputo dire agli investigatori con esattezza a quando risale il furto. Bisognerà approfondire se parte del contenuto del kit sia il materiale trovato l'8 aprile nel Fiorino abbandonato dal killer a Molinella, prima di far perdere le tracce. Nel furgoncino erano state repertate garze e cerotti, utilizzate presumibilmente dal ricercato per le ferite rimediate il primo aprile nella colluttazione con il barista di Budrio Davide Fabbri, ucciso con un colpo di pistola. Intanto le ricerche proseguono e in mattinata c'è stato un nuovo approfondito controllo in un casolare a Consandolo (Ferrara) da parte dei Carabinieri. (ANSA).

13:59Calcio: serie A, quattro squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Cristiano Biraghi (Pescara), Mattia De Sciglio e Jose Sosa (Milan), Blerim Dzemaili (Bologna). Sono i quattro giocatori di serie A che dovranno saltare il prossimo turno, secondo quanto deciso dal giudice sportivo dopo le gare dello scorso fine settimana.

Archivio Ultima ora