Le radici e le ali: un libro dove ogni evento, storia o personaggio degno di memoria diventa un piccolo cammeo. Un capolavoro di lingua e di scrittura

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Goffredo Palmerini

Goffredo Palmerini

Dovendo parlare di Goffredo Palmerini, non saprei da dove iniziare. Eppure ne sono direttamente investito; e per questo mi sento obbligato a parlarne: da quando mi inviò, più di dieci anni fa, una pubblicazione a carattere culturale-turistico che promuoveva l’immagine dell’Abruzzo. Forse conteneva un suo articolo. Ma, forse no. Mi aveva fatto recapitare quell’opuscolo – suppongo – semplicemente per presentarmi uno spaccato della sua Regione: vita sociale, attività economiche, bellezze naturalistiche, tradizioni storia e cultura; a me che insegnavo all’estero e cominciavo a bazzicare l’associazionismo dell’emigrazione italiana.

Perciò ho un obbligo morale che mi lega a lui. Da allora, poi, mi sono sempre giunti, puntuali, i suoi libri: Oltre confine (L’Aquila 2007), Abruzzo gran riserva (L’Aquila 2008), L’Aquila nel mondo (L’Aquila 2010), L’Altra Italia (L’Aquila 2011), L’Italia dei sogni (L’Aquila 2014), e, finalmente, Le radici e le ali (L’Aquila 2016).

Con Palmerini ci conoscevamo fin dal 1972, colleghi di lavoro e subito amici, a Verona. Si sperimentava in prima persona, anche noi, la migrazione interna; alla ricerca di una sistemazione economica ed esistenziale nella fase conclusiva della parabola discendente del boom economico, e all’esaurirsi della carica esplosiva di quel movimento chiamato autunno caldo. Proprio mentre nuove minacce si annunziavano all’orizzonte politico.

L’anno dopo ci ritrovammo a Roma, trasferiti nel rispetto delle cosiddette esigenze di servizio, a lavorare con nuove e diverse mansioni in due uffici, non troppo distanti tra loro, della sede centrale dell’amministrazione di cui eravamo dipendenti. Da lì a poco ognuno avrebbe preso la sua strada: lui rientrava all’Aquila, io, cambiando lavoro, imboccavo di nuovo la strada del nord che, successivamente, mi avrebbe portato anche all’estero.

L’esitazione, l’incertezza, a parlare di Goffredo Palmerini, a me che, onorato della sua amicizia, l’ho sempre ammirato, forse nasce dal timore di essere adulatorio, affettato, sdolcinato, poco naturale; comunque convenzionale. Perché di Palmerini come persona, umanamente parlando, non se ne può dire che bene. Come professionista e cittadino impegnato – politicamente, intendo; nel senso più ampio e completo della parola – non se ne può dire altro che bene.

Come uomo sensibile ai fenomeni sociali e culturali, e come amministratore pubblico non se ne può dire che bene. Come intellettuale, cultore appassionato delle tradizioni della sua terra, e ad essa (e ai suoi abitanti) legato da amore viscerale, non se ne può dire che bene. Tutti questi aspetti, e altri altrettanto preziosi che è inutile star qui a riprendere, comprese le possibili – e probabili – peculiari debolezze delle diverse applicazioni, egli li vive intensamente; e sa esprimerli e rappresentarli, poi, in forma di elaborate e gradevoli narrazioni, con la capacità di farne articoli giornalistici che diffonde dove può; con l’intelligenza, infine, di raccoglierli, una volta pubblicati, in valide e consistenti pubblicazioni. Sono i suoi libri: quelli sopra elencati. E di questi ora dobbiamo parlare. In particolare, l’ultimo: Le radici e le ali.

Ma Palmerini di professione non fa lo scrittore. Pensionato delle Ferrovie, dopo una lunga e significativa carriera politica nella sua città, L’Aquila, si è dedicato al coordinamento delle comunità abruzzesi nel mondo, organizzate nelle Associazioni regionali degli emigrati all’Estero. Attualmente è delegato regionale, in rappresentanza dell’Abruzzo, dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrate (ANFE), e fa parte del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo (CRAM). Inoltre è membro del comitato scientifico del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. Se pubblica, è perché scrive. E se scrive è per la comunicazione e l’informazione. Le finalità sono strettamente collegate al suo ruolo e ai suoi compiti.

Il prodotto della sua scrittura sono comunicati, relazioni, nonché articoli di cronaca su storia costume e tradizione, ben documentati e ben articolati, in un registro di lingua tra la prosa scientifica e quella letteraria. Poiché scrive essenzialmente per gli abruzzesi, i suoi articoli vengono pubblicati sui giornali abruzzesi, oltre che dalle agenzie internazionali e dalla stampa italiana all’estero (Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Uruguay, Venezuela).

Ogni evento, ogni personaggio, ogni data e ogni avvenimento della storia d’Abruzzo o dell’Italia, che sia degno di memoria, diventa l’occasione di un piccolo cammeo giornalistico, un capolavoro di lingua e di scrittura, da indirizzare ai concittadini abruzzesi o di origine abruzzese. Creando così, un patrimonio di informazioni su costume, storia, arte, cultura, e varia umanità, utile non solo alle famiglie abruzzesi, ma a tutte le biblioteche di persone che amano la vita italiana, la sua propagazione nel mondo, l’eco della sua voce e la sua memoria conservata nel racconto letterario.

È questa la scrittura di Palmerini. Articoli freschi e attuali che si leggono come appena usciti dalla penna dello scrittore; all’interno dei quali, eventi, cerimonie, anniversari, celebrazioni, manifestazioni, profili biografici, descrizioni, riflessioni, pagine di bella prosa, serate d’arte e cultura, concerti e mostre, presentazione di opere letterarie o scientifiche, relazioni sociali e sindacali, associazioni e patronati, comunicazioni estemporanee, testimonianze di gente semplice o di personalità ed altre eccellenze, specialmente artisti italiani, o anche stranieri se discendenti da abruzzesi, o per qualche motivo in relazione con l’Abruzzo, la vita insomma, emergono come fatti atemporali, e tuttavia ricchi di nomi, di date, di richiami, di momenti e di tanti altri particolari, che vanno a formare un quadro generale della storia dell’Aquila, dell’Abruzzo, dell’Italia tutta, con al centro il popolo abruzzese e la sua componente di abruzzesi nel mondo. Sono questi i pregi della scrittura di Palmerini.

(di Luigi Casale)

Ultima ora

14:14Calcio: non solo Roma, altri 4 club vogliono Munir

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Non c'è solo la Roma, sulle tracce di Munir, esterno d'attacco del Barcellona che non rientra nei piani del tecnico Ernesto Valverde e che, quindi, è stato messo sul mercato. Secondo quanto scrive il 'Mundo Deportivo' sia sull'edizione in edicola che su quella online, altri quattro club sono interessati allo spagnolo di origini marocchine. Si tratta di Deportivo La Coruna ed Alaves, da tempo in trattative con il Barca, e degli inglesi del Crystal Palace, il cui tecnico Frank de Boer è un estimatore di Munir. Poi, secondo il giornale di Barcellona, c'è anche la Sampdoria, e qui il discorso s'intreccia con la Roma, visto che l'esterno blaugrana è un obiettivo anche del d.s. dei giallorossi Monchi. Il quale però ora ha virato sul doriano Schick, in cambio del quale a Trigoria potrebbero lasciar via libera al presidente Ferrero per Munir, oppure aiutarlo nell'acquisto. In ogni caso, il giornale scrive anche che nessuno di questi club è intenzionato, almeno per ora, a pagare i 20 milioni di euro chiesti dal Barca.

13:31Rapina all’alba al Twiga di Briatore, banditi armati

(ANSA) - MARINA DI PIETRASANTA (LUCCA), 20 AGO - Rapina a mano armata alle 6,30 di due delinquenti, di cui uno con pistola, nel celebre locale dei vip Twiga a Marina di Pietrasanta, di proprietà di Flavio Briatore e Daniela Santanché. Un bandito, coperto da un paio di occhiali da sole per nascondere il volto e con la pistola in pugno, ha minacciato, in italiano, prendendolo alla sprovvista, un dipendente mentre in ufficio stava contando l'incasso della serata. Portati via circa 20mila euro. Poi con un complice sono fuggiti su un'auto. Secondo prime ricostruzioni della polizia, i banditi hanno approfittato del momento in cui i dipendenti stavano effettuando le pulizie e mettendo ordine, così sono riusciti ad introdursi all'interno del locale da una porta sulla spiaggia, e a raggiungere gli uffici dove hanno saputo individuare quello dell'amministrazione mentre un impiegato stava contando il denaro della cassa.

13:13Muore in attesa trasferimento:padre,lo hanno ammazzato

(ANSA) - TORRE DEL GRECO (NAPOLI), 20 AGO - ''Mio figlio è stato ammazzato. Mentre lui moriva, al pronto soccorso litigavano per decidere chi dovesse salire sull'ambulanza che doveva portare Antonio a fare una angiotac. Vogliamo la verità: chi ha ucciso un ragazzo di 23 anni deve pagare''. Così all'ANSA Raffaele Scafuri, padre di Antonio, il giovane 23enne morto, dopo quattro ore di attesa in codice rosso, nell'ospedale Loreto Mare dove era arrivato a causa delle gravi ferite riportate in un incidente stradale avvenuto a Ercolano il 16 agosto. Raffaele Scafuri non riesce a darsi pace e racconta: ''Siamo arrivati al Loreto Mare attorno alle 21.30 e siamo stati subito assistiti. Poi mio figlio è stato posto su un lettino in attesa di effettuare l'esame utile a comprendere se vi fossero problemi ai vasi sanguigni''. ''Su questo lettino è rimasto per ore, saranno state le 4 quando ho alzato la voce e solo allora medici e infermieri si sono messi d'accordo, dopo che li avevamo visti anche litigare. Intanto Antonio moriva''.

13:07Mo: ministri esteri arabi, senza stato Palestina niente pace

(ANSAmed) - TEL AVIV, 20 AGO - I ministri degli esteri dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Egitto e Giordania si sono incontrati al Cairo in vista dell'arrivo nella regione di una delegazione Usa, inviata dal presidente Donald Trump, con l'obiettivo di rilanciare il processo di pace tra israeliani e palestinesi. Lo riferiscono i media israeliani secondo cui il responsabile degli esteri di Ramallah Riyad al-Maliki ha ribadito, in una conferenza stampa congiunta, che la posizione araba unita si basa sul fatto che "non ci sarà pace senza l'istituzione di uno stato palestinese nei confini del '67". La delegazione Usa, guidata a quanto sembra dal genero di Trump e suo consigliere, Jared Kushner, dovrebbe arrivare nelle prossime settimane e oltre a Israele e Territori palestinese si recherà anche in Giordania, Egitto, Qatar, Emirati Arabi e Arabia Saudita. (ANSAmed).

12:58Iran: ok parlamento nuovo governo Rohani, Zarif confermato

(ANSA) - TEHERAN, 20 AGO - Il Parlamento iraniano, Majlis, ha approvato stamane il nuovo governo proposto dal presidente della Repubblica islamica, Hassan Rohani, compresa la nomina del primo ministro della Difesa che, nella storia della Repubblica islamica, non ha collegamenti diretti con il corpo di elite dei Guardiani della Rivoluzione. Si tratta del generale Amir Hatami, il quale è risultato il più votato nel Majlis, con 261 voti su 288 presenti. Riconfermato il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif con 236 voti. Il neo-ministro della Difesa ha detto al Parlamento che il rafforzamento del sistema missilistico nazionale è nella sua agenda. (ANSA).

12:52Apneista muore incastrato nella scogliera in Salento

(ANSA) - NARDÒ (LECCE), 20 AGO - Tragica morte per un anziano apneista di Fiorano Modenese (Modena) - del quale sono state fornite solo le iniziali, A. N., originario di Nardò - che è annegato in mare tra Sant'Isidoro e Torre Inserraglio mentre praticava un'immersione. L'ottantenne è rimasto incastrato con gli arti inferiori in una fessura della scogliera. Ad individuare e a liberare il corpo sono stati militari delle motovedette della Guardia Costiera, intervenuti sull'area di ricerche, in località Palude del Capitano, dopo essere stati allertati da segnalazione fatta all'alba al numero d'emergenza 1530. La salma è stata messa a disposizione della magistratura.

12:50Papa: supplico Dio di liberare mondo da disumana violenza

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 AGO - "Nei nostri cuori portiamo il dolore per gli atti terroristici che, in questi ultimi giorni, hanno causato numerose vittime, in Burkina Faso, in Spagna e in Finlandia. Preghiamo per tutti i defunti, per i feriti e per i loro familiari; e supplichiamo il Signore, Dio di misericordia e di pace, di liberare il mondo da questa disumana violenza". Lo ha detto il Papa all'Angelus.

Archivio Ultima ora