Le radici e le ali: un libro dove ogni evento, storia o personaggio degno di memoria diventa un piccolo cammeo. Un capolavoro di lingua e di scrittura

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Goffredo Palmerini

Goffredo Palmerini

Dovendo parlare di Goffredo Palmerini, non saprei da dove iniziare. Eppure ne sono direttamente investito; e per questo mi sento obbligato a parlarne: da quando mi inviò, più di dieci anni fa, una pubblicazione a carattere culturale-turistico che promuoveva l’immagine dell’Abruzzo. Forse conteneva un suo articolo. Ma, forse no. Mi aveva fatto recapitare quell’opuscolo – suppongo – semplicemente per presentarmi uno spaccato della sua Regione: vita sociale, attività economiche, bellezze naturalistiche, tradizioni storia e cultura; a me che insegnavo all’estero e cominciavo a bazzicare l’associazionismo dell’emigrazione italiana.

Perciò ho un obbligo morale che mi lega a lui. Da allora, poi, mi sono sempre giunti, puntuali, i suoi libri: Oltre confine (L’Aquila 2007), Abruzzo gran riserva (L’Aquila 2008), L’Aquila nel mondo (L’Aquila 2010), L’Altra Italia (L’Aquila 2011), L’Italia dei sogni (L’Aquila 2014), e, finalmente, Le radici e le ali (L’Aquila 2016).

Con Palmerini ci conoscevamo fin dal 1972, colleghi di lavoro e subito amici, a Verona. Si sperimentava in prima persona, anche noi, la migrazione interna; alla ricerca di una sistemazione economica ed esistenziale nella fase conclusiva della parabola discendente del boom economico, e all’esaurirsi della carica esplosiva di quel movimento chiamato autunno caldo. Proprio mentre nuove minacce si annunziavano all’orizzonte politico.

L’anno dopo ci ritrovammo a Roma, trasferiti nel rispetto delle cosiddette esigenze di servizio, a lavorare con nuove e diverse mansioni in due uffici, non troppo distanti tra loro, della sede centrale dell’amministrazione di cui eravamo dipendenti. Da lì a poco ognuno avrebbe preso la sua strada: lui rientrava all’Aquila, io, cambiando lavoro, imboccavo di nuovo la strada del nord che, successivamente, mi avrebbe portato anche all’estero.

L’esitazione, l’incertezza, a parlare di Goffredo Palmerini, a me che, onorato della sua amicizia, l’ho sempre ammirato, forse nasce dal timore di essere adulatorio, affettato, sdolcinato, poco naturale; comunque convenzionale. Perché di Palmerini come persona, umanamente parlando, non se ne può dire che bene. Come professionista e cittadino impegnato – politicamente, intendo; nel senso più ampio e completo della parola – non se ne può dire altro che bene.

Come uomo sensibile ai fenomeni sociali e culturali, e come amministratore pubblico non se ne può dire che bene. Come intellettuale, cultore appassionato delle tradizioni della sua terra, e ad essa (e ai suoi abitanti) legato da amore viscerale, non se ne può dire che bene. Tutti questi aspetti, e altri altrettanto preziosi che è inutile star qui a riprendere, comprese le possibili – e probabili – peculiari debolezze delle diverse applicazioni, egli li vive intensamente; e sa esprimerli e rappresentarli, poi, in forma di elaborate e gradevoli narrazioni, con la capacità di farne articoli giornalistici che diffonde dove può; con l’intelligenza, infine, di raccoglierli, una volta pubblicati, in valide e consistenti pubblicazioni. Sono i suoi libri: quelli sopra elencati. E di questi ora dobbiamo parlare. In particolare, l’ultimo: Le radici e le ali.

Ma Palmerini di professione non fa lo scrittore. Pensionato delle Ferrovie, dopo una lunga e significativa carriera politica nella sua città, L’Aquila, si è dedicato al coordinamento delle comunità abruzzesi nel mondo, organizzate nelle Associazioni regionali degli emigrati all’Estero. Attualmente è delegato regionale, in rappresentanza dell’Abruzzo, dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrate (ANFE), e fa parte del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo (CRAM). Inoltre è membro del comitato scientifico del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. Se pubblica, è perché scrive. E se scrive è per la comunicazione e l’informazione. Le finalità sono strettamente collegate al suo ruolo e ai suoi compiti.

Il prodotto della sua scrittura sono comunicati, relazioni, nonché articoli di cronaca su storia costume e tradizione, ben documentati e ben articolati, in un registro di lingua tra la prosa scientifica e quella letteraria. Poiché scrive essenzialmente per gli abruzzesi, i suoi articoli vengono pubblicati sui giornali abruzzesi, oltre che dalle agenzie internazionali e dalla stampa italiana all’estero (Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Uruguay, Venezuela).

Ogni evento, ogni personaggio, ogni data e ogni avvenimento della storia d’Abruzzo o dell’Italia, che sia degno di memoria, diventa l’occasione di un piccolo cammeo giornalistico, un capolavoro di lingua e di scrittura, da indirizzare ai concittadini abruzzesi o di origine abruzzese. Creando così, un patrimonio di informazioni su costume, storia, arte, cultura, e varia umanità, utile non solo alle famiglie abruzzesi, ma a tutte le biblioteche di persone che amano la vita italiana, la sua propagazione nel mondo, l’eco della sua voce e la sua memoria conservata nel racconto letterario.

È questa la scrittura di Palmerini. Articoli freschi e attuali che si leggono come appena usciti dalla penna dello scrittore; all’interno dei quali, eventi, cerimonie, anniversari, celebrazioni, manifestazioni, profili biografici, descrizioni, riflessioni, pagine di bella prosa, serate d’arte e cultura, concerti e mostre, presentazione di opere letterarie o scientifiche, relazioni sociali e sindacali, associazioni e patronati, comunicazioni estemporanee, testimonianze di gente semplice o di personalità ed altre eccellenze, specialmente artisti italiani, o anche stranieri se discendenti da abruzzesi, o per qualche motivo in relazione con l’Abruzzo, la vita insomma, emergono come fatti atemporali, e tuttavia ricchi di nomi, di date, di richiami, di momenti e di tanti altri particolari, che vanno a formare un quadro generale della storia dell’Aquila, dell’Abruzzo, dell’Italia tutta, con al centro il popolo abruzzese e la sua componente di abruzzesi nel mondo. Sono questi i pregi della scrittura di Palmerini.

(di Luigi Casale)

Ultima ora

20:38Prete accusato orge in canonica, almeno 9 le donne coinvolte

(ANSA) - PADOVA, 18 GEN - E' una storia boccaccesca che pare senza fine quella delle orge in canonica organizzate da un prete padovano, don Andrea Contin, con parrocchiane e altri amici sacerdoti. Emerge dall'inchiesta che sono almeno nove le donne che avrebbero avuto rapporti sessuali con il religioso e con almeno un altro sacerdote: è stato lui a confessarlo, confermando agli investigatori di aver avuto incontri hard 'a tre' - con l'amante del parroco, e quest'ultimo - in un'altra parrocchia della provincia di Padova. Le nove donne sono state già sentite dai carabinieri e dal pm Roberto Piccione, e hanno ammesso gli incontri di sesso con don Andrea, nel frattempo allontanato dalla Curia. L'ex parroco resta per ora l'unico indagato, per violenza privata e sfruttamento della prostituzione. (ANSA).

20:38Sardegna: bilancio di metà mandato, “Isola va avanti”

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - Cinque capitoli e 53 pagine per illustrare il bilancio della Regione Sardegna di metà mandato con una pubblicazione, consegnata oggi dal vicepresidente della Giunta Raffaele Paci ai capigruppo di maggioranza e al presidente del Consiglio Gianfranco Ganau, dopo la condivisione con il governatore Francesco Pigliaru, ancora in ospedale per una patologia immunologica. Il resoconto delle cose fatte dal governo di centrosinistra, intitolato "2014-2016 Sardegna va avanti", analizza cinque linee di azione: "le persone, il nostro primo investimento, le politiche per l'investimento e le imprese, beni comuni e gestione innovativa, nuove reti infrastrutturali e trasporti e qualità istituzionale e programmazione delle risorse". "Siamo arrivati alla metà di un percorso complesso quanto entusiasmante - scrive il Pigliaru nella prefazione dell'opuscolo pubblicato sul sito istituzionale della Regione - Alcuni passaggi fondamentali per la nostra idea di Sardegna sono già diventati realtà a cominciare dalle riforme che segnano il cambiamento come quelle di sanità ed enti locali, portate a compimento con l'essenziale contributo della nostra maggioranza in Consiglio. Convinti che il futuro passa attraverso l'istruzione dei nostri ragazzi - prosegue il governatore - abbiamo puntato sul progetto Iscol@ per dare loro scuole belle, nuove, di cui essere orgogliosi. Abbiamo messo in campo tutte le migliori energie nella lotta contro la peste suina, perché l'illegalità di pochi deve smettere di tenere in ostaggio l'economia di tutti, contribuendo a far diventare il settore agroalimentare volano di sviluppo diffuso. E per la prima volta abbiamo misurato gli svantaggi causati dalla condizione di insularità, ottenendo dal Governo risorse straordinarie per mitigarli". "Questo e molto altro abbiamo fatto e avviato, ancora tanto resta da fare - sottolinea Pigliaru - Ci riusciremo continuando a unire le forze, ascoltando i territori. Proseguiamo con fiducia, tenendo al centro del nostro impegno condivisione, semplificazione e trasparenza, per una Sardegna che deve essere finalmente terra di innovazione, di attrazione di investimenti, di benessere per i cittadini".(ANSA).

20:35In ‘Lussuria’ scandali sessuali Chiesa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nel 2014 su 587 cause (chiamate "ponenze") aperte dall'ufficio disciplinare dell'ex Sant'Uffizio, oltre 500 riguardano i crimini più disonorevoli, gli abusi sessuali sui minori. E' uno dei dati pubblicati in 'Lussuria', il nuovo-libro inchiesta di Emiliano Fittipaldi, in uscita domani per Feltrinelli. Per il 2013, primo anno di pontificato di Francesco, su 522 ponenze arrivate dalle diocesi, dagli istituti ed entità ecclesiastiche "dei vari paesi del mondo", l'84,8% del totale (443 casi) ha interessato i graviora delicta, "di cui 401 riguardanti accuse credibili a carico di un sacerdote con un minore di meno di 18 anni", ha spiegato a maggio 2014 mons. Silvano Tomasi, allora osservatore della Santa Sede all'Onu di Ginevra. Il trend, spiegano fonti interne alla Congregazione, "è stato confermato anche negli ultimi anni": vuol dire che durante i primi tre anni di pontificato di Francesco sono arrivate a Roma all'incirca 1.200 denunce di casi di molestie e atti sessuali sui Minori, 400 segnalazioni l'anno.

20:31Terremoto: Vigili fuoco salvano bimbo e mamma da macerie

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Un bambino e la sua mamma rimasti sepolti sotto le macerie di una abitazione crollata per le nuove scosse di terremoto a Castiglione Messer Raimondo in provincia di Teramo, sono stati estratti vivi dai vigili del fuoco. Entrambi sono in ipotermia. I vigili del fuoco segnalano che ci sono difficoltà per l'elitrasporto e per questo il soccorso e il trasporto in ospedale procedono via terra.

20:29Terremoto: Curcio, stiamo lavorando al limite del proibitivo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "C'è la difficoltà di operare, tutto è reso più difficile dalla viabilità complicata dalla neve". Lo ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio nella sede Dicomac a Rieti. "Stiamo lavorando al limite del proibitivo" ha osservato aggiungendo che "diverse zone non sono state raggiunte, abbiamo contatti ma molte zone sono isolate. Il tutto reso più difficile dalla viabilità". Il Capo della Protezione civile ha quindi chiesto di evitare spostamenti: "Chi si deve muovere lo faccia dopo essersi informato. Non si deve forzare ciò che non è forzabile". E chi può - ha aggiunto - vada in strutture alberghiere. "Noi abbiamo riaperto tutte le possibilità di assistenza alla popolazione che avevamo ristretto. Regioni e sindaci hanno attivato percorsi di ricovero" ha detto. Curcio ha quindi confermato che non risultano decessi. Sull'uomo che sarebbe stato travolto dalla slavina a Campotosto "sono in corso verifiche".

20:27Maltempo: mille senza luce in piccoli centri del Nuorese

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - A seguito delle abbondanti nevicate di questa notte nelle province di Nuoro e dell' Ogliastra il servizio elettrico ha subito diverse interruzioni per gran parte ripristinate dopo l'intervento dei tecnici e degli operai di e-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce le reti di media e bassa tensione, coadiuvati dalle imprese appaltatrici. Si tratta complessivamente di un migliaio di utenze nei paesi di montagna. Le operazioni di riattivazione sono ostacolate dall'impraticabilità di alcuni tratti della rete stradale per la presenza di neve e ghiaccio. Le squadre, supportate da mezzi speciali, stanno intervenendo per riparare i guasti causati principalmente dalla formazione di manicotti di ghiaccio intorno ai conduttori e dalla caduta di alberi ad alto fusto situati al di fuori della fascia di rispetto. E-distribuzione comunica che il servizio nella quasi totalità dei casi verrà ripristinato entro la giornata odierna e ripreso totalmente non prima del pomeriggio di domani.(ANSA).

20:25Calcio: Dramé, del Palermo non so nulla

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - "Il Palermo? Non ne so niente". L'esterno sinistro dell'Atalanta Boukary Dramé smentisce di essere al centro di ipotetiche manovre di calciomercato: "Lo dice la gente, io non leggo nemmeno i giornali - precisa il senegalese -. Non ho avuto notizie in tal senso, anche perché voglio rimanere qui". Dramé è alle prese con un persistente fastidio al ginocchio destro, che fatica a sgonfiarsi: "È un infortunio un po' strano, sto lavorando per recuperare. Certamente non ci sarò con la la Sampdoria". Una parola sul mercato, argomento d'attualità: "Non mi stupisco che Gagliardini abbia subito iniziato benissimo all'Inter, sapevamo quant'è forte e mi fa piacere che lo stia dimostrando".

Archivio Ultima ora