Le radici e le ali: un libro dove ogni evento, storia o personaggio degno di memoria diventa un piccolo cammeo. Un capolavoro di lingua e di scrittura

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Goffredo Palmerini

Goffredo Palmerini

Dovendo parlare di Goffredo Palmerini, non saprei da dove iniziare. Eppure ne sono direttamente investito; e per questo mi sento obbligato a parlarne: da quando mi inviò, più di dieci anni fa, una pubblicazione a carattere culturale-turistico che promuoveva l’immagine dell’Abruzzo. Forse conteneva un suo articolo. Ma, forse no. Mi aveva fatto recapitare quell’opuscolo – suppongo – semplicemente per presentarmi uno spaccato della sua Regione: vita sociale, attività economiche, bellezze naturalistiche, tradizioni storia e cultura; a me che insegnavo all’estero e cominciavo a bazzicare l’associazionismo dell’emigrazione italiana.

Perciò ho un obbligo morale che mi lega a lui. Da allora, poi, mi sono sempre giunti, puntuali, i suoi libri: Oltre confine (L’Aquila 2007), Abruzzo gran riserva (L’Aquila 2008), L’Aquila nel mondo (L’Aquila 2010), L’Altra Italia (L’Aquila 2011), L’Italia dei sogni (L’Aquila 2014), e, finalmente, Le radici e le ali (L’Aquila 2016).

Con Palmerini ci conoscevamo fin dal 1972, colleghi di lavoro e subito amici, a Verona. Si sperimentava in prima persona, anche noi, la migrazione interna; alla ricerca di una sistemazione economica ed esistenziale nella fase conclusiva della parabola discendente del boom economico, e all’esaurirsi della carica esplosiva di quel movimento chiamato autunno caldo. Proprio mentre nuove minacce si annunziavano all’orizzonte politico.

L’anno dopo ci ritrovammo a Roma, trasferiti nel rispetto delle cosiddette esigenze di servizio, a lavorare con nuove e diverse mansioni in due uffici, non troppo distanti tra loro, della sede centrale dell’amministrazione di cui eravamo dipendenti. Da lì a poco ognuno avrebbe preso la sua strada: lui rientrava all’Aquila, io, cambiando lavoro, imboccavo di nuovo la strada del nord che, successivamente, mi avrebbe portato anche all’estero.

L’esitazione, l’incertezza, a parlare di Goffredo Palmerini, a me che, onorato della sua amicizia, l’ho sempre ammirato, forse nasce dal timore di essere adulatorio, affettato, sdolcinato, poco naturale; comunque convenzionale. Perché di Palmerini come persona, umanamente parlando, non se ne può dire che bene. Come professionista e cittadino impegnato – politicamente, intendo; nel senso più ampio e completo della parola – non se ne può dire altro che bene.

Come uomo sensibile ai fenomeni sociali e culturali, e come amministratore pubblico non se ne può dire che bene. Come intellettuale, cultore appassionato delle tradizioni della sua terra, e ad essa (e ai suoi abitanti) legato da amore viscerale, non se ne può dire che bene. Tutti questi aspetti, e altri altrettanto preziosi che è inutile star qui a riprendere, comprese le possibili – e probabili – peculiari debolezze delle diverse applicazioni, egli li vive intensamente; e sa esprimerli e rappresentarli, poi, in forma di elaborate e gradevoli narrazioni, con la capacità di farne articoli giornalistici che diffonde dove può; con l’intelligenza, infine, di raccoglierli, una volta pubblicati, in valide e consistenti pubblicazioni. Sono i suoi libri: quelli sopra elencati. E di questi ora dobbiamo parlare. In particolare, l’ultimo: Le radici e le ali.

Ma Palmerini di professione non fa lo scrittore. Pensionato delle Ferrovie, dopo una lunga e significativa carriera politica nella sua città, L’Aquila, si è dedicato al coordinamento delle comunità abruzzesi nel mondo, organizzate nelle Associazioni regionali degli emigrati all’Estero. Attualmente è delegato regionale, in rappresentanza dell’Abruzzo, dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrate (ANFE), e fa parte del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo (CRAM). Inoltre è membro del comitato scientifico del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. Se pubblica, è perché scrive. E se scrive è per la comunicazione e l’informazione. Le finalità sono strettamente collegate al suo ruolo e ai suoi compiti.

Il prodotto della sua scrittura sono comunicati, relazioni, nonché articoli di cronaca su storia costume e tradizione, ben documentati e ben articolati, in un registro di lingua tra la prosa scientifica e quella letteraria. Poiché scrive essenzialmente per gli abruzzesi, i suoi articoli vengono pubblicati sui giornali abruzzesi, oltre che dalle agenzie internazionali e dalla stampa italiana all’estero (Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Uruguay, Venezuela).

Ogni evento, ogni personaggio, ogni data e ogni avvenimento della storia d’Abruzzo o dell’Italia, che sia degno di memoria, diventa l’occasione di un piccolo cammeo giornalistico, un capolavoro di lingua e di scrittura, da indirizzare ai concittadini abruzzesi o di origine abruzzese. Creando così, un patrimonio di informazioni su costume, storia, arte, cultura, e varia umanità, utile non solo alle famiglie abruzzesi, ma a tutte le biblioteche di persone che amano la vita italiana, la sua propagazione nel mondo, l’eco della sua voce e la sua memoria conservata nel racconto letterario.

È questa la scrittura di Palmerini. Articoli freschi e attuali che si leggono come appena usciti dalla penna dello scrittore; all’interno dei quali, eventi, cerimonie, anniversari, celebrazioni, manifestazioni, profili biografici, descrizioni, riflessioni, pagine di bella prosa, serate d’arte e cultura, concerti e mostre, presentazione di opere letterarie o scientifiche, relazioni sociali e sindacali, associazioni e patronati, comunicazioni estemporanee, testimonianze di gente semplice o di personalità ed altre eccellenze, specialmente artisti italiani, o anche stranieri se discendenti da abruzzesi, o per qualche motivo in relazione con l’Abruzzo, la vita insomma, emergono come fatti atemporali, e tuttavia ricchi di nomi, di date, di richiami, di momenti e di tanti altri particolari, che vanno a formare un quadro generale della storia dell’Aquila, dell’Abruzzo, dell’Italia tutta, con al centro il popolo abruzzese e la sua componente di abruzzesi nel mondo. Sono questi i pregi della scrittura di Palmerini.

(di Luigi Casale)

Ultima ora

13:52Droga: da Germania a Milano con ovuli nello stomaco, operato

(ANSA) - MILANO, 9 DIC - Un afgano di 21 anni ha rischiato di morire a causa di alcuni ovuli di eroina che si sono aperti nel suo stomaco durante il trasporto dalla Germania a Milano. Il giovane è arrivato in stazione Centrale con un autobus attorno alle 20 di ieri, ha mostrato segni di malessere ed è stato trasportato d'urgenza al Policlinico. I medici gli hanno trovato 18 ovuli nello stomaco e qualcuno nel colon. Alle 23 è stato necessario operarlo per rimuoverli. Le sue condizioni sono gravi ma non è in pericolo di vita. Nel risvolto dei pantaloni sono stati trovati altri 42 ovuli che erano stati espulsi da poco. In tutto sono 60 gli ovuli recuperati per un peso complessivo di poco più di 500 grammi. Una successiva perquisizione nel suo appartamento di Porto Recanati ha dato esito negativo.

13:50Morta studentessa, insegue rapinatori, investita da treno

(ANSA) - ROMA, 09 DIC - E' stata trovata morta Zhang Yao, la studentessa cinese di 20 anni scomparsa a Roma lunedì scorso. Il cadavere della ragazza era in un cespuglio a ridosso della ferrovia nella zona di Tor Sapienza, dove era stata vittima di una rapina. La studentessa, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stata investita da un treno mentre inseguiva i tre rapinatori che le avevano sottratto la borsa. C'è una telecamera a circuito chiuso che ha ripreso gli ultimi istanti di vita. Una telecamera posta su un capannone industriale nella zona di via Salviati in cui, oltre alla ragazza, si intravedono anche "tre ombre in movimento". Un dato che sembra confermare la versione che la ragazza diede ad una sua amica al telefono quando disse che stava inseguendo tre uomini di colore che l'avevano appena borseggiata. Chi indaga spiega che la qualità delle immagini è scarsa ed è quindi complesso individuare chiaramente i tre rapinatori. La Procura di Roma indaga per il reato di rapina.

13:45M5S: Piazza sentito a Bologna, fiducia che si risolverà

(ANSA) - BOLOGNA, 9 DIC - "Ho trovato una persona molto attenta, scrupolosa, e ho massima fiducia. Ci vorrà un po' di tempo, ma credo che la cosa si risolverà". Lo ha detto, riferendosi al Pm Michela Guidi, Marco Piazza, vicepresidente del consiglio comunale di Bologna indagato nell'inchiesta sulle firme raccolte per le regionali 2014 in Emilia-Romagna. "Vi confermo - ha spiegato Piazza ai giornalisti, uscendo dalla Procura dopo quasi due ore - che mi vengono contestate venti firme sulla cui autenticità non ci sono dubbi: si tratta di irregolarità nella raccolta. Ho portato tutti gli elementi per dimostrare che anche queste irregolarità non sono state commesse". Il 5 Stelle autosospeso ha detto di aver portato alla Pm "in cui ho massima fiducia" 250 firme "in più che avevamo e che avremmo potuto selezionare scartando le altre, se avessimo avuto anche il minimo dubbio sulla regolarità. C'è un solo modulo che mi viene contestato, con tutte firme autentiche. Tranquillamente avrei potuto scartarlo e sostituirlo".

13:38Lampada San Francesco a Nobel per la pace Manuel Santos

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 9 DIC - Verrà consegnata al premio Nobel per la pace, Juan Manuel Santos, per "lo sforzo nei processi di riconciliazione con le Farc" la lampada di San Francesco. La cerimonia si terrà ad Assisi sabato 17 dicembre alle 11 nella Basilica Superiore prima del 31/o Concerto di Natale. Lo stesso giorno alle 15.30, sempre nella Basilica Superiore, il presidente Santos terrà una lectio magistralis sullo "storico" accordo di pace con le Forze armate rivoluzionarie della Colombia. Verranno anche approfondito i temi della fraternità e del dialogo. Il presidente della Repubblica, Juan Manuel Santos, sarà accolto dal Custode del Sacro Convento, padre Mauro Gambetti, secondo quanto rende noto il direttore della sala stampa del Sacro Convento, padre Enzo Fortunato. (ANSA).

13:37Esplosione in commissariato polizia Andria

(ANSA) - ANDRIA, 9 DIC - Una esplosione si è verificata poco fa nell'androne del commissariato di polizia di Andria. Una persona - sembra un addetto alle pulizie - è rimasto ferito. Non si conoscono le sue condizioni. Sul posto stanno intervenendo i vigili del fuoco. A quanto si è appreso, l'esplosione sarebbe stata provocata da un piccolo ordigno esploso nell'atrio del commissariato che ha provocato la caduta di una parte del cartongesso che divideva due ambienti. A causa dei vetri andati in frantumi, una persona, l'addetto alle pulizie, è rimasta ferita. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

13:31Brexit: parla Cameron, non rimpiango il referendum

(ANSA) - LONDRA, 9 DIC - Sembra non avere rimpianti David Cameron. Parlando per la prima volta in un intervento pubblico dopo l'uscita da Downing Street, l'ex premier britannico difende la decisione di aver indetto il referendum sulla Brexit nonostante, sottolinea la Bbc, gli sia costato il posto. L'ex leader Tory ha così ripercorso i difficili momenti dello scorso giugno nel corso di una conferenza negli Usa, alla Depauw University dell'Indiana. Cameron ha sottolineato che la questione Brexit stava "avvelenando" la politica del Regno Unito e il suo partito conservatore, oltre a rappresentare un motivo di frustrazione per i britannici. Queste ragioni lo hanno quindi indotto a premere sull'acceleratore del voto popolare. Nel suo intervento ha descritto la vittoria degli euroscettici nel referendum del 23 giugno e l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti come espressioni di un "movimento dell'insoddisfazione" e ha lanciato un appello ai leader occidentali affinchè aiutino quanti si sentono penalizzati dalla globalizzazione. (ANSA).

13:30Juncker, sbaglia chi vuol fare la Ue a pezzi

(ANSA) - BRUXELLES, 9 DIC - "Quelli che hanno pensato di fare l'Ue a pezzi sbagliano, perché non esisteremmo come nazioni singole". E' il monito lanciato da presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker in occasione del 25esimo anniversario del Trattato di Maastricht. "Dobbiamo inventare un'orbita differente per tutti quei diversi partner" come Gran Bretagna o Turchia che "non si sentono a loro agio". "Questa non è una crisi o una tragedia, ma un'opportunità", al contrario "dobbiamo muoverci in questa direzione" di una "cooperazione più strutturata". E sul 25esimo anniversario del Trattato di Maastricht, ha detto, "sono l'unico sopravvissuto, di quelli di allora siamo rimasti più solo io e l'euro". "Quello che mi ricordo più di tutto era la sensazione attorno al tavolo che stavamo aprendo un nuovo capitolo della Storia", e allora "sentii che doveva essere la firma più importante che avrei mai messo" perché "avevamo davvero l'impressione di stare facendo la Storia, non vittime ma attori".

Archivio Ultima ora