Le radici e le ali: un libro dove ogni evento, storia o personaggio degno di memoria diventa un piccolo cammeo. Un capolavoro di lingua e di scrittura

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Goffredo Palmerini

Goffredo Palmerini

Dovendo parlare di Goffredo Palmerini, non saprei da dove iniziare. Eppure ne sono direttamente investito; e per questo mi sento obbligato a parlarne: da quando mi inviò, più di dieci anni fa, una pubblicazione a carattere culturale-turistico che promuoveva l’immagine dell’Abruzzo. Forse conteneva un suo articolo. Ma, forse no. Mi aveva fatto recapitare quell’opuscolo – suppongo – semplicemente per presentarmi uno spaccato della sua Regione: vita sociale, attività economiche, bellezze naturalistiche, tradizioni storia e cultura; a me che insegnavo all’estero e cominciavo a bazzicare l’associazionismo dell’emigrazione italiana.

Perciò ho un obbligo morale che mi lega a lui. Da allora, poi, mi sono sempre giunti, puntuali, i suoi libri: Oltre confine (L’Aquila 2007), Abruzzo gran riserva (L’Aquila 2008), L’Aquila nel mondo (L’Aquila 2010), L’Altra Italia (L’Aquila 2011), L’Italia dei sogni (L’Aquila 2014), e, finalmente, Le radici e le ali (L’Aquila 2016).

Con Palmerini ci conoscevamo fin dal 1972, colleghi di lavoro e subito amici, a Verona. Si sperimentava in prima persona, anche noi, la migrazione interna; alla ricerca di una sistemazione economica ed esistenziale nella fase conclusiva della parabola discendente del boom economico, e all’esaurirsi della carica esplosiva di quel movimento chiamato autunno caldo. Proprio mentre nuove minacce si annunziavano all’orizzonte politico.

L’anno dopo ci ritrovammo a Roma, trasferiti nel rispetto delle cosiddette esigenze di servizio, a lavorare con nuove e diverse mansioni in due uffici, non troppo distanti tra loro, della sede centrale dell’amministrazione di cui eravamo dipendenti. Da lì a poco ognuno avrebbe preso la sua strada: lui rientrava all’Aquila, io, cambiando lavoro, imboccavo di nuovo la strada del nord che, successivamente, mi avrebbe portato anche all’estero.

L’esitazione, l’incertezza, a parlare di Goffredo Palmerini, a me che, onorato della sua amicizia, l’ho sempre ammirato, forse nasce dal timore di essere adulatorio, affettato, sdolcinato, poco naturale; comunque convenzionale. Perché di Palmerini come persona, umanamente parlando, non se ne può dire che bene. Come professionista e cittadino impegnato – politicamente, intendo; nel senso più ampio e completo della parola – non se ne può dire altro che bene.

Come uomo sensibile ai fenomeni sociali e culturali, e come amministratore pubblico non se ne può dire che bene. Come intellettuale, cultore appassionato delle tradizioni della sua terra, e ad essa (e ai suoi abitanti) legato da amore viscerale, non se ne può dire che bene. Tutti questi aspetti, e altri altrettanto preziosi che è inutile star qui a riprendere, comprese le possibili – e probabili – peculiari debolezze delle diverse applicazioni, egli li vive intensamente; e sa esprimerli e rappresentarli, poi, in forma di elaborate e gradevoli narrazioni, con la capacità di farne articoli giornalistici che diffonde dove può; con l’intelligenza, infine, di raccoglierli, una volta pubblicati, in valide e consistenti pubblicazioni. Sono i suoi libri: quelli sopra elencati. E di questi ora dobbiamo parlare. In particolare, l’ultimo: Le radici e le ali.

Ma Palmerini di professione non fa lo scrittore. Pensionato delle Ferrovie, dopo una lunga e significativa carriera politica nella sua città, L’Aquila, si è dedicato al coordinamento delle comunità abruzzesi nel mondo, organizzate nelle Associazioni regionali degli emigrati all’Estero. Attualmente è delegato regionale, in rappresentanza dell’Abruzzo, dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrate (ANFE), e fa parte del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo (CRAM). Inoltre è membro del comitato scientifico del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. Se pubblica, è perché scrive. E se scrive è per la comunicazione e l’informazione. Le finalità sono strettamente collegate al suo ruolo e ai suoi compiti.

Il prodotto della sua scrittura sono comunicati, relazioni, nonché articoli di cronaca su storia costume e tradizione, ben documentati e ben articolati, in un registro di lingua tra la prosa scientifica e quella letteraria. Poiché scrive essenzialmente per gli abruzzesi, i suoi articoli vengono pubblicati sui giornali abruzzesi, oltre che dalle agenzie internazionali e dalla stampa italiana all’estero (Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Uruguay, Venezuela).

Ogni evento, ogni personaggio, ogni data e ogni avvenimento della storia d’Abruzzo o dell’Italia, che sia degno di memoria, diventa l’occasione di un piccolo cammeo giornalistico, un capolavoro di lingua e di scrittura, da indirizzare ai concittadini abruzzesi o di origine abruzzese. Creando così, un patrimonio di informazioni su costume, storia, arte, cultura, e varia umanità, utile non solo alle famiglie abruzzesi, ma a tutte le biblioteche di persone che amano la vita italiana, la sua propagazione nel mondo, l’eco della sua voce e la sua memoria conservata nel racconto letterario.

È questa la scrittura di Palmerini. Articoli freschi e attuali che si leggono come appena usciti dalla penna dello scrittore; all’interno dei quali, eventi, cerimonie, anniversari, celebrazioni, manifestazioni, profili biografici, descrizioni, riflessioni, pagine di bella prosa, serate d’arte e cultura, concerti e mostre, presentazione di opere letterarie o scientifiche, relazioni sociali e sindacali, associazioni e patronati, comunicazioni estemporanee, testimonianze di gente semplice o di personalità ed altre eccellenze, specialmente artisti italiani, o anche stranieri se discendenti da abruzzesi, o per qualche motivo in relazione con l’Abruzzo, la vita insomma, emergono come fatti atemporali, e tuttavia ricchi di nomi, di date, di richiami, di momenti e di tanti altri particolari, che vanno a formare un quadro generale della storia dell’Aquila, dell’Abruzzo, dell’Italia tutta, con al centro il popolo abruzzese e la sua componente di abruzzesi nel mondo. Sono questi i pregi della scrittura di Palmerini.

(di Luigi Casale)

Ultima ora

14:24Taxi: protesta compatta a Napoli, deserti i parcheggi

(ANSA) - NAPOLI, 21 FEB - E' compatto della protesta dei tassisti a Napoli dove le auto bianche si sono fermate nella mattinata di ieri. Deserti i principali parcheggi. Alla Stazione centrale ci sono quattro-cinque taxi ma si tratta - come spiegano i conducenti - di un picchetto per controllare l'eventuale presenza di abusivi, pronti a soffiare clienti ai tassisti regolari. "Molti di noi sono a Roma per sostenere i colleghi delle altre città - dice un tassista - per noi c'è una sola soluzione, stracciare il decreto sulla proroga alle limitazioni per Uber e le auto Ncc. Paghiamo una licenza tra i 20 ed i 30 mila euro - aggiunge un altro - 55 mila il costo fissato dal Comune di Napoli e ci ritroviamo la concorrenza degli Ncc, e domani di Uber che non hanno oneri, non pagano tasse e lavorano quando vogliono".(ANSA).

14:21Calcio: Oriali esalta stage azzurri

(ANSA) - FIRENZE, 21 FEB - "Rispetto al primo stage abbiamo già notato dei grossi miglioramenti e questo ci soddisfa molto: l'esempio di Gagliardini è lampante. C'è chi aveva storto il naso quando fu chiamato la prima volta, e ora tutti vedono cosa sta facendo". Così il team manager della Nazionale Gabriele Oriali introducendo al secondo stage organizzato da Ventura con i calciatori emergenti al via da oggi a Coverciano. Tra questi c'è anche l'attaccante del Sassuolo Domenico Berardi, uno dei più attesi. "A novembre aveva un infortunio serio - ha ricordato Oriali - altrimenti avrebbe già lavorato con noi. E' uno degli emergenti di maggiori prospettive, ma ovviamente dipende da lui".

14:21Mo: soldato Israele condannato a 18 mesi carcere

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 FEB - Un anno e mezzo di carcere effettivo di carcere militare: è la pena a cui è stato condannato oggi il soldato israeliano Elor Azaria che nel marzo del 2016 sparò ad Hebron ad un assalitore palestinese già ferito a terra dopo aver compiuto un attentato. La pena è stata pronunciata dal Tribunale militare di Tel Aviv in base alla condanna delle settimane scorse per omicidio colposo. La pubblica accusa aveva chiesto tra 3 e cinque anni. La vicenda ha suscitato dibattito in Israele e le proteste della destra.

14:19Calcio: azzurri, al via secondo stage emergenti

(ANSA) - FIRENZE, 21 FEB - E' iniziato con il primo dei quattro allenamenti in programma il secondo stage voluto e organizzato dal ct azzurro Gian Piero Ventura dedicato ai calciatori emergenti. Ventidue i convocati, che si sono radunati da ieri sera a Coverciano dove resteranno fino a domani: gli ultimi ad aggregarsi Meret e Bonifazi, reduci dalla gara di campionato Verona-Spal. Nel pomeriggio è prevista un'altra seduta a porte chiuse, doppio allenamento anche domani prima del rompete le righe: a conclusione del raduno parleranno i ct e alcuni giocatori.

14:15Tajani, non accettiamo insulti, Malloch non gradito

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Siamo disponibili ad ascoltare tutti i consigli e tutte le critiche, ma non siamo sottomessi a nessuno, non prendiamo ordini da nessuno, non siamo disposti ad accettare insulti da persone che probabilmente non conoscono l'Unione Europea e che il parlamento europeo ha dichiarato non gradite". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ad un forum dell'ANSA, rispondendo ad una domanda sulle voci di una possibile candidatura di Ted Malloch come nuovo ambasciatore americano a Bruxelles.

14:12Trump ha fatto incetta di domini su web

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Il neo presidente americano Donald Trump in vent'anni ha fatto incetta di domini web col suo nome, ne possiede oltre 3.600. Lo rende noto il sito Cnn Money che ha condotto un'analisi, secondo la quale il tycoon di New York li avrebbe registrati a scopo cautelativo, per evitare che possano essere usati da altri per danneggiarlo o a scopo di lucro. Tra questi figurano domini che hanno a che fare con le attività imprenditoriali di Trump, con la sua attività politica, ma anche domini web 'negativi', come ad esempio TrumpFraud.org o TrumpScam.com, che potrebbero essere usati contro di lui. La maggior parte dei nomi di dominio porta a pagine web vuote: solo 50 rimandano a siti delle attività dei Trump e altri 400 reindirizzando gli utenti a siti dei Trump. Il primo dominio è stato DonaldjTrump.com, acquistato il 20 gennaio 1997.

14:12Zimbabwe: Mugabe compie 93 e si dice pronto a ricandidarsi

(ANSA) - HARARE, 21 FEB - In un'intervista in occasione del suo 93mo compleanno, il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, ha ribadito la sua intenzione di candidarsi alle prossime elezioni, nel 2018, e allo stesso tempo ha esaltato sua moglie Grace, che descritto come un "fuoco d'artificio". Il compleanno di Mugabe, che è alla guida del Paese sin dalla sua indipendenza nel 1980, è oggi, ma le celebrazioni sono in programma sabato prossimo. In una intervista mandata in onda ieri sera, Mugabe ha affermato che sua moglie Grace, sempre più impegnata politicamente, è stata scelta a capo dell'ala femminile del partito Zanu-Ff al potere, per via delle sue ambizioni politiche. A sua volta Grace Mugabe ha difeso suo marito dalle critiche dei suoi detrattori affermando che se lui dovesse morire prima delle elezioni politiche del prossimo anno, il partito al potere dovrebbe comunque candidarne il corpo.

Archivio Ultima ora