Colombia, trionfa il “No” all’accordo di pace con le Farc

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Non c'è stata una grande affluenza alle urne

Non c’è stata una grande affluenza alle urne

CARACAS – Concluso il referendum, i risultati hanno dato ragione al “No” all’accordo di pace con le Farc, la storica organizzazione guerrigliera. La consulta popolare, come indicano i risultati, mostra un Paese diviso. Il 50,24 per cento dei votanti ha detto “No” mentre il 49,75 si è espresso a favore. Una differenza irrisoria dalla quale emerge un Paese immerso in una profonda contraddizione.

I seggi, come stabilito dal regolamento, sono stati chiusi alle 16:00 e quasi immediatamente l’organismo elettorale colombiano ha emesso il primo bollettino con i risultati parziali dello spoglio. Nel corso delle due ore seguenti, nei bollettini ufficiali successivi si è assistito all’alternarsi di risultati a favore e avversi all’accordo. Finalmente, scrutato oltre il 99 per cento dei voti la vittoria del “No” è apparsa definitiva.

A Bogotà, Cali, Barranquilla ha vinto il “Sì” mentre a Medellìn, Bucaramanga ha vinto il “No”. L’accordo di pace è stato respinto nel “Norte de Santander”, nell’Arauca, in Antioquia, nel Meta, nel Caquetà.

Dai seggi è emerso un paese diviso

I risultati del Referendum mostrano un paese diviso

Il “No”, nella sostanza, pretenderebbe negoziare nuovamente gli accordi ai quali Governo e Farc sono giunti dopo oltre due anni di lunghe, faticosi e difficili negoziati, ai quali hanno partecipato attivamente il Vaticano e Cuba.
In più occasioni, il capo dello Stato, Juan Manuel Santos, e il responsabile dei negoziati, Humberto de la Calle, avevano affermato che non era possibile negoziare di nuovo un accordo con le Farc. Insomma, che non esisteva, né poteva esistere, un “Plan B”.

Dal canto suo, Antonio Lozada, uno dei capi delle Farc e membro del “Secretariado” dell’organizzazione guerrigliera, aveva chiarito che non era possibile “riaprire i negoziati”.

– Non esiste la benché minima possibilità – aveva detto -. Quando deciso non può essere messo in discussione.
La vittoria del “No” rappresenta il trionfo dell’intransigenza dell’ex presidente Alvaro Uribe Velez e della destra radicale e getta di nuovo il Paese nella confusione e nell’incertezza. Bisognerà attendere le prossime mosse delle “Farc” per capire quale futuro si apra ora al Paese. Di certo, per il momento, vi è solo che gli investimenti avranno una battuta d’arresto.

Il “Sì” era accompagnato da un clima di fiducia nei confronti di un paese che sperava finalmente d’iniziare a percorrere il sentiero della pace. L’accordo con le Farc, chiaramente, non assicurava la fine della guerriglia ma permetteva almeno ai membri della storica organizzazione guerrigliera, la maggiore e più importante in Colombia, di inserirsi nuovamente nell’ambito della dialettica democratica e di partecipare pacificamente alla vita politica del paese.

Non tutti sono convinti che, con il Trionfo del “No”, abbia vinto il desiderio di giustizia.
(La Redazione)

Ultima ora

13:17Moto: Fmi e VR46 Academy, a Misano i talenti italiani

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - I migliori giovani talenti italiani. Tutti in pista a Misano. Una giornata particolare quella andata in scena al World Circuit Marco Simoncelli, che ha visto presenti un gruppo di corridori supportati dalla Fmi e al via dell'ELF CIV 2017, accanto agli alfieri della VR46 Riders Academy, alcuni di rientro dalla prima prova MotoGP in Qatar. Tutti in pista per un'intensa mattinata di allenamento, il primo di una serie di appuntamenti che vedrà nel 2017 i piloti Fmi e VR46 girare insieme in giornate simili, esperienza che prosegue per il terzo anno di fila. A testimonianza della collaborazione tra le due realtà non sono mancati il Presidente della federazione motociclistica italiana, Giovanni Copioli, il responsabile della VR46 Riders Academy Alessio Salucci e lo stesso Valentino Rossi.

13:15Processo rating: tutti assolti imputati S&P a Trani

(ANSA) - TRANI, 30 MAR - Il Tribunale di Trani ha assolto dall'accusa di manipolazione del mercato 5 tra analisti e manager di Standard & Poor's e la stessa società di rating. La procura aveva chiesto la condanna a due anni per Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale di S&P; a 3 anni ciascuno per Yann Le Pallec, responsabile per l'Europa, e per gli analisti del debito sovrano Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer. Per S&P era stata chiesta la condanna alla sanzione di 4,6 milioni

13:06Terremoto: lunedì agricoltori a Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - I trattori e gli altri mezzi agricoli saliranno a Castelluccio di Norcia lunedì mattina, per la semina della lenticchia. Che insieme alle specie selvatiche contribuirà in estate a dare vita allo spettacolo naturale della fioritura sull'altopiano. Due le "carovane" che, in percorsi differenti, raggiungeranno il borgo di montagna, completamente disabitato dopo la scossa di terremoto di cinque mesi fa. I trattori, una ventina con gli aratri al seguito, saranno fatti transitare attraverso la galleria di Forca Canapine che l'Anas riaprirà proprio per permettere il passaggio dei mezzi. All'interno della galleria transiteranno due trattori alla volta. Contemporaneamente i mezzi dell'esercito (che per le dimensioni non possono passare nella galleria) trasferiranno a Castelluccio la seminatrice e le sementi seguendo un percorso di 90 chilometri attraverso un lembo di Lazio, per poi rientrare nelle Marche e salire a Castelluccio passando per Pretare di Arquata del Tronto. A questa soluzione si è arrivati dopo un lungo confronto tra le istituzioni e gli agricoltori di Castelluccio. Questi ultimi, che in seguito alla scossa risiedono a Norcia, hanno ottenuto la possibilità di transitare quotidianamente per tutto il tempo necessario alla semina, in due finestre orarie e accompagnati dalla Protezione civile, sulla strada provinciale 477 che collega Norcia al borgo. Dove ora sono in corso lavori di ripristino della carreggiata fortemente danneggiata. Dalle scosse. La gran parte degli agricoltori rimarranno comunque a Castelluccio per tutti i 20 giorni necessari per la semina, alloggiando nelle strutture agrituristiche ancora agibili.

12:54Turchia:leader curdo Demirtas avvia sciopero fame in carcere

(ANSAmed) - ISTANBUL, 30 MAR - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto da quasi 5 mesi con accuse di "terrorismo" nel carcere di massima sicurezza di Edirne, al confine con la Grecia, ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro le "pratiche illegali e inumane" in atto nella prigione. Lo fa sapere una nota dell'Hdp. Con Demirtas, ha avviato la protesta anche un altro deputato, Abdullah Zeydan, detenuto nello stesso penitenziario. I parlamentari, tra l'altro, accusano la direzione carceraria di ignorare uno sciopero della fame di altri detenuti, che prosegue da giorni.

12:49Violenze corteo Casapound: Roma, 4 arresti e obbligo firma 9

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono tredici gli antagonisti sottoposti a misure cautelari nell'ambito di un'indagine su alcuni episodi di violenza avvenuti lo scorso 21 maggio in occasione di una manifestazione di Casapound e di un concerto nazi-rock nel cuore della Capitale. In particolare 4 sono finiti ai domiciliari e gli altri sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'operazione è stata condotta dalla Digos di Roma. Perquisite anche le abitazioni di alcuni degli indagati. Si tratta per lo più noti esponenti dei centri sociali capitolini e dei collettivi studenteschi dell'università La Sapienza. Rintracciati attualmente 10 dei 13; altri 2 sono stati individuati all'estero, mentre un ultimo è ancora ricercato.

12:42Siria: Unhcr, oltrepassata la soglia dei 5 milioni in fuga

(ANSAmed) - GINEVRA, 30 MAR - Il numero di uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria ha passato la soglia di 5 milioni, ma un anno dopo la Conferenza internazionale per aumentare i posti di reinsediamento e offrire canali alternativi per l'ammissione dei rifugiati siriani, dei 500.000 posti richiesti è stata raggiunta la metà, ha affermato oggi l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). La comunità internazionale deve fare di più, ha esortato il capo dell'Unhcr Filippo Grandi. "Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per accrescere il reinsediamento e i canali complementari per i rifugiati: sono necessari posti aggiuntivi" e serve accelerare "l'attuazione degli impegni esistenti", ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Grandi si è espresso in una dichiarazione resa nota a un anno dalla Conferenza di alto livello per la condivisione della responsabilità per i rifugiati siriani del 30 marzo 2016.

12:39Trump: Vaticano, speriamo riveda le sue politiche

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Le decisioni del presidente Trump "preoccupano" il Vaticano, "ma per fortuna - dice il card. Peter Turkson, capo dicastero per lo Sviluppo umano integrale - anche negli Stati Uniti ci sono voci di dissenso, voci contrarie, in disaccordo esplicito contro le posizioni di Trump: il suo bando contro le immigrazioni è stato bloccato da un avvocato delle Hawaii". "E' un segno - spiega - che ci può essere un'altra voce e si spera che tramite i mezzi politici mano a mano Trump stesso cominci a ripensare alcune sue decisioni". Su temi come le migrazioni, le misure per il clima, le spese per gli armamenti, gli aiuti allo sviluppo, sottolinea il cardinale, "contiamo anche sull'azione di lobby della Chiesa Usa". Turkson rileva positivamente, inoltre, che "mentre gli Stati Uniti fanno marcia indietro sui provvedimenti contro il riscaldamento globale, abbiamo un'altra grande potenza nel mondo, come la Cina, che sta manifestando segni opposti, come se lo spostamento dell'America crei un vuoto che la Cina riempie".

Archivio Ultima ora