Colombia, trionfa il “No” all’accordo di pace con le Farc

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Non c'è stata una grande affluenza alle urne

Non c’è stata una grande affluenza alle urne

CARACAS – Concluso il referendum, i risultati hanno dato ragione al “No” all’accordo di pace con le Farc, la storica organizzazione guerrigliera. La consulta popolare, come indicano i risultati, mostra un Paese diviso. Il 50,24 per cento dei votanti ha detto “No” mentre il 49,75 si è espresso a favore. Una differenza irrisoria dalla quale emerge un Paese immerso in una profonda contraddizione.

I seggi, come stabilito dal regolamento, sono stati chiusi alle 16:00 e quasi immediatamente l’organismo elettorale colombiano ha emesso il primo bollettino con i risultati parziali dello spoglio. Nel corso delle due ore seguenti, nei bollettini ufficiali successivi si è assistito all’alternarsi di risultati a favore e avversi all’accordo. Finalmente, scrutato oltre il 99 per cento dei voti la vittoria del “No” è apparsa definitiva.

A Bogotà, Cali, Barranquilla ha vinto il “Sì” mentre a Medellìn, Bucaramanga ha vinto il “No”. L’accordo di pace è stato respinto nel “Norte de Santander”, nell’Arauca, in Antioquia, nel Meta, nel Caquetà.

Dai seggi è emerso un paese diviso

I risultati del Referendum mostrano un paese diviso

Il “No”, nella sostanza, pretenderebbe negoziare nuovamente gli accordi ai quali Governo e Farc sono giunti dopo oltre due anni di lunghe, faticosi e difficili negoziati, ai quali hanno partecipato attivamente il Vaticano e Cuba.
In più occasioni, il capo dello Stato, Juan Manuel Santos, e il responsabile dei negoziati, Humberto de la Calle, avevano affermato che non era possibile negoziare di nuovo un accordo con le Farc. Insomma, che non esisteva, né poteva esistere, un “Plan B”.

Dal canto suo, Antonio Lozada, uno dei capi delle Farc e membro del “Secretariado” dell’organizzazione guerrigliera, aveva chiarito che non era possibile “riaprire i negoziati”.

– Non esiste la benché minima possibilità – aveva detto -. Quando deciso non può essere messo in discussione.
La vittoria del “No” rappresenta il trionfo dell’intransigenza dell’ex presidente Alvaro Uribe Velez e della destra radicale e getta di nuovo il Paese nella confusione e nell’incertezza. Bisognerà attendere le prossime mosse delle “Farc” per capire quale futuro si apra ora al Paese. Di certo, per il momento, vi è solo che gli investimenti avranno una battuta d’arresto.

Il “Sì” era accompagnato da un clima di fiducia nei confronti di un paese che sperava finalmente d’iniziare a percorrere il sentiero della pace. L’accordo con le Farc, chiaramente, non assicurava la fine della guerriglia ma permetteva almeno ai membri della storica organizzazione guerrigliera, la maggiore e più importante in Colombia, di inserirsi nuovamente nell’ambito della dialettica democratica e di partecipare pacificamente alla vita politica del paese.

Non tutti sono convinti che, con il Trionfo del “No”, abbia vinto il desiderio di giustizia.
(La Redazione)

Ultima ora

00:36Calcio: l’Arsenal torna al successo, 2-0 al West Bromwich

(ANSA) - ROMA, 26 SET - L'Arsenal torna alla vittoria in Premier League battendo 2-0 il West Bromwich Albion nell'ultimo incontro della sesta giornata. Entrambe le reti sono state realizzate dal bomber francese, a segno al 20' pt e al 22' st, su rigore. La squadra guidata da Arsene Wenger è ora settima in classifica, a -7 dalla coppia di testa Manchester City-Manchester United. Uno dei protagonisti è stato anche il capitano del Wba Gareth Barry, che a 36 anni ha toccato le 633 presenze in Premier, migliorando il record fin qui detenuto dalla bandiera dello United Ryan Giggs.

23:32Calcio: Wanda “clausola Icardi? Per ora stiamo bene “

(ANSA) - MILANO, 25 SET - ''Per ora stiamo bene. Abbiamo firmato pochi mesi fa un prolungamento di contratto. Aumentare la clausola? Per ora non ci pensiamo, siamo a posto così''. Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, parla del futuro del capitano dell'Inter. Secondo alcune voci, l'entourage del giocatore starebbe trattando col club per aumentare l'attuale clausola. Lo stesso Spalletti, qualche settimana fa, aveva detto che serviva una clausola 'alla Isco', da campione. ''Se lo dice l'allenatore - commenta Wanda - siamo contenti ma adesso non ci stiamo pensando''. La convocazione di Icardi con l'Argentina è un obiettivo raggiunto. Ma la showgirl argentina era sicura che la chiamata sarebbe presto arrivata: ''Ho sempre saputo che noi argentini abbiamo bisogno di un attaccante come Icardi, così giovane. Se credo che si qualificherà per i Mondiali? Certo, senza l'Argentina non sarebbero Mondiali''.

23:30Champions: arrestati a Napoli tre tifosi olandesi

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato a Napoli tre tifosi olandesi giunti in città alla vigilia della sfida di Champions League tra la squadra partenopea e il Feyenoord, malgrado il divieto di vendita dei biglietti ai cittadini olandesi disposto dalla questura. La volante del commissariato è intervenuta in via dei Fiorentini, non lontano dalla Questura, a seguito della segnalazione della presenza di alcune persone moleste. Giunti sul posto, i poliziotti, ancora in auto, sono stati oggetto del lancio di alcune pietre. Gli agenti nel tentativo di bloccarli sono stati aggrediti e in una colluttazione hanno riportato lesioni. I tre aggressori, tutti 21enni, sono stati arrestati e verranno condotti nel carcere di Poggioreale.

23:23Calcio: Milik “penso a tornare, tenete le dita incrociate”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Grazie a tutti per i vostri messaggi, significano molto per me. Ora sono concentrato sul ritorno, tenete le dita incrociate'': lo scrive su twitter l'attaccante del Napoli Arek Milik operato oggi al legamento crociato del ginocchio destro. Al giocatore polacco sono giunti moltissimi messaggi di auguri e solidarietà sui social, tra i quali quelli del compagno di squadra Dries Mertens e del giocatore della Roma Alessandro Florenzi, da poco tornato a giocare dopo incidenti simili a quelli del collega azzurro.

23:21Calcio: serie B, Palermo-Pro Vercelli 2-1

(ANSA) - PALERMO, 25 SET - Seconda vittoria consecutiva per il Palermo che batte 2-1 la Pro Vercelli nel posticipo della sesta giornata di serie B e si porta ad un punto dalla coppia di testa formata da Frosinone e Perugia. Gli ospiti passano in vantaggio al 20': sul cross di Vives dopo un'azione di calcio d'angolo, Posavec sventa per due volte i tiri dei piemontesi ma poi si arrende a Bifulco. Pareggia Nestorovski al 25' che sfrutta al meglio una verticalizzazione di Chochev. Al 6' della ripresa, nuova combinazione Chochev-Nestorovski e, soprattutto grazie a un regalo della difesa ospite, il macedone raddoppia. Inutile il forcing finale dei piemontesi, ultimi in classifica con due punti.

21:20Calcio: Florenzi, messaggio a Milik

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Ci vedremo al San Paolo e ci scambieremo la maglia. Fieri della nostra forza e più forti del nostro destino. Un grande abbraccio! Ale". Con questi messaggio, pubblicato sul proprio account di Twitter, il romanista Alessandro Florenzi ha dato appuntamento al collega del Napoli, Arkadiusz Milik, che, come il giallorosso, ha subito due gravi infortuni al ginocchio a poche settimane di distanza. L'attaccante dei partenopei oggi è stato operato a Roma e tornerà in campo fra cinque-sei mesi.

21:10Calcio: Van Bronckhorst, il Feyenoord punta alla vittoria

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Arriviamo a Napoli con molti infortunati ma dobbiamo vedere le cose in modo positivo e giocare meglio come squadra, sarebbe ideale trovare subito il vantaggio domani ma sarà molto difficile. Non saremo favoriti". Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore del Feyenoord, alla vigilia della sfida contro il Napoli in Champions League. Il Feyenoord arriva a Napoli senza il bomber Jorgensen e il difensore Botteghin che il tecnico olandese ricorda "tornerà a gennaio-febbraio", precisa Van Bronckhorst che punta a vincere: "Domani ci servono i tre punti - dice - giocheremo senza paura ma con equilibrio. Sarà importante non prendere gol in avvio. Sappiamo di non essere favoriti ma sappiamo come gioca il Napoli, fanno un pressing molto alto e noi non dovremo rischiare di perdere palloni, ma allo stesso tempo impostare da dietro".

Archivio Ultima ora