Colombia, trionfa il “No” all’accordo di pace con le Farc

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Non c'è stata una grande affluenza alle urne

Non c’è stata una grande affluenza alle urne

CARACAS – Concluso il referendum, i risultati hanno dato ragione al “No” all’accordo di pace con le Farc, la storica organizzazione guerrigliera. La consulta popolare, come indicano i risultati, mostra un Paese diviso. Il 50,24 per cento dei votanti ha detto “No” mentre il 49,75 si è espresso a favore. Una differenza irrisoria dalla quale emerge un Paese immerso in una profonda contraddizione.

I seggi, come stabilito dal regolamento, sono stati chiusi alle 16:00 e quasi immediatamente l’organismo elettorale colombiano ha emesso il primo bollettino con i risultati parziali dello spoglio. Nel corso delle due ore seguenti, nei bollettini ufficiali successivi si è assistito all’alternarsi di risultati a favore e avversi all’accordo. Finalmente, scrutato oltre il 99 per cento dei voti la vittoria del “No” è apparsa definitiva.

A Bogotà, Cali, Barranquilla ha vinto il “Sì” mentre a Medellìn, Bucaramanga ha vinto il “No”. L’accordo di pace è stato respinto nel “Norte de Santander”, nell’Arauca, in Antioquia, nel Meta, nel Caquetà.

Dai seggi è emerso un paese diviso

I risultati del Referendum mostrano un paese diviso

Il “No”, nella sostanza, pretenderebbe negoziare nuovamente gli accordi ai quali Governo e Farc sono giunti dopo oltre due anni di lunghe, faticosi e difficili negoziati, ai quali hanno partecipato attivamente il Vaticano e Cuba.
In più occasioni, il capo dello Stato, Juan Manuel Santos, e il responsabile dei negoziati, Humberto de la Calle, avevano affermato che non era possibile negoziare di nuovo un accordo con le Farc. Insomma, che non esisteva, né poteva esistere, un “Plan B”.

Dal canto suo, Antonio Lozada, uno dei capi delle Farc e membro del “Secretariado” dell’organizzazione guerrigliera, aveva chiarito che non era possibile “riaprire i negoziati”.

– Non esiste la benché minima possibilità – aveva detto -. Quando deciso non può essere messo in discussione.
La vittoria del “No” rappresenta il trionfo dell’intransigenza dell’ex presidente Alvaro Uribe Velez e della destra radicale e getta di nuovo il Paese nella confusione e nell’incertezza. Bisognerà attendere le prossime mosse delle “Farc” per capire quale futuro si apra ora al Paese. Di certo, per il momento, vi è solo che gli investimenti avranno una battuta d’arresto.

Il “Sì” era accompagnato da un clima di fiducia nei confronti di un paese che sperava finalmente d’iniziare a percorrere il sentiero della pace. L’accordo con le Farc, chiaramente, non assicurava la fine della guerriglia ma permetteva almeno ai membri della storica organizzazione guerrigliera, la maggiore e più importante in Colombia, di inserirsi nuovamente nell’ambito della dialettica democratica e di partecipare pacificamente alla vita politica del paese.

Non tutti sono convinti che, con il Trionfo del “No”, abbia vinto il desiderio di giustizia.
(La Redazione)

Ultima ora

18:00Calcio: Totti in diretta tv ‘e chi dorme stanotte…’

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "La gente non dormirà in vista della partita di domani? E che io dormo?...". Questa la battuta con cui Francesco Totti si congeda da Sky Sport24 dopo aver fatto un'incursione durante un collegamento in diretta da Trigoria. La gara in programma all'Olimpico col Genoa chiuderà la stagione della Roma e, contemporaneamente, farà calare il sipario sulla carriera in maglia giallorossa del n.10.

17:59“Cannabis legale”, sfila a Roma la Million marijuana march

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Al grido di 'Cannabis legale', un fiume colorato di persone, accompagnato da musica rigorosamente reggae che pompa musica da sette carri, è partito per la 17/ma edizione romana della "Million Marijuana march". La 'marcia', che si svolge a maggio in oltre 400 città del mondo, ha l'obiettivo di "chiedere la fine di ogni persecuzione (sociale, penale ed amministrativa) nei confronti dei semplici assuntori, l'accesso incondizionato all'utilizzo terapeutico da parte dei pazienti che intendono sperimentare le proprietà benefiche della cannabis e la riappropriazione del diritto per tutti e tutte di poter legittimamente coltivare una pianta che appartiene al patrimonio genetico dell'umanità", spiegano gli organizzatori. Il corteo, formato soprattutto da giovani, è partito da Piazza della Repubblica e arriverà in piazza San Giovanni. Tra gli slogan, 'Autoproduzione unica soluzione, senza nessun monopolio niente più mafie e persecuzione!".

17:57Cade in piscina ad Arezzo, gravissimo un bambino di 5 anni

(ANSA) - AREZZO, 27 MAG - E' rimasto ferito gravemente e sarebbe in pericolo di vita un bambino di 5 anni che nel pomeriggio è caduto in acqua in piscina ad Arezzo. Secondo una prima ricostruzione, sarebbe andato in arresto cardiaco in seguito ad una congestione. I genitori hanno subito dato l'allarme. Sul posto è giunta anche la polizia. I sanitari del 118 hanno preso in carico il piccolo che è stato poi trasferito all' ospedale pediatrico Meyer di Firenze con l'elicottero. (ANSA).

17:55Operazione Gdf, 9 locali notturni Rimini sconosciuti a fisco

(ANSA) - RIMINI, 27 MAG - Locali notturni di Rimini, Riccione e Misano Adriatico sono finiti nel mirino della Guardia di finanza. Attraverso l'operazione, denominata "Black dance", nove società sono risultate completamente sconosciute al Fisco: pur realizzando profitti dall'attività gestita hanno omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi e di versare le imposte dovute. I finanzieri del Gruppo di Rimini e della Tenenza di Cattolica sono comunque riusciti a ricostruire il reale volume d'affari attraverso una serie di riscontri effettuati attraverso la frammentata documentazione contabile acquisita e incrociando i dati forniti dalla Siae sulle attività di intrattenimento, alla stessa dichiarate dagli operatori sottoposti a verifica fiscale. Le "fiamme gialle" hanno constatato e segnalato all'Agenzia delle entrate incassi in nero per oltre 20 milioni di euro con imposte evase complessivamente (in materia di reddito e di Iva) per circa 9 milioni. Otto persone sono state denunciate per reati tributari. Sequestrati beni.

17:51Giro: Pinot vince 20/a tappa

(ANSA) - ASIAGO (VICENZA), 27 MAG - Il francese Thibaut Pinot ha vinto, dopo uno sprint ristretto, la ventesima tappa del 100/o Giro d'Italia, da Pordenone ad Asiago (Vicenza), lunga 190 chilometri. Secondo il russo Ilnur Zakarin, terzo Vincenzo Nibali, quarto Domenico Pozzovivo. Il colombiano Nairo Quintana, arrivato quinto, ha conservato la maglia rosa.

17:48Finale coppa calcio Gb, Wembley blindata

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Veicoli blindati sono stati dispiegati allo stadio di Wembley per la finale di calcio di stasera della FA cup (la Coppa inglese) tra Arsenal e Chelsea. Lo ha annunciato la polizia. "Stiamo lavorando a stretto contatto con la Football Association per fare in modo che questo appuntamento si svolga senza incidenti", ha detto il sergente Jon Williams. "L'obiettivo è la sicurezza dei tifosi. Chiunque verrà allo stadio vedrà un aumento delle forze dell'ordine dentro e fuori lo stadio. Questo include anche moltissimi agenti armati e veicoli blindati della polizia", ha aggiunto.

17:35Papa: ai giovani, non siate turisti, andate a ‘missionare’

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Papa Francesco coniuga un altro neologismo: "missionare". E' l'appello lanciato ai giovani radunati per lui al santuario della Madonna della Guardia a Genova. "Quando io vado a 'missionare' - ha detto Francesco - non è soltanto la decisione mia, c'è un altro che mi 'missiona', che mi invia in missione ed è Gesù. Siamo 'missionati' e missionari, non siamo turisti tra la gente". E al fantasioso Bergoglio fa eco il videomaker Fabio Rovazzi il cui invito musicale 'andiamo a comandare' ha spopolato tra i giovanissimi. "In un anno ho visto qualsiasi declinazione di 'Andiamo a comandare', ma non avrei mai potuto immaginare che il papa, in qualche modo, potesse fare riferimento a una mia canzone".

Archivio Ultima ora