Colombia, trionfa il “No” all’accordo di pace con le Farc

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da redazione

Non c'è stata una grande affluenza alle urne

Non c’è stata una grande affluenza alle urne

CARACAS – Concluso il referendum, i risultati hanno dato ragione al “No” all’accordo di pace con le Farc, la storica organizzazione guerrigliera. La consulta popolare, come indicano i risultati, mostra un Paese diviso. Il 50,24 per cento dei votanti ha detto “No” mentre il 49,75 si è espresso a favore. Una differenza irrisoria dalla quale emerge un Paese immerso in una profonda contraddizione.

I seggi, come stabilito dal regolamento, sono stati chiusi alle 16:00 e quasi immediatamente l’organismo elettorale colombiano ha emesso il primo bollettino con i risultati parziali dello spoglio. Nel corso delle due ore seguenti, nei bollettini ufficiali successivi si è assistito all’alternarsi di risultati a favore e avversi all’accordo. Finalmente, scrutato oltre il 99 per cento dei voti la vittoria del “No” è apparsa definitiva.

A Bogotà, Cali, Barranquilla ha vinto il “Sì” mentre a Medellìn, Bucaramanga ha vinto il “No”. L’accordo di pace è stato respinto nel “Norte de Santander”, nell’Arauca, in Antioquia, nel Meta, nel Caquetà.

Dai seggi è emerso un paese diviso

I risultati del Referendum mostrano un paese diviso

Il “No”, nella sostanza, pretenderebbe negoziare nuovamente gli accordi ai quali Governo e Farc sono giunti dopo oltre due anni di lunghe, faticosi e difficili negoziati, ai quali hanno partecipato attivamente il Vaticano e Cuba.
In più occasioni, il capo dello Stato, Juan Manuel Santos, e il responsabile dei negoziati, Humberto de la Calle, avevano affermato che non era possibile negoziare di nuovo un accordo con le Farc. Insomma, che non esisteva, né poteva esistere, un “Plan B”.

Dal canto suo, Antonio Lozada, uno dei capi delle Farc e membro del “Secretariado” dell’organizzazione guerrigliera, aveva chiarito che non era possibile “riaprire i negoziati”.

– Non esiste la benché minima possibilità – aveva detto -. Quando deciso non può essere messo in discussione.
La vittoria del “No” rappresenta il trionfo dell’intransigenza dell’ex presidente Alvaro Uribe Velez e della destra radicale e getta di nuovo il Paese nella confusione e nell’incertezza. Bisognerà attendere le prossime mosse delle “Farc” per capire quale futuro si apra ora al Paese. Di certo, per il momento, vi è solo che gli investimenti avranno una battuta d’arresto.

Il “Sì” era accompagnato da un clima di fiducia nei confronti di un paese che sperava finalmente d’iniziare a percorrere il sentiero della pace. L’accordo con le Farc, chiaramente, non assicurava la fine della guerriglia ma permetteva almeno ai membri della storica organizzazione guerrigliera, la maggiore e più importante in Colombia, di inserirsi nuovamente nell’ambito della dialettica democratica e di partecipare pacificamente alla vita politica del paese.

Non tutti sono convinti che, con il Trionfo del “No”, abbia vinto il desiderio di giustizia.
(La Redazione)

Ultima ora

18:58Maltempo: temporali sulle isole maggiori e sulla Calabria

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Una perturbazione di origine atlantica, in entrata sul Bacino del Mediterraneo occidentale, determinerà da oggi una fase perturbata sulla Sardegna, in particolare sui settori orientali e meridionali. Domani i flussi perturbati interesseranno anche la Sicilia e la Calabria. Lo comunica la Protezione civile che ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso ieri. L'avviso prevede dalla prima mattina di domani precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale sulla Sicilia, in successiva estensione alla Calabria, specialmente sui settori meridionali ed orientali. I temporali saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Per la giornata di domani si segnala criticità arancione sulla Sardegna orientale, mentre su tutta la Basilicata, la Calabria, la Sicilia e sulla Puglia centro-meridionale è prevista criticità gialla.

18:57Turchia: negata estradizione di 3 soldati fuggiti in Grecia

(ANSAmed) - ISTANBUL, 5 DIC - Un tribunale greco ha negato l'estrazione di 3 degli 8 militari turchi fuggiti in Grecia con un elicottero dell'esercito dopo il fallito golpe del 15 luglio. Lo riporta l'agenzia statale Anadolu, secondo cui il giudice ha ritenuto che la vita dei soldati sarebbe in pericolo in caso di trasferimento in una prigione turca. Per gli altri 5 soldati, un'udienza è prevista domani. Sin dall'indomani del putsch, Ankara aveva chiesto con forza ad Atene l'estradizione dei militari, che si sono tuttavia dichiarati estranei al colpo di stato, sostenendo di essere fuggiti proprio per paura di ritorsioni da parte dei golpisti.

18:55Referendum: Bebe Vio, dispiaciuta per Renzi

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Dalla Casa Bianca alle tribune del Palasport di Torino, giro del mondo in 45 giorni con vista sul referendum: Bebe Vio, campionessa paralimpica che a ottobre fece parte della delegazione del premier italiano dal presidente Usa Barack Obama, ieri non ha votato e ha preferito andare nel capoluogo piemontese per incitare gli azzurri impegnati nella coppa del mondo di scherma. 'Ma - racconta all'ANSA - questo risultato rappresenta ugualmente un grande dispiacere per me. Non per una valutazione politica, però Sono addolorata per come si è messa la vicenda umana di Matteo Renzi, che ho avuto modo di vedere al lavoro per due giorni di seguito e mi ha impressionato. Ha una capacità di impegnarsi spaventosa, in quella visita è stato 48 ore di fila in prima linea. E mi è piaciuta molto anche sua moglie Agnese. Altro non dico - conclude Vio - ma il dispiacere per come è andata a finire una prova a cui tenevano molto lo voglio esprimere".

18:54Siria: Mosca, morta una seconda infermiera russa

(ANSA) - MOSCA, 5 DIC - Due infermiere russe sono rimaste uccise nel bombardamento di un ospedale da campo ad Aleppo ovest: lo riferisce il generale russo Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa di Mosca. "I dottori russi e siriani hanno fatto tutto il possibile per salvarla, ma le gravi ferite non erano compatibili con la vita della militare", ha dichiarato il generale riferendosi a una delle due donne rimaste ferite. L'altra è morta sul colpo. "I medici stanno cercando di salvare la vita di un collega russo gravemente ferito, un pediatra", ha proseguito il generale.

18:49Giallo a Cambridge, trovata morta ricercatrice italiana

(ANSA) - MONZA, 5 DIC - Una ricercatrice in biopatologie mediche di Vimercate (Monza e Brianza), Simona Baronchelli, è stata trovata morta nella sua camera d'albergo a Cambridge, dove si trovava per un congresso. La morte, riferisce il quotidiano Il Giorno, risale a mercoledì scorso e la polizia inglese non avrebbe trovato tracce di violenza sul corpo della donna che aveva 32 anni ed era borsista per il Cnr. Simona Baronchelli, attivista di Emergency, secondo quanto riferito dal padre Luigi, era affetta "sin da piccola da allergie importanti, ma le sapeva gestire". "Simona non aveva nemici - ha aggiunto l'uomo -. Non riesco neanche a ipotizzare che qualcuno possa averle fatto del male. Spero che i patologi mi diano ragione". Specializzata in genetica applicata, Simona era impegnata in studi su cellule staminali.

18:47Calcio: scudetto, Sebastiani ‘tifa’ Napoli o Roma

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Mi piacerebbe che magari lo vincesse una piazza come Napoli o anche Roma". Così il presidente del Pescara Daniele Sebastiani si esprime sul prossimo scudetto. "Posso dire la verità - dice a Tutti convocati su Radio 24 - proprio per la bellezza del campionato e per dare importanza al campionato, premesso che io sono un simpatizzante juventino, mi piacerebbe che lo vincesse un'altra squadra. Diventa troppo monotono il campionato italiano, sennò vuol dire che gli altri stanno sempre li a giocarsi la seconda posizione". Lapadula? "Sono felicissimo prima di tutto perché il ragazzo se lo merita, sono contento anche per Galliani e per il Dottor Berlusconi perché forse avevano preso qualche critica di troppo nelle prime partite perché d'altronde il ragazzo non aveva giocato".

18:45F.1: dal 2018 torna il Gp di Francia

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - La Francia torna in Formula 1. Dal 2018 tornerà nel calendario del Circus con il Gran Premio sul circuito Paul Ricard. Lo hanno annunciato in una conferenza stampa gli organizzatori presso la sede dell'Automobil Club di Francia a Parigi. L'ultimo GP transalpino nella massima serie dell'automobilismo era stato nel 2008 a Magny-Cours. Il Paul Ricard, situato nel pressi di Le Castellet, aveva ospitato la Formula 1 dal 1971 al 1990 per 14 gare.

Archivio Ultima ora