Berlusconi ricoverato a New York, processo Ruby ter rinviato

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Berlusconi ricoverato a New York, processo Ruby ter rinviato

Berlusconi ricoverato a New York, processo Ruby ter rinviato

MILANO. – Silvio Berlusconi è stato ricoverato venerdì scorso, il giorno dopo il suo 80esimo compleanno, al Presbyterian Columbia University Medical Center di New York per accertamenti che si sono resi necessari nel “decorso post operatorio” seguito al delicato intervento al cuore del giugno scorso ed è stato dimesso già oggi.

Dopo giorni di indiscrezioni e rumors sui motivi del viaggio ‘a stelle e strisce’ dell’ex premier, la notizia del nuovo ricovero è emersa a Palazzo di Giustizia a Milano, dove i legali del leader di Forza Italia, proprio sulla base di documentazione medica, hanno chiesto e ottenuto il rinvio per lui dell’udienza preliminare sul caso ‘Ruby ter’.

Intanto, dalla segreteria dello stesso Berlusconi hanno fatto sapere che l’ex premier ha anche avuto un lieve malore mentre l’aereo su cui viaggiava era in fase di atterraggio a New York City. E il medico curante, il professor Alberto Zangrillo, al suo seguito, ha disposto il trasferimento proprio al pronto soccorso del Presbyterian Hospital a cui, poi, ha fatto seguito il ricovero.

Dopo una serie di approfonditi accertamenti, che hanno escluso problemi di natura cardiovascolare, Berlusconi è stato dimesso con indicazione di rimanere a New York sotto controllo sanitario.

In Tribunale il gup Laura Marchiondelli ha accolto la richiesta di legittimo impedimento per motivi di salute presentata dai difensori dell’ex Cavaliere, gli avvocati Franco Coppi e Federico Cecconi, e ha stralciato la sua posizione, come chiesto dai pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio, da quella degli altri 23 imputati, aggiornando solo per lui l’udienza al prossimo 15 dicembre.

E proprio nei certificati medici prodotti dalla difesa per l’istanza veniva indicato che il leader di FI – che già dieci anni fa, nel 2006, era andato negli Usa dove gli era stato impiantato un pacemaker – era entrato nell’ospedale newyorchese tre giorni fa. Documentazione nella quale è stato chiarito anche che gli accertamenti erano legati a “scompensi pressori” e a “flogosi”, ossia ad una infiammazione, dovuti al decorso post operatorio. Conseguenze, dunque, di quell’intervento, definito “severo” dalla stessa difesa, di sostituzione della valvola aortica del 14 giugno scorso.

Nel frattempo, dopo lo stralcio della posizione di Berlusconi (oggi avrebbe dovuto parlare in aula la sua difesa), l’udienza preliminare davanti al gup è proseguita per gli altri 23 imputati, tra cui la stessa Ruby – accusata, così come l’ex premier, di corruzione in atti giudiziari oltre che di falsa testimonianza – e il suo ex legale, l’avvocato Luca Giuliante. Si sono conclusi gli interventi delle difese e, tra gli altri, hanno parlato i legali di Barbara Faggioli, uno delle giovani ospiti alle serate hard di Arcore, e di Maria Rosaria Rossi, parlamentare di Fi accusata di falsa testimonianza, stessa accusa contestata anche al giornalista Carlo Rossella.

Il gup, invece, nei mesi scorsi aveva trasmesso per competenza territoriale in altri sei Tribunali gli atti relativi a sette posizioni (in concorso sempre con Berlusconi), tra cui quella del cantante e storico amico dell’ex premier, Mariano Apicella.

Il prossimo 19 ottobre il gup Marchiondelli deciderà se mandare a processo o meno i 23 imputati. In teoria, dopo la decisione sui coimputati, si potrebbe porre un problema di incompatibilità del gup a pronunciarsi anche sulla posizione di Berlusconi, accusato di aver comprato con “oltre 10 milioni di euro” il silenzio o la reticenza della marocchina e delle altre ‘olgettine’ passate dalle feste a luci rosse di Arcore al banco dei testimoni. In caso di incompatibilità del gup, a dicembre (e a meno di ulteriori rinvii dell’udienza per motivi di salute) dovrebbe essere individuato un altro gup per far proseguire l’udienza preliminare a carico del leader di FI.

(di Igor Greganti e Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

11:59Don Prodi lascia parrocchia, ‘non a tutti piace la mia vita’

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Non a tutti è piaciuta o piace la mia vita; a nessuno, però, era lecito portare in pubbliche piazze valutazioni negative su di me, che hanno fatto male a me, ma soprattutto alla comunità". E' un passaggio di un testo letto da don Matteo Prodi, nipote dell'ex premier, che ieri ha annunciato dopo la messa domenicale le sue dimissioni dopo 12 anni dalla parrocchia di Ponte Ronca, frazione di Zola Predosa, nel Bolognese. Una rinuncia che, ha detto il sacerdote, oggi porterà all'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi. "Il vescovo - ha spiegato don Prodi nella lettera - mi disse già molti mesi fa che 10 anni erano abbastanza; la necessità di creare unità pastorali ha dato pure il suo contributo; ma le grandissime difficoltà che ho sperimentato, soprattutto l'ultimo anno, hanno, sicuramente, accelerato il processo". Difficoltà che non sono chiarite nel testo. L'addio non è al sacerdozio: "Io non avrò una parrocchia andrò ad officiare in zona Santa Rita di via Massarenti.(ANSA).

11:59Calcio: Conte, “certo che Italia andrà ai Mondiali 2018”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex tecnico azzurro Antonio Conte, oggi allenatore del Chelsea, è fiducioso, anzi non ha "il minimo dubbio" sulla partecipazione dell'Italia ai Mondiali del 2018 in Russia. Lo ha detto lo stesso Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. "Non ho paura -ha detto Conte in risposta a una domanda- che la nazionale italiana non vada ai Mondiali. Non ho il minimo dubbio. Si andrà agli spareggi e lì abbiamo forza sufficiente per passare. Penso non ci siano assolutamente problemi".

11:58Calcio: Champions, Conte “se passo turno,non vorrei italiane

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Se il Chelsea passa il turno a gironi della Champions, spero di non incontrare sul mio cammino squadre italiane": lo ha detto il tecnico del Chelsea Antonio Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. La Roma, che è nello stesso girone del Chelsea, secondo Conte "ha tutte le carte in regola per andare avanti. Non siamo stati fortunati nel sorteggio, il nostro è uno dei più difficili. L'Atletico Madrid ha fatto tutte le grandi competizioni negli ultimi anni, diverse finali e semifinali, ha una rosa forte. Conosco benissimo la Roma, compete per i massimi traguardi in Italia e così farà nelle altre competizioni. Noi -ha concluso Conte- siamo tornati in Champions con tanto entusiasmo e abbiamo voglia di fare del nostro meglio, ma dovremo fare la massima attenzione. Comunque, noi dobbiamo cercare di passare il turno, e poi prepararci per il sorteggio".

11:51Delegato Catalogna, pronti a negoziare fino all’ultimo

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Siamo disposti a negoziare fino all'ultimo partendo dalla condizione che il popolo catalano possa decidere". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA. "Data, quorum, censo, la domanda elettorale, siamo disposti a negoziare su tutto, ma qual è la proposta del governo spagnolo?. Rajoy ha detto no. Se c'è una volontà si puo' modificare anche la costituzione ma i popolari non hanno questa volontà politica", ha aggiunto Bellizzi.

11:45Catalogna: Puigdemont, ‘potrei essere arrestato’

(ANSA) - BARCELLONA, 25 SET - Il presidente catalano Carles Puigdemont non ha escluso di poter essere arrestato dalla polizia spagnola prima del referendum del 1/o ottobre. "Il procuratore generale lo ha ipotizzato", ha detto al programma Salvados della Sexta. "Non sarebbe una buona idea", ha aggiunto. "Ma se succederà faremo fronte a qualsiasi decisione". Puigdemont ha definito l'offensiva giudiziaria contro la Catalogna come "un fatto vergognoso, indegno di uno Stato democratico".

11:42Germania:Schulz propone Nahles capogruppo parlamentare

(ANSA) - BERLINO, 25 SET - Martin Schulz ha proposto la ministra del Lavoro uscente, Andrea Nahles, come capogruppo parlamentare dei socialdemocratici. Lo ha scritto la Dpa, citando fonti del partito, che ha già annunciato di voler andare all'opposizione. Il capogruppo uscente è Thomas Oppermann.

11:41Petry, non farò parte gruppo parlamentare AfD

(ANSA) - BERLINO, 25 SET - "Faremo opposizione in parlamento e sarà un compito gravoso, ma la nostra ambizione è andare al governo nel 2021". Lo ha detto Frauke Petry, co-portavoce federale dell'Afd, stamattina nel corso della conferenza stampa a Berlino. "Non farò parte del gruppo dell'Afd in parlamento", ha aggiunto Petry prima di lasciare la sala, ancor prima di rispondere alle domande dei giornalisti. Negli ultimi mesi si sono manifestate divisioni tra la Petry e gli altri dirigenti del partito che fa il suo ingresso in parlamento con il 13% dei consensi.

Archivio Ultima ora