Roma, volano stracci e querele su Mafia Capitale

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Raggi: conti Roma in disordine Muraro querela Renzi per diffamazione su Mafia Capitale

Raggi: conti Roma in disordine Muraro querela Renzi per diffamazione su Mafia Capitale

ROMA. – E’ guerra di querele tra il Pd e la giunta M5S di Virginia Raggi, al centro il fantasma di Mafia Capitale. L’assessora all’Ambiente Paola Muraro denuncia Matteo Renzi per le affermazioni che la collegano a imputati del processo sul presunto clan. Il presidente del Consiglio e segretario dem, irritato per la piega che sta prendendo lo scontro con i pentastellati non risponde direttamente ma lascia parlare il suo Partito che risponde con durezza querelando per diffamazione la sindaca Virginia Raggi: che al presidente del Consiglio aveva detto “non siamo mica il Pd”.

Muraro querela anche alcuni giornalisti per gli articoli degli ultimi giorni sulla sua vita privata e parla di un “linciaggio quotidiano e vergognoso subito nelle ultime settimane”. Il Pd invece risponde portando in tribunale Raggi. “Continua da tempo la pratica dell’insulto e della menzogna da parte degli esponenti del M5s – dice il tesoriere dem Francesco Bonifazi – che puntualmente, una volta chiamati a rispondere delle loro affermazioni, ricorrono a tutti i privilegi per non farsi giudicare. Un conto è il dibattito politico, un altro è diffamare”.

“Se avessero applicato lo schema Beppe Grillo a noi, pensate che cosa sarebbe potuto accadere – aveva detto Renzi – se fosse venuto fuori, come é venuto fuori, che la grande novità, la grande svolta sui rifiuti é stato consegnare il settore dei rifiuti a una donna che é totalmente collegata agli uomini chiave della vicenda Mafia Capitale”.

Allude in particolare all’ex direttore generale dell’Ama Giovanni Fiscon, assieme al quale Muraro é indagata per abuso d’ufficio per le ricche consulenze. Fiscon é imputato nel processo sul ‘Mondo di mezzo’. Muraro deve difendersi dalle accuse dei pm di Roma – é indagata anche per reati ambientali nello smaltimento dei rifiuti – che hanno smentito di aver fissato l’interrogatorio e di averne parlato con il suo legale.

Il posto in giunta resta in bilico e potrebbero con ogni probabilità averne parlato Beppe Grillo e Davide Casaleggio incontrandosi a Roma. Secondo notizie di stampa Muraro potrebbe essere mollata da Raggi – che fino ad ora l’ha sempre difesa, rivalutando il garantismo – e le sue deleghe venire affidate al neo assessore alle aziende partecipate dal Comune Massimo Colomban.

“Non mi risulta”, ha risposto la sindaca sul punto a margine di una conferenza stampa sul reperimento in bilancio di 9 milioni per la spesa sociale dei Municipi della capitale, con uno sguardo a tagli e risparmi. “La nostra attività di governo in questo primissimo periodo – ha detto – è stata dedicata alla verifica puntuale dei conti di Roma Capitale, che non sono in ordine. Abbiamo iniziato a cercare tutte quelle economie di bilancio che potessero andare a sostenere i servizi che Roma deve erogare e che troppo spesso negli anni scorsi non è stata capace di supportare a causa di sprechi”.

La sindaca difende il neo assessore al Bilancio Andrea Mazzillo, che “conosce i conti perché é con noi dal 2012” – dice – “ed é un onore averlo”. Per il senatore Pd Stefano Esposito invece Mazzillo nel 2013 faceva campagna per i dem a Ostia. E i Democratici presentano anche un’interrogazione urgente sui conti del Campidoglio, dopo la relazione della Ragioneria che parla di un buco di un miliardo.

(di Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

20:37Sinistra: Sala, modello Milano unico possibile

(ANSA) - MILANO, 7 DIC - "Credo che il modello Milano di sinistra unita sia l'unico possibile": così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato l'alleanza progressista proposta da Giuliano Pisapia. "Lo guardo con interesse - ha aggiunto arrivando alla Scala - Certo che quello spazio politico è largo e stretto. Bisogna capire chi saranno i compagni di viaggio che si aggregheranno. Comunque quello è uno spazio assolutamente prezioso".

20:34Calcio: Pisa, Petroni cede il club a Corrado

(ANSA) - PISA, 7 DIC - Carrara Holding, società proprietaria del Pisa che fa capo all'imprenditore romano Fabio Petroni, ha comunicato oggi ufficialmente di avere accettato l'offerta di acquisto presentata dal gruppo Magico di Giuseppe Corrado. Il passaggio di proprietà si formalizzerà nei prossimi giorni dopo l'approvazione del bilancio del club da parte dell'attuale proprietà. Intanto, sotto la prefettura di Pisa centinaia di tifosi toscani stanno manifestando pacificamente per chiedere che Petroni venda senza ulteriori condizioni la società. In piazza è presente anche il sindaco Marco Filippeschi e i supporter continuano ad aspettare conferme da parte dei compratori "perché già altre volte sembrava fatta e poi siamo rimasti delusi: non vorremmo che il comunicato di Carrara Holding, concordato con la Lega, servisse a farci ritirare la nostra protesta Senza una conferma ufficiale da parte di Corrado - concludono i tifosi - la prossima gara interna contro il Bari non si giocherà".

20:30Emiliano, Direzione Pd? Mortificata democrazia interna

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Come volevasi dimostrare non è stato dato alcuno spazio al dibattito durante la Direzione Nazionale che é durata pochi minuti e che é servita solo a creare la scena di una dichiarazione prevedibile e priva di volontà di dibattito politico. Convocare centinaia di persone da tutta l'Italia per confezionare una scena del genere è una mortificazione della democrazia interna e della dignità del partito. Sono senza parole". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano commentando la Direzione del Pd.

20:29Renzi, dopo consultazioni nuova direzione Pd, si decide qui

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Dopo le consultazioni al Quirinale la delegazione Pd riferirà alla direzione "perché a quel punto si possa discutere in modo democratico e chiaro del percorso da scegliere. Non ci sono soluzioni scodellate, si parla e decide qui dentro. Il Pd non fugge da democrazia e trasparenza e ha l'abitudine di non fuggire nemmeno dallo streaming". Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd.

20:25Calcio: tifosi granata, ‘vogliamo un Toro scatenato’

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - Spalti gremiti e tanto entusiasmo per l'allenamento odierno del Torino, sotto lo sguardo attento del presidente Urbano Cairo. "Vogliamo un Toro scatenato, incorniamoli", lo striscione esposto dai tifosi per spronare Belotti e compagni in vista del derby. Buone notizie anche dall'infermeria, con capitan Vives ormai "avviato verso il completo recupero", come recita il sito ufficiale della società granata.

20:16Calcio: Ancelotti, vorrei evitare il Real

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "La vittoria di ieri non ha cambiato nulla, ma era comunque importante aggiudicarci il match. Tutte le partite sono utili per ritrovarsi. Abbiamo complicato il nostro cammino nel girone con la sconfitta a Rostov. Avremmo voluto classificarci al primo posto, ma penso che non cambierà molto con il secondo posto. Non c'è tanta differenza, saranno ottavi difficili per tutti". Lo ha detto Carlo Ancelotti, allenatore del Bayern Monaco, commentando ad As l'esito finale del girone. Ancelotti teme l'esito del sorteggio degli ottavi di Champions, che si svolgerà lunedì. "Vediamo cosa succede - dice -. La Juve? Si tratta di una grande squadra e sarà al secondo turno, è sempre un'avversaria molto dura ma, come ho detto, il secondo turno sarà molto difficile per tutti". "Juve e Atletico - ha aggiunto Ancelotti - si assomigliano, sono squadre da combattimento e anche molto organizzate. La squadra bianconera ha più qualità rispetto alle stagioni passate. Spero di non affrontare il Real Madrid, preferirei evitarlo".

20:11Governo: Acli, continuare sulla strada delle riforme

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - La presidenza Acli ritiene che prima del completamento della legislatura "alcune riforme debbano necessariamente concludere il proprio iter". Tra quelle considerate più urgenti c'è la riforma della legge elettorale, ma saranno seguite con attenzione anche quella per il contrasto alla povertà (in particolare il Rei, il reddito d'inclusione), la riforma del terzo settore e la riforma della legge sulla cittadinanza. "Si tratta - sostengono le Acli - di atti che hanno avuto percorsi diversi e che devono trovare un compimento nel più breve tempo possibile". Le Acli "continueranno a seguire da vicino l'evolversi della situazione politica e si metteranno a disposizione di chi opera per pacificare il clima del Paese e restituire priorità al tema del lavoro e del welfare. Sono queste - sostiene la presidenza Acli - le condizioni necessarie affinché l'Italia possa ripartire, garantendo stabilità all'interno del quadro europeo, che rimane il nostro contesto di riferimento".

Archivio Ultima ora