Renzi aspetta proposte sull’Italicum. Si punta sugli indecisi

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Renzi aspetta proposte su Italicum, rush su indecisi

Renzi aspetta proposte su Italicum, rush su indecisi

ROMA. – Nessuna proposta di riforma dell’Italicum arriverà dal Pd. Almeno per ora. Il premier raffredda le aspettative dentro il Pd e tra i partiti e mette in fila i passaggi: “Io non faccio una nuova legge, non decido io ma siamo disponibili ad andare a vedere le carte degli altri partiti”, sostiene il premier assicurando che non c’è da parte sua alcun veto a non cambiarla.

Un cambio di marcia secondo le minoranze che bollano come “teatrino” le mosse del premier e attaccano, M5S in primis, l’Agcom rea di non consegnare alla commissione di Vigilanza i dati sulle presenze tv dei sostenitori del sì e del no. Il referendum resta la priorità del premier, convinto che, come anche dimostra il referendum in Colombia, “gli indecisi decidono” e che ridurre l’astensione favorirà il sì. I sondaggi, da ultimo quello di oggi del Corriere, danno il No in vantaggio ma Renzi non sembra preoccupato, anzi li legge in positivo.

“I sondaggi – osserva – sono tutti simili: il 50 per cento ha deciso, il 50 no. E’ tutto aperto. I no in vantaggio? Se ragiono sui partiti, quelli favorevoli alla riforma sono al 35 per cento, gli altri al 65. Se dunque si è al 50 e 50 allora abbiamo già recuperato molto”.

L’obiettivo dichiarato del premier è convincere gli elettori di Fi e M5S a votare sì e la strategia è una campagna a tappeto sul merito della riforma. Con molti ‘scontri’ diretti con i sostenitori del No mentre la manifestazione del 29 ottobre a Piazza del Popolo servirà per “riprendersi” la storica piazza della sinistra e lanciare un messaggio all’Europa.

“Io ho fatto un errore all’inizio a personalizzare il referendum ma qualcun’altro persevera, è interesse di altri buttarla sul governo”, reagisce il leader Pd ospite di Radio Popolare, la “fossa dei leoni” dove molti ascoltatori non la pensano come il premier.

D’accordo con Renzi, pur dal versante opposto, è Stefano Parisi: Non va bene “se il centrodestra dice che vota no solo contro Renzi”, ma va bene “se spiega che siamo noi i veri riformatori”. Difficile, invece, che il premier si troverà d’accordo con Massimo D’Alema, anche lui impegnato in un tour per le ragioni del No. A finire nell’agone tra il premier e l’ex ministro è la paternità del Titolo V. “La riforma non stravolge la Costituzione, dei 47 articoli su cui interveniamo la maggioranza riguarda il Titolo V che ha fatto D’Alema e non i partigiani”. Immediata la replica di D’Alema: “Non è vero, la riforma del Titolo V fu fatta con Amato premier, capisco che Renzi non voglia nominarlo perchè è membro della Corte Costituzionale e se la prende con me ma i fatti sono inconfutabili”.

Quanto all’Italicum, il premier non vede alcuna incongruenza nelle sue affermazioni. “Non facciamo proposte perchè se no a forza di leggi elettorali si fa il carciofo con le opposizioni che sanno solo dire no alle nostre proposte”, spiega Renzi. Ma al vertice del Pd sono convinti che, una volta capiti gli orientamenti degli altri partiti, il premier potrebbe dare una sterzata improvvisa presentando una proposta anche prima del referendum.

E per stanare Fi e Lega, i dirigenti dem fanno presente i rischi di non aver più potere in capitolo per fare modifiche se Renzi vincesse il referendum. Uno scenario che, secondo il ministro Padoan, favorirebbe la stabilità dell’Italia anche sul fronte economico. Con il ‘no’, sostiene il titolare di via XX Settembre, ci sarà “una crisi di sfiducia” mentre “il ‘sì’ sarebbe un elemento catalizzatore di tutto il processo di riforme”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

21:04Calcio: Genoa, Pandev, contro Roma occasione per fare punti

(ANSA) - GENOVA, 23 NOV - "Quest'anno in casa non abbiamo ancora vinto, domenica avremo una bella occasione". Goran Pandev è fiducioso in vista della prossima sfida del Genoa. Nonostante il valore dell'avversario, la Roma, l'attaccante macedone è convinto che questo Genoa possa fare punti. "Sarà una partita difficile, ma dobbiamo fare punti in casa. Un tempo giocare davanti al nostro pubblico era la nostra forza e deve ritornare a esserlo. La Roma è una grande squadra, ma ci stiamo preparando e allenando bene". L'arrivo di Ballardini sembra aver dato la scossa tanto attesa. "L'allenatore ci dà tranquillità e ci fa sentire tutti importanti - ha aggiunto Pandev -, ora dipende tutto da noi. Il nostro rapporto? Quando è arrivato alla Lazio io già non mi allenavo più con il gruppo. Qui ci siamo parlati e ora lavoriamo per il bene del Genoa". Sulla stessa linea anche Ervin Zukanovic. "Ballardini è entrato nelle nostre teste - ha detto il difensore - ed è cambiato qualche cosa, ora siamo più solidi. La Roma? E' forte, ma ci serve vittoria".

21:03Stadio Roma: verso ok con prescrizioni

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Si terrà domani l'ultima riunione della conferenza dei servizi sullo stadio della Roma. I pareri delle istituzioni coinvolte giunti alla Regione Lazio, a quanto si apprende, delineano uno ok all'impianto a Tor di Valle con prescrizioni. La riunione di domani si preannuncia articolata in quanto dovrà dirimere le eventuali contraddizioni tra le diverse prescrizioni arrivando ad una quadra unitaria. E' possibile infatti che la riunione non termini domani ma prosegua in altra giornata. Dopo il parere favorevole annunciato ieri dal Comune, anche la Città Metropolitana fa sapere che domani consegnerà in "un parere unico di assenso". I tecnici della ex Provincia hanno espresso "pareri con prescrizioni e condizioni che gli stessi dipartimenti e servizi ritengono tecnicamente superabili, il che ha consentito l'espressione di un parere unico di assenso", spiega la Città Metropolitana.

20:57Figc: Cairo, il calcio italiano va rifondato velocemente

(ANSA) - TORINO, 23 NOV - "Il calcio va rifondato velocemente". Lo ribadisce il presidente del Torino, Urbano Cairo, a margine della presentazione del Corriere Torino, il nuovo dorso torinese del Corriere della Sera, in edicola da domani. "Fare previsioni è molto difficile - aggiunge il patron dei granata -. Intanto, vediamo come va l'assemblea in Lega calcio e se riusciamo a eleggere i nostri organi di governo. Da lì tutto conseguirà. Tavecchio ha dato le dimissioni e credo ci siano 90 giorni di tempo per convocare l'assemblea, per cui vedremo come evolveranno le cose".

20:56Azzurri: l’auspicio di Tronchetti Provera

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Mi auguro che la Nazionale azzurra riprenda un cammino che le permetta di essere competitiva come meritano tutti i tifosi italiani". E' l'auspicio per il futuro del calcio italiano fatto da Marco Tronchetti Provera, ad Pirelli, intervenuto sul tema a margine della premiazione per gli Oscar di bilancio 2017, in programma a Milano.

20:52Corea Nord:’16 obiettivi nel mirino, da Casa Bianca a Tokyo’

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Se la Corea del Nord decidesse di lanciare un attacco nucleare preventivo, avrebbe almeno 16 obiettivi da colpire. Lo stima uno studio del think-tank European Council on Foreigni Relations (Ecfr) basato su materiale e fonti nordcoreane. In cima all'elenco le "maggiori città statunitensi", "Manhattan, la Casa Bianca e il Pentagono", i maggiori centri della Corea del Sud e quelli del Giappone -incluse Tokyo e Seul - le basi americane nel Pacifico, così come le portaerei a capacità nucleare. Lo studio avverte tuttavia che, secondo le fonti nordcoreane, l'approccio di Pyongyang al nucleare è parte di una strategia "difensiva" e non "offensiva".

20:36Calcio: Ranieri, lite a distanza con Domenech

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Con Raymond Domenech la polemica è sempre dietro l'angolo. Stavolta la lite a distanza è con Claudio Ranieri, al quale l'ex ct francese ha dedicato un tweet velenoso, dopo averlo in passato osteggiato, ritenendolo troppo anziano per guidare una squadra della Ligue 1: "Alla fine la strategia del doppio pullman Mercedes non ha fatto meglio delle piccole 2 cv", con tanto di faccina sorridente e risultato (4-1, riferito alla sconfitta del Nantes del tecnico romano contro il PSG). "Le critiche le accetto, perché aiutano a crescere, ma dipende anche da chi le fa - ha replicato Ranieri - Non accetto, però, l'ironia dal capo della nostra categoria. Non c'è etica nel suo comportamento. Domenech magari lo ascolto, se c'è da parlare di pullman. Oppure di teatro. Ma non certo quando si parla di calcio. In realtà, ne ho già parlato troppo. Io sulla panchina dell'Italia? Penso che prenderanno qualcun altro. Sto bene qui e penso solo al Nantes".

20:32Tumori inesistenti: Ordine medici apre indagine interna

(ANSA) - NUORO, 23 NOV - L'Ordine dei medici Nuoro-Ogliastra apre un'indagine interna sui fatti che riguardano la dottoressa di Tertenia Alba Veronica Puddu, di 48 anni, dopo la bufera mediatica scatenata dalla trasmissione Tv Le Iene, in onda domenica scorsa: la professionista avrebbe curato "tumori inesistenti" e altre patologie, nel suo studio di medicina estetica, con gli ultrasuoni. Alcuni pazienti sarebbero morti, mentre un pensionato avrebbe perso una gamba. "Prima di decidere su eventuali provvedimenti disciplinari - spiega all'ANSA la presidente dell'Ordine Maria Giobbe, che ieri sera ha convocato il direttivo - abbiamo deciso di approfondire la questione che non può essere liquidata in due ore di riunione. Abbiamo già chiesto a Mediaset di poter acquisire il filmato integrale della trasmissione. Inoltre vorremmo sentire sia i pazienti sottoposti a queste cure sia la stessa dottoressa". Alba Veronica Puddu ha già dato la sua versione e si è difesa: "Non ho mai diagnosticato tumori all'inviato delle Iene e non ho dato assenso alla pubblicazione del filmato, che è stato manipolato - ha raccontato ieri all'ANSA -. Ho dato mandato al mio legale per tutelarmi nelle sedi opportune". L'Ordine dei medici era già a conoscenza di alcune delle cure prescritte dalla dottoressa Puddu. "Le prime segnalazioni erano arrivate nel 2015 - ricostruisce la presidente -. Ciò che era arrivato alla nostra attenzione in quell'occasione non riguardava tumori o patologie gravi, ma cose di minor peso. Per questo motivo l'Ordine non ha dato corso a provvedimenti. Per contro i fatti più gravi li stiamo apprendendo in questi giorni dalla stampa, non dai pazienti e familiari interessati. Per questo è d'obbligo da parte nostra un serio approfondimento". (ANSA).

Archivio Ultima ora