Renzi aspetta proposte sull’Italicum. Si punta sugli indecisi

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Renzi aspetta proposte su Italicum, rush su indecisi

Renzi aspetta proposte su Italicum, rush su indecisi

ROMA. – Nessuna proposta di riforma dell’Italicum arriverà dal Pd. Almeno per ora. Il premier raffredda le aspettative dentro il Pd e tra i partiti e mette in fila i passaggi: “Io non faccio una nuova legge, non decido io ma siamo disponibili ad andare a vedere le carte degli altri partiti”, sostiene il premier assicurando che non c’è da parte sua alcun veto a non cambiarla.

Un cambio di marcia secondo le minoranze che bollano come “teatrino” le mosse del premier e attaccano, M5S in primis, l’Agcom rea di non consegnare alla commissione di Vigilanza i dati sulle presenze tv dei sostenitori del sì e del no. Il referendum resta la priorità del premier, convinto che, come anche dimostra il referendum in Colombia, “gli indecisi decidono” e che ridurre l’astensione favorirà il sì. I sondaggi, da ultimo quello di oggi del Corriere, danno il No in vantaggio ma Renzi non sembra preoccupato, anzi li legge in positivo.

“I sondaggi – osserva – sono tutti simili: il 50 per cento ha deciso, il 50 no. E’ tutto aperto. I no in vantaggio? Se ragiono sui partiti, quelli favorevoli alla riforma sono al 35 per cento, gli altri al 65. Se dunque si è al 50 e 50 allora abbiamo già recuperato molto”.

L’obiettivo dichiarato del premier è convincere gli elettori di Fi e M5S a votare sì e la strategia è una campagna a tappeto sul merito della riforma. Con molti ‘scontri’ diretti con i sostenitori del No mentre la manifestazione del 29 ottobre a Piazza del Popolo servirà per “riprendersi” la storica piazza della sinistra e lanciare un messaggio all’Europa.

“Io ho fatto un errore all’inizio a personalizzare il referendum ma qualcun’altro persevera, è interesse di altri buttarla sul governo”, reagisce il leader Pd ospite di Radio Popolare, la “fossa dei leoni” dove molti ascoltatori non la pensano come il premier.

D’accordo con Renzi, pur dal versante opposto, è Stefano Parisi: Non va bene “se il centrodestra dice che vota no solo contro Renzi”, ma va bene “se spiega che siamo noi i veri riformatori”. Difficile, invece, che il premier si troverà d’accordo con Massimo D’Alema, anche lui impegnato in un tour per le ragioni del No. A finire nell’agone tra il premier e l’ex ministro è la paternità del Titolo V. “La riforma non stravolge la Costituzione, dei 47 articoli su cui interveniamo la maggioranza riguarda il Titolo V che ha fatto D’Alema e non i partigiani”. Immediata la replica di D’Alema: “Non è vero, la riforma del Titolo V fu fatta con Amato premier, capisco che Renzi non voglia nominarlo perchè è membro della Corte Costituzionale e se la prende con me ma i fatti sono inconfutabili”.

Quanto all’Italicum, il premier non vede alcuna incongruenza nelle sue affermazioni. “Non facciamo proposte perchè se no a forza di leggi elettorali si fa il carciofo con le opposizioni che sanno solo dire no alle nostre proposte”, spiega Renzi. Ma al vertice del Pd sono convinti che, una volta capiti gli orientamenti degli altri partiti, il premier potrebbe dare una sterzata improvvisa presentando una proposta anche prima del referendum.

E per stanare Fi e Lega, i dirigenti dem fanno presente i rischi di non aver più potere in capitolo per fare modifiche se Renzi vincesse il referendum. Uno scenario che, secondo il ministro Padoan, favorirebbe la stabilità dell’Italia anche sul fronte economico. Con il ‘no’, sostiene il titolare di via XX Settembre, ci sarà “una crisi di sfiducia” mentre “il ‘sì’ sarebbe un elemento catalizzatore di tutto il processo di riforme”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

13:59Pd: Cuperlo, anche su percorso Renzi insufficiente

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Per quanto riguarda il percorso ancora una volta sono colpito dalla insufficienza di un segretario, per quanto dimissionario. Era evidente che anche sui tempi della nostra discussione poteva e potrebbe esserci un recupero di fiducia di tanti iscritti, militanti, elettori turbati da una spaccatura che fino all'ultimo non si è voluto evitare". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:56Pd: Cuperlo, 4 marzo SinistraDem decide posizione Congresso

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Come SinistraDem, con altre compagne e compagni, decideremo come stare nel congresso in un'assemblea convocata per sabato 4 marzo a Roma. Lo faremo in coerenza con le opinioni e battaglie di questi anni guardando a contenuti e valori di una alternativa alla stagione che ci siamo lasciati alle spalle". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:46Pallavolo: Tifanny al Brescia, trans? Che sappiano giocare

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Il Brescia può andare dove vuole, l'importante è che prenda tre che sappiano giocare...": è realista ed elegante al tempo stesso la replica a distanza di Tifanny Pereira da Abreu alla polemica aperta dalla società di pallavolo femminile del Millenium Brescia che, temendo derive in un ambito ancora non regolamentato, aveva lanciato la provocazione di andare in Brasile ad ingaggiare giocatori trans per vincere il campionato. "Non è che sai giocare bene a pallavolo solo perché sei trans - spiega a Sky Sport la Pereira, schiacciatrice diventata donna con un intervento nel 2014 e ora in forza al club di A2 della Golem Palmi - Conta il talento, devi saper giocare. E il talento lo possono avere sia un uomo, sia una donna, sia un trans. La mia essenza è di donna: io ho cambiato per me, per il mio essere. La pallavolo è il mio lavoro". La brasiliana 32enne ha giocato domenica scorsa la sua prima partita nel campionato italiano. Palmi e Brescia, in lotta per un posto nei playoff, si affronteranno il 12 marzo.

13:41Migranti: striscione centro sociale a forum con sindaco Sala

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - 'Milano come Barcellona. Nessuno illegale' è la scritta sullo striscione che gli antagonisti del Cantiere hanno srotolato all'ingresso del teatro Elfo Puccini dove è in corso il sesto forum delle politiche sociali. I rappresentanti del Cantiere, una trentina, avrebbero voluto entrare in sala per fare un intervento. Ma la sala era già stata chiusa perché troppo piena. Così con il megafono hanno spiegato di essere d'accordo con l'assessore Pierfrancesco Majorino che ha lanciato nei giorni scorsi l'idea di una manifestazione contro il razzismo come quella che si è svolta a Barcellona. Una manifestazione che secondo loro deve essere contro il decreto Minniti. "Se nessuno è illegale - hanno detto - ci aspettiamo che il Comune di Milano non riconosca il reato di clandestinità e blocchi le deportazioni". In quel momento è entrato il sindaco Giuseppe Sala, a cui gli antagonisti hanno urlato, prima che entrasse al forum, "sindaco, vogliamo vederla in manifestazione".

13:39Danimarca: prima incriminazione per blasfemia dal 1971

(ANSA) - COPENHAGEN, 23 FEB - Un uomo di 42 anni è stato incriminato per blasfemia nel Nord della Danimarca, per avere, secondo l'accusa, dato alle fiamme una copia del Corano e poi postato il relativo video nel suo profilo Facebook. Lo ha reso noto un procuratore danese, Jan Reckendorff, precisando che è la prima volta sin dal 1971 che qualcuno viene incriminato in Danimarca per aver "irriso pubblicamente la dottrina o il culto di una comunità religiosa", un reato, ha aggiunto, punibile con pene fino a quattro mesi di reclusione o con una ammenda. L'uomo, ha detto ancora Reckendorff senza rivelarne l'identità, ha bruciato la copia del Corano nel suo cortile, riprendendo l'azione in un video che hai poi postato il 27 dicembre del 2015 in una pagina Facebook anti-islamica. La data del processo non è stata ancora fissata.

13:34Cuba: governo vieta ingresso a segretario Osa Almagro

(ANSA) - L'AVANA, 23 FEB - Il segretario generale dell' Organizzazione degli Stati Americani (Osa) Luis Almagro, l'ex presidente messicano Felipe Calderon e l'ex ministra cilena Mariana Aylwin si sono visti proibire l'ingresso a Cuba, dove dovevano partecipare ad un omaggio a Oswaldo Payà, il dissidente morto nel 2012. Almagro, ex ministro degli Esteri del governo uruguayano di José "Pepe" Mujica, ha spiegato che le autorità dell'isola non gli hanno concesso un visto di ingresso con il suo passaporto ufficiale Osa e si sono negate a lasciarlo entrare con i suoi documenti uruguayani, malgrado per i cittadini di questo paese non sia necessario un visto. I governi di Messico e Cile, da parte loro, hanno espresso il loro "rammarico" per la decisione del governo di Raul Castro, sottolineando che né Calderon né Aylwin "rappresentano un rischio per il popolo o le autorità cubane".

13:31Siria: al via colloqui di Ginevra tra governo e opposizioni

(ANSAMed) - BEIRUT, 23 FEB - Sono cominciati a Ginevra i colloqui mediati dall'Onu tra governo e opposizioni siriane. Lo riferiscono i media panarabi, riportando lo scetticismo delle parti e dello stesso inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan De Mistura. La delegazione delle opposizioni aveva ieri chiesto di poter avere colloqui diretti, ma non vi sono ancora certezze su come si svolgeranno gli incontri. Si tratta del quarto round di colloqui mediati in Svizzera dalle Nazioni Unite. Finora nessun incontro è riuscito ad avvicinare le parti. Tra due settimane si celebrerà il sesto anniversario dello scoppio delle proteste popolari in Siria e della conseguente repressione governativa, eventi che hanno gradualmente spinto il Paese mediorientale verso una guerra civile con dimensioni regionali e internazionali e con effetti catastrofici sul piano umanitario.

Archivio Ultima ora