Renzi aspetta proposte sull’Italicum. Si punta sugli indecisi

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Renzi aspetta proposte su Italicum, rush su indecisi

Renzi aspetta proposte su Italicum, rush su indecisi

ROMA. – Nessuna proposta di riforma dell’Italicum arriverà dal Pd. Almeno per ora. Il premier raffredda le aspettative dentro il Pd e tra i partiti e mette in fila i passaggi: “Io non faccio una nuova legge, non decido io ma siamo disponibili ad andare a vedere le carte degli altri partiti”, sostiene il premier assicurando che non c’è da parte sua alcun veto a non cambiarla.

Un cambio di marcia secondo le minoranze che bollano come “teatrino” le mosse del premier e attaccano, M5S in primis, l’Agcom rea di non consegnare alla commissione di Vigilanza i dati sulle presenze tv dei sostenitori del sì e del no. Il referendum resta la priorità del premier, convinto che, come anche dimostra il referendum in Colombia, “gli indecisi decidono” e che ridurre l’astensione favorirà il sì. I sondaggi, da ultimo quello di oggi del Corriere, danno il No in vantaggio ma Renzi non sembra preoccupato, anzi li legge in positivo.

“I sondaggi – osserva – sono tutti simili: il 50 per cento ha deciso, il 50 no. E’ tutto aperto. I no in vantaggio? Se ragiono sui partiti, quelli favorevoli alla riforma sono al 35 per cento, gli altri al 65. Se dunque si è al 50 e 50 allora abbiamo già recuperato molto”.

L’obiettivo dichiarato del premier è convincere gli elettori di Fi e M5S a votare sì e la strategia è una campagna a tappeto sul merito della riforma. Con molti ‘scontri’ diretti con i sostenitori del No mentre la manifestazione del 29 ottobre a Piazza del Popolo servirà per “riprendersi” la storica piazza della sinistra e lanciare un messaggio all’Europa.

“Io ho fatto un errore all’inizio a personalizzare il referendum ma qualcun’altro persevera, è interesse di altri buttarla sul governo”, reagisce il leader Pd ospite di Radio Popolare, la “fossa dei leoni” dove molti ascoltatori non la pensano come il premier.

D’accordo con Renzi, pur dal versante opposto, è Stefano Parisi: Non va bene “se il centrodestra dice che vota no solo contro Renzi”, ma va bene “se spiega che siamo noi i veri riformatori”. Difficile, invece, che il premier si troverà d’accordo con Massimo D’Alema, anche lui impegnato in un tour per le ragioni del No. A finire nell’agone tra il premier e l’ex ministro è la paternità del Titolo V. “La riforma non stravolge la Costituzione, dei 47 articoli su cui interveniamo la maggioranza riguarda il Titolo V che ha fatto D’Alema e non i partigiani”. Immediata la replica di D’Alema: “Non è vero, la riforma del Titolo V fu fatta con Amato premier, capisco che Renzi non voglia nominarlo perchè è membro della Corte Costituzionale e se la prende con me ma i fatti sono inconfutabili”.

Quanto all’Italicum, il premier non vede alcuna incongruenza nelle sue affermazioni. “Non facciamo proposte perchè se no a forza di leggi elettorali si fa il carciofo con le opposizioni che sanno solo dire no alle nostre proposte”, spiega Renzi. Ma al vertice del Pd sono convinti che, una volta capiti gli orientamenti degli altri partiti, il premier potrebbe dare una sterzata improvvisa presentando una proposta anche prima del referendum.

E per stanare Fi e Lega, i dirigenti dem fanno presente i rischi di non aver più potere in capitolo per fare modifiche se Renzi vincesse il referendum. Uno scenario che, secondo il ministro Padoan, favorirebbe la stabilità dell’Italia anche sul fronte economico. Con il ‘no’, sostiene il titolare di via XX Settembre, ci sarà “una crisi di sfiducia” mentre “il ‘sì’ sarebbe un elemento catalizzatore di tutto il processo di riforme”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

18:59F1: Renault conferma, Kubica proverà la RS17

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Con un tweet sul proprio profilo la Renault ha confermato che Robert Kubica proverà la RS17 durante i test che la Formula 1 svolgerà all'Hungaroring dopo il Gp d'Ungheria. La giornata prevista per i test del pilota polacco è la prima, martedì 1 agosto. Il 2 scenderà in pista Nicholas Latifi, test driver e guida di punta della Renault Academy. Cyril Abiteboul, direttore generale F1 di Renault, ha spiegato che il test permetterà alla scuderia di valutare pienamente le attuali capacità di Kubica e quante probabilità abbia "di tornare alle competizioni nei prossimi anni".

18:57Incendi, evacuato stabilimento Fiat Termoli, chiusa A14

(ANSA) - TERMOLI (CAMPOBASSO), 24 LUG - Lo stabilimento della Fiat Termoli è stato evacuato a causa di un vasto incendio che si è sprigionato tre le sterpaglie del Nucleo Industriale di Termoli. Ad andare a fuoco è stata una tensostruttura in plastica che conteneva materiale non produttivo. Le fiamme si sono propagate rapidamente lambendo numerose aziende del polo 'Valle Biferno'. Autostrada A14 chiusa per circa 20 km in entrambe le direzioni tra Vasto Sud (Chieti) e Poggio Imperiale (Foggia) a causa del fumo prodotto da un incendio divampato in aree adiacenti all'autostrada; chiusa la Ss 87, all'altezza dello svincolo dell'A/14 e tratti della ss 16 Adriatica e della ss 647 Fondo Valle del Biferno.

18:49Incendi: fiamme a Oristano, bloccata strada per spiagge

(ANSA) - ORISTANO, 24 LUG - Il denso fumo che si è levato da due distinti incendi, a distanza di pochi chilometri l'uno dall'altro, ha provocato la chiusura temporanea della strada provinciale che collega la borgata marina di Torregrande alle spiagge del Sinis di Cabras, nell'Oristanese. Le fiamme, alimentate anche dal forte vento di maestrale che da questa mattina sta spazzando la Sardegna, hanno interessato alcune decine di ettari di terreno incolto, canneti e siepi. Il rogo si è avvicinato pericolosamente a un agriturismo e a un impianto per la lavorazione del riso. La strada provinciale è stata chiusa per un tratto e il traffico veicolare è stato bloccato e deviato. Sul posto hanno operato diverse squadre dei Vigili del fuoco, del Corpo Forestale gli operatori di Forestas. (ANSA).

18:46Migranti:concluso a Tunisi vertice gruppo contatto Africa-Ue

(ANSAmed) - TUNISI, 24 LUG - La Tunisia sta lavorando alla preparazione di piani e programmi per assicurare la sicurezza dei porti e delle frontiere marittime e terrestri ma sottolinea la necessità della cooperazione di tutti i paesi coinvolti nel contrasto al fenomeno della migrazione irregolare nel Mediterraneo centrale. Lo rende noto un comunicato del ministero dell'Interno tunisino al termine della seconda riunione ministeriale del Gruppo di contatto Europa-Africa per la rotta del Mediterraneo centrale al quale ha partecipato anche il ministro dell'Interno Marco Minniti. Al summit hanno preso parte i ministri dell'Interno di Algeria, Austria, Ciad, Egitto, Francia, Germania, Italia,Libia, Mali, Malta, Niger, Slovenia, Svizzera e Tunisia, con l'aggiunta dell'Estonia che detiene la presidenza di turno dell'Ue e il commissario europeo per la Migrazione e gli affari interni, Dimitris Avramopoulos.

18:44Bersani, pronti a confronto con Pd ma se cambia radicalmente

(ANSA) - PALERMO, 24 LUG - "Da questa vicenda si intravede qual è il problema, abbiamo tantissima gente che ci guarda, molta davvero, e ha bisogno di avere un messaggio politico chiaro. Pronti a discutere col Pd solo se il Pd accetta di discutere un radicale cambio delle cose viste finora. Se diciamo tutti insieme così, possiamo abbracciare chi vogliamo". Così Pierluigi Bersani, leader di Art.1-Mdp, ai cronisti a margine di una convention del movimento.

18:41Partito Kaczynski, sorpresi da veto Duda

(ANSA) - VARSAVIA, 24 LUG - Reazione contrapposte sul fronte politico al veto del presidente Andrzej Duda alla controversa riforma della giustizia. L'opposizione ha sottolineato che la decisione del presidente di rimandare al parlamento due delle tre leggi che eliminavano l'autonomia della magistratura e' "il passo verso la giusta direzione". Al contrario, il partito (Pis) di Jaroslaw Kaczynski, al governo da due anni in Polonia, non nasconde che e' stato sorpreso dalla sua decisione. Jacek Sasin ha affermato che la decisione odierna potrebbe "rimandare per tanto tempo tale riforma". "La decisione del presidente è il segno di riconoscimento per tanta gente che da diversi giorni ha protestato chiedendo il veto", ha detto Kamila Gasiuk Pihowicz del partito Nowoczesna facendo appello al capo dello stato perché organizzi una 'tavola rotonda' con i rappresentanti di diverse organizzazioni di avvocati e giudici e riflettere insieme sulle riforme necessarie per rendere piu' snella la magistratura polacca.

18:35Calcio: Tonelli verso il Torino, vicina intesa col Napoli

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Sembra in dirittura d'arrivo la trattativa tra il Torino e il Napoli per il trasferimento in granata di Lorenzo Tonelli. Il difensore, che in azzurro ha trovato poco spazio, è tra i rinforzi chiesti da Mihajlovic per il reparto arretrato, la scorsa stagione vero e proprio punto debole del Torino. L'arrivo dell'ex Empoli escluderebbe quello di Paletta dal Milan, l'altro giocatore nel mirino del club di Urbano Cairo.

Archivio Ultima ora