Lampedusa ricorda la strage del 3 ottobre di tre anni fa

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Le croci realizzate con il legno dei barconi dei migranti dal falegname e consigliere comunale lampedusano Franco Tuccio, 10 ottobre 2013.  Centocinquanta croci sono state commissionate dalla diocesi di Milano in occasione del rito cristiano e musulmano che si terra' nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio del 3 ottobre. ANSA / CORRADO LANNINO

Le croci realizzate con il legno dei barconi dei migranti dal falegname e consigliere comunale lampedusano Franco Tuccio, 10 ottobre 2013.
Centocinquanta croci sono state commissionate dalla diocesi di Milano in occasione del rito cristiano e musulmano che si terra’ nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio del 3 ottobre. ANSA / CORRADO LANNINO

LAMPEDUSA (AGRIGENTO). – Nel giorno in cui circa 6.000 migranti sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia, e nove sono morti durante la traversata, diversi sono tornati sull’isola che li ha salvati per ricordare i familiari e i compagni di viaggio che non ce l’hanno fatta e sono annegati quel tragico 3 ottobre di tre anni fa, quando erano ormai a poche miglia da Lampedusa.

Una strage con 368 morti divenuta un simbolo non solo per il numero delle vittime, ma anche perché segnò uno spartiacque nella politica europea sui migranti. “Una ferita aperta nella coscienza di ciascuno di noi e che costituisce tuttora un monito per l’Europa intera”, ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricordando l’importanza di istituire nell’anniversario di quella sciagura la Giornata dei migranti.

“La portata inedita, e per certi aspetti epocale, delle migrazioni nel Mediterraneo non può certo essere trattata con cecità dalle classi dirigenti e con indifferenza dalle opinioni pubbliche”, ha ammonito il capo dello Stato. Tante tragedie, troppe. Perchè “quasi ogni giorno è il 3 ottobre 2013”, ha ricordato il presidente del Senato, Pietro Grasso. E tutti noi “siamo moralmente chiamati in causa” perché “per ogni singola vita perduta muore la nostra umanità”.

Sono stati proprio i superstiti di quella tragedia di ottobre ad aprire la marcia che ha attraversato le strade di Lampedusa (dove durante la cerimonia è sbarcato un barchino con 12 migranti partiti dalla Tunisia) per concludersi davanti alla Porta d’Europa, il monumento costruito per commemorare i migranti morti in mare. Alla testa del corteo un grande cartello con la scritta “Proteggere le persone, non i confini” e il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini, con la fascia tricolore, che in questi anni è stata sempre in prima fila nella difesa dei diritti di profughi e rifugiati.

Sull’isola anche 200 studenti giunti da tutta Europa per partecipare a workshop tematici nell’ambito del progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”, un’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione presente con il sottosegretario Davide Faraone. Al termine della marcia si è svolta una cerimonia in mare in ricordo di tutte le vittime dell’immigrazione con il ministro dell’Interno Angelino Alfano, che da una motovedetta della Guardia Costiera ha lanciato una corona nella zona dove avvenne il naufragio.

“Tre anni fa – ha osservato il ministro – era solo una tragedia italiana oggi è una giornata europea”. “Noi non sappiamo se sono profughi o no quando li salviamo, ma sappiamo che dobbiamo salvarli”, ha aggiunto. “L’Europa – ha detto ancora – è ad un bivio decisivo: o ci si salva tutti con severità, rispettando le regole oppure sarà un fallimento”. E “l’Europa – ha aggiunto – aveva deciso di ricollocare i profughi e gli Stati hanno sottoscritto quei patti, anche se non tutti li stanno rispettando. Un atteggiamento che io considero grave”.

Un’analisi condivisa anche dalla presidente della Camera, Laura Boldrini: “L’Italia continua a prodigarsi in una straordinaria azione di soccorso – ha sottolineato – ma l’accoglienza non può coinvolgere soltanto un esiguo numero di Paesi europei. C’è bisogno che tutti gli Stati dell’Unione condividano la propria quota di responsabilità, come condividono le risorse che dall’Ue arrivano”.

Secondo l’Alto commissariato Onu per i rifugiati sono oltre 11.400 le persone morte nel Mediterraneo dal 3 ottobre 2013 ad oggi. “Solo quest’anno, sono 3.498 le persone che hanno perso la vita nel Mediterraneo nel disperato tentativo di trovare salvezza in Europa”, ha evidenziato Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr per il Sud Europa, anche lei presente a Lampedusa.

Quest’anno hanno attraversato il mar Mediterraneo, finora, oltre 300 mila persone, il 28% sono bambini, molti dei quali non accompagnati. Un flusso senza sosta che è proseguito anche oggi: nelle ultime ore sono state 39 le imbarcazioni soccorse nel Canale di Sicilia dalle navi della Guardia Costiera, della Marina Militare e delle Ong: circa 6.000 le persone salvate. Ma pure stavolta, purtroppo, qualcuno non ce l’ha fatta. Sono nove i cadaveri di migranti recuperati dai soccorritori: sette erano su uno stesso barcone, uno su un’altra imbarcazione, mentre un’altra persona, recuperata in gravi condizioni, è morta mentre veniva trasportata verso la terraferma.

Ultima ora

15:53Calcio: Prandelli ancora un flop, via anche dall’Al Nasr

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - E' finita con un divorzio consensuale l'esperienza di Cesare Prandelli al club calcistico di Dubai Al Nasr, dove era giunto lo scorso maggio. L'annuncio è stato dato dalla stessa società all'indomani dell'eliminazione della squadra negli ottavi di finale della Presidents Cup ad opera del Dibba Al Fujairah. La panchina è stata affidata al serbo Ivan Jovanovic, che torna al club emiratino dopo un'esperienza di tre anni tra il 2013 e il 2013. Prandelli, 60 anni, era reduce da esperienze non brillanti al Galatasaray, che lo ha esonerato dopo pochi mesi nell'autunno 2014, e al Valencia, che l'allenatore ha lasciato a fine dicembre 2016 dimettendosi dopo tre mesi di gestione.

15:47Adozione per figlio coppia aggressioni con acido

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Cassazione ha confermato l'adottabilità del bambino nato dalla relazione tra Martina Levato e Alexander Boettcher, i due giovani responsabili delle aggressioni all'acido messe a segno a Milano. La Suprema Corte ha respinto anche i ricorsi dei nonni del bambino che si proponevano come adottanti. Martina Levato nel ricorso in Cassazione aveva chiesto di dichiarare illegittima la sentenza con cui la Corte d'Appello di Milano, lo scorso marzo, ha confermato l'adottabilità del piccolo. Nel ricorso i legali scrivevano che a "nessun figlio minore", nemmeno nel caso di Annamaria Franzoni, "è stato riservato il trattamento (discriminatorio e privativo del diritto alla propria identità personale e familiare)" applicato al bimbo partorito nell'agosto 2015 da Martina Levato, l'ex studentessa bocconiana condannata a 20 anni per le aggressioni con l'acido. La difesa della Levato ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell'Uomo (Cedu).

15:31Maroni, Bongiorno? Io e Bossi combattevamo Andreotti

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - "Giulia Bongiorno dice: 'Questa Lega nazionale l'avrebbe approvata anche Andreotti'. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti". Lo ha scritto Roberto Maroni commentando su Twitter le parole della neo-candidata della Lega, Giulia Bongiorno.

15:20Figc: Malagò, Club Italia a Buffon? Perchè no

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Buffon al Club Italia? Mettere un giocatore in quel ruolo sarebbe una cosa logica". Lo ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l'ipotesi di affidare il Club Italia a Buffon. "Gigi è una persona alla quale farei fare tutto - ha aggiunto il numero uno dello sport italiano parlando della sfida elettorale tra Sibilia, Tommasi e Gravina a margine di un convegno organizzato da Figc e Ussi all'Acqua Acetosa - ma bisogna capire cosa ha deciso di fare da grande. Il 29 gennaio ci saranno le elezioni della Figc: Buffon ha manifestato certe intenzioni per fine stagione, ma c'è anche la possibilità che continui a giocare, una cosa che mi augurerei da suo tifoso personale". "Al momento io osservo attentamente - ha concluso Malagò - sono uno spettatore molto interessato. Chi farà bottino pieno? Mi sembra un parolone, perché per fare bottino pieno servono numeri e consensi importanti, che tra l'altro sarebbero indispensabili in un momento come questo".

15:19C.destra: Udc-Nci, vicini a accordo con alleati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Siamo vicini all'accordo risolvendo positivamente i nodi tra Udc-Noi con l'Italia e gli altri membri della coalizione del centrodestra. Siamo in dirittura d'arrivo". Così in una nota congiunta il presidente Lorenzo Cesa e il capo della formazione politica Raffaele Fitto.

15:13Antagonista denunciò autista Salvini, giudice archivia

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - L'8 novembre 2014 l'autista di Matteo Salvini non poteva comportarsi diversamente, a tutela della sua incolumità e delle persone a bordo: quando partì con l'auto, agì per legittima difesa. E' un passaggio del giudice di pace Cristina Piazza che ha archiviato il fascicolo per lesioni nato dalla denuncia di Loris Narda, antagonista del collettivo Hobo che quel giorno contestò il leader della Lega, salendo sul cofano della vettura, all'ingresso di un campo nomadi alla periferia di Bologna. Per l'assalto alla macchina, a cui fu spaccato il lunotto, Narda e altri furono denunciati. Il giudice, accogliendo la richiesta di archiviazione del pm Valter Giovannini, sottolinea che la ricostruzione dei fatti della Procura si è basata su elementi oggettivi, la visione dei filmati, "che non lasciano spazi a interpretazioni diverse". Quando partì "era in essere un'aggressione organizzata" e l'autista, quando si accorse dei manifestanti sull'auto, "non poteva conoscere quale epilogo potesse avere quell'aggressione". (ANSA).

15:07Gentiloni, ruolo cooperazione chiave anche contro terrorismo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire un contesto migliore di futuro anche per quello che riguarda i disagi sociali, i rischi connessi al terrorismo, le cause profonde dei grandi flussi migratori". Lo ha affermato il presidente del Consiglio in occasione della terza riunione del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (presenti tra gli altri i ministri Alfano, Galletti, Poletti) che si è tenuta oggi a Palazzo Chigi sottolineando la propria soddisfazione per i "risultati raggiunti dopo l'approvazione della legge del 2014 che ha ristrutturato il nostro sistema della cooperazione". "Non si può avere un ruolo di grande paese in politica estera e di grande player economico nella nostra regione se contemporaneamente non abbiamo la sinergia tra questo lavoro sulla cooperazione e la dimensione politica ed economica della nostra attività".

Archivio Ultima ora