Lampedusa ricorda la strage del 3 ottobre di tre anni fa

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Le croci realizzate con il legno dei barconi dei migranti dal falegname e consigliere comunale lampedusano Franco Tuccio, 10 ottobre 2013.  Centocinquanta croci sono state commissionate dalla diocesi di Milano in occasione del rito cristiano e musulmano che si terra' nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio del 3 ottobre. ANSA / CORRADO LANNINO

Le croci realizzate con il legno dei barconi dei migranti dal falegname e consigliere comunale lampedusano Franco Tuccio, 10 ottobre 2013.
Centocinquanta croci sono state commissionate dalla diocesi di Milano in occasione del rito cristiano e musulmano che si terra’ nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio del 3 ottobre. ANSA / CORRADO LANNINO

LAMPEDUSA (AGRIGENTO). – Nel giorno in cui circa 6.000 migranti sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia, e nove sono morti durante la traversata, diversi sono tornati sull’isola che li ha salvati per ricordare i familiari e i compagni di viaggio che non ce l’hanno fatta e sono annegati quel tragico 3 ottobre di tre anni fa, quando erano ormai a poche miglia da Lampedusa.

Una strage con 368 morti divenuta un simbolo non solo per il numero delle vittime, ma anche perché segnò uno spartiacque nella politica europea sui migranti. “Una ferita aperta nella coscienza di ciascuno di noi e che costituisce tuttora un monito per l’Europa intera”, ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricordando l’importanza di istituire nell’anniversario di quella sciagura la Giornata dei migranti.

“La portata inedita, e per certi aspetti epocale, delle migrazioni nel Mediterraneo non può certo essere trattata con cecità dalle classi dirigenti e con indifferenza dalle opinioni pubbliche”, ha ammonito il capo dello Stato. Tante tragedie, troppe. Perchè “quasi ogni giorno è il 3 ottobre 2013”, ha ricordato il presidente del Senato, Pietro Grasso. E tutti noi “siamo moralmente chiamati in causa” perché “per ogni singola vita perduta muore la nostra umanità”.

Sono stati proprio i superstiti di quella tragedia di ottobre ad aprire la marcia che ha attraversato le strade di Lampedusa (dove durante la cerimonia è sbarcato un barchino con 12 migranti partiti dalla Tunisia) per concludersi davanti alla Porta d’Europa, il monumento costruito per commemorare i migranti morti in mare. Alla testa del corteo un grande cartello con la scritta “Proteggere le persone, non i confini” e il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini, con la fascia tricolore, che in questi anni è stata sempre in prima fila nella difesa dei diritti di profughi e rifugiati.

Sull’isola anche 200 studenti giunti da tutta Europa per partecipare a workshop tematici nell’ambito del progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”, un’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione presente con il sottosegretario Davide Faraone. Al termine della marcia si è svolta una cerimonia in mare in ricordo di tutte le vittime dell’immigrazione con il ministro dell’Interno Angelino Alfano, che da una motovedetta della Guardia Costiera ha lanciato una corona nella zona dove avvenne il naufragio.

“Tre anni fa – ha osservato il ministro – era solo una tragedia italiana oggi è una giornata europea”. “Noi non sappiamo se sono profughi o no quando li salviamo, ma sappiamo che dobbiamo salvarli”, ha aggiunto. “L’Europa – ha detto ancora – è ad un bivio decisivo: o ci si salva tutti con severità, rispettando le regole oppure sarà un fallimento”. E “l’Europa – ha aggiunto – aveva deciso di ricollocare i profughi e gli Stati hanno sottoscritto quei patti, anche se non tutti li stanno rispettando. Un atteggiamento che io considero grave”.

Un’analisi condivisa anche dalla presidente della Camera, Laura Boldrini: “L’Italia continua a prodigarsi in una straordinaria azione di soccorso – ha sottolineato – ma l’accoglienza non può coinvolgere soltanto un esiguo numero di Paesi europei. C’è bisogno che tutti gli Stati dell’Unione condividano la propria quota di responsabilità, come condividono le risorse che dall’Ue arrivano”.

Secondo l’Alto commissariato Onu per i rifugiati sono oltre 11.400 le persone morte nel Mediterraneo dal 3 ottobre 2013 ad oggi. “Solo quest’anno, sono 3.498 le persone che hanno perso la vita nel Mediterraneo nel disperato tentativo di trovare salvezza in Europa”, ha evidenziato Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr per il Sud Europa, anche lei presente a Lampedusa.

Quest’anno hanno attraversato il mar Mediterraneo, finora, oltre 300 mila persone, il 28% sono bambini, molti dei quali non accompagnati. Un flusso senza sosta che è proseguito anche oggi: nelle ultime ore sono state 39 le imbarcazioni soccorse nel Canale di Sicilia dalle navi della Guardia Costiera, della Marina Militare e delle Ong: circa 6.000 le persone salvate. Ma pure stavolta, purtroppo, qualcuno non ce l’ha fatta. Sono nove i cadaveri di migranti recuperati dai soccorritori: sette erano su uno stesso barcone, uno su un’altra imbarcazione, mentre un’altra persona, recuperata in gravi condizioni, è morta mentre veniva trasportata verso la terraferma.

Ultima ora

16:43Matite non indelebili per votare’, scoppia la polemica

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Nasce su Facebook una polemica sulle matite 'non indelebili' che verrebbero usate in alcuni seggi per il voto al referendum. Dopo le denunce di alcuni cittadini in diversi seggi sparsi per l'Italia, arriva quella del cantante Pierò Pelù: 'La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio', scrive in un post e invita a fare lo stesso. Un tema rilanciato da Fulvio Martusciello, europarlamentare di Fi, responsabile dei 'difensori del voto': 'In molti seggi si sta votando con semplici matite. Mi chiedo il perché. Abbiamo già registrato due episodi. Chiediamo a tutti di controllare quanto sta avvenendo'.

16:43Gb: auto killer per telefonino, proposto ergastolo

(ANSA) - LONDRA, 4 DIC - Guidare parlando al telefonino potrebbe costare presto l'ergastolo, in Gran Bretagna, in caso di incidenti mortali. Lo prevede una proposta sposata dal ministro dei Trasporti, Chris Grayling, e destinata a essere annunciata in settimana dal governo. Secondo quanto anticipa oggi il Sunday Telegraph, citando fonti governative, si tratta di "mandare un messaggio chiaro" ai molti automobilisti che continuano a comportarsi in modo pericoloso a dispetto degli episodi di cronaca e delle campagne educative, oltre che di rispondere alle sollecitazioni delle famiglie delle vittime della strada. La proposta contiene nuove "linee guida" normative, con l'innalzamento della pena massima prevista per chi sia riconosciuto colpevole di guida pericolosa e abbia causato la morte di altre persone da 14 anni fino al carcere a vita. Solo nel 2015, 122 persone sono state condannate nel Regno Unito per aver provocato incidenti mentre erano al volante e contemporaneamente telefonavano.

16:41Maltempo: P.Civile, domani temporali sulla Sardegna

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Una perturbazione di origine atlantica, in arrivo sul Mediterraneo occidentale, determinerà da domani una fase perturbata sulla Sardegna, in particolare sui settori orientali e meridionali. Successivamente la perturbazione interesserà anche la Sicilia e la Calabria. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche. L'avviso prevede, dal primo pomeriggio di domani, lunedì 5 dicembre, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani criticità gialla sulla Sardegna meridionale ed occidentale e sulla Calabria ionica e meridionale.(ANSA).

16:34Rapine in villa: irruzione nel Modenese,contuso padrone casa

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Quattro uomini armati hanno rapinato una famiglia di Torre Maina di Maranello, nel Modenese, facendo irruzione nella notte all'interno di una villa. Intorno all' una il gruppo di banditi - da quanto si apprende con accento dell'est Europa e con i volti travisati - dopo essere entrato ha minacciato con pistola la coppia di proprietari presente all'interno e due loro familiari, costringendoli a rimanere in una camera dell'abitazione mentre loro cercavano la cassaforte. Non avendo avuto collaborazione dal padrone di casa, un uomo di 66 anni, lo hanno colpito al volto causandogli lievi lesioni. La cassaforte poi asportata conteneva monili oro e contante. La banda è fuggita in auto. Indagano i carabinieri di Maranello con il nucleo operativo della Compagnia di Sassuolo. (ANSA).

16:29Siria: Idlib, almeno 22 morti in raid aerei

(ANSA) - BEIRUT, 4 DIC - Almeno 22 persone sono morte nei raid aerei compiuti oggi in Siria, presumibilmente dalle forze russe o siriane, tra cui anche tre bambini: i raid avrebbero colpito la città di Kafranbel, nel nordovest del Paese, e non Idlib come riportato in precedenza. Il Kafranbel Media Center gestito da un gruppo di attivisti ha pubblicato una lista di 22 morti, mentre L'Osservatorio siriano per i diritti umani è riuscito a confermare 21 vittime, tra cui agenti della polizia locale.

16:29Cuba: il lungo addio a Fidel, ultimo atto

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 4 DIC - Si è conclusa la cerimonia per la sepoltura delle ceneri di Fidel Castro al cimitero di Santa Ifigenia, a Santiago de Cuba. Il corteo funebre ha percorso i due chilometri da plaza de la Revolucion, dove le ceneri sono state depositate in nottata, al cimitero sulla avenida Patria, mentre sul ciglio della strada migliaia di persone sono tornate a salutare il Comandante. La cerimonia si era aperta con 21 colpi di cannone.

16:27Calcio: Milan-Crotone 2-1, decide Lapadula all’86’

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan vince ancora nel segno di Lapadula. A San Siro batte di misura (2-1) e in rimonta un coriaceo Crotone che solo nel finale (86') deve arrendersi all'ennesima magia dell'ex Pescara, arrivato a 4 centri in campionato. Un successo prezioso per i rossoneri che tornano a -4 dalla capolista Juventus. Nell'anticipo della 15ma giornata di campionato, il Milan soffre oltre ogni aspettativa contro gli ultimi in classifica che vanno addirittura in vantaggio con Falcinelli (26'), prima di essere raggiunti a fine primo tempo dal gol di Pasalic. La ripresa è tutta di stampo rossonera, con tanto di rigore (benevolo) concesso per un fallo sul Lapadula: ma Niang si fa ipnotizzare da Cordaz. Sembrerebbe tutto finito ma da una punizione in favore del Milan, esce fuori una palla vagante che Lapadula con freddezza trasforma in oro. Unica nota stonata l'ammonizione di Kucka che farà saltare allo slovacco la trasferta di Roma.

Archivio Ultima ora