Lampedusa ricorda la strage del 3 ottobre di tre anni fa

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Le croci realizzate con il legno dei barconi dei migranti dal falegname e consigliere comunale lampedusano Franco Tuccio, 10 ottobre 2013.  Centocinquanta croci sono state commissionate dalla diocesi di Milano in occasione del rito cristiano e musulmano che si terra' nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio del 3 ottobre. ANSA / CORRADO LANNINO

Le croci realizzate con il legno dei barconi dei migranti dal falegname e consigliere comunale lampedusano Franco Tuccio, 10 ottobre 2013.
Centocinquanta croci sono state commissionate dalla diocesi di Milano in occasione del rito cristiano e musulmano che si terra’ nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio del 3 ottobre. ANSA / CORRADO LANNINO

LAMPEDUSA (AGRIGENTO). – Nel giorno in cui circa 6.000 migranti sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia, e nove sono morti durante la traversata, diversi sono tornati sull’isola che li ha salvati per ricordare i familiari e i compagni di viaggio che non ce l’hanno fatta e sono annegati quel tragico 3 ottobre di tre anni fa, quando erano ormai a poche miglia da Lampedusa.

Una strage con 368 morti divenuta un simbolo non solo per il numero delle vittime, ma anche perché segnò uno spartiacque nella politica europea sui migranti. “Una ferita aperta nella coscienza di ciascuno di noi e che costituisce tuttora un monito per l’Europa intera”, ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricordando l’importanza di istituire nell’anniversario di quella sciagura la Giornata dei migranti.

“La portata inedita, e per certi aspetti epocale, delle migrazioni nel Mediterraneo non può certo essere trattata con cecità dalle classi dirigenti e con indifferenza dalle opinioni pubbliche”, ha ammonito il capo dello Stato. Tante tragedie, troppe. Perchè “quasi ogni giorno è il 3 ottobre 2013”, ha ricordato il presidente del Senato, Pietro Grasso. E tutti noi “siamo moralmente chiamati in causa” perché “per ogni singola vita perduta muore la nostra umanità”.

Sono stati proprio i superstiti di quella tragedia di ottobre ad aprire la marcia che ha attraversato le strade di Lampedusa (dove durante la cerimonia è sbarcato un barchino con 12 migranti partiti dalla Tunisia) per concludersi davanti alla Porta d’Europa, il monumento costruito per commemorare i migranti morti in mare. Alla testa del corteo un grande cartello con la scritta “Proteggere le persone, non i confini” e il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini, con la fascia tricolore, che in questi anni è stata sempre in prima fila nella difesa dei diritti di profughi e rifugiati.

Sull’isola anche 200 studenti giunti da tutta Europa per partecipare a workshop tematici nell’ambito del progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”, un’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione presente con il sottosegretario Davide Faraone. Al termine della marcia si è svolta una cerimonia in mare in ricordo di tutte le vittime dell’immigrazione con il ministro dell’Interno Angelino Alfano, che da una motovedetta della Guardia Costiera ha lanciato una corona nella zona dove avvenne il naufragio.

“Tre anni fa – ha osservato il ministro – era solo una tragedia italiana oggi è una giornata europea”. “Noi non sappiamo se sono profughi o no quando li salviamo, ma sappiamo che dobbiamo salvarli”, ha aggiunto. “L’Europa – ha detto ancora – è ad un bivio decisivo: o ci si salva tutti con severità, rispettando le regole oppure sarà un fallimento”. E “l’Europa – ha aggiunto – aveva deciso di ricollocare i profughi e gli Stati hanno sottoscritto quei patti, anche se non tutti li stanno rispettando. Un atteggiamento che io considero grave”.

Un’analisi condivisa anche dalla presidente della Camera, Laura Boldrini: “L’Italia continua a prodigarsi in una straordinaria azione di soccorso – ha sottolineato – ma l’accoglienza non può coinvolgere soltanto un esiguo numero di Paesi europei. C’è bisogno che tutti gli Stati dell’Unione condividano la propria quota di responsabilità, come condividono le risorse che dall’Ue arrivano”.

Secondo l’Alto commissariato Onu per i rifugiati sono oltre 11.400 le persone morte nel Mediterraneo dal 3 ottobre 2013 ad oggi. “Solo quest’anno, sono 3.498 le persone che hanno perso la vita nel Mediterraneo nel disperato tentativo di trovare salvezza in Europa”, ha evidenziato Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr per il Sud Europa, anche lei presente a Lampedusa.

Quest’anno hanno attraversato il mar Mediterraneo, finora, oltre 300 mila persone, il 28% sono bambini, molti dei quali non accompagnati. Un flusso senza sosta che è proseguito anche oggi: nelle ultime ore sono state 39 le imbarcazioni soccorse nel Canale di Sicilia dalle navi della Guardia Costiera, della Marina Militare e delle Ong: circa 6.000 le persone salvate. Ma pure stavolta, purtroppo, qualcuno non ce l’ha fatta. Sono nove i cadaveri di migranti recuperati dai soccorritori: sette erano su uno stesso barcone, uno su un’altra imbarcazione, mentre un’altra persona, recuperata in gravi condizioni, è morta mentre veniva trasportata verso la terraferma.

Ultima ora

09:36Francia: Valls, ‘lascio il Partito socialista’

(ANSA) - PARIGI, 27 GIU - L'ex primo ministro francese Manuel Valls ha annunciato questa mattina che lascerà il Partito socialista: "lascio il Partito socialista - ha detto alla radio RTL - o il partito socialista mi lascia. Una parte della mia vita politica si conclude". Cinquantaquattro anni, Valls è stato rieletto con soli 139 voti di vantaccio nell'Essonne, alle porte di Parigi, da sempre suo feudo elettorale, alle legislative del 18 giugno. La sua avversaria, Farida Amrani, della sinistra radicale della France insoumise, ha presentato un ricorso. Al momento di entrare in Parlamento, Valls ha ufficializzato una rottura che era nell'aria da quando l'ex premier ha deciso di non appoggiare alle presidenziali il vincitore delle primarie del partito, Benoit Hamon. Valls ha precisato che il suo posto nella nuova Assemblée Nationale sarà "nella maggioranza presidenziale" e non ha escluso una sua eventuale adesione alla Republique en Marche di Emmanuel Macron.

09:33Fondi Regione Vda a Casinò, danno erariale 140 mln

(ANSA) - AOSTA, 27 GIU - Una maxi contestazione di danno erariale per oltre 140 milioni di euro per una serie di finanziamenti dati negli ultimi anni dalla Regione Valle d'Aosta al Casinò di Saint-Vincent. E' questa la richiesta - la seconda per importo mai contestata in Italia - per "danno per colpa grave" mossa dalla procura della Corte dei conti di Aosta a 21 consiglieri ed ex consiglieri regionali valdostani tra cui l'attuale presidente della Regione, Pierluigi Marquis (4,4 mln), il suo predecessore Augusto Rollandin (17,2 mln) e il senatore Albert Lanièce (ex assessore regionale). l nucleo tributario della guardia di finanza di Aosta sta notificando in queste ore gli inviti a dedurre. L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore regionale della Corte dei conti, Roberto Rizzi.

09:23Francia: Valls, ‘lascio il Partito socialista’

(ANSA) - PARIGI, 27 GIU - L'ex primo ministro francese Manuel Valls ha annunciato questa mattina che lascerà il Partito socialista: "lascio il Partito socialista - ha detto alla radio RTL - o il partito socialista mi lascia. Una parte della mia vita politica si conclude". Cinquantaquattro anni, Valls è stato rieletto con soli 139 voti di vantaccio nell'Essonne, alle porte di Parigi, da sempre suo feudo elettorale, alle legislative del 18 giugno. La sua avversaria, Farida Amrani, della sinistra radicale della France insoumise, ha presentato un ricorso. Al momento di entrare in Parlamento, Valls ha ufficializzato una rottura che era nell'aria da quando l'ex premier ha deciso di non appoggiare alle presidenziali il vincitore delle primarie del partito, Benoit Hamon. Valls ha precisato che il suo posto nella nuova Assemblée Nationale sarà "nella maggioranza presidenziale" e non ha escluso una sua eventuale adesione alla Republique en Marche di Emmanuel Macron.(ANSA).

09:17Indagine appalti, dipendente Comune Piacenza ai domiciliari

(ANSA) - PIACENZA, 27 GIU - Un dipendente dell'ufficio manutenzione del Comune di Piacenza è agli arresti domiciliari nell'ambito di un'indagine, condotta dalla Guardia di finanza e coordinata dal pm Antonio Colonna, che riguarderebbe appalti comunali. La misura cautelare - riferisce il quotidiano Libertà - è stata emessa dopo che i militari delle Fiamme gialle avevano sentito altri dipendenti dell'Amministrazione comunale e avevano prelevato diversi documenti dagli uffici comunali. Due sarebbero gli appalti all'attenzione degli investigatori: uno, da 200mila euro, riguarderebbe la manutenzione stradale; l'altro, da 20mila euro, relativo alle telecamere di controllo. (ANSA).

09:16Migranti: torture e stupri in Libia, un fermo

(ANSA) - AGRIGENTO, 27 GIU - Un somalo di 23 anni e' stato fermato dalla Polizia nell'hotspot di Lampedusa con l'accusa di essere fra i torturatori che sequestravano e seviziavano i migranti in attesa di imbarcarsi dalle coste libiche. Nel provvedimento emesso dalla Dda della Procura di Palermo, T. M. A. è accusato di associazione per delinquere armata di carattere transnazionale, dedita a commettere reati contro la persona, tratta e sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il 23enne somalo è stato riconosciuto come uno dei responsabili di torture e sevizie perpetrati in Libia nella struttura nei pressi della zona agricola denominata Hudeyfà, nella zona di Cufrà, dove i migranti venivano privati della liberta' personale prima di intraprendere la traversata in mare per le coste italiane.

08:22Nepal: elezioni amministrative, India chiude frontiera

(ANSA) - NEW DELHI, 27 GIU - La frontiera terrestre con il Nepal è stata chiusa ieri dall'India per motivi precauzionali in vista della consultazione elettorale amministrativa che si svolgerà domani nel vicino Paese. Lo riferisce l'agenzia di stampa indiana Pti. Si tratta della seconda fase del voto amministrativo, che non si teneva in Nepal da 20 anni, dopo la prima realizzata lo scorso 14 maggio. Un magistrato distrettuale, V.K.Sinhg, ha confermato che la misura è stata adottata per "prevenire che elementi anti-sociali attraversino il confine e alterino il clima elettorale". Il divieto di transito è totale per i veicoli di ogni genere, mentre gli individui che intendono andare in Nepal possono farlo dopo un meticoloso controllo. La preoccupazione è data dal fatto che alcuni partiti dell'etnia Madhesi hanno boicottato le elezioni chiedendo una riforma costituzionale che preveda una loro maggiore presenza in Parlamento ed una riforma dei confini provinciali.

08:16Brasile: Temer accusato di corruzione dalla procura

(ANSA) - BRASILIA, 27 JUN - Il presidente Michel Temer è stato accusato di corruzione dalla procura generale del Brasile, sulla base delle denunce fatte dall'imprenditore Joesley Batista. Temer, ricordano i media locali, è il primo presidente del Paese ad essere stato formalmente accusato di corruzione davanti al Supremo tribunale federale. I reati al centro delle accuse sono "gravi", ha precisato la procura guidata da Rodrigo Janot segnalando inoltre l'aggravante rappresentato dalle sue funzioni quale "presidente della Repubblica". Qualche ora prima, durante un evento nella sede della presidenza a Brasilia, Temer aveva detto che "niente ci distruggerà, né a me né - aveva puntualizzato - ai nostri ministri".

Archivio Ultima ora