A Taranto eccesso di ricoveri per patologie respiratorie tra i bambini

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Momenti di tensione tra polizia e manifestanti, durante la protesta contro il premier Matteo Renzi in visita a Taranto, per la firma del Contratto istituzionale di sviluppo per la citt‡ con il presidente della Regione Michele Emiliano, Taranto, 29 luglio 2016. ANSA/MAURIZIO INGENITO

Momenti di tensione tra polizia e manifestanti, durante la protesta contro il premier Matteo Renzi in visita a Taranto, per la firma del Contratto istituzionale di sviluppo per la citt‡ con il presidente della Regione Michele Emiliano, Taranto, 29 luglio 2016.
ANSA/MAURIZIO INGENITO

BARI. – Un eccesso di ricoveri per patologie respiratorie tra i bambini, dai neonati ai 14enni, residenti a Taranto nei quartieri Tamburi (+24%) e Paolo VI (+26%). L’aumento di malattie neurologiche e cardiache, dei tumori a polmoni, stomaco e reni. Gravidanze “con esito abortivo” e casi di cancro alla mammella e alla cute tra le donne. Secondo lo studio epidemiologico commissionato dalla Regione Puglia per “valutare l’effetto delle sostanze tossiche emesse dall’Ilva”, sono questi i ‘mostri’ contro cui combattono dal 1965 oltre 321mila abitanti del capoluogo ionico e dei comuni limitrofi Massafra e Statte, seguiti fino al 2014.

Nell’indagine si evidenzia che non solo esiste una “forte relazione” tra “emissioni industriali e danno sanitario”, ma che “l’andamento della mortalità ha seguito in modo speculare quello della produttività e dell’inquinamento”. Per questo, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano in mattinata aveva anticipato l’intenzione di impugnare dinanzi alla Consulta la legge “che impedisce alla magistratura di bloccare l’impianto”, poiché proroga i termini per l’adeguamento del siderurgico alle normative ambientali.

Intenzione realizzata in serata quando la Giunta regionale in seduta straordinaria “ha deliberato di impugnare la legge numero 151/2016 che ha convertito l’ultimo decreto legge sull’Ilva”. La motivazione formale è la “lesione del principio di leale collaborazione che dovrebbe ispirare l’operato del legislatore” in quanto la legge “non prevede alcuna forma di coinvolgimento della Regione nella procedura di modifica o integrazione al piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria, o di altro titolo autorizzativo necessario per l’esercizio” dell’Ilva.

Per Emiliano, questa era una delle poche frecce che la Regione poteva ancora scoccare per “limitare i danni” di un “impianto che andrebbe bloccato fino a che non si sia in grado di funzionare senza pericolo”, oppure “rallentato” per portare i valori “fuori scala” a un livello “minimo”. Anche per questo il governatore aveva già dato “indicazione all’Avvocatura regionale di istruire la richiesta di revoca dell’Aia”.

Il rapporto, infatti, mette sotto accusa polveri sottoli (Pm10) e anidride solforosa (So2). Sostanze che tra la popolazione più esposta (a concentrazioni di 10 microgrammi al metro cubo) causerebbero un aumento della mortalità, rispettivamente, del 4% e del 9%. Entrambi gli inquinanti sarebbero dunque responsabili di nuovi casi di tumore al polmone (+29% le polveri e +42% la anidride solforosa), e di infarti del miocardio (+10% e +29%).

Nel rapporto, inoltre, si è osservato “un eccesso di mortalità per tumore dello stomaco (+41%) e della pleura (+72%) tra i lavoratori impiegati in siderurgia”. Questo studio, ha sottolineato Emiliano, è “da diversi giorni” sulla scrivania del premier Matteo Renzi ma col governo “non riusciamo ad avere un confronto sull’Ilva da “più di un anno, credo a questo punto per ragioni di natura politica”.

Ora, però, “il governo ha l’obbligo giuridico di intervenire” con “provvedimenti immediati”. Ricordando infine di “non aver avuto risposta” neppure alla sua proposta di produrre acciaio in maniera meno inquinante, attraverso la decarbonizzazione del siderurgico, Emiliano ha concluso di essere “al limite della tensione istituzionale: non so cos’altro fare per tenere insieme il mio dovere con il principio di leale collaborazione col governo”.

(di Vincenzo Chiumarulo/ANSA)

Ultima ora

17:55Attentato Cc Bologna: nuovo messaggio su sito anarchico

(ANSA) - BOLOGNA, 3 DIC - Un nuovo messaggio a sostegno dell'attentato incendiario di domenica scorsa alla stazione dei Carabinieri di Corticella, alla periferia di Bologna, è apparso ieri su un sito web di area anarchica. Nel post, pubblicato su 'Informa-azione.info' e firmato 'alcune/i anarchiche/i', viene mostrata una foto in bianco e nero della caserma danneggiata dalle fiamme e ci sono riferimenti ai recenti scontri tra forze dell'ordine e collettivi durante le proteste davanti alla mensa universitaria di Piazza Puntoni, a Bologna. Il messaggio è intitolato 'Carabinieri? Proprio loro' e gli autori del post citano direttamente l'attentato: "Non ci pare ci sia da scandalizzarsi quando un un po' della violenza che elargiscono torna indietro, come è accaduto qualche notte fa alla caserma in zona Corticella". Un altro messaggio contro i Carabinieri e intitolato "Usi a reprimere terrorizzando" era apparso il 27 novembre, giorno dell'esplosione dell'ordigno, sul sito di area anarchica 'Finimondo.org'. (ANSA).

17:54Violenza su bimba: gip Rimini convalida arresto sudamericano

(ANSA) - RIMINI, 3 DIC - Resta in carcere, trasferito in una sezione per reati sessuali, il sudamericano di 31 anni arrestato l'altra notte per aver violentato una bambina di 6 anni. Oggi il giudice per le indagini preliminari di Rimini, Sonia Pasini, ha convalidato il fermo dell'uomo, difeso d'ufficio dall'avvocato Giovanna Ollà. Oggi il gip, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Davide Ercolani - che ha "legittimamente eseguito" il fermo, scrive il gip - ha convalidato l'arresto disponendo la detenzione in carcere perché vi sarebbe tra l'altro, oltre alla recidiva, un pericolo di fuga concreto, "trattandosi - scrive il gip - di soggetto straniero, non risultante regolare sul territorio nazionale, privo di stabile lavoro e di precisi riferimenti familiari, per cui è altamente probabile che lo stesso se posto in libertà vista anche l'estrema mobilità su tutto il territorio, le sue tracce sono a Rimini, Milano e Bari, si allontani per sottrarsi alla giustizia".

17:50Terremoto: Bocci, gratitudine a governo e vigili del fuoco

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 3 DIC - "Sono qui per portare la gratitudine del Governo ai vigili del fuoco per quanto fanno quotidianamente e per l'impegno straordinario profuso in occasione del terremoto del centro Italia". Lo ha detto il sottosegretario al ministero dell'Interno Gianpiero Bocci intervenendo oggi a Pescara del Tronto per la festa di Santa Barbara, patrona dei vigili del fuoco. "Durante l'emergenza - ha aggiunto - ho visto vigili contenti di estrarre dalle macerie persone vive, ma pieni di dolore quando purtroppo non hanno potuto fare nulla per salvare la vita di altri. Un dolore che azzera la felicità". Bocci si è detto soddisfatto per come ha reagito la macchina dei soccorsi in occasione del terremoto. "Alla fine di questo lavoro, che da tre mesi è no stop - ha annunciato - come ministero dell'Interno e Dipartimento faremo una verifica accurata e puntuale. Ma fin d'ora mi sento di dire che i punti di forza sono stati tantissimi. Verificheremo quali sono state le criticità e apporteremo i dovuti correttivi".

17:42Iran: Corte suprema conferma condanna morte miliardario

(ANSA) - TEHERAN, 3 DIC - La Corte suprema dell'Iran ha confermato la pena di morte per il petroliere miliardario Babak Zanjani, accusato di appropriazione indebita, riciclaggio di denaro e frode. Lo ha riferito un alto funzionario della Corte suprema, Gholam-Reza Ansari, annunciando anche che la Corte non ha invece confermato la pena di morte per gli altri due imputati coinvolti nel caso, Hamid Fallah-Heravi e Mehdi Shamszadeh, accusati di appropriazione indebita. Zanjani, 41 anni, è uno degli uomini d'affari più ricchi dell'Iran, con un patrimonio stimato di 14 miliardi di dollari. Era stato arrestato il 30 dicembre 2013, poco dopo l'elezione alla presidenza di Hassan Rohani, assieme agli altri due imputati con l'accusa di appropriazione indebita di circa due miliardi di euro appartenenti al ministero del Petrolio per il quale il miliardario avrebbe condotto alcune operazioni. Le accuse, contenute in un fascicolo di oltre 40.000 pagine, risalgono al periodo della presidenza di Mahmoud Ahmadinejad.

17:41Aereo Colombia: bare nello stadio, ‘i campioni sono tornati’

(ANSA) - SAN PAOLO, 3 DIC - 'I campioni sono tornati'. I tifosi della Chapecoense hanno cantato in coro all'ingresso delle bare delle vittime della sciagura aerea di lunedi' scorso in Colombia. Le 50 bare di calciatori, tecnici, dirigenti e accompagnatori, piu' quelle dei giornalisti locali che seguivano la squadra, sono trasportate a spalla da militari e disposte sotto una tettoia per ripararle dalla forte pioggia. Al fianco delle bare trovano posto familiari, amici e compagni di squadra delle vittime, confortati da psicologi e personale della Chapecoense. Momenti di forte commozione tra i tifosi, in piedi ad applaudire in silenzio con la pioggia che si mescola alle lacrime.

17:35Morti corsia: medico commissione ospedale non risponde a cc

(ANSA)- SARONNO (VARESE), 3 DIC - Si è avvalso della facoltà di non rispondere Fabrizio Frattini, medico anestesista responsabile dell'unità di emergenza urgenza dell'ospedale di Saronno (Varese), indagato per omessa denuncia e favoreggiamento nell'ambito della maxi inchiesta dei carabinieri sulle morti sospette in corsia. Il professionista, componente della commissione interna dell'ospedale di Saronno a cui arrivarono le denunce degli infermieri sul presunto comportamento illecito del medico anestesista arrestato Leonardo Cazzaniga, si è presentato in caserma a Saronno nel primo pomeriggio, accompagnato dal suo avvocato Gianluigi Tizzoni, dove ha scelto di non rispondere alle domande degli inquirenti.

17:34Calcio a 5 donne: e’ tempo di Clasico a Montesilvano.

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Sarà una domenica all'insegna di grandi match nel campionato di A d'Elite di futsal femminile. Giunti alla terza di ritorno, l'Italcave Real Statte gioca la gara più interessante in trasferta a Montesilvano. Insomma torna 'el Clasico' del futsal femminile italiano per assegnare punti importanti per la classifica di entrambe. Infatti la cortissima classifica impone alle rossoblù e alle biancazzurre di dover giocare gara dopo gara con la massima attenzione. Eccetto l'Olimpus, in testa con 25 punti, per gli altri 3 posti che conducono alle Final Eight di Coppa Italia ci sono 4 squadre in tre punti: dai 21 dell'Italcave Real Statte ai 18 della Lazio. In mezzo Montesilvano e Locri. Con 7 turni da disputare tutto è possibile. La gara col Montesilvano chiude temporaneamente gli appuntamenti ufficiali, in quanto Margarito, Exana e Violi saranno poi a disposizione del Ct dell'Italia, per l'occasione Carmine Tarantino,responsabile dell'under 21, per il torneo Quattro Nazioni con Spagna, Portogallo e Russia.

Archivio Ultima ora