A Taranto eccesso di ricoveri per patologie respiratorie tra i bambini

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Momenti di tensione tra polizia e manifestanti, durante la protesta contro il premier Matteo Renzi in visita a Taranto, per la firma del Contratto istituzionale di sviluppo per la citt‡ con il presidente della Regione Michele Emiliano, Taranto, 29 luglio 2016. ANSA/MAURIZIO INGENITO

Momenti di tensione tra polizia e manifestanti, durante la protesta contro il premier Matteo Renzi in visita a Taranto, per la firma del Contratto istituzionale di sviluppo per la citt‡ con il presidente della Regione Michele Emiliano, Taranto, 29 luglio 2016.
ANSA/MAURIZIO INGENITO

BARI. – Un eccesso di ricoveri per patologie respiratorie tra i bambini, dai neonati ai 14enni, residenti a Taranto nei quartieri Tamburi (+24%) e Paolo VI (+26%). L’aumento di malattie neurologiche e cardiache, dei tumori a polmoni, stomaco e reni. Gravidanze “con esito abortivo” e casi di cancro alla mammella e alla cute tra le donne. Secondo lo studio epidemiologico commissionato dalla Regione Puglia per “valutare l’effetto delle sostanze tossiche emesse dall’Ilva”, sono questi i ‘mostri’ contro cui combattono dal 1965 oltre 321mila abitanti del capoluogo ionico e dei comuni limitrofi Massafra e Statte, seguiti fino al 2014.

Nell’indagine si evidenzia che non solo esiste una “forte relazione” tra “emissioni industriali e danno sanitario”, ma che “l’andamento della mortalità ha seguito in modo speculare quello della produttività e dell’inquinamento”. Per questo, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano in mattinata aveva anticipato l’intenzione di impugnare dinanzi alla Consulta la legge “che impedisce alla magistratura di bloccare l’impianto”, poiché proroga i termini per l’adeguamento del siderurgico alle normative ambientali.

Intenzione realizzata in serata quando la Giunta regionale in seduta straordinaria “ha deliberato di impugnare la legge numero 151/2016 che ha convertito l’ultimo decreto legge sull’Ilva”. La motivazione formale è la “lesione del principio di leale collaborazione che dovrebbe ispirare l’operato del legislatore” in quanto la legge “non prevede alcuna forma di coinvolgimento della Regione nella procedura di modifica o integrazione al piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria, o di altro titolo autorizzativo necessario per l’esercizio” dell’Ilva.

Per Emiliano, questa era una delle poche frecce che la Regione poteva ancora scoccare per “limitare i danni” di un “impianto che andrebbe bloccato fino a che non si sia in grado di funzionare senza pericolo”, oppure “rallentato” per portare i valori “fuori scala” a un livello “minimo”. Anche per questo il governatore aveva già dato “indicazione all’Avvocatura regionale di istruire la richiesta di revoca dell’Aia”.

Il rapporto, infatti, mette sotto accusa polveri sottoli (Pm10) e anidride solforosa (So2). Sostanze che tra la popolazione più esposta (a concentrazioni di 10 microgrammi al metro cubo) causerebbero un aumento della mortalità, rispettivamente, del 4% e del 9%. Entrambi gli inquinanti sarebbero dunque responsabili di nuovi casi di tumore al polmone (+29% le polveri e +42% la anidride solforosa), e di infarti del miocardio (+10% e +29%).

Nel rapporto, inoltre, si è osservato “un eccesso di mortalità per tumore dello stomaco (+41%) e della pleura (+72%) tra i lavoratori impiegati in siderurgia”. Questo studio, ha sottolineato Emiliano, è “da diversi giorni” sulla scrivania del premier Matteo Renzi ma col governo “non riusciamo ad avere un confronto sull’Ilva da “più di un anno, credo a questo punto per ragioni di natura politica”.

Ora, però, “il governo ha l’obbligo giuridico di intervenire” con “provvedimenti immediati”. Ricordando infine di “non aver avuto risposta” neppure alla sua proposta di produrre acciaio in maniera meno inquinante, attraverso la decarbonizzazione del siderurgico, Emiliano ha concluso di essere “al limite della tensione istituzionale: non so cos’altro fare per tenere insieme il mio dovere con il principio di leale collaborazione col governo”.

(di Vincenzo Chiumarulo/ANSA)

Ultima ora

12:43G20: Merkel incontrerà Putin a Sochi

(ANSA) - BERLINO, 28 APR - Angela Merkel incontrerà il 2 maggio il presidente Russo Vladimir Putin a Sochi, nell'ambito delle preparazioni per il G20 tedesco. Lo ha annunciato in conferenza stampa a Berlino il portavoce della cancelliera Steffen Seibert. Nell'ambito di questo incontro, ha sottolineato, si parlerà anche di temi attuali come il conflitto ucraino e la guerra in Siria. Alle 15,30 locali si terrà una conferenza stampa.

12:30Aemilia: al via appello a Bologna per 60 imputati

(ANSA) - BOLOGNA, 28 APR - E' cominciato nel palazzo della Corte di Appello di Bologna, presidiato da Polizia e Carabinieri, il secondo grado del processo in rito abbreviato di 'Aemilia'. Il 22 aprile 2016 il Gup Francesca Zavaglia aveva condannato 58 imputati su 71, con pene fino a 15 anni: tra appelli delle difese e impugnazioni della Dda sono 60 le posizioni ora al vaglio del collegio dei giudici della Corte. Tra le assoluzioni appellate dalla Procura di Bologna, i politici Giuseppe Pagliani, consigliere comunale Fi a Reggio Emilia accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, e Giovanni Paolo Bernini, ex assessore Pdl a Parma, prosciolto per prescrizione della corruzione elettorale. Le udienze, una cinquantina calendarizzate almeno fino a fine luglio, sono a porte chiuse nell'aula Bachelet di Palazzo Baciocchi. A rappresentare l'accusa, oltre ai sostituti pg Umberto Palma e Nicola Proto, anche i due Pm della Dda Beatrice Ronchi e Marco Mescolini, applicati al processo di 'Ndrangheta di cui hanno seguito l'inchiesta.(ANSA).

12:28Migranti: Legnini, di Zuccaro si occuperà Csm

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Dopo aver sentito i capi di corte e il presidente della prima commissione, Giuseppe Fanfani, sottoporrò il caso all'esame del comitato di presidenza alla prima seduta utile fissata per mercoledì 3 maggio". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, interpellato sulle dichiarazioni del procuratore di Catania Zuccaro in tema di ong e migranti. Legnini ricorda tuttavia che "spetta al ministro della giustizia e al procuratore generale della Cassazione valutare se sussistono o meno i presupposti per l'esercizio dell'azione disciplinare".

12:24Stato-mafia: Mancino rinuncia a deposizione di Mattarella

(ANSA) - PALERMO, 28 APR - Il legale dell'ex ministro Nicola Mancino, l'avvocato Nicoletta Piromalli, ha comunicato alla corte d'assise di Palermo, che celebra il processo sulla cosiddetta trattativa Stato-Mafia, la rinuncia alla deposizione in aula del Capo dello Stato Sergio Mattarella, inserito nella lista testi della difesa prima della sua elezione a presidente della Repubblica.

12:18F1: Raikkonen domina prime libere in Russia, poi le Mercedes

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Vola la Ferrari di Kimi Raikkonen nella prima sessione di prove libere in vista del gran premio di Russia di F1 che si correrà domenica sul circuito di Sochi. Il finlandese ha fermato il cronometro in 1:36.074 e si è lasciato alle spalle di soli 45millesimi il connazionale della Mercedes Valtteri Bottas, poi l'altro pilota Mercedes Lewis Hamilton, staccato di 607 millesimi. Quarto tempo per Max Verstappen della Red Bull distanziato di 1.1 secondi, quinto tempo per l'altro ferrarista Sebastian Vettel a 1.156. (ANSA).

12:14Terremoto: ultime scosse Visso collegate a terremoto ottobre

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Le due scosse di terremoto di magnitudo 4.0 registrate nelle Marche, a Nord Ovest di Visso (Macerata), alle 23.16 e alle 23.19 del 27 aprile, sono collegate ai terremoti che si sono verificati in autunno nella stessa zona. Interessano infatti lo stesso sistema di faglie responsabile del sisma del 26 ottobre tra Perugia e Macerata. ''La sequenza è rimasta particolarmente attiva e in questi ultimi mesi localizziamo più di 100 eventi sismici al giorno, di magnitudo inferiore a 3.0, in tutta la zona interessata'', ha spiegato la sismologa Lucia Margheriti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). ''Questa notte - ha spiegato l'esperta - ci sono state 3 scosse di magnitudo superiore a 3, la prima di magnitudo 3.5 alle 23.09 le altre due di magnitudo 4.0 alle 23.16 e alle 23.19, nella porzione Nord del sistema di faglie attivato dalla sequenza sismica che sta interessando l'Appennino centrale da agosto, e possiamo dire che tutte e tre sono collegate a quelle principali avvenute nella stessa zona in ottobre''. È sempre lo stesso sistema di faglie, ha aggiunto, e questi terremoti sono tutti dovuti al meccanismo di 'distensione' dell'Appennino. Vi è stata anche una quarta scossa di magnitudo 3.4, ha aggiunto Margheriti, è stata localizzata alle 3,42 del 28 aprile a Nord Est di Pizzoli (L'Aquila): ''questa scossa è avvenuta nella porzione meridionale del sistema di faglie attivato dalla sequenza cominciata ad agosto ed è stata causata da un meccanismo un po' diverso, cioè di un movimento orizzontale delle placche che accomoda la deformazione generale''. (ANSA).

12:07Indipendentista sardo arrestato poco prima di consegnarsi

(ANSA) - ORISTANO, 28 APR - Aveva annunciato l'intenzione di presentarsi in carcere, proprio oggi, 28 aprile, festa del popolo sardo (Sa die de sa Sardigna) per scontare, da "prigioniero politico" le condanne già passate in giudicato, ma Salvatore "Doddore" Meloni è stato fermato dai carabinieri, dopo un breve inseguimento a sirene spiegate, un chilometro prima che arrivasse nel carcere oristanese di Massama. E' successo pochi minuti fa, sulla strada provinciale 292. L'indipendentista di Terralba (Oristano), 74 anni, noto per le sue numerose battaglie per l'indipendenza della Sardegna, era alla guida della sua Fiat Punto rossa con l'insegna della Repubblica di Malu Entu, da lui fondata dopo aver occupato l'isola di Mal di Ventre, davanti alla costa di Oristano. Alcune pattuglie dell'Arma ne hanno fermato la corsa e Meloni è stato preso in consegna dai carabinieri.

Archivio Ultima ora