Brexit: la linea dura di May affossa la sterlina, ma spinge la Borsa

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Brexit: linea dura May affossa sterlina,ma spinge Borsa

Brexit: linea dura May affossa sterlina,ma spinge Borsa

LONDRA. – La Gran Bretagna si avvia verso la Brexit allontanandosi (forse) anche dal mercato unico e la sterlina precipita. Ma la Borsa di Londra – sospinta se non altro da qualche prospettiva di certezza in più sui tempi del negoziato, oltre che dal contraccolpo delle dinamiche valutarie e dall’indice manifatturiero delle Pmi al massimo da due anni – accelera decisamente, in controtendenza con altre piazze: fino a chiudere con un buon +1,25%.

Ha avuto un effetto a doppia faccia il discorso con cui la premier britannica Theresa May, rivolgendosi solennemente alla platea congressuale del Partito Conservatore a Birmingham, ha innescato il conto alla rovescia per il divorzio dall’Ue, fissando il termine massimo di marzo 2017 per l’attivazione dell’articolo 50, premessa dell’avvio dei due anni di negoziati formali previsti dal Trattato di Lisbona per il ‘recesso’ dal Club di Bruxelles.

Un messaggio secco, accompagnato da richiami insistiti alla linea dura sulla volontà di riconquistare sovranità sui confini e di limitare l’immigrazione (anche europea) che appaiono incompatibili con un qualsiasi compromesso sulla permanenza del Regno almeno nel mercato comune. O nell’unione doganale.

I maggiori giornali del Paese, dal Financial Times al Guardian al Times, sono del resto concordi nell’intravvedere dietro le parole di lady Theresa l’orizzonte di una “hard Brexit”. Una prospettiva che suggerisce a Sam Hill, analista della Royal Bank of Canada, persino un ulteriore neologismo: Smexit, crasi di ‘Single Market Exit’. E affossa la sterlina facendola cadere al minimo degli ultimi 30 anni su euro e dollaro: con la valuta europea a un solo passo dalla parità (quasi 0,9 per pound) prima d’una leggera inversione.

A pesare sono pure le parole del cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, protagonista di giornata all’assise Tory di Birmingham, secondo il quale la tenuta di questi mesi dei fondamentali dell’economia dell’isola, rispetto a qualche previsione allarmistica risuonata durante la campagna referendaria, non significa che un rallentamento della crescita non sia alle porte. Né che si possa negare un periodo di alcuni anni “sulle montagne russe” per chi fa affari oltre Manica.

Paladino finora del progetto di una ‘soft Brexit’ – al pari del grosso della City – il titolare del Tesoro è sembrato in effetti spiazzato dall’apparente allineamento della May ai ‘brexiter’ duri e puri di governo (i ministri Boris Johnson, David Davis, Liam Fox). E ha in qualche modo chinato il capo promettendo un superamento dell’austerity a favore di un rilancio degli investimenti dello Stato, a partire dall’edilizia pubblica, nel quadro di un proclamato conservatorismo più sociale.

Ma non per questo ha rinunciato a un appello al “pragmatismo”, nè a mettere qualche puntino sulle ‘i’: “Non ci sono se, non ci sono ma, non ci sarà un secondo referendum, – ha premesso – noi lasceremo l’Ue. Ma deve essere altrettanto chiaro che i britannici non hanno votato (Leave) al referendum del 23 giugno per diventare più poveri”.

Ultima ora

17:02Migranti: Ungheria, l’Italia continua a ricattarci

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - ''L'Italia ci ha ricattati e continua a farlo facendo pressione politica su di noi e sul resto dei Paesi dell'Europa centro-orientale''. Lo ha detto il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, a Roma durante un incontro informale con alcuni media italiani, facendo riferimento alla ricollocazione dei migranti legata all'approvazione del bilancio Ue.

16:54Calcio: Juventus, rientrano primi sei nazionali

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Parte domani a Vinovo l''operazione Napoli' della Juventus che andrà al San Paolo per due sfide infuocate in campionato e Coppa Italia. Domani Massimiliano Allegri riavrà i primi sei dei 16 giocatori convocati nelle varie nazionali: Barzagli, che aveva lasciato il raduno azzurro sabato "per motivi personali", Pjanic, non chiamato per l'amichevole della Bosnia in Albania, Higuain, squalificato con l'Argentina, oltre a Dani Alves, Lichtsteiner e Mandzukic.

16:41Attacco Londra: il suv lanciato a 120 km all’ora sui pedoni

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Lanciato a 76 miglia, circa 122 km all'ora, sui passanti: è la velocità raggiunta dal suv guidato mercoledì scorso da Khalid Masood nel suo attacco terroristico sul Westminster Bridge di Londra. Lo riporta la Bbc, sulla base dei rilevamenti della polizia britannica.

16:41Spari P.Chigi: Giangrande e Fedeli incontrano studenti

(ANSA) - PRATO, 27 MAR - Un incontro sul tema della legalità nella scuola, sull'amore e sui valori che spingono le persone a compiere gesti eroici. Come quello del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che ha raccontato la sua storia a circa 140 studenti del liceo pratese "Cicognini-Rodari". Accanto a lui il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il militare circa 4 anni fa rimase vittima di un attentato di uno squilibrato nel giorno dell'insediamento del governo guidato da Enrico Letta. Nel suo discorso il maresciallo ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera, che sono raccolte nel libro di Roberto Riccardi "Il prezzo della fedeltà" (Mondadori), il cui ricavato delle vendite andrà in beneficenza. All'appuntamento hanno partecipato anche il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e la figlia di Giangrande, Martina, a cui il padre ha tributato una lunga e struggente lettera di ringraziamento nel suo libro.

16:38Russia: Navalni, nella sentenza nulla di vero

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexey Navalni si è detto innocente: "Tutto ciò che è scritto" sul dispositivo della sentenza "non è vero", ha affermato, sottolineando che "l'errore principale è che sulla via Tverskaya c'erano solo 4.000 persone" e ribadendo di non aver opposto resistenza alla polizia. Il suo avvocato, Olga Mikhailova, ha dichiarato che la versione dei fatti fornita dalla polizia è completamente inventata. Secondo il giudice che ha letto la sentenza, Navalni viene condannato per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata con 4.000 persone, per aver spronato i dimostranti a violare l'ordine pubblico e per essersi rifiutato di andare in un ufficio di polizia spintonando gli agenti.

16:30Berlusconi, prestito a Lele Mora un atto di generosità

(ANSA) - MILANO, 27 MAR - Silvio Berlusconi si è presentato in aula a Palazzo di Giustizia a Milano per il processo per bancarotta a carico dell'ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Berlusconi, accompagnato dai suoi legali Nicolò Ghedini e Federico Cecconi e dal suo medico personale, Alberto Zangrillo, è stato ascoltato come teste circa un prestito da circa 2,8 milioni di euro a Lele Mora nel 2010. "E' stato un mio atto di generosità" ha detto il Cavaliere. Secondo l'accusa, Emilio Fede avrebbe trattenuto oltre un milione di euro dei soldi che dovevano servire a salvare la società di Mora. Berlusconi ha risposto a tutte le domande del pm. Ha chiesto di non essere nè ripreso né fotografato durante la sua breve deposizione. Inoltre prima e dopo l'esame non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti. (ANSA).

16:25Sessione Cio 2019, Milano candidata unica

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Milano sarà candidata unica ad ospitare la 132ma Sessione del Cio nel settembre 2019. Lo rende noto il Cio. L'assegnazione ufficiale dell'evento è in programma a Lima il 17 settembre di quest'anno. Il Comitato olimpico internazionale ora nominerà una commissione di valutazione che sarà nel capoluogo lombardo il 23 e 24 maggio prossimi.

Archivio Ultima ora