Brexit: la linea dura di May affossa la sterlina, ma spinge la Borsa

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Brexit: linea dura May affossa sterlina,ma spinge Borsa

Brexit: linea dura May affossa sterlina,ma spinge Borsa

LONDRA. – La Gran Bretagna si avvia verso la Brexit allontanandosi (forse) anche dal mercato unico e la sterlina precipita. Ma la Borsa di Londra – sospinta se non altro da qualche prospettiva di certezza in più sui tempi del negoziato, oltre che dal contraccolpo delle dinamiche valutarie e dall’indice manifatturiero delle Pmi al massimo da due anni – accelera decisamente, in controtendenza con altre piazze: fino a chiudere con un buon +1,25%.

Ha avuto un effetto a doppia faccia il discorso con cui la premier britannica Theresa May, rivolgendosi solennemente alla platea congressuale del Partito Conservatore a Birmingham, ha innescato il conto alla rovescia per il divorzio dall’Ue, fissando il termine massimo di marzo 2017 per l’attivazione dell’articolo 50, premessa dell’avvio dei due anni di negoziati formali previsti dal Trattato di Lisbona per il ‘recesso’ dal Club di Bruxelles.

Un messaggio secco, accompagnato da richiami insistiti alla linea dura sulla volontà di riconquistare sovranità sui confini e di limitare l’immigrazione (anche europea) che appaiono incompatibili con un qualsiasi compromesso sulla permanenza del Regno almeno nel mercato comune. O nell’unione doganale.

I maggiori giornali del Paese, dal Financial Times al Guardian al Times, sono del resto concordi nell’intravvedere dietro le parole di lady Theresa l’orizzonte di una “hard Brexit”. Una prospettiva che suggerisce a Sam Hill, analista della Royal Bank of Canada, persino un ulteriore neologismo: Smexit, crasi di ‘Single Market Exit’. E affossa la sterlina facendola cadere al minimo degli ultimi 30 anni su euro e dollaro: con la valuta europea a un solo passo dalla parità (quasi 0,9 per pound) prima d’una leggera inversione.

A pesare sono pure le parole del cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, protagonista di giornata all’assise Tory di Birmingham, secondo il quale la tenuta di questi mesi dei fondamentali dell’economia dell’isola, rispetto a qualche previsione allarmistica risuonata durante la campagna referendaria, non significa che un rallentamento della crescita non sia alle porte. Né che si possa negare un periodo di alcuni anni “sulle montagne russe” per chi fa affari oltre Manica.

Paladino finora del progetto di una ‘soft Brexit’ – al pari del grosso della City – il titolare del Tesoro è sembrato in effetti spiazzato dall’apparente allineamento della May ai ‘brexiter’ duri e puri di governo (i ministri Boris Johnson, David Davis, Liam Fox). E ha in qualche modo chinato il capo promettendo un superamento dell’austerity a favore di un rilancio degli investimenti dello Stato, a partire dall’edilizia pubblica, nel quadro di un proclamato conservatorismo più sociale.

Ma non per questo ha rinunciato a un appello al “pragmatismo”, nè a mettere qualche puntino sulle ‘i’: “Non ci sono se, non ci sono ma, non ci sarà un secondo referendum, – ha premesso – noi lasceremo l’Ue. Ma deve essere altrettanto chiaro che i britannici non hanno votato (Leave) al referendum del 23 giugno per diventare più poveri”.

Ultima ora

23:23Roma: in arrivo centrocampista Gonalons dal Lione

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Si avvicina il trasferimento alla Roma di Maxime Gonalons. Frederic Guerra, agente del centrocampista francese, ha confermato via Twitter l'intesa tra i due club. "Accordo trovato tra il Lione e la Roma per il trasferimento di Gonalons. Lunedì a Roma le visite mediche. Grazie ai due presidenti" le parole del procuratore. Il costo dell'operazione dovrebbe aggiornarsi attorno ai 5 milioni di euro (di cui tre subito e due invece il prossimo anno). Il calciatore, che arriverà al posto del partente Paredes (destinato allo Zenit di Mancini) firmerà un quadriennale da circa 2,7 milioni annui con bonus inclusi.

23:20Confederation: Portogallo ko ai rigori, Cile primo finalista

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - E' il Cile la prima finalista della Confederation Cuo, in corso di svolgimento in Russia. La squadra di Juan Antonio Pizzi ha superato i campioni d'Europa del Portogallo 3-0 ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari erano terminati 0-0. Decisivo il portiere cileno Bravo che ha parato i tre rigori calciati da Quaresma, Moutinho e Nani, mentre i cileni sono andati a segno con Vidal, Aranguiz e Sanchez. Partita non cento indimenticabile, anche se i primi minuti avevano fatto sperare ben altro con due occasionissme capitate sui piedi prima dell'ex Napoli Edu Vargas (5'), poi del neomilanista Andrè Silva. Nel finale invece protagonista l'arbitro che non sancisce un rigore sacrosanto per il Cile (nonostante la Var), con i sudamericani che hanno meritato la finale grazie a un ottimo finale di partita, con due legni colpiti di fila prima da Vidal e poi da Rodriguez.

21:45Meredith, niente risarcimento a Sollecito

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Raffaele Sollecito non avrà alcun risarcimento per i quattro anni di custodia cautelare trascorsi in carcere quando era accusato, insieme ad Amanda Knox, dell'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia nel 2007. Lo ha deciso la Cassazione che ha respinto il reclamo di Sollecito per avere 500 mila euro di risarcimento per quella che a suo dire è stata una "ingiusta detenzione". Sollecito è stato definitivamente assolto dalla Cassazione, insieme ad Amanda Knox, per il delitto al quale si è sempre proclamato estraneo. Per lui il no al risarcimento è una decisione "inspiegabile". "Sto subendo ancora - ha detto - le conseguenze degli anni passati in carcere da innocente". "Il risarcimento che è stato negato a Raffaele poteva e doveva essere il giusto ristoro per l'ingiusta detenzione subita. Ma questo non scalfisce in alcun modo la sua innocenza", il commento del suo difensore, l'avvocato Giulia Bongiorno. "Ricorreremo alla Corte europea - ha aggiunto - e non ci fermeremo".

21:13Libia: rapiti funzionari dell’Onu, poi rilasciati

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Funzionari dell'Onu sono stati rapiti, e poi rilasciati, dopo che il loro convoglio è stato attaccato da uomini armati vicino a Zawiyah, a circa 50 chilometri a ovest di Tripoli. Secondo i media internazionali i rapitori farebbero parte di un gruppo locale affiliato ad Al Qaida. A bordo dei mezzi Onu viaggiavano un americano, due svedesi, due giordani, un team di sicurezza romeno e alcuni libici.

21:11Maltempo flagella Centro Nord, allerta in diverse regioni

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Nubifragi, trombe d'aria, esondazioni e allagamenti. E' allerta meteo sulle regioni del Centro Nord, a causa della perturbazione di origine atlantica che sta dividendo in due il Paese, uno scarto termico di venti gradi tra la Valle d'Aosta e la Sicilia. Con il sole e l'afa regine al Sud, Piemonte, Liguria, Lombardia e Veneto riaprono l'ombrello e contano i danni dei violenti acquazzoni, tra alberi sradicati e tetti scoperchiati, mentre Emilia-Romagna e Toscana fanno i conti soprattutto col forte vento e il mare mosso. Il Dipartimento della Protezione civile, d'intesa con le Regioni coinvolte, ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse.

20:54Rifiuti: A Ercolano corteo e mascherine contro roghi tossici

(ANSA) - ERCOLANO (NAPOLI), 28 GIU - Un corteo per dire stop allo sversamento illegale dei rifiuti e ai roghi tossici si è svolto, questa sera, lungo le strade di Ercolano (Napoli). A promuoverlo i volontari dell'associazione "Salute Ambiente Vesuvio" che, a seguito degli ultimi roghi nell'area delle cave in contrada Castelluccio nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, hanno chiesto interventi celeri alle istituzioni contro chi inquina e deturpa il territorio. Alla testa del corteo, partito da piazza Trieste, i giovani delle parrocchie con lo striscione 'Il Vesuvio non è una discarica', a seguire le Mamme Vulcaniche, i sacerdoti del decanato, le scuole, il mondo del volontariato e comuni cittadini che hanno indossato mascherine "perché in alcune ore non si può respirare a causa dei fumi". (ANSA).

20:51Interrotta per 100′ circolazione treni per albero caduto

(ANSA) - PERUGIA, 28 GIU - Interrotta per circa un'ora e tre quarti a causa di un albero caduto a causa del forte vento la linea ferroviaria tra Ellera e Magione, sulla tratta Firenze-Foligno. Personale di Rfi è subito intervenuto e ha rimosso il tronco permettendo ai treni di tornare a circolare. Al momento della caduta della pianta non c'erano convogli lungo il percorso. Le ferrovie hanno quindi attivato un servizio navetta su bus tra Ellera e Magione fino al momento della riapertura.

Archivio Ultima ora