Referendum in Colombia, un esempio di democrazia

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da Mauro Bafile

CARACAS – Un esempio di democrazia, di un Paese in cui le istituzioni funzionano ed è rispettata l’indipendenza dei poteri. In Colombia ha vinto il “No”. Il Paese era stato chiamato ad esprimersi sugli accordi di pace firmati dal Governo del presidente Juan Manuel Santos e le Farc, la storica formazione guerrigliera fondata nel 1964 da Pedro Antonio Marìn, meglio conosciuto col nome di Manuel Marulanda Vèlez o “Tirofijo”. Il 50,24 per cento dei votanti ha rispedito al mittente l’accordo mentre il 49,75 per cento si è espresso a favore del “Sì”. Dalla consulta popolare, quindi, è emerso un Paese spaccato il cui futuro politico ed economico pare incerto. Il “No”, infatti, rappresenta una sconfitta per il Governo del presidente Santos e il trionfo della destra radicale guidata da Alvaro Uribe Vèlez ma anche un duro colpo all’economia della nazione. L’accordo di pace avrebbe rafforzato il clima di fiducia nel Paese e convinto anche gli industriali e le multinazionali più intransigenti, a investire. Ora il futuro politico è incerto, probabilmente gli investitori tireranno i remi in barca e la strada verso la pacificazione del Paese è sempre più in salita. Come con la Gran Bretagna dopo il referendum sul “Brexit”, così la Colombia si è risvegliata, il giorno dopo il “No”, disorientata, confusa, in stato di “shock”.
Ma non è l’esito della consulta popolare quello che ci interessa analizzare in queste colonne, ma la maniera in cui si è svolto il Referendum prima, durante e dopo i risultati.
Una lezione di democrazia. Non siamo noi a dirlo, sono i fatti a dimostrarlo. La Colombia, nonostante sia un paese travagliato da una lunga guerra interna, ha mostrato domenica scorsa come le istituzioni riescano a funzionare e come si abbia un profondo rispetto per l’indipendenza dei poteri pubblici.
Il referendum per confermare l’accordo di pace tra le Farc e il governo è stato realizzato immediatamente dopo la firma dell’accordo, avvenuta ufficialmente il 26 settembre scorso, a seguito della fine del dialogo, avvenuto lo scorso 24 agosto. La consulta, quindi, è stata organizzata in pochissimo tempo, a dimostrazione di cosa si può fare quando esistono volontà e un organismo elettorale efficiente.
Nella campagna per il “No” e quella per il “Sì”, poi, sebbene i toni siano stati molto accesi, come accade spesso in una campagna elettorale, non sono mai state impiegate espressioni apertamente insultanti, tantomeno minacce, anche se il dibattito non sempre si è svolto nell’ambito delle idee.
Dopo la consulta popolare, poi, i colombiani non hanno dovuto attendere fino a notte inoltrata o, addirittura, il giorno seguente, per conoscere i risultati. Dopo appena due ore, forse poco più, l’organismo elettorale, dopo una serie di bollettini provvisori, in cui il “No” e il “Si” si sono alternati creando illusioni, ha reso noto l’esito della consulta popolare.

Nessuno ha avuto da ridire sui risultati, né il governo né chi sosteneva la scelta del “no”. Tutto, quindi, si è svolto come è costume radicato nelle democrazie mature.
In Venezuela, da mesi, il Tavolo dell’Unità cerca di superare i tanti ostacoli, criticati anche da autorevoli istituzioni internazionali e da numerosi governi democratici che seguono con interesse e preoccupazione le vicende venezuelane, posti dal Consiglio Nazionale Elettorale, per attivare un Referendum volto a destituire il Presidente giunto a metà del suo mandato, come previsto dalla Costituzione.
Il Tavolo dell’Unità continua a rincorrere il Referendum. E lo fa con l’unico strumento a sua disposizione: la presenza sempre più massiccia di venezuelani nelle manifestazioni di piazza che organizza. Qualunque scorciatoia per destituire il capo dello Stato sarebbe un crasso errore. La medicina sarebbe peggiore alla malattia.
Come sostiene Luis Vicente Leòn in una nota pubblicata dal portale “Prodavinci”, il Tavolo dell’Unità deve impegnarsi nella raccolta del 20 per cento delle firme, tracciare strategie per non fallire l’obiettivo a prescindere dalla corsa ad ostacoli imposta dall’organismo elettorale.
E’ probabile che non vi sia consulta popolare quest’anno, e forse neanche il prossimo, ma l’Opposizione avrebbe dimostrato agli occhi del mondo che esiste una maggioranza stanca delle politiche del governo e desiderosa di un cambio. E una minoranza che nega l’inevitabile. Il cammino è lungo e non certo facile. Ma si sapeva.
Mauro Bafile

Ultima ora

02:25Ballottaggi: Giordani vince a Padova, Sboarina a Verona

(ANSA) - VENEZIA, 26 GIU - Il centrodestra si riprende Verona, che chiude così l'era di Flavio Tosi, il centrosinistra Padova, che lascia fuori di Palazzo Moroni il leghista Massimo Bitonci. Federico Sboarina, candidato di Fi e Lega, è il nuovo sindaco della città scaligera, dove con il 57,9% dei consensi ha battuto la candidata, e compagna di Tosi, Patrizia Bisinella (42,1%), che al secondo turno godeva anche dell'appoggio del Pd. Un ribaltone simbolico se letto attraverso la lente leghista, dato che Verona era una delle città su cui puntava per il successo il leader del Carroccio, Salvini, acerrimo avversario dell'ex leghista Tosi. A Padova vince il candidato 'civico' dei Dem Sergio Giordani, che, che grazie all'apporto fondamentale della 'Coalizione Civica' di Arturo Lorenzoni, strappa la poltrona di sindaco alla Lega, defenestrato dalla sua maggioranza nel novembre 2016. Giordani, imprenditore, ha conquistato il 51,8% dei voti del ballottaggio; Bitonci si è fermato al 48,2%.

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

Archivio Ultima ora