Referendum in Colombia, un esempio di democrazia

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da Mauro Bafile

CARACAS – Un esempio di democrazia, di un Paese in cui le istituzioni funzionano ed è rispettata l’indipendenza dei poteri. In Colombia ha vinto il “No”. Il Paese era stato chiamato ad esprimersi sugli accordi di pace firmati dal Governo del presidente Juan Manuel Santos e le Farc, la storica formazione guerrigliera fondata nel 1964 da Pedro Antonio Marìn, meglio conosciuto col nome di Manuel Marulanda Vèlez o “Tirofijo”. Il 50,24 per cento dei votanti ha rispedito al mittente l’accordo mentre il 49,75 per cento si è espresso a favore del “Sì”. Dalla consulta popolare, quindi, è emerso un Paese spaccato il cui futuro politico ed economico pare incerto. Il “No”, infatti, rappresenta una sconfitta per il Governo del presidente Santos e il trionfo della destra radicale guidata da Alvaro Uribe Vèlez ma anche un duro colpo all’economia della nazione. L’accordo di pace avrebbe rafforzato il clima di fiducia nel Paese e convinto anche gli industriali e le multinazionali più intransigenti, a investire. Ora il futuro politico è incerto, probabilmente gli investitori tireranno i remi in barca e la strada verso la pacificazione del Paese è sempre più in salita. Come con la Gran Bretagna dopo il referendum sul “Brexit”, così la Colombia si è risvegliata, il giorno dopo il “No”, disorientata, confusa, in stato di “shock”.
Ma non è l’esito della consulta popolare quello che ci interessa analizzare in queste colonne, ma la maniera in cui si è svolto il Referendum prima, durante e dopo i risultati.
Una lezione di democrazia. Non siamo noi a dirlo, sono i fatti a dimostrarlo. La Colombia, nonostante sia un paese travagliato da una lunga guerra interna, ha mostrato domenica scorsa come le istituzioni riescano a funzionare e come si abbia un profondo rispetto per l’indipendenza dei poteri pubblici.
Il referendum per confermare l’accordo di pace tra le Farc e il governo è stato realizzato immediatamente dopo la firma dell’accordo, avvenuta ufficialmente il 26 settembre scorso, a seguito della fine del dialogo, avvenuto lo scorso 24 agosto. La consulta, quindi, è stata organizzata in pochissimo tempo, a dimostrazione di cosa si può fare quando esistono volontà e un organismo elettorale efficiente.
Nella campagna per il “No” e quella per il “Sì”, poi, sebbene i toni siano stati molto accesi, come accade spesso in una campagna elettorale, non sono mai state impiegate espressioni apertamente insultanti, tantomeno minacce, anche se il dibattito non sempre si è svolto nell’ambito delle idee.
Dopo la consulta popolare, poi, i colombiani non hanno dovuto attendere fino a notte inoltrata o, addirittura, il giorno seguente, per conoscere i risultati. Dopo appena due ore, forse poco più, l’organismo elettorale, dopo una serie di bollettini provvisori, in cui il “No” e il “Si” si sono alternati creando illusioni, ha reso noto l’esito della consulta popolare.

Nessuno ha avuto da ridire sui risultati, né il governo né chi sosteneva la scelta del “no”. Tutto, quindi, si è svolto come è costume radicato nelle democrazie mature.
In Venezuela, da mesi, il Tavolo dell’Unità cerca di superare i tanti ostacoli, criticati anche da autorevoli istituzioni internazionali e da numerosi governi democratici che seguono con interesse e preoccupazione le vicende venezuelane, posti dal Consiglio Nazionale Elettorale, per attivare un Referendum volto a destituire il Presidente giunto a metà del suo mandato, come previsto dalla Costituzione.
Il Tavolo dell’Unità continua a rincorrere il Referendum. E lo fa con l’unico strumento a sua disposizione: la presenza sempre più massiccia di venezuelani nelle manifestazioni di piazza che organizza. Qualunque scorciatoia per destituire il capo dello Stato sarebbe un crasso errore. La medicina sarebbe peggiore alla malattia.
Come sostiene Luis Vicente Leòn in una nota pubblicata dal portale “Prodavinci”, il Tavolo dell’Unità deve impegnarsi nella raccolta del 20 per cento delle firme, tracciare strategie per non fallire l’obiettivo a prescindere dalla corsa ad ostacoli imposta dall’organismo elettorale.
E’ probabile che non vi sia consulta popolare quest’anno, e forse neanche il prossimo, ma l’Opposizione avrebbe dimostrato agli occhi del mondo che esiste una maggioranza stanca delle politiche del governo e desiderosa di un cambio. E una minoranza che nega l’inevitabile. Il cammino è lungo e non certo facile. Ma si sapeva.
Mauro Bafile

Ultima ora

16:33Craxi: Sala, “Prima di dire la mia rifletterò”

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Io credo che qui ci sia assolutamente libertà di coscienza, ognuno dice la sua e io prima di dire la mia rifletterò". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato le diverse posizioni all'interno della sua Giunta sull'eventualità di intitolare una via a Bettino Craxi. "Io ho solamente ribadito che è un tema che appartiene alla storia di Milano ed è giusto discuterne, però sono ancora molto lontano da esprime un giudizio. Quindi lasciamo che la città e il Consiglio comunale facciano la loro parte" ha spiegato Sala. Il gruppo di FI a Palazzo Marino ha annunciato una mozione per chiedere l'intitolazione di una piazza al leader socialista. "Ci deve essere un dibattito in Consiglio, che ha giustamente la volontà di intervenire su tanti temi significativi. Vediamo se vorrà intervenire anche su questo" ha aggiunto Sala. Sull'argomento è intervenuto il leader della Lega Nord, Matteo Salvini: "Aprire un confronto su Craxi? Ma mi facciano il piacere, con tutte le cose serie che ci sono da fare".

16:26Calcio: Sousa, allenare Kalinic è una gioia

(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - "Ho sempre detto e lo ripeto che allenare giocatori come Kalinic è una gioia per chi fa questo mestiere". Così Paulo Sousa parla dell'attaccante croato da tempo chiacchierato sul mercato, nel mirino dei cinesi del Tianjin. Intanto per domani, in trasferta contro il Chievo, Kalinic mancherà per squalifica, sarà l'occasione per Babacar per confermare di essere pronto se il tecnico viola lo schiererà titolare. Dall'Inghilterra confermano la chiusura dell'acquisto di Zarate per circa 2,5 milioni da parte del Watford di Mazzarri.

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

16:11Merkel riceve Fillon in cancelleria lunedì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 20 GEN - La cancelliera tedesca Angela Merkel riceverà il candidato alla presidenza francese François Fillon, lunedì prossimo in cancelleria. Lo ha comunicato il suo portavoce, Steffen Seibert, oggi in conferenza stampa. Subito dopo Fillon terrà un discorso alla Fondazione Adenauer, vicina alla Cdu. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Seibert ha affermato che un incontro del genere "non rappresenta alcuna interferenza" nella campagna elettorale francese, e ha ricordato che Merkel in passato ha incontrato altri candidati, sia conservatori che socialdemocratici.

16:11Di Maio, eroi salvano persone, antieroi le banche

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Ci sono eroi e antieroi. Gli eroi sono quelli che si mettono a disposizione, rischiando l'incolumità, per salvare gli altri. Gli antieroi sono quelli che si nascondono dietro sobrietà per celare disorganizzazione e incapacità". Così Luigi Di Maio commentando i salvataggi a Rigopiano. "Non è polemica è la verità. Gli antieroi hanno tempi da Bolt quando si tratta di tirar fuori dalle tasche degli italiani 20 mld per salvare la banca che hanno distrutto e sono insopportabilmente lenti quando si tratta di dare ai terremotati 28 milioni che gli italiani hanno donato con grande solidarietà".

Archivio Ultima ora