Foro Economico, il Venezuela il paese più corrotto

CARACAS – Due primati dei quali si farebbe volentieri a meno. Il Venezuela non ha solo la città più periolosa al mondo, Caracas con 119 omicidi ogni 100 mila abitanti; ma è anche il paese più corrotto al mondo.
Stando all’Indice di Corruzione del Foro Economico, tra le prime 10 nazioni più corrotte al mondo ben 5 sono latinoamericane: Venezuela, che occupa il primo posto, Bolivia, Brasile, Paraguay e Repubblica Dominicana. Messico, invece, è il paese più corrotto tra quelli considerati industrializzati mentre l’Italia, nella singolare classifica, occupa il terzo posto seguita a ruota da Ungheria, Grecia, Cecoslovacchia e Spagna.

La singolare classifica è stata stilata dopo un sondaggio tra 15mila capitani d’industria dispersi in 141 Paesi. Le domande loro rivolte sono state molto semplici: quanto comune è la deviazione di fondi pubblici ad aziende o gruppi privati? Come giudica l’etica dei politici? Quando comune è il tentativo delle aziende di ottenere una licitazione pagando tangenti?
In una scala dall’1 al 7, il Venezuela ha ottenuto il punteggio di 1,7; Bolivia, 2; Brasile e Paraguay, 2,1; Repubblica Dominicana, 2,2. Messico, dal canto suo, ha ricevuto un punteggio di 2,5 e l’Italia di 3,1.
Mesi fa, Caracas aveva ottenuto il triste primato di essere la città più pericolosa al mondo, superando anche San Pedro Sula, in Honduras, che per quattro anni era stata al primo posto con 111,03 omicidi ogni 100 mila abitanti.
Nella lista delle città più pericolose del mondo, le cinque che sono in testa si trovano tutte in America Latina: dopo Caracas e San Pedro Sula seguono San Salvador (capitale del Salvador, 108,54), Acapulco (importante centro turistico della costa pacifica messicana, 104,73) e Maturin (nel nordest del Venezuela, 86,45).
Secondo l’“Intelligence Unit” del settimanale Economist, la città più sicura nel 2015 era Tokyo, la capitale del Giappone. La prima città italiana era Milano, al 26esimo posto, mentre Roma è al 27esimo.

Condividi: