L’uragano Matthew si abbatte su Haiti, paura disastro umanitario

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

A handout visible-light image made available by NASA's NOAA GOES Project and taken from space by the NOAA GOES-East satellite on 30 September 2016 at 1:45 pm EDT shows Hurricane Matthew in the Caribbean Sea, strengthening into a category 5 hurricane. According to media reports, the hurricane is generating maximum sustained wind speeds of at least 195 kph, and will likely approach Jamaica, Cuba and Haiti by 03 October.  EPA/NASA / NOAA GOES Project /

A handout visible-light image made available by NASA’s NOAA GOES Project and taken from space by the NOAA GOES-East satellite on 30 September 2016 at 1:45 pm EDT shows Hurricane Matthew in the Caribbean Sea, strengthening into a category 5 hurricane. According to media reports, the hurricane is generating maximum sustained wind speeds of at least 195 kph, and will likely approach Jamaica, Cuba and Haiti by 03 October. EPA/NASA / NOAA GOES Project /

NEW YORK. – Matthew è arrivato ad Haiti e per l’isola caraibica si teme un nuovo disastro umanitario, con l’Unicef che lancia l’allarme e parla di 4 milioni di bambini a rischio. L’uragano ha toccato terra alle sette del mattino ora locale, con venti superiori ai 230 chilometri orari, e secondo i meteorologi potrebbe portare con sè più di un metro di pioggia con il rischio di catastrofiche alluvioni.

E la paura cresce anche negli Stati Uniti, dove Matthew potrebbe arrivare nei prossimi giorni dopo il passaggio su Cuba. Potrebbe infatti cambiare la sua traiettoria fino a toccare le coste della Florida per poi proseguire lungo la East Coast, dalla Georgia al Nord e Sud Carolina fino allo stato di New York.

Il governatore del ‘Sunshine State’ Rick Scott ha già dichiarato lo stato di emergenza, mobilitando 200 soldati della Guardia Nazionale e invitando la popolazione a preparasi al peggio. A Miami come a Tampa gli scaffali dei grandi magazzini e dei negozi sono presi in queste ore d’assalto.

In maniera precauzionale anche il presidente americano Barack Obama è stato costretto a cancellare due tappe in Florida per la campagna di Hillary Clinton. Lo stato di emergenza è stato dichiarato anche in Georgia, mentre in Sud Carolina oltre un milione di persone lungo la zona costiera rischiano di essere evacuate, come ha annunciato il governatore Nikki Haley.

Matthew – che ha già fatto sette vittime – è la peggior tempesta tropicale che si sia abbattuta su Haiti in decenni. Ma – spiegano gli esperti – rischia di trasformarsi in una catastrofe a causa delle condizioni già disastrose in cui ancora vive la popolazione a sei anni dal terremoto che fece oltre 200 mila vittime. Molti residenti sono ancora nelle tendopoli e, secondo quanto dichiarato dalle autorità locali e dalle varie organizzazioni umanitarie, la maggior parte della popolazione ha ignorato gli appelli all’evacuazione nel timore che i propri averi venissero rubati.

Il pericolo per i bambini ad Haiti, come ha messo in guardia l’Unicef, potrebbe arrivare soprattutto dall’acqua contaminata, con il rischio di contrarre pericolose malattie. “L’acqua contaminata – ha detto Marc Vincent, rappresentante Unicef ad Haiti – è la prima minaccia per i bambini. La nostra priorità è far si che bevano acqua sicura”.

Ore di allerta anche per Cuba e le Bahamas, dove l’uragano potrebbe arrivare tra martedì notte e mercoledì mattina. In particolare a Cuba sono già state evacuate circa 300 mila persone nella zona orientale. Evacuazioni anche nella base americana di Guantanamo Bay. Gli Stati Uniti hanno già rimpatriato 700 familiari del personale americano in servizio. La Casa Bianca ha fatto anche sapere che Obama incontrerà i vertici della protezione civile per un aggiornamento della situazione.

(di Gina Di Meo)

Ultima ora

13:18Australia: appello personalità contro la visita di Netanyahu

(ANSA) - SYDNEY, 20 FEB - Oltre 60 fra leader politici, imprenditoriali e religiosi, giuristi, accademici e artisti di spettacolo, sottoscritto una dichiarazione per esprimere la loro opposizione alla visita in Australia, in programma da mercoledì, del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu. Le sue politiche, affermano, violano il diritto internazionale e "provocano e opprimono il popolo palestinese allontanando ancora di più il Medio Oriente dalla pace". "E' tempo che sia messa fine alle sofferenze del popolo palestinese e che l'Australia assuma una posizione più equilibrata nel sostenere l'applicazione del diritto internazionale e non sostenga ciecamente Netanyahu e le sue politiche", scrivono. Sono in programma manifestazioni di protesta a Sydney, Melbourne e Canberra. Netanyahu incontrerà il primo ministro conservatore Malcolm Turnbull, il leader dell'opposizione laburista Bill Shorten e altri leader durante la visita di quattro giorni, la prima di un capo di governo israeliano in carica.

13:13Roma: nel pomeriggio possibile incontro Raggi-Grillo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - A quanto si apprende l'incontro tra Beppe Grillo, da oggi a Roma, e Virginia Raggi potrebbe tenersi nel tardo pomeriggio in Campidoglio oppure domani mattina. Al centro dell'incontro potrebbe esserci anche la posizione del M5S sullo Stadio della Roma a Tor di Valle.

13:12Pd: nasce area Orlando-Cuperlo-Damiano

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Una riunione, ieri sera, tra Andrea Orlando, Gianni Cuperlo e Cesare Damiano ha sancito, a quanto si apprende, la nascita di una nuova area dentro il Pd alla luce della quasi certa scissione con la minoranza. I tre esponenti ex ds, che ieri in assemblea hanno caratterizzato i loro interventi all'insegna dell'unità del partito e dell'equidistanza, si sono trovati d'accordo, nella riunione, sulla necessità di un'area larga che avanzi una proposta politica nuova per rifondare il Pd.

13:11Pd: Orlando, io sarei già candidato se impedisse scissione

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Non mi pare serva mettere altri candidati alla segreteria in lizza. Se la mia candidatura impedisse la scissione, sarei già candidato. Non ho capito quale sia il problema in questo passaggio...". Così il Ministro della Giustizia Andrea Orlando (Pd) intervenendo ad Agorà, su RaiTre, parlando del partito democratico. "Qualunque problema abbia il partito, l'idea che lo si possa risolvere con la scissione è sbagliata: apre un fronte che consente alla destra di rafforzarsi", ha aggiunto. "La responsabilità è di tutti: non si à sedimentata una politica comune".

13:11Ue: Gentiloni vede Padoan in vista Eurogruppo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha incontrato questa mattina a palazzo Chigi il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Il colloquio, a quanto si apprende, è servito a fare un punto prima della partenza del ministro per Bruxelles, dove parteciperà all'Eurogruppo.

13:10Pd: Rossi, nuovi gruppi parlamentari sosterranno governo

(ANSA) - FIRENZE, 20 FEB - Nuovi gruppi parlamentari dopo la scissione nel Pd? "Non so: è una domanda che va posta a chi siede in Parlamento, ma penso che sia normale che appoggino il governo", dice Enrico Rossi a Rainews24. "Non sono d'accordo con Fratoianni - ha poi aggiunto rispondendo ad una domanda - che ci ha chiesto di non sostenere Gentiloni". Quanto alla sua appartenenza al Pd, Rossi ha detto: "Proprio poco fa stavo pensando di rispedire la mia tessera alla mia sezione, con una lettera, e andarne a trovare anche il segretario".

12:57Pence a Bruxelles, Mogherini, buona base

(ANSA) - BRUXELLES, 20 FEB - "Eccellente incontro, buona base per la nostra cooperazione". Lo ha twittato l'alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini, dopo l'incontro nella residenza dell'ambasciatore americano presso la Ue a Bruxelles, con cui il vicepresidente americano, Mike Pence, ha cominciato la visita ufficiale alle istituzioni Ue. Dopo un colloquio di circa 45 minuti, il vice di Donald Trump si è recato nell'Europa Building, nuova sede del Consiglio Europeo, per l'incontro con il presidente Donald Tusk, in cui il principale argomento atteso - secondo quanto riferito da fonti europee - è la "rassicurazione sull'unità transatlantica". Successivamente Pence incontrerà il presidente Jean-Claude Juncker nella sede della Commissione europea. Pomeriggio dedicato invece alla Nato con una visita al quartier generale per l'incontro con il segretario generale Jens Stoltenberg. IeriPence ha avuto una cena con il primo ministro belga, Charles Michel.

Archivio Ultima ora