Papa Francesco tra i terremotati, vi sono vicino

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

Pope Francis praying infront the ruins in Amatrice, Italy, 04 October 2016 as he arrives to meet people who survived the earthquake hit town of Amatrice. A devastating 6.0 magnitude earthquake early morning of 24 August left a total of 293 dead, according to official sources.  ANSA/MATTEO GUIDELLI

Pope Francis praying infront the ruins in Amatrice, Italy, 04 October 2016 as he arrives to meet people who survived the earthquake hit town of Amatrice. A devastating 6.0 magnitude earthquake early morning of 24 August left a total of 293 dead, according to official sources.
ANSA/MATTEO GUIDELLI

AMATRICE (RIETI). – C’è l’abbraccio con il vecchio Giovanni e la foto con i vigili del fuoco “che salvano le persone”, ci sono i sorrisi e i capelli scompigliati ai bambini che si attaccano al vestito bianco. E i silenzi davanti alle macerie. E’ il viaggio di un parroco di paese, quello di papa Francesco nelle terre sconvolte dal terremoto del 24 agosto; un viaggio lungo 350 km tra Lazio, Marche e Umbria che il pontefice fa in auto, otto ore tra curve e strade interrotte per portare a questa gente che non ha più casa, ricordi e affetti, lo stesso messaggio di conforto: “vi sono vicino”.

Sono le 9.15 quando la Golf blu con targa italiana e vetri oscurati entra nel piazzale della nuova scuola di Amatrice. Niente scorta, niente elicottero, niente programma ufficiale: le forze di polizia e pochissimi altri hanno avuto la conferma della visita alle 8 di mattina, quando l’auto con il papa a bordo ha lasciato il Vaticano.

D’altronde Francesco lo aveva detto esplicitamente sul volo di ritorno dall’Azerbaigian: “vorrei essere vicino alla gente, ma da solo”. Non è andata proprio così, nel senso che il papa solo non c’è stato un attimo; ma è riuscito lo stesso a fare quel che voleva: calarsi tra i cittadini come un prete qualunque e stringere mani, annullare distanze, guardare negli occhi chi soffre, portare un messaggio di speranza.

Così nella scuola Romolo Capranica stringe le mani ai ragazzi più grandi e abbraccia quelli più piccoli, guarda sorridendo i loro disegni e in cambio dona rosari, spinge gli adulti a “guardare avanti”. “Non sono venuto prima – dice – per non creare problemi, non volevo dare fastidio. Nei primi giorni ho visto tanti dolori e ho pensato che la mia visita, forse, fosse più un ingombro che un aiuto, un saluto”.

Ora però bisogna ricominciare; e le scuole sono un simbolo del ritorno alla vita. E’ questo, dunque, il momento per esserci. Per ribadire quel concetto: “vi sono vicino e prego per voi”. La stessa cosa che Francesco dice ai vigili del fuoco che lo accolgono nella zona rossa di Amatrice. “Ogni giorno prego per voi affinché non dobbiate lavorare, perché il vostro è un lavoro doloroso”.

L’immagine che tutti i media cercano, che tutti vogliono, è quella del papa di spalle, solo, di fronte alle macerie del paese. Ma l’immagine che vuole Francesco, invece, è piena di vita. “Fatemi una foto con i pompieri – chiede ai fotografi vaticani – perché loro sono quelli che salvano le gente”. “Non è una visita alle macerie, ma alle persone – conferma il vescovo di Rieti Domenico Pompili – una visita dei gesti e dell’incontro fisico con la gente”.

E di gesti che lasciano il segno tra le persone, il papa-parroco, ne fa diversi. Stringe forte a sè la felpa con la scritta Accumoli che gli regala il sindaco Stefano Petrucci e quella con la scritta Amatrice, recuperata sotto le macerie del paese. Si ferma a pranzo nella residenza sanitaria del San Raffaele a Borbona, dove ci sono i più disperati tra i disperati: anziani non autosufficienti e non assistibili a domicilio, sfollati dopo il terremoto. Un piatto di riso e facce incredule: “tutto mi aspettavo – è il commento di una 92enne – tranne che mangiare accanto al papa”.

E in piazza San Francesco ad Accumoli si allontana da tutti chiedendo silenzio per pregare davanti alle macerie della chiesa: il campanile, crollando, ha ucciso una famiglia di quattro persone. “Ho sentito che dovevo venire da voi. Vicinanza e preghiera, niente di più, questa è la mia offerta per voi” dice alla gente che prima lo applaude, poi lo bacia, poi piange e infine si fa un selfie con lui.

A san Benedetto del Tronto lo aspettano 300 sfollati ospitati negli alberghi, ma Francesco si ferma solo alla tendopoli di Bordo di Arquata, dopo una preghiera su quel che resta del paese che non c’è più: Pescara del Tronto. Anche qui lo attendono i bambini delle scuole, ma lui non risparmia una stretta di mano e una carezza a chi lo ferma per strada. “Coraggio, sempre avanti, i tempi cambieranno e si potrà andare avanti”.

“Sono parole che daranno forza a tutti noi” dice il commissario per la ricostruzione Vasco Errani, che con il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha salutato il pontefice. “Venirci a trovare – aggiunge il sindaco Aleandro Petrucci – era il più bel dono che ci poteva fare”.

L’ultima tappa del viaggio è San benedetto di Norcia: Francesco scende dall’auto stanco ma con ancora la forza di tirare fuori un sorriso per la gente che lo aspetta. C’è il tempo per una preghiera e per ribadire anche qui il messaggio: “sono con voi in un momento di tristezza, chiedo al signore che vi dia la forza di guardare avanti”.

La Golf blu riparte in direzione Roma ma trecento metri più avanti si ferma di nuovo: ci sono da salutare alcune suore benedettine del convento di Sant’Antonio che erano arrivate in ritardo. Francesco apre il finestrino, stringe le mani e parla con loro. Come un parroco di paese.

(dell’inviato Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

02:32Del Turco: Cassazione annulla condanne,nuovo processo

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Ci sarà un nuovo processo per l'ex governatore dell'Abruzzo Ottaviano Del Turco e alcuni degli atri imputati nel processo per la 'Sanitopoli' abruzzese: lo ha deciso la Cassazione che ha annullato con rinvio la condanna per Del Turco, e altri 2 imputati, in relazione all'accusa di associazione per delinquere. I giudici di Perugia dovranno rideterminare il trattamento sanzionatorio e rivedere la condanna che per Del Turco, in appello, era stata diminuita da 9 anni e 6 mesi a 4 anni e 2 mesi.

02:11Usa: svolta in Asia, Trump chiama presidente Taiwan

(ANSA)- NEW YORK, 3 DIC - Donald Trump ha avuto un colloquio telefonico con il presidente taiwanese Tsai Ying-wen. Si tratta di una svolta nella politica Usa in Asia e la rottura dopo decenni di un protocollo diplomatico che non potra' non avere implicazioni nei rapporti tra Stati Uniti e Cina. E' la prima volta che un presidente Usa e' in contatto con un leader di Taiwan dal 1979, quando si ruppero le relazioni tra i due paesi.

01:30Calcio a 5:anticipi serie A,sorridono Pescara, Rieti e Cioli

(ANSA) - ROMA, 2 DIC - Gli anticipi del venerdì della nona giornata di Serie A di calcio a cinque si concludono con le vittorie di Pescara, Cioli Cogianco e Real Rieti, ai danni di Luparense, Axed Group Latina e Lazio. Gli abruzzesi di Colini superano 6-3 la Luparense, ottenendo l'ottava vittorie in 9 gare e allungando ancora in classifica sulle inseguitrici. Doppietta di Borruto e reti di Canal, Rosa, Cuzzolino e Ghiotti per la squadra di Colini, che ha domato i veneti. Torna a sorridere la Cogianco, che batte 4-1 il Latina. Succede tutto nella ripresa, con le reti di Fusari, Vizonan, Fits e Ruben, intervallate dal momentaneo 1-3 pontino di Maina. Passa anche il Rieti, trascinato dalla tripletta di Turmena contro la Lazio. Domani la nona giornata verrà completata dalle restanti tre gare: alle 18, Came Dosson-Ma Group Imola e Kaos Futsal-Lollo Caffè Napoli, alle 18.30 Futsal Isola-Acqua&Sapone Unigross.

01:19Paura a Parigi, si temono ostaggi ma è rapina ‘fallita’

(ANSA) - PARIGI, 02 DIC - Paura a Parigi quando si è sparsa la notizia che intorno alle 19 un individuo armato teneva in ostaggio i clienti dell'Asieland, un'agenzia specializzata in viaggi nel continente asiatico che si trova nel XIII/o arrondissement, sul boulevard Massena, nel sud della capitale. Nella Francia in stato d'emergenza per l'allerta terrorismo subito si è riaccesa la psicosi, qualcuno ha temuto un nuovo attentato, in un contesto di nervi a fior di pelle tra cittadini e forze dell'ordine. Niente di tutto questo. E' solo una "rapina fallita" e "non c'è stata nessuna presa d'ostaggi" come temuto, ha annunciato in tv il presidente di circoscrizione, Jerome Coumet, rivelando che le persone che si trovavano all'interno dell'agenzia - sei in totale - sono tutte uscite, sane e salve e "nessun è rimasto ferito". Il rapinatore è ancora in fuga, attivamente ricercato dagli agenti, dopo che le teste di cuoio hanno annunciato la fine dell'operazione nell'agenzia viaggi.

00:58Golf: ‘Hero World’,Tiger Woods 65 al secondo giro,ora è 9/o

(ANSA) - NASSAU, 2 DIC - Tiger Woods è risalito al nono posto, guadagnando otto posizioni, dopo il secondo giro di buche dell'Hero World Challenge (montepremi 3,5 milioni di euro), sul percorso dell'Albany Resort (par 72), a New Providence nelle Isole Bahamas. L'asso del golf è al rientro dopo due interventi chirurgici alla schiena e la pausa più lunga mai patita in carriera, 15 mesi dal 23 agosto 2015. Al comando c'è l'altro americano Dustin Johnson, davanti al giapponese Hideki Matsuyama. Woods è risalito grazie al 65 ottenuto oggi. "Ho giocato pulito e adesso provo sensazioni positive - ha commentato -. Vi sembro sciupato? A Thanksgiving mio figlio mi ha attaccato la febbre, ma adesso mi sono ripreso pur tenendo conto di tutte le operazioni a cui mi sono sottoposto. Ora devo riacquistare un po' di forza e concentrarmi sul mio gioco".

00:46Calcio: Trapani-Carpi 0-1

(ANSA) - TRAPANI, 2 DIC - Perde ancora il Trapani che in settimana aveva esonerato Serse Cosmi. Il cambio in panchina non ha invertito il trend ed è arrivata la sconfitta anche con il Carpi al Provinciale, nell'anticipo della 17/a giornata di serie B. Gli ospiti vanno in vantaggio al 38' con Catellani su rigore e poi controllano. Con questo successo il Carpi sale al quinto posto in classifica, con 27 punti. Trapani sempre più ultimi con 11.

00:43Calcio: Pioli, oggi Inter ha fatto un passo indietro

(ANSA) - ROMA, 2 DIC - "E' un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni: nelle altre partite abbiamo avuto l'approccio giusto, mentre oggi abbiamo sbagliato l'inizio e contro una squadra come il Napoli non puoi permettertelo. Abbiamo anche avuto le occasioni per recuperare, ma purtroppo non le abbiamo sfruttate". L'analisi del tecnico dell'Inter Stefano Pioli è lucida dopo la sconfitta di Napoli ("sul primo gol Callejon era in fuorigioco", precisa). "Siamo alla ricerca di equilibri migliori - dice ancora - ed è inevitabile che dobbiamo cercare di subire meno gol: serve più attenzione, più determinazione. Ma lavoriamo assieme da poco tempo e anche questo è un fattore. Stiamo lavorando in tutte le direzioni, mentale e fisica: oggi gli equilibri li abbiamo persi per via dell'approccio sbagliato. C'è anche stata la volontà di recuperare, ma l'handicap che avevamo era troppo pesante: per un gruppo che sta cercando di ritrovare autostima ritrovarsi sotto di 2 dopo cinque minuti non è facile. Ma il gruppo lavora bene".

Archivio Ultima ora