Calcio venezuelano: Stifano carica i suoi, ottimista per le prossime partite

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da redazione

Calcio venezolano – Stifano carica i suoi: “Non dobbiamo abbassare la guardia”

Calcio venezolano – Stifano carica i suoi: “Non dobbiamo abbassare la guardia”

CARACAS – Fino a poco tempo fa, lo Zamora capitanato dall’italo-venezuelano Francesco Stifano era una macchina da guerra che nessuno riusciva a fermare. Ma poi, all’interno di questa corazzata c’é stata una sorta di black out: la squadra non vince da quasi due mesi, l’ultimo ko é arrivato domenica a Barinas contro il JBL Zulia.

Dopo aver guardato tutti dall’alto per diverse settimane, ora lo Zamora é costretto ad inseguire: la squadra allenata dal tecnico di origine campana é al dodicesimo posto con 18 punti, ma c’e da segnalare che ha tre gare da recuperare. Questi match erano stati riinviati a causa degli impegni nella Coppa Sudamericana. Domani ci sará il primo recupero, sul rettangolo dell’Agustín Tovar ospiterà il Monagas.

“Stiamo attraversando un momento difficile, le cose non stanno andando per il verso giusto ed io sono il primo responsabile. Ho il supporto dei miei ragazzi e questa settimana me l’hanno dimostrato. Abbiamo perso la gara in una forma incredibile, succedono cose che uno non capisce. Abbiamo pareggiato la gara giocando in dieci e poi arriva un autorete” ha dichiarato Stifano.

In un’occasione, Carlo Ancelotti confessò un consiglio che gli diede uno dei grandi allenatori: “Sacchi mi disse che per fare l’allenatore servono quattro cose: occhio, pazienza, memoria e fortuna”. Questo lo sa bene Stifano che é autocritico ed ottimista in vista delle prossime gare di campionato. Match che saranno decisivi in chiave Octagonal.

“Il momento é molto duro, abbiamo creato molti automatismi per riuscire a segnare una rete, ma sfortunatamente non siamo riusciti a segnarlo, poi arriva la squadra avversaria e con molto meno riesce a segnarci”.

Ma nonostante non stia attraversando un periodo positivo, lo Zamora puó dormire sogni tranquilli: é l’unica squadra venezuelana che ha la certezza di partecipare alla fase a gironi della prossima Coppa Libertadores. Il motivo? La sua vittoria nel Torneo Apertura che gli ha anche garantito un posto nella finale scudetto.

Ma nonostante questo il tecnico campano non si fida e vuole dare una scossa alla sua squadra. “Pochi mesi fa stavavamo festeggiando la vittoria dell’Apertura e la qualificazione alla Libertadores. Noi continuiamo a fare il nostro lavoro puntando al nostro obiettivo che é vincere il campionato. Dobbiamo concentrarci e cercare di far girare la situazione dalla nostra parte, non dobbiamo innervosirci. Il calcio é cosí. Bisogna saper vivere queste situazioni, non dobbiamo abassare la guardia”.

Sotto la guida di Francesco Stifano, lo Zamora in un anno e mezzo ha conquistato il Torneo Adecuación ed il Torneo Apertura.

Domani la formazione llanera ospita il Monagas, in una gara dove spera di ritrovare la vittoria smarrita per iniziare la risalita nella classifica del Torneo Clausura.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

14:04Da assassino a pittore, il riscatto sociale del barese Rizzo

(ANSA) - BARI, 18 NOV - Da assassino a pittore. E' una storia di riscatto sociale quella di Davide Francesco Rizzo, pregiudicato barese di 36 anni, che dal 2010 sta scontando in carcere una condanna per duplice omicidio e che ha trovato nella pittura la sua nuova dimensione di vita. Suo figlio era appena nato quando, dopo quasi tre anni di latitanza, si costituì e trascorse alcuni mesi al regime del 41 bis, il carcere duro. I giudici baresi esclusero poi che fosse un mafioso, pur condannandolo a 17 anni di reclusione per aver ucciso, nel febbraio 2004, due presunti affiliati al clan Strisciuglio di Bari,in quella che fu ribattezzata dalle cronache giudiziarie la strage di San Girolamo. Rizzo, di origini siciliane, si è trasferito in Puglia da bambino con la famiglia e a Bari si è diplomato all'istituto d'arte. Poi gli "errori", che lo hanno portato in cella diverse volte. Nel carcere di Sassari, dove lavora allo smistamento pacchi, dedica il suo tempo libero a dipingere. I suoi quadri sono anche esposti e venduti in beneficenza.

14:00Libano: Hariri giunto a Eliseo, stretta di mano con Macron

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri è giunto all'Eliseo a Parigi per incontrare il presidente francese Emmanuel Macron. Nel cortile del palazzo in Rue du Faubourg Saint-Honoré, il premier dimissionario del Libano è stato ricevuto da Macron, con gli onori della Guardia Repubblicana, riservata a presidenti e primi ministri in visita a Parigi. I due si sono stretti la mano e hanno posato dinanzi ai fotografi poi sono entrati all'interno del palazzo. Secondo il programma ufficiale, all'incontro tra Hariri e Macron, seguirà una colazione con Macron, Hariri, e i suoi famigliari.

13:59Argentina: anche la Nasa collabora a ricerche sottomarino

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Si intensificano le ricerche del sottomarino militare argentino sparito nell'Atlantico con 44 uomini a bordo da oltre due giorni. Alle operazioni, scrive la Bbc, si è unito in queste ora anche un aereo della Nasa, mentre la Gran Bretagna e altri paesi nell'area hanno offerto la loro collaborazione. "Non siamo ancora riusciti a individuare né a comunicare con il sottomarino", ha dichiarato in una conferenza stampa il portavoce della Marina Enrique Balbi ammettendo che le "ricerche finora sono molto difficili nonostante il gran numero di imbarcazioni coinvolte" anche a cause del forte vento e delle onde.

13:53Sfregiata con acido: Notaro nominata Cavaliere Repubblica

(ANSA) - BOLOGNA, 18 NOV - C'è anche Gessica Notaro, la giovane riminese aggredita e sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato, lo scorso gennaio, tra i destinatari delle 30 onorificenze al merito conferite dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella. La ragazza è stata insignita come Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana "per il coraggio e la determinazione con cui offre la propria testimonianza di vittima e il suo impegno nell'ambito della sensibilizzazione sul tema del contrasto alle violenze di genere". Notaro, è stata aggredita dall'ex compagno, Eddy Tavares, lo scorso 10 gennaio: per quell'atto, compiuto con dell'acido lanciato in faccia alla ragazza, il 29enne di Capoverde è stato condannato dai giudici riminesi, a 10 anni di reclusione. Altri 8 anni di reclusione gli sono stati comminati, invece, per atti persecutori nei confronti dell'ex fidanzata.(ANSA).

13:38Terremoto: Esercito a lavoro sulle macerie dal 27 novembre

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - I mezzi dell'Esercito inizieranno a operare nelle zone rosse di Amatrice e Accumoli a partire dal 27 novembre. L'Esercito, secondo quanto si è appreso da fonti della Regione Lazio, si occuperà esclusivamente del trasferimento delle macerie affiancando le ditte a cui la Regione ha appaltato gli interventi di demolizione e di rimozione delle stesse.

13:33Protesta migranti in Veneto: prefetto, ricollocati in 220

(ANSA) - VENEZIA, 18 NOV - Sono 220 stamane i richiedenti asilo del centro di accoglienza di Conetta (Venezia) che sono stati già ricollocati in altre strutture del Veneto, dopo la protesta da alcuni giorni attuata per le condizioni in cui verserebbe, secondo i migranti, l'ex base. Al momento, sottolinea il prefetto Carlo Boffi, sono 19 gli stranieri tuttora ospitati nel patronato di Gambarare di Mira in attesa di essere destinati a un'altra struttura. Il malcontento non sembra essere scemato, non solo tra coloro, circa 800, che sono rimasti nella base di Conetta. Alcuni dei migranti ricollocati nel trevigiano e a Jesolo non hanno gradito la soluzione trovata per il loro alloggio e chiedono di poter tornare nella ex base.

13:29Figlia Riina a Parma, cronisti vi denuncio ho figli minori

(ANSA) - PARMA, 18 NOV - "Ho dei figli minori, non ho niente da dire. Vi denuncio". Maria Concetta Riina, la maggiore dei quattro figli di Totò, lo ha detto ai giornalisti arrivando insieme all'avvocato Luca Cianferoni alla sezione di Medicina Legale dell'ospedale Parma, dove sarà fatta l'autopsia del padre, boss di Cosa Nostra. "Non posso parlare, ho dei figli minori, tre bambini piccoli che vedono la foto della madre sui giornali. Forse voi non avete capito. Ho dei figli da tutelare, per cortesia smettetela" ha ripetuto, accerchiata da fotografi e cameramen, chiedendo "rispetto per il dolore di una famiglia" e non rispondendo alla richiesta di spiegare il messaggio postato ieri su Facebook, dove invitava al silenzio. Rivolgendosi ai giornalisti il difensore di Riina e legale della famiglia, Cianferoni ha aggiunto che "là c'è un cadavere, ve ne dovete andare, questa non è stampa. Questo è scandalismo". A un cronista che ha ricordato come Riina non si sia mai pentito, il legale ha replicato con un "Ma come si permette?". (ANSA).

Archivio Ultima ora