Referendum: Renzi, “in ballo non la democrazia ma la burocrazia”

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

Referendum: Renzi, "in ballo non la democrazia ma la burocrazia"

Referendum: Renzi, “in ballo non la democrazia ma la burocrazia”

ROMA. – Matteo Renzi ribadisce l’apertura sulle modifiche all’Italicum, ma punta sempre sul referendum, tornando ad attaccare, il fronte del “no”, definito una “Woodstock”. Intanto gli alleati del Pd si muovono per avviare la discussione in Parlamento e cercare di reintrodurre le coalizioni nella legge elettorale. Renzi ha ammesso di aver fatto un errore nell’aver personalizzato il referendum, e ha contrattaccato il fronte del “no” accusandolo ora di voler fare lui “il referendum contro di me”.

Intanto il premier continua a svolgere il ruolo del “front runner” del Si’: prima sarà a Treviso, e in una serie di incontri sponsarizzerà il sì. E quanto alle ipotesi di confronti con altri esponenti del No, dopo quello con Zagrebelsy, si è detto disponibile ma con una clausola: “io non ho problemi di nessun genere ma la priorità per me è governare”.

Il premier non rinuncia poi allo spirito fiorentino: ricordando il dibattito con Zagrebelsky ha commentato: “Si scopre che in ballo non è il futuro della democrazia ma della burocrazia”. Certo, ha pure ammesso il “calo di popolarità” che potrebbe incidere sulle urne, ma si è pure detto fiducioso in una rimonta a fronte di tanti italiani che nei sondaggi si dicono indecisi.

Quanto alle modifiche sull’Italicum Renzi ha ribadito che il Pd “non si sottrarrà” a confronto ma attende una proposta dagli altri partiti. Da Forza Italia è giunto un nuovo “niet” con Renato Brunetta e Francesco Paolo Sisto: prima del referendum non se ne parla. Proprio su Brunetta e sui capigruppo di Lega e Fdi, i dirigenti della maggioranza di governo fanno pressing, per ora senza esiti.

Gli alleati più piccoli del Pd hanno così preso l’iniziativa parlamentare almeno per iniziare la discussione in Commissione affari costituzionali. Pino Pisicchio, presidente del gruppo Misto e autore di un ddl di modifica dell’Italicum, ha inviato una lettera al presidente della Commissione, Andrea Mazziotti, per sollecitare l’inizio della discussione.

Quest’ultimo è stato cauto: “Il lavoro in Commissione andrà avviato solo se ci sono reali chance di successo e non con una discussione a vuoto che finisce nel nulla”. Insomma senza un ampio appoggio dei gruppi si rischia di “bruciare” la possibilità.

E così anche Ap ha preso l’iniziativa: il suo capogruppo in Commissione Dore Misuraca ha annunciato l’imminente presentazione di un ddl e la richiesta a Mazziotti di avvio della discussione. Sia la proposta di Pisicchio che quella di Ap prevedono le coalizioni. La prima mantiene il ballottaggio ma introduce il quorum del 50% degli elettori per renderlo valido. La proposta di Ap elimina il ballottaggio; inoltre assegna un premio di 90 seggi, fino a un tetto di 340 seggi complessivi, che andrebbe alla coalizione più votata, purché essa raggiunga il 35%.

La minoranza Dem insiste sulla sua proposta, il Mattarellum 2.0, chiedendo che sia fatta propria dal Pd, ma nella maggioranza Dem non c’è intenzione di presentare una propria proposta. Marina Sereni sintetizza le ragioni: “A cosa servirebbe? Per alimentare una polemica contro il Pd che vorrebbe decidere tutto da solo? Per cercare di regolare conti interni al nostro partito? Per dare a qualcuno l’alibi per non impegnarsi nella campagna per il Sì al referendum?”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora