Referendum: Renzi, “in ballo non la democrazia ma la burocrazia”

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

Referendum: Renzi, "in ballo non la democrazia ma la burocrazia"

Referendum: Renzi, “in ballo non la democrazia ma la burocrazia”

ROMA. – Matteo Renzi ribadisce l’apertura sulle modifiche all’Italicum, ma punta sempre sul referendum, tornando ad attaccare, il fronte del “no”, definito una “Woodstock”. Intanto gli alleati del Pd si muovono per avviare la discussione in Parlamento e cercare di reintrodurre le coalizioni nella legge elettorale. Renzi ha ammesso di aver fatto un errore nell’aver personalizzato il referendum, e ha contrattaccato il fronte del “no” accusandolo ora di voler fare lui “il referendum contro di me”.

Intanto il premier continua a svolgere il ruolo del “front runner” del Si’: prima sarà a Treviso, e in una serie di incontri sponsarizzerà il sì. E quanto alle ipotesi di confronti con altri esponenti del No, dopo quello con Zagrebelsy, si è detto disponibile ma con una clausola: “io non ho problemi di nessun genere ma la priorità per me è governare”.

Il premier non rinuncia poi allo spirito fiorentino: ricordando il dibattito con Zagrebelsky ha commentato: “Si scopre che in ballo non è il futuro della democrazia ma della burocrazia”. Certo, ha pure ammesso il “calo di popolarità” che potrebbe incidere sulle urne, ma si è pure detto fiducioso in una rimonta a fronte di tanti italiani che nei sondaggi si dicono indecisi.

Quanto alle modifiche sull’Italicum Renzi ha ribadito che il Pd “non si sottrarrà” a confronto ma attende una proposta dagli altri partiti. Da Forza Italia è giunto un nuovo “niet” con Renato Brunetta e Francesco Paolo Sisto: prima del referendum non se ne parla. Proprio su Brunetta e sui capigruppo di Lega e Fdi, i dirigenti della maggioranza di governo fanno pressing, per ora senza esiti.

Gli alleati più piccoli del Pd hanno così preso l’iniziativa parlamentare almeno per iniziare la discussione in Commissione affari costituzionali. Pino Pisicchio, presidente del gruppo Misto e autore di un ddl di modifica dell’Italicum, ha inviato una lettera al presidente della Commissione, Andrea Mazziotti, per sollecitare l’inizio della discussione.

Quest’ultimo è stato cauto: “Il lavoro in Commissione andrà avviato solo se ci sono reali chance di successo e non con una discussione a vuoto che finisce nel nulla”. Insomma senza un ampio appoggio dei gruppi si rischia di “bruciare” la possibilità.

E così anche Ap ha preso l’iniziativa: il suo capogruppo in Commissione Dore Misuraca ha annunciato l’imminente presentazione di un ddl e la richiesta a Mazziotti di avvio della discussione. Sia la proposta di Pisicchio che quella di Ap prevedono le coalizioni. La prima mantiene il ballottaggio ma introduce il quorum del 50% degli elettori per renderlo valido. La proposta di Ap elimina il ballottaggio; inoltre assegna un premio di 90 seggi, fino a un tetto di 340 seggi complessivi, che andrebbe alla coalizione più votata, purché essa raggiunga il 35%.

La minoranza Dem insiste sulla sua proposta, il Mattarellum 2.0, chiedendo che sia fatta propria dal Pd, ma nella maggioranza Dem non c’è intenzione di presentare una propria proposta. Marina Sereni sintetizza le ragioni: “A cosa servirebbe? Per alimentare una polemica contro il Pd che vorrebbe decidere tutto da solo? Per cercare di regolare conti interni al nostro partito? Per dare a qualcuno l’alibi per non impegnarsi nella campagna per il Sì al referendum?”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

18:03Ragazzo morto: archiviata posizione sindaco Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - Il gip Claudio Marcofido ha archiviato le posizioni del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e dell'assessore alle Politiche urbane, Carmine Piscopo, rispetto al crollo di parte della Galleria Umberto che causò, tre anni fa, la morte del giovane Salvatore Giordano. Il procedimento nei conforti del sindaco, difeso dagli avvocati Stefano Montone e Elena Lepre, era scaturito da un esposto presentato dai legali della famiglia della vittima. Il giudice, condividendo le richieste avanzata dal pubblico ministero e quelle dei difensori del primo cittadino, ha ritenuto insussistenti le ipotesi relative a presunte omissioni da parte del sindaco e dell'assessore. Per il giudice l'evento non rientra ''nell'area di rischio sottoposta alla sua gestione''.

18:00Media, Brand Ivanka ‘made in China’ in fabbriche da fame

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un dollaro al giorno: questo sarebbe il salario pagato alle operaie cinesi di una fabbrica che produce capi di abbigliamento griffati per conto della G-III Apparel, il gruppo a cui fa capo il brand di Ivanka Trump e altri marchi della moda (per così dire) 'made in Usa' come Guess, Calvin Klein e Tommy Hilfiger. Gli ispettori della Fair Labor Association, un gruppo di monitoraggio dell'industria dell'abbigliamento tra i cui membri figurano Apple e Nike, hanno scoperto nella fabbrica in questione una ventina di violazioni alle norme dell'Oil (l'organizzazione dell'Onu sul lavoro), tra cui orari da lavoro da schiavi, ampio turnover e paghe al di sotto dei minimi per la Cina. Le rivelazioni, oggi sul Washington Post, gettano ombra sulla campagna di Ivanka, ora che il padre Donald è presidente, per il "make in America, buy American".

17:59Nuoto: Raggi incontra azzurri ad Ostia

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Il centro è bellissimo. Realtà come questa di Ostia devono essere portate ad esempio ad altre che nel tempo sono state dimenticate". La sindaca di Roma, Virginia Raggi, accompagnata dall'assessore Daniele Frongia, ha visitato il Polo Natatorio-Centro federale sul litorale dove ha incontrato i rappresentanti della Federnuoto guidati dal presidente Paolo Barelli. Tanti i campioni presenti che vivono e si allenano al centro, tra cui l'olimpionico Gregorio Paltrinieri, l'argento olimpico Rachele Bruni, il doppio bronzo olimpico Gabriele Detti, il ct del Settebello Sandro Campagna. Raggi ha visitato le strutture, le piscine e la foresteria. "Ogni pomeriggio - ha detto Raggi - è aperto per i cittadini, peraltro a tariffe comunali. Vengono qui una volta a settimana i disabili: le piscine sono attrezzate per loro. Una bella realtà che funziona e va raccontata. Ora speriamo insieme al Governo e al presidente Barelli di esportare questo modello per altre strutture che ne hanno bisogno".

17:58Scuola: “ponti” 1 maggio e 2 giugno, poi count down vacanze

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Mancano meno di due mesi alla conclusione dell'anno scolastico. Ancora due ponti - quelli del primo maggio e del 2 giugno - e poi entro metà giugno finiranno le lezioni in tutta Italia. I primi ad andare in vacanza saranno i ragazzi dell'Abruzzo e dell'Emilia Romagna per i quali lo stop è stato fissato al 7 giugno. A seguire, l'8 giugno, finirà la scuola per gli studenti di Lazio, Lombardia e Marche, mentre il 9 giugno toccherà a Sicilia, Campania, Molise e Trentino. Ultima campanella il 10 giugno, invece, per gli alunni del Piemonte, della Liguria, della Basilicata, della Calabria, della Puglia, della Toscana, della Sardegna, dell'Umbria, del Veneto e della Valle d'Aosta. Il 14 andranno in vacanza i ragazzi del Friuli Venezia Giulia, mentre gli ultimi a lasciare i banchi saranno gli alunni dell'Alto Adige, il 16 giugno. Per la scuola dell'infanzia la chiusura è prevista per il 30 giugno.

17:54Mattarella a presidenti Camere, varare legge elettorale

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Palazzo del Quirinale il Presidente del Senato della Repubblica, Pietro Grasso, e la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini. Il Capo dello Stato ha sottolineato l'esigenza che il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali: la nuova normativa elettorale per il Senato e per la Camera e l'elezione di un giudice della Corte Costituzionale. Il Presidente della Repubblica ha chiesto ai Presidenti di Senato e Camera di rappresentare ai rispettivi gruppi parlamentari l'urgenza che rivestono entrambe le questioni per il funzionamento del nostro sistema istituzionale.

17:53Venezuela: nuova protesta di piazza oggi a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 26 APR - L'opposizione venezuelana ha convocato una nuova protesta di piazza contro il governo di Nicolas Maduro per oggi. Ancora una volta, i manifestanti cercheranno di raggiungere la sede dell'ufficio dell'Ombudsman, nella zona ovest di Caracas. Ieri, l'Assemblea Nazionale -in mano all'opposizione- ha dato un ultimatum all'Ombudsman, Tarek William Saab: se entro tre giorni non emette un parere ufficiale sulla sentenza (poi ritirata) con la quale la Corte Suprema si è attribuita i poteri del Parlamento, sarà aperta un'inchiesta sulla sua condotta. L'opposizione vuole che Saab dichiari che la sentenza dell'alta corte rappresenta una violazione dell'ordine costituzionale, per procedere alla destituzione dei magistrati che l'hanno firmata. Come sempre nelle ore precedenti ad una manifestazione dell'opposizione, le autorità hanno deciso la chiusura di varie stazioni della Metro e la sospensione del servizio su varie linee di autobus pendolari.

17:49Golf: quattro italiani al China Open

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Il Volvo China Open (27-30 aprile) conclude la prima fase dell'European Tour di golf che nei primi 18 appuntamenti, compresi due WGC e un major, è rimasto sempre fuori dal vecchio continente. Nuovamente in campo Matteo Manassero, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Nino Bertasio, la scorsa settimana presenti a Shenzhen dove ha vinto l'austriaco Bernd Wiesberger. Nel field l'inglese Chris Wood, il francese Alexander Levy, lo spagnolo Pablo Larrazabal, l'olandese Joost Luiten, i sudafricani Brandon Stone, George Coetzee e Dean Burmester, gli australiani Scott Hend e Brett Rumford, lo statunitense David Lipsky, l'indiano S.S.P. Chawrasia e i thailandesi Thongchai Jaidee e Kiradech Aphibarnrat. Difende il titolo il cinese Haotong Li, che non attraversa un periodo favorevole. Montepremi di 2.660.000 euro con prima moneta di 448.183 euro. L'European Tour inizierà la fase continentale con il GolfSixes (6-7 maggio) al Centurion Club di St Albans in Inghilterra.

Archivio Ultima ora