Grillo e Casaleggio alla Camera, ora uniti per governo M5S

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

Una grande torta simile alla "Mimosa", sette candeline con Beppe Grillo e Davide Casaleggio impegnati a soffiarci sopra: e' questa la foto che si vede su diversi profili twitter del Movimento 5 Stelle. L'immagine fa riferimento al taglio della torta avvenuto ad ora di pranzo presso la sede del gruppo 5 Stelle alla Camera: il "brindisi" per i sette anni del Movimento - al quale hanno partecipato anche i senatori - ha interrotto, per diversi minuti, la girandola di incontri che Grillo e Casaleggio sta tenendo con i deputati. ANSA/TWITTER M5S

Una grande torta simile alla “Mimosa”, sette candeline con Beppe Grillo e Davide Casaleggio impegnati a soffiarci sopra: e’ questa la foto che si vede su diversi profili twitter del Movimento 5 Stelle. L’immagine fa riferimento al taglio della torta avvenuto ad ora di pranzo presso la sede del gruppo 5 Stelle alla Camera: il “brindisi” per i sette anni del Movimento – al quale hanno partecipato anche i senatori – ha interrotto, per diversi minuti, la girandola di incontri che Grillo e Casaleggio sta tenendo con i deputati.
ANSA/TWITTER M5S

ROMA. – Dieci ore di incontri con tutti i deputati. Dieci ore in cui Beppe Grillo e Davide Casaleggio, nel giorno del settimo compleanno del M5S, richiamano tutti alla compattezza e all’unità, assicurando il pieno ritorno in campo dell’ex comico e l’ingresso del figlio di Gianroberto. E’, di fatto, il segno tangibile di quanto annunciato da Grillo alla Festa di Palermo: il leader è tornato leader, facendo in modo che il Direttorio, nella sua funzione di filtro tra il Garante del Movimento e la base parlamentare, sia di fatto superato. Non è detto, però, che questo basti a placare i malumori interni.

“Good Movement and bad moments”. Il Movimento è buono, i tempi meno, è la frase, sul filo dell’ironia, con la quale Grillo lascia Montecitorio ben consapevole che la due giorni di riunioni con i senatori e deputati 5 Stelle non basterà a trasformare il M5S nella falange delle origini.

Il caso Roma pesa ancora. E pesa il lungo tempo, nel quale, i parlamentari hanno visto allargarsi il divario, soprattutto mediatico, con alcuni ‘big’, a cominciare da Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Non è un caso che, parlando con i deputati, Grillo – raccontano – abbia assicurato che le presenze in tv saranno organizzate in maniera diversa, puntando ai temi in primo luogo.

Il programma 5 Stelle e il suo interfacciarsi con la piattaforma Rousseau sono infatti i principali temi sul tavolo degli incontri con i deputati, che arrivano da Grillo e Casaleggio a gruppi di 20. Il tutto intervallato dalla festa con i quali i 5 Stelle celebrano i 7 anni del Movimento: era il 4 ottobre quando Beppe e Gianroberto presentarono al Teatro Smeraldo di Milano il programma 5 Stelle.

Nella sede dei gruppi si applaude, si intona l’inno “Un amore così grande”, mentre Grillo e Casaleggio tagliano la torta. Sul blog Davide ‘regala’ ‘Singularity’ un video inedito del padre. E, sempre sul blog, Grillo ribadisce come oggi “siamo qui più forti e uniti che mai”. Una frase che è anche un richiamo e che svela il motivo forse principale dell’arrivo del leader a Roma: mettere uno stop alle faide interne in vista della prossima assemblea di gruppo in cui, secondo alcune voci, potrebbero emergere in maniera netta i malumori nei confronti dei vertici della comunicazione. Uno stop ai litigi che, al di là della veste del Direttorio, non rivoluziona gli equilibri interni.

Una nuova fase? “Vediamo, non basta venire una volta a Roma”, spiega un deputato mentre, per un altro pentastellato, il “direttorio non è superato. I filtri, semmai, sono altri”. Non è un caso, peraltro, che Luigi Di Maio sia stato a cena all’Hotel Forum con Grillo e Casaleggio. E non è un caso che sia proprio Di Maio l’ospite di un forum a porte chiuse da Bloomberg.

Il premier in pectore resta, di fatto, il vicepresidente della Camera. Ed è proprio lui, da Facebook, a sottolineare come, dopo “una lunga marcia di 7 anni, presto arriveremo al governo di questo paese”. Prima, però, c’è da superare il caso Paola Muraro. Un caso la cui soluzione spetta comunque al Campidoglio, tanto che Grillo non sente né vede Virginia Raggi. Ma, è il senso del messaggio che Grillo lascia sulla gestione di Romma, ora al Campidoglio vanno davvero risolti i problemi.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

13:26Giorno Memoria:web-serie racconta anni prima di persecuzioni

(ANSA) - FERRARA, 21 GEN - Una web-serie, intitolata 'L'ultimo grido' scritta e diretta dallo storico ferrarese Giuseppe Muroni e prodotta dall'Istituto dell'Enciclopedia Treccani in collaborazione con Controluce per raccontare, in occasione degli ottant'anni dalle Leggi razziali, una prospettiva diversa gli anni che precedono la 'persecuzione delle vite'. 'L'ultimo grido' racconta le storie di quattro cittadini italiani di religione ebraica, impersonati da Monica Guerritore, Francesca Inaudi, Francesco Montanari e Stefano Muroni, che ripercorrono i tragici momenti occorsi tra il 1938 e il 1943. La prima puntata serie andrà in onda sul sito treccani.it (Treccani tv), venerdì 26 gennaio. La web-serie proseguirà poi con cadenza settimanale fino al 16 febbraio.(ANSA).

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

Archivio Ultima ora