Grillo e Casaleggio alla Camera, ora uniti per governo M5S

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

Una grande torta simile alla "Mimosa", sette candeline con Beppe Grillo e Davide Casaleggio impegnati a soffiarci sopra: e' questa la foto che si vede su diversi profili twitter del Movimento 5 Stelle. L'immagine fa riferimento al taglio della torta avvenuto ad ora di pranzo presso la sede del gruppo 5 Stelle alla Camera: il "brindisi" per i sette anni del Movimento - al quale hanno partecipato anche i senatori - ha interrotto, per diversi minuti, la girandola di incontri che Grillo e Casaleggio sta tenendo con i deputati. ANSA/TWITTER M5S

Una grande torta simile alla “Mimosa”, sette candeline con Beppe Grillo e Davide Casaleggio impegnati a soffiarci sopra: e’ questa la foto che si vede su diversi profili twitter del Movimento 5 Stelle. L’immagine fa riferimento al taglio della torta avvenuto ad ora di pranzo presso la sede del gruppo 5 Stelle alla Camera: il “brindisi” per i sette anni del Movimento – al quale hanno partecipato anche i senatori – ha interrotto, per diversi minuti, la girandola di incontri che Grillo e Casaleggio sta tenendo con i deputati.
ANSA/TWITTER M5S

ROMA. – Dieci ore di incontri con tutti i deputati. Dieci ore in cui Beppe Grillo e Davide Casaleggio, nel giorno del settimo compleanno del M5S, richiamano tutti alla compattezza e all’unità, assicurando il pieno ritorno in campo dell’ex comico e l’ingresso del figlio di Gianroberto. E’, di fatto, il segno tangibile di quanto annunciato da Grillo alla Festa di Palermo: il leader è tornato leader, facendo in modo che il Direttorio, nella sua funzione di filtro tra il Garante del Movimento e la base parlamentare, sia di fatto superato. Non è detto, però, che questo basti a placare i malumori interni.

“Good Movement and bad moments”. Il Movimento è buono, i tempi meno, è la frase, sul filo dell’ironia, con la quale Grillo lascia Montecitorio ben consapevole che la due giorni di riunioni con i senatori e deputati 5 Stelle non basterà a trasformare il M5S nella falange delle origini.

Il caso Roma pesa ancora. E pesa il lungo tempo, nel quale, i parlamentari hanno visto allargarsi il divario, soprattutto mediatico, con alcuni ‘big’, a cominciare da Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Non è un caso che, parlando con i deputati, Grillo – raccontano – abbia assicurato che le presenze in tv saranno organizzate in maniera diversa, puntando ai temi in primo luogo.

Il programma 5 Stelle e il suo interfacciarsi con la piattaforma Rousseau sono infatti i principali temi sul tavolo degli incontri con i deputati, che arrivano da Grillo e Casaleggio a gruppi di 20. Il tutto intervallato dalla festa con i quali i 5 Stelle celebrano i 7 anni del Movimento: era il 4 ottobre quando Beppe e Gianroberto presentarono al Teatro Smeraldo di Milano il programma 5 Stelle.

Nella sede dei gruppi si applaude, si intona l’inno “Un amore così grande”, mentre Grillo e Casaleggio tagliano la torta. Sul blog Davide ‘regala’ ‘Singularity’ un video inedito del padre. E, sempre sul blog, Grillo ribadisce come oggi “siamo qui più forti e uniti che mai”. Una frase che è anche un richiamo e che svela il motivo forse principale dell’arrivo del leader a Roma: mettere uno stop alle faide interne in vista della prossima assemblea di gruppo in cui, secondo alcune voci, potrebbero emergere in maniera netta i malumori nei confronti dei vertici della comunicazione. Uno stop ai litigi che, al di là della veste del Direttorio, non rivoluziona gli equilibri interni.

Una nuova fase? “Vediamo, non basta venire una volta a Roma”, spiega un deputato mentre, per un altro pentastellato, il “direttorio non è superato. I filtri, semmai, sono altri”. Non è un caso, peraltro, che Luigi Di Maio sia stato a cena all’Hotel Forum con Grillo e Casaleggio. E non è un caso che sia proprio Di Maio l’ospite di un forum a porte chiuse da Bloomberg.

Il premier in pectore resta, di fatto, il vicepresidente della Camera. Ed è proprio lui, da Facebook, a sottolineare come, dopo “una lunga marcia di 7 anni, presto arriveremo al governo di questo paese”. Prima, però, c’è da superare il caso Paola Muraro. Un caso la cui soluzione spetta comunque al Campidoglio, tanto che Grillo non sente né vede Virginia Raggi. Ma, è il senso del messaggio che Grillo lascia sulla gestione di Romma, ora al Campidoglio vanno davvero risolti i problemi.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

06:12Referendum: definitivi, No al 60%, Sì al 40%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Il risultato definitivo del referendum sulla riforma costituzionale nelle 61.551 sezioni in cui si è votato in Italia è stato del 60% per il No e del 40% per il Sì. Alle urne sono andati 31.997.916 elettori pari al 68,48% degli aventi diritto. Sono i dati ufficiali forniti dal Viminale. (ANSA).

05:51Referendum: Sicilia, i sì al 28,4%. I no al 71,6%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati del referendum in Sicilia vedono i No al 71,6%, contro il 28,4% dei Sì. Alle urne sono andati 2.284.254 cittadini, pari al 56,65%. (ANSA).

05:38Referendum: Lazio, i sì al 36,7%. I no al 63,3%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale nel Lazio hanno registrato una prevalenza di No, pari al 63,3%. I Sì sono fermi al 36,7%. I votanti sono stati 3.044.673, pari al 69,16% degli aventi diritto. (ANSA).

05:31Referendum: in Toscana avanti i Sì con il 52,5%, No 47,5%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum in Toscana registrano una prevalenza di Sì al 52,5%, contro il 47,5 dei No. Alle urne sono andati 2.125.053 cittadini, pari al 74,45% degli aventi diritto al voto. (ANSA).

05:25Referendum: Calabria, i sì al 33%. I no al 67%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale in Calabria hanno registrato una prevalenza di No, pari al 67%. I Sì sono fermi al 33%. I votanti sono stati 845.775, pari al 54,43% degli aventi diritto.

05:22Referendum: Lombardia, i sì al 44,5%. I no al 55,5%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale in Lombardia hanno registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto.

05:19Referendum: in Piemonte i sì al 43,5%. I no al 56,5%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale in Piemonte hanno registrato una prevalenza di No, pari al 56,5%. I Sì sono fermi al 43,5%. I votanti sono stati 2.446.664, pari al 72,03% degli aventi diritto. (ANSA).

Archivio Ultima ora