Usa 2016: è la sera dei vice. Clinton vola nei sondaggi

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

Democratic presidential candidate Hillary Clinton speaks at a rally at Goodyear Hall and Theater in Akron, Ohio, Monday, Oct. 3, 2016. (ANSA/AP Photo/Andrew Harnik)

Democratic presidential candidate Hillary Clinton speaks at a rally at Goodyear Hall and Theater in Akron, Ohio, Monday, Oct. 3, 2016. (ANSA/AP Photo/Andrew Harnik)

WASHINGTON. – Scendono in campo i ‘difensori’, gli aspiranti vice nella corsa per la Casa Bianca, ovvero il repubblicano Mike Pence e il democratico Tim Kaine. Escono dall’ombra e per un momento guadagnano la ribalta in una campagna dominata dai ‘super’ candidati Hillary Clinton e Donald Trump: in un primo e unico dibattito televisivo, i contendenti numeri due si affrontano con il fine dichiarato di presentare all’America le proprie credenziali, ma l’obiettivo impellente e sottinteso è alzare il fortino a difesa del leder con cui corrono in ticket.

Così Pence ha l’arduo compito di cambiare il registro per la campagna di Trump che esce malconcia dalla settimana appena trascorsa, e Kaine deve mantenere il vantaggio che le ‘cadute’ del tycoon hanno concesso alla ex first lady schivando i molti possibili attacchi.

Le vele di Clinton sono rigonfie del favore registrato nei sondaggi: l’ultimo della Nbc la vede in testa di sei punti su Donald Trump, con il 46% delle preferenze, e segue di poche ore un rilevamento della Cnn che dà la candidata democratica in forte recupero, con cinque lunghezze di vantaggio, mentre calcoli e previsioni da più parti puntano già sulla sua vittoria.

L’Huffington Post, per esempio, le attribuisce l’83,6% di chance di venire eletta presidente. Il sigillo lo mette poi la voce autorevole del viceperesidente Joe Biden: “vincerà, e vincerà nettamente”. Ma non basta, non ancora. E’ qui che entra in campo Kaine, l’ex governatore della Virginia con il piglio da sindaco ‘vicino alla gente’ (è stato anche primo cittadino di Richmond) che dal palco della Longwood University nella cittadina di Farmville nel cuore del suo Stato, deve schivare in diretta tv in prima serata i molti possibili attacchi, dalle accuse di conflitto di interessi sulla Clinton Foundation, alle e-mail della ex segretario di Stato (incombe anche la minaccia di nuove rivelazioni di Wikileaks), fino al cambiamento di posizione della candidata democratica sul Tpp, il trattato di libero scambio con l’area del Pacifico voluto da Obama e da Hillary non più.

Trump naviga in acque agitate e Pence deve aiutarlo a rimanere a galla dopo una settimana disastrosa, in cui spicca la battaglia innescata con la ex miss universo Alicia Machado, anche a colpi di twitter notturni, e le rivelazioni del New York Times sulla ‘storia fiscale’ del tycoon che sarebbe riuscito legalmente ad evitare di pagare imposte federali per oltre 18 anni.

Il giornale newyorkese peraltro non molla l’osso, e torna sul passato del tycoon con una sorta di ‘seconda puntata’ allo scoop in cui analizza con l’ausilio di ‘testimoni’ e documenti pubblici il percorso del Trump businessman e parla di “emorragia finanziaria”, osservando come le sue decisioni lo portarono sull’orlo della rovina negli anni’80.

A deludere poi chi nella bagarre sulle dichiarazioni dei redditi in queste ore ha ribattuto a difesa di Trump che “il valore dell’imprenditore si vede da come si rialza dalle cadute” risponde la lista delle 400 persone più ricche d’America in cui il magnate di New York fa un tonfo che gli costa 35 posizioni. Secondo il magazine finanziario infatti, il patrimonio del tycoon sarebbe diminuito di 800 milioni di dollari e viene adesso valutato a 3,7 miliardi, pari a un 156esimo posto.

Nel confronto tra Kaine e Pence dall’ombra esce però anche un tema rimasto ai margini di questa campagna elettorale americana più ‘profana’ del solito: si torna a parlare di religione e morale. Ma anche qui con una scelta tra ‘visioni’: il cattolico Kaine che fa leva anche sull’esperienza in una missione in Honduras per spiegare il suo impegno per l’eguaglianza sociale, Mike Pence che parla agli evangelici, ma soprattutto promette di ascoltarli incarnandone i valori più cari ai conservatori.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

10:53Terremoti: Cile, scossa magnitudo 6.3

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 è stata registrata alle 21:06 di ieri ora locale (le 2:06 di oggi in Italia) nel nord del Cile, non lontano dal confine col Perù. Secondo i dati del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a 110 km di profondità ed epicentro 76 km a sud di Putre e a 117 dalla peruviana Tacna. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. Una scossa della stessa intensità era stata registrata nella zona già il 10 ottobre scorso, senza rilevanti conseguenze. Solo una settimana fa il Perù è stato invece colpito da un terremoto di magnitudo superiore a 7 che ha causato due morti e 65 feriti.

10:12Rep. Ceca: incendio in un hotel a Praga, due morti

(ANSA) - PRAGA, 20 GEN - Due persone sono morte ed otto sono rimaste ferite in un incendio scoppiato in un albergo al centro di Praga. La portavoce dei servizi di soccorso Jana Postova ha detto che tre persone sono state rianimate. I vigili del fuoco hanno detto che si tratta dell'hotel Eurostars David. Le vittime non sono state identificate e non sono ancora chiare le cause dell'incendio.

10:06Attacco Kabul: Casa Bianca, Trump aggiornato su attacco

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - Il presidente americano Donald Trump è stato aggiornato sull'attacco terroristico avvenuto ieri sera ai danni dell'Hotel Intercontinental di Kabul. Lo riferisce l'agenzia di stampa afghana Pajhwok citando un comunicato della Casa Bianca. In esso si precisa che gli Usa "stanno seguendo da vicino gli sviluppi" e "stanno fornendo tutto l'aiuto necessario all'Afghanistan".

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

Archivio Ultima ora