Piaf, voz y delirio se estrena en el Teatro de Chacao

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da redazione

Mariaca Semprún representa en gesto y movimiento a esta legendaria cantante francesa, en un fascinante musical dirigido por Miguel Issa y escrito por Leonardo Padrón, que cautivará al público venezolano

Mariaca Semprún representa en gesto y movimiento a esta legendaria cantante francesa, en un fascinante musical dirigido por Miguel Issa y escrito por Leonardo Padrón, que cautivará al público venezolano

CARACAS. – “La vida en Rosa”, “Milord”, “No me arrepiento de nada”, “Los amantes de París”, “La foule”, “Padam ” o “Himno al amor”, son algunas de las melodías que forjaron el legado de la irremplazable artista cuya vida y obra nutren Piaf, voz y delirio, espectáculo musical que en octubre llega a la escena caraqueña.

Mariaca Semprún representa a la legendaria cantante cuya vida inspira este musical que aborda el drama, el amor, la pasión, el dolor y la nostalgia que poblaron la existencia de quien, aunque pareciera haber nacido para las despedidas, dejó su sonrisa, brillante mirada y una voz que aún conmueve y trasciende.

Luego de interpretar exitosamente a La Novicia Rebelde, Hannah Arendt y La Lupe, Semprún se enfrenta a su mayor desafío actoral y musical en esta propuesta original dirigida por Miguel Issa y escrita por Leonardo Padrón, que indaga a profundidad en el gesto y movimiento característicos del estilo interpretativo de la musa del París existencialista de los años cincuenta, cuyo aspecto desvalido y desgarradora voz han trascendido generaciones y le valieron el nombre por el que es universalmente conocida: Piaf (gorrión).

A través de un recorrido por las canciones de La Môme, la audiencia se acercará a una historia donde la ingenuidad, el temperamento, la pureza, la desolación, el amor, la pasión, el desamor y la tristeza son razones suficientes para vivir intensamente y entregarse a un público que la idolatró.

La talentosa actriz y cantante caraqueña confiesa que desde niña se ha sentido atraída por la vida y la voz de esta artista y por eso es un sueño realizado interpretarla. “Ya llevamos varios meses trabajando, cuidando cada detalle, cuidando cada gesto, buscando capturar su esencia, no para imitarla, lo cual es imposible, sino para retratar en escena todos los matices de su personalidad maravillosa…”.

La vida en Piaf

En cada canción, Édith Giovanna Gassion la Piaf, trasportaba al espectador a un microcosmos poblado por las contradicciones de su personalidad y del complejo entorno social de su época.

A más de un siglo de su nacimiento, el 19 de diciembre de 1915, es una de las divas innegables del siglo XX. Su madre, una cantante ambulante de origen italiano, no pudo llegar al hospital y dio a luz en plena calle, sin la ayuda de su esposo, un acróbata callejero. Incapaz de hacer frente a su crianza, es abandonada por sus padres.

Lo que la llevó a pasar su infancia entre circos errantes y prostíbulos, hasta que en 1929, a los 14 años, decidió dejar atrás su vida de miseria e irse a los cabaret de los suburbios parisinos a probar suerte como cantante. Tres años más tarde, a los 17, tuvo su primer hijo con el ‘chico de los recados’, una niña llamada Marcelle que murió a los dos años de una meningitis.

A los 20 años grabó su primer disco, ‘Les Mômes de la cloche’, de la mano del productor Louis Leplée, su mentor. El asesinato de este por su vinculación con negocios ilícitos truncó temporalmente la carrera de quien cimentaría su gloria en los años cincuenta y tempranos sesenta hasta llegar a ser reconocida, años más tarde, como la gran dama de la chanson française, mujer de arrolladora personalidad, amiga cercana de grandes intelectuales como Jean Cocteau, y responsable de lanzar a la fama a talentosos artistas como Yves Montand, Charles Aznavour, Georges Moustaki, Gilbert Becaud o Theo Sarapo.

Este ambicioso montaje – que tributa y recrea su controversial historia y ofrece, en escena, parte de un legado que está en la memoria musical del mundo – cuenta con la producción ejecutiva de Mariángel Álvarez y la producción general de Claudia Salazar Gómez, de Clas Producciones, quienes lideran un equipo técnico que tiene en el diseño de escenografía y producción artística de Alfredo Correia; en el diseño de iluminación a Ernesto Pinto; a Raquel Ríos en el diseño de vestuario y a Eduardo Arias en el video.

Imprescindible viaje por sus pasiones y canciones, en una propuesta escénica que hará sentir su presencia intensa, envolvente, dramática y poética, Piaf, voz y delirio tiene el aporte del pianista Hildemaro Álvarez, en la dirección musical de una banda integrada por seis destacados músicos: Federico Ruiz, Carlos “Nené” Quintero, Chipi Chacón, Eric Chacón, Carlos Rodríguez y Eddy Cordero.

En su temporada de estreno de Piaf, voz y delirio se presentará del 13 al 30 de octubre en el Teatro de Chacao. Las entradas están a la venta en las taquillas del Teatro, ubicado en la avenida Tamanaco, El Rosal, martes a domingo e 10:00 a.m. a 7:00 p.m., o a través de www.ticketmundo.com.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora