Museo dell’Emigrazione, il FAIM si rivolge al Ministro Dario Franceschini per sostenere la candidatura di Belluno

Pubblicato il 05 ottobre 2016 da redazione

Museo dell’Emigrazione

Museo dell’Emigrazione

ROMA. – In molte nazioni del mondo le associazioni del Triveneto stanno raccogliendo le firme a sostegno della petizione online lanciata per sostenere la richiesta di ospitare in Veneto un settore del Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana, quello riguardante il Distretto del Triveneto stesso. Come si può intuire, le adesioni alla petizione non provengono soltanto dai cittadini emigrati veneti o di discendenza veneta, molti infatti sono semplicemente italiani emigrati che nutrono un affetto profondo per l’Italia.

Per molti decenni sull’emigrazione italiana all’estero è stato steso un velo di oblio, tanto che soltanto a due anni dal 150° anniversario dell’Unità d’Italia Roma ha ospitato il Museo dell’Emigrazione Italiana. Museo che ora è stato trasferito a Genova, dove sono in corso i preparativi per farlo funzionare.

Negli ultimi 30-40 anni vi è stato indubbiamente un risveglio d’interesse e una crescita esponenziale delle attenzioni verso l’emigrazione italiana, sia sotto il profilo storico che sociale e politico, da cui deriva anche la richiesta di una maggiore presenza museale.

Il Forum delle Associazioni Italiane nel Mondo (costituito a fine aprile 2016 come sancito dagli Stati Generali delle Associazioni italiane nel mondo, che il 3 e 4 luglio 2015 avevano riunito a Roma il composito modo dell’associazionismo dell’emigrazione italiana), con le oltre 70 associazioni e confederazioni che ne fanno parte, ha sottoscritto la petizione lanciata dall’Associazione Bellunesi nel Mondo e la candidatura di Belluno ad ospitare il settore del MEI riguardante il Distretto del Triveneto.

“Non vorremmo mancare – scrive il FAIM al Ministro Franceschini – di sottolineare il grandissimo contributo dato dall’emigrazione veneta allo sviluppo della propria Regione e all’Italia intera. Proprio dal Veneto e dal Trentino iniziò oltre 150 anni fa l’esodo che avrebbe portato più di 29 milioni d’italiani in ogni parte del mondo. Ancora oggi – prosegue il FAIM – sono più di 5 milioni i veneti, tra iscritti all’AIRE, oriundi e discendenti, che vivono stabilmente all’estero e hanno rapporti affettivi ed economici con l’Italia e con la loro Regione di origine, grazie anche ad una rete associazionistica ineguagliabile”.

L’Associazione Bellunesi nel Mondo, nata esattamente 50 anni fa a seguito della tragedia avvenuta a Mattmark, in Svizzera, dove persero la vita 56 italiani di cui 17 bellunesi, si distingue per il grande e qualificato protagonismo con cui opera per mantenere vivo il legame culturale e affettivo con i propri corregionali emigrati, in particolare sul versante delle giovani generazioni. “Ma anche nella difesa dei diritti civili, l’ABM è stata spesso di esempio per molti di noi”, sottolinea ancora il FAIM.

La richiesta proveniente da Belluno è comprensibile, tanto più che dal 2013 l’associazione ospita il Museo Interattivo delle Migrazioni (MIM), che ha sviluppato elevate capacità di gestione museale, un forte collegamento con la rete di associazioni territoriali, nonché la produzione di materiali didattici utilizzabili per gli alunni delle scuole elementari, medie e superiori dell’Italia.

“Abbiamo fiducia – conclude il FAIM rivolgendosi al Ministro – nelle sue conoscenze dirette del mondo dell’emigrazione italiana e siamo convinti che riserverà l’attenzione dovuta ad una richiesta caldeggiata e sostenuta, oltre che dai proponenti, da un’intera Regione e da molte associazioni operanti all’estero”.

(Franco Narducci – Portavoce del Faim)

Ultima ora

15:47Calcio: Monchi, la Roma non smobilita

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Voglio essere chiaro una volta per tutte: da troppo tempo sentiamo parlare di una Roma che smobilita, e non e' vero. Se arrivano offerte e' mio dovere valutarle, ma non vogliamo ridimensionare la rosa. Non dormiamo...". Lo dice Monchi, ds giallorosso, presentatosi in sala stampa a Trigoria alla vigilia di Inter-Roma, per commentare tutte le indiscrezioni di mercato che danno per partenti due tra Emerson, Dzeko e Nainggolan.

15:43Calcio: Inzaghi, vogliamo sfatare tabù Chievo

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Il tabù Chievo? L'auspicio è quello di sfatarlo. Affrontiamo una squadra che contro l'Udinese ha fatto molto bene e storicamente qui all'Olimpico ci ha sempre dato fastidio. Lo scorso anno ci abbiamo perso qui a Roma. Servirà partita molto attenta e dovremo essere bravi a concretizzare quanto il Chievo ci concederà. Vogliamo fare bottino pieno". Lo dice l'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, alla vigilia della sfida contro il Chievo. Il tecnico biancoceleste ha avuto modo di tornare anche sull'incontro con gli arbitri sul Var: "E' stato un incontro costruttivo - ha precisato Inzaghi - anche se poteva essere fatto anche prima. Io penso che gli arbitri devono continuare ad arbitrare nonostante il Var. I nostri arbitri e i segnalinee sono i migliori e non devono avere problemi ad arbitrare, che ci sia il Var oppure no".

15:39Calcio: Oddo, l’Udinese non si è indebolita

(ANSA) - UDINE, 20 GEN - E' emergenza sulla fascia in casa Udinese, in vista della sfida di domani contro la Spal. Alle assenze certe di Angella, Ali Adnan e Behrami, si sono aggiunti nelle ultime ore due punti interrogativi sul possibile impiego di Widmer e Stryger Larsen. "E' sopraggiunto un piccolo problema a Widmer prima dell'allenamento. Stryger Larsen è convocato, vediamo come sta. Siamo un po in difficoltà", ha ammesso l'allenatore dell'Udinese Massimo Oddo nella consueta conferenza stampa prepartita. L'allenatore non ha pensato ancora a un cambio di modulo in caso di un'assenza congiunta di entrambi i giocatori. "Sono ottimista, spero di averli entrambi a disposizione". Rispondendo a una domanda sull'andamento del mercato, Oddo ha spiegato che "la squadra non si è indebolita, perché chi è partito ha avuto poco spazio. La società fa delle scelte anche di prospettiva, E' ovvio che in questo momento siamo corti, ma perché abbiamo degli infortunati, ma le difficoltà aiutano a crescere, magari ti danno delle opportunità".

15:33Calcio: Inzaghi, Lazio ha pagato abbastanza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Due turni con lo stadio chiuso chiesti dalla Procura? Penso che la Lazio abbia già pagato abbastanza. Abbiamo avuto due partite senza la nostra curva, la Lazio si è sempre dimostrata contro ogni forma di razzismo e antisemitismo e penso che abbiamo già pagato abbastanza. Sono convinto che non possa succedere altro". Così l'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, in conferenza stampa, commentando la richiesta della Procura federale avanzata ieri per il caso degli adesivi antisemiti affissi dai tifosi laziali nella partita del 22 ottobre scorso contro il Cagliari.

15:25Coree: team Nord domani farà sopralluogo siti Seul

(ANSA) - PECHINO, 20 GEN - La Corea del Nord ha notificato che domani invierà al Sud il team incaricato di fare i sopralluoghi ai siti di Seul e Gangnueng dove si esibiranno i suoi gruppi artistici di 240 persone, parte degli accordi di partecipazione alle Olimpiadi invernali di PyeongChang (9-25 febbraio). Lo riferisce il ministero dell'Unificazione di Seul, annunciando lo sblocco della missione che avrebbe dovuto iniziare oggi il suo lavoro di due giorni, prima che nella tarda serata di ieri il Nord informasse l'improvviso stop.

15:24Calcio: Verona, Osvaldo Bagnoli nominato presidente onorario

(ANSA) - VERONA, 20 GEN - Osvaldo Bagnoli, l'allenatore dello scudetto gialloblù conquistato nel 1985, è stato nominato presidente onorario dell'Hellas Verona. Lo ha ufficializzato stamattina il presidente del club, Maurizio Setti, intervenendo alla cerimonia d'inaugurazione di alcuni murales dedicati proprio a Bagnoli e a Preben Elkjaer Larsen, uno dei due attaccanti titolari (l'altro era Giuseppe Galderisi) di quella stagione trionfale, vicino allo stadio Marc'Antonio Bentegodi. Bagnoli, 81 anni, guidò la panchina del Verona dal 1981 al 1990, conquistando lo scudetto nella stagione 1984/85 - con 43 punti, quando all'epoca ogni vittoria valeva 2 punti e non 3 - e portando i gialloblù a disputare due finali di Coppa Italia.

15:23Norman Atlantic: relitto resta sotto sequestro in porto Bari

(ANSA) - BARI, 20 GEN - Il relitto del traghetto 'Norman Atlantic' rimane sotto sequestro perché potrebbe essere necessario tornare a bordo e perché si rischierebbe una infrazione comunitaria. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Bari Alessandra Piliego, rigettando l'appello proposto dai difensori dell'armatore proprietario del traghetto, Carlo Visentini, gli avvocati Filiberto Palumbo e Pietro Palandri. Il traghetto naufragò dopo un incendio a bordo nel dicembre del 2014 che costò la vita a 12 persone (19 sono ancora disperse) e il ferimento di altre 64; il relitto è ormeggiato nel porto di Bari dal febbraio 2015. Per il giudice, che ha accolto le tesi della Procura, è necessario "assicurare la nave a fini probatori" perché anche nel corso del processo "potrebbero profilarsi nuove esigenze istruttorie". Concluso l'incidente probatorio, la Procura ha ipotizzato responsabilità a carico di nuovi indagati i quali, per il gip, potrebbero chiedere perizie tecniche a bordo, non avendo partecipato all'incidente probatorio.

Archivio Ultima ora