Museo dell’Emigrazione, il FAIM si rivolge al Ministro Dario Franceschini per sostenere la candidatura di Belluno

Pubblicato il 05 ottobre 2016 da redazione

Museo dell’Emigrazione

Museo dell’Emigrazione

ROMA. – In molte nazioni del mondo le associazioni del Triveneto stanno raccogliendo le firme a sostegno della petizione online lanciata per sostenere la richiesta di ospitare in Veneto un settore del Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana, quello riguardante il Distretto del Triveneto stesso. Come si può intuire, le adesioni alla petizione non provengono soltanto dai cittadini emigrati veneti o di discendenza veneta, molti infatti sono semplicemente italiani emigrati che nutrono un affetto profondo per l’Italia.

Per molti decenni sull’emigrazione italiana all’estero è stato steso un velo di oblio, tanto che soltanto a due anni dal 150° anniversario dell’Unità d’Italia Roma ha ospitato il Museo dell’Emigrazione Italiana. Museo che ora è stato trasferito a Genova, dove sono in corso i preparativi per farlo funzionare.

Negli ultimi 30-40 anni vi è stato indubbiamente un risveglio d’interesse e una crescita esponenziale delle attenzioni verso l’emigrazione italiana, sia sotto il profilo storico che sociale e politico, da cui deriva anche la richiesta di una maggiore presenza museale.

Il Forum delle Associazioni Italiane nel Mondo (costituito a fine aprile 2016 come sancito dagli Stati Generali delle Associazioni italiane nel mondo, che il 3 e 4 luglio 2015 avevano riunito a Roma il composito modo dell’associazionismo dell’emigrazione italiana), con le oltre 70 associazioni e confederazioni che ne fanno parte, ha sottoscritto la petizione lanciata dall’Associazione Bellunesi nel Mondo e la candidatura di Belluno ad ospitare il settore del MEI riguardante il Distretto del Triveneto.

“Non vorremmo mancare – scrive il FAIM al Ministro Franceschini – di sottolineare il grandissimo contributo dato dall’emigrazione veneta allo sviluppo della propria Regione e all’Italia intera. Proprio dal Veneto e dal Trentino iniziò oltre 150 anni fa l’esodo che avrebbe portato più di 29 milioni d’italiani in ogni parte del mondo. Ancora oggi – prosegue il FAIM – sono più di 5 milioni i veneti, tra iscritti all’AIRE, oriundi e discendenti, che vivono stabilmente all’estero e hanno rapporti affettivi ed economici con l’Italia e con la loro Regione di origine, grazie anche ad una rete associazionistica ineguagliabile”.

L’Associazione Bellunesi nel Mondo, nata esattamente 50 anni fa a seguito della tragedia avvenuta a Mattmark, in Svizzera, dove persero la vita 56 italiani di cui 17 bellunesi, si distingue per il grande e qualificato protagonismo con cui opera per mantenere vivo il legame culturale e affettivo con i propri corregionali emigrati, in particolare sul versante delle giovani generazioni. “Ma anche nella difesa dei diritti civili, l’ABM è stata spesso di esempio per molti di noi”, sottolinea ancora il FAIM.

La richiesta proveniente da Belluno è comprensibile, tanto più che dal 2013 l’associazione ospita il Museo Interattivo delle Migrazioni (MIM), che ha sviluppato elevate capacità di gestione museale, un forte collegamento con la rete di associazioni territoriali, nonché la produzione di materiali didattici utilizzabili per gli alunni delle scuole elementari, medie e superiori dell’Italia.

“Abbiamo fiducia – conclude il FAIM rivolgendosi al Ministro – nelle sue conoscenze dirette del mondo dell’emigrazione italiana e siamo convinti che riserverà l’attenzione dovuta ad una richiesta caldeggiata e sostenuta, oltre che dai proponenti, da un’intera Regione e da molte associazioni operanti all’estero”.

(Franco Narducci – Portavoce del Faim)

Ultima ora

17:07Regeni: Alfano, prosegue impegno su ricerca verità

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Un pensiero commosso a Giulio Regeni a pochi giorni dall'anniversario della sua scomparsa. Un pensiero che si unisce alla prosecuzione di un impegno alla ricerca della verità". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

17:04Tenta di adescare bimba 10 anni su social, arrestato

(ANSA) - IMPERIA, 17 GEN - Un uomo di 40 anni, magazziniere e speaker per una una radio privata accusato di adescare ragazzine su internet è stato arrestato a Padova dalla Polizia postale della Liguria in flagranza di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. L'indagine, conclusa in collaborazione con il compartimento Polposta Veneto, ha preso le mosse da un'attività della Polizia postale di Imperia che ha messo sotto intercettazione informatica e telefonica l'uomo quando aveva tentato di sedurre su Instagram una bambina di 10 anni della provincia di Imperia. A suo carico, la procura di Genova ha emesso un decreto di perquisizione che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di supporti informatici oltre che del profilo social utilizzato dall'uomo. Sono ancora in corso accertamenti volti alla ricerca di altri eventuali minori potenziali vittime dell'arrestato.

17:02Calcio: Vicenza, arriva Gucher dal Frosinone

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Colpo sul mercato del Vicenza che ha ufficializzato l'acquisizione a titolo definitivo del centrocampista austriaco Robert Gucher, classe 1991. Il neo-acquisto proviene dal Frosinone dove è stato protagonista dell'ultima promozione in serie A e il cui contratto era in scadenza nel prossimo mese di giugno. Gucher, che fa parte della nazionale austriaca, ha firmato con il club veneto un contratto di due anni e mezzo, sino al 30 giugno 2019. Oggi si allenerà con i nuovi compagni agli ordini del tecnico Bisoli e sabato alla ripresa del campionato a Carpi potrebbe esordire in biancorosso.

16:59Calcio: Inter, vertice di mercato tra Thohir e Zhang

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Vertice di mercato tra il presidente dell'Inter Erick Thohir e Steven Zhang, figlio del numero uno di Suning. Questa mattina, nella sede del club nerazzurro, faccia a faccia tra i due massimi dirigenti che hanno parlato delle possibili cessioni per sfoltire una rosa ancora troppo ampia e rispettare i parametri del Fair Play Finanziario. Dopo gli addii di Jovetic e Felipe Melo, potrebbe partire anche il difensore Andrea Ranocchia che e' seguito da alcuni club di Premier League. Il giovane centrocampista Miangue, classe 1997, potrebbe accasarsi al Cagliari e Gnoukouri piace al Crotone. Anche Biabiany e' in uscita, su di lui si e' mosso il Bologna ma non e' da escludere una cessione in Cina.

16:50Coni: Malagò, troppi contenziosi, dovremo uniformare regole

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - "Se sarò ancora io il prossimo presidente del Coni porterò sicuramente in giunta un argomento importante: la necessità di uniformare le regole degli statuti e dei regolamenti all'interno del nostro mondo, dalle federazioni ai comitati regionali, agli enti di disciplina, che hanno generato una serie di strascichi, contenziosi, ricorsi che sono oggettivamente complicati da gestire". Lo ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine della giunta nazionale riunita in via straordinaria a Genova. "Tutti i ricorsi hanno una caratteristica: sono figli del momento storico che viviamo - ha aggiunto Malagò - e vanno anche oltre i confini del mondo sportivo stesso. Spesso gli stessi avvocati e i giuristi si prestano a interpretazioni diverse. Credo che sia una cosa di buonsenso che il Coni, magari con il pieno mandato delle massime autorità, anche di chi ha la delega al consiglio dei ministri, debba impegnarsi per uniformare gli statuti, anche per ciò che riguarda le future competizioni elettorali".

16:47Calcio: Maradona, qui mi sento dentro al calcio

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - "Qui mi sento dentro al calcio, mi sento a casa". Lo ha detto Diego Armando Maradona, a Firenze per la Hall of Fame del calcio italiano. L'ex 'Pibe de oro' ha confermato di aver parlato con il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, dal quale è stato invitato per la sfida contro il Real Madrid.

16:45Coni: ufficializzata data elezioni, è l’11 maggio

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Si svolgeranno l'11 maggio prossimo le elezioni del nuovo presidente del Coni. La data è stata stabilita in modo ufficiale oggi dalla giunta nazionale presieduta da Giovanni Malagò e riunita per la prima volta a Genova. E' stato anche deciso che la settimana precedente, il 4 maggio, ci sarà una giunta straordinaria per l'approvazione del bilancio del comitato. Tra gli argomenti trattati, "il distacco del Comitato paralimpico dal Coni a partire da questo mese - ha detto Malagò - sotto tutti i profili, comprese le erogazione dei contributi, e l' accordo tra Nado Italia e Cip sul fronte antidoping". "Il ministro dello Sport Lotti ha sul tavolo una serie di istanze del Coni - ha aggiunto Malagò - tra cui il completamento dell'iter legislativo della legge sui mandati che è passata al Senato e aspetta il passaggio alla Camera". Malagò ha sottolineato in giunta che tra gli appuntamenti più importanti del 2017 in Italia ci saranno i Mondiali di tiro con l'arco e quelli di ginnastica.

Archivio Ultima ora