Il Referendum finisce in tribunale, è scontro sul quesito

Pubblicato il 05 ottobre 2016 da ansa

Referendum: il testo del quesito, come si vota

Referendum: il testo del quesito, come si vota

ROMA. – Lo scontro sul quesito del referendum tra i fronti avversi finisce davanti al Tar. M5S e Sinistra Italiana fanno ricorso al Tribunale amministrativo del Lazio denunciando che il testo è uno ‘spot pubblicitario’ ingannevole e non conforme ai quesiti di legge. L’esposto fa reagire il Quirinale (chiamato in causa dai ricorrenti) che precisa come la scheda sia stata ammessa dalla Cassazione e non dal Colle.

“Nessun genio del male, è il testo della riforma su cui entrambi i fronti hanno già raccolto le firme”, ribatte Matteo Renzi che incassa da Roberto Benigni il migliore spot per il sì mentre Beppe Grillo cita il duro editoriale del Financial Times contro il ddl Boschi per denunciare l’esecutivo di “bluffisti e giocatori d’azzardo”.

Oltre al Codacons, dunque, anche i partiti di opposizione provano per via giudiziaria a correggere il quesito. Gli avvocati Enzo Palumbo e Giuseppe Bozzi, impegnati anche nella difesa dei ricorrenti messinesi alla Consulta nel giudizio per l’incostituzionalità dell’Italicum, sostengono per conto di M5S e Si la mancata indicazione “degli articoli” revisionati e definisce “improprio” il riferimento al contenimento dei costi della politica.

L’esposto mette all’indice il decreto della Presidenza della Repubblica che ha indetto il referendum ma, chiariscono subito ambienti del Quirinale, la formulazione del quesito “è stato valutato e ammesso, con proprio provvedimento, dalla Corte di Cassazione” in base a quanto previsto dall’art 12 della legge 352 del 1970, e riproduce “il titolo della legge quale approvato dal Parlamento”. La Cassazione, che ha accolto il quesito ammettendo il referendum, non interviene mentre i due fronti politici si scatenano.

“Non si può avere paura della verità, è la Cassazione che ammette il quesito, non il governo”, contrattacca Boschi nel salotto di Porta a Porta insieme a Stefano Parisi che, pur ammettendo che il Quirinale non c’entra nulla, sottolinea come “le frasi inducono a votare il sì”. Solo una “cortina fumogena” dei sostenitori del No per nascondere la posta in gioco è la tesi della maggioranza, “un modo per lanciare solo slogan e non entrare nel merito”, si lamenta il premier.

Che oggi fa campagna per il sì nel tour in Veneto facendo un appello ai cittadini a non “lasciarmi solo se volete cambiare il paese”. E non risparmiando frecciate alla minoranza che è tale “perchè non vuole prendere i voti a destra”, bacino su cui invece Renzi batte per convincere gli elettori azzurri e leghisti sul referendum.

Ma le carte bollate non finiscono al testo del referendum. M5S presenta un esposto in Procura ipotizzando il reato di manipolazione del mercato contro il presidente del consiglio per le affermazioni a favore del Ponte sullo stretto. E rischia di diventare un tormentone della campagna referendaria la par condicio televisiva.

Il presidente della Vigilanza Roberto Fico torna all’attacco dell’Agcom che “nonostante le gravi disparità fra Sì e No in tv, non ha messo in atto alcun intervento forte”. Se la tv fa sicuramente la differenza per la campagna, meno quantificabili in termini di consensi sono gli endorsement di vip o della stampa straniera.

La stroncatura di Ft fa gongolare Beppe Grillo. “Non ho dubbi, vincerà il ‘No’, leggete il Financial times e vedete chi vince”, assicura il leader M5S. Mentre la maggioranza può rallegrarsi per l’appoggio incondizionato di Roberto Benigni alla riforma. Nel caso dovesse passare il no al referendum costituzionale, afferma il premio Oscar, “sarebbe peggio della Brexit”, per questo “è indispensabile che vinca il sì”. “Anche Benigni tiene famiglia”, commenta acido Renato Brunetta.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

21:59Anci, Renzi governo è al lavoro su direttiva Bolkestein

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Il governo sta lavorando perché si possa arrivare ad un allineamento della scadenza di ogni concessione in essere al 31.12.2020". Lo scrive Matteo Renzi in una lettera al presidente dell'Anci Antonio Decaro a proposito delle criticità per operatori e comuni nell'applicazione della direttiva Bolkestein sul commercio ambulante.

21:45Acceso l’albero delle polemiche, Arcuri c’e’ De Luca no

(ANSA) - SALERNO, 3 DIC - C'era Manuela Arcuri, al centro delle polemiche delle ultime ore per il cachet da 9 mila euro, e non il governatore campano Vincenzo De Luca, alla consueta cerimonia dell'accensione dell'albero di Natale in piazza Portanova, a Salerno. E c'erano migliaia di persone, tra turisti e cittadini, evidentemente per nulla sensibili alle polemiche della vigilia. La scelta dell'amministrazione comunale di invitare la Arcuri non è passata inosservata all'opposizione per il cachet riservatole, poco meno di diecimila euro. "Non ho nulla da dire in merito a questa polemica - ha replicato la showgirl - io faccio il mio lavoro, sono una professionista". Smorza le polemiche anche il sindaco Napoli: "Sono polemiche da paese che lasciano il tempo che trovano. Non mi hanno per nulla amareggiato". Per il consigliere comunale Dante Santoro (lista Giovani Salernitani), "questo è il comune degli sprechi, che trova fondi soltanto per feste e festini. Siamo in presenza di una vera e propria Sprecopoli".

21:43Calcio: Francia, crolla il Psg, Montpellier vince 3-0

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Una sconfitta clamorosa per il Paris Saint Germain a Montpellier. La squadra di Emery ha perso 3-0 in trasferta perdendo la possibilità di andare in testa alla classifica. Apre le marcature l'esterno Lasne al 42', il raddoppio arriva dopo poco, al 48', a inizio secondo tempo e porta la firma di Skhiri. All'80' Boudebouz la chiude definitivamente con la terza rete per il Montpellier. Il Psg rimane quindi a 35 punti, uno in meno del Nizza di Balotelli che, però, ha anche una partita in più da giocare, domani in casa con il Tolosa.

21:26Calcio: Leicester ancora ko, zona retrocessione è vicina

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Il Leicester di Claudio Ranieri torna sconfitto (2-1) anche dalla trasferta in casa del Sunderland, dove ha perso la settima partita, su 14, di questa sua tribolata difesa del titolo d'Inghilterra. L'ottava rete stagionale di Jermain Defoe ha condannato il Leicester che ora occupa la 15/a posizione in classifica, a soli due punti dalla zona retrocessione. Defoe ha colpito al 77', dopo che l'autogol di Robert Huth aveva portato in vantaggio i padroni di casa al 64'. Shinji Okazaki, entrato dalla panchina, ha accorciato le distanze a 10 minuti dal termine. Tutt'altra marcia invece in Champions, dove i campioni d'Inghilterra hanno staccato il biglietto per gli ottavi di finale da primi nel proprio girone e con un turno di anticipo.

21:05Usa: incendio al rave party, si temono 40 morti

(ANSA) - NEW YORK, 3 DIC - Il bilancio dell'incendio sviluppatosi durante un rave party ad Oakland, in California, rischia di salire fino a 40 morti. Lo hanno detto le autorità locali durante una conferenza stampa. "Siamo pronti al terribile scenario di una strage", ha affermato la polizia.

20:23Calcio: Conte elogia suo Chelsea,squadra di grande carattere

(ANSA) - LONDRA, 3 DIC - Al triplice fischio finale Antonio Conte sembra quasi più soddisfatto per il carattere dimostrato dalla sua squadra che non per la vittoria in rimonta (3-1) in casa del Manchester City. Un successo, l'ottavo consecutivo per i Blues, che consolida il primato del Chelsea in Premier League. "E' stata una partita molto dura ed equilibrata fino alla fine - il commento di Conte -. Con tante occasioni da rete per entrambe le squadre. Ho visto un grande carattere nella mia squadra e questo è un fattore importante per crescere e continuare a migliorare".

20:21Scherma: Grand Prix Fie fioretto, vince statunitense Kiefer

(ANSA) - TORINO, 3 DIC - La statunitense Lee Kiefer, numero 3 del ranking mondiale, ha vinto il Grand Prix Fie di fioretto femminile. L'atleta 22enne di Lexington ha battuto 15-8 in finale a Torino la connazionale Nicole Ross. Fuori dalla finale le azzurre: Arianna Errigo e Alice Volpi si sono fermate in semifinale, dove sono state battute rispettivamente dalla Kiefer e dalla Ross. Inna Deriglazova, la russa campionessa olimpica di Rio 2016, è stata eliminata nel tabellone dei 32 dall'azzurra Olga Rachele Calissi, che si è poi arresa il turno successivo con la coreana Hyunjin Kim. Sulle pedane del PalaRuffini, domani, va in scena la gara maschile.

Archivio Ultima ora