Rugby: sesso in bagno disabili,n.9 All Blacks mandato a casa

(ANSA) – WELLINGTON, 5 OTT – Rientro immediato a casa dal Sudafrica e niente partita del Championship, nel week end, contro il Sudafrica. E’ questo il provvedimento preso dalla federazione neozelandese di rugby nei confronti del mediano di mischia degli All Blacks Aaron Smith, reo di aver violato il codice di comportamento del team. Il 27enne n.9 è al centro di un caso dopo che si è saputo che tre settimane fa, all’indomani del match vinto 41-13 contro gli Springboks a Christchurch, si era rinchiuso con un’amica dentro il wc dei disabili dell’aeroporto cittadino. “Dai rumori che uscivano, non c’era alcun dubbio su cosa stessero facendo lì dentro – ha spiegato un testimone al giornale ‘New Zealand Herald’ -. Poi Smith è uscito dal bagno, si è sistemato la camicia e i pantaloni dell’uniforme degli All Blacks. Un minuto dopo la ragazza è uscita con lo stesso fare sospetto”. Smith ha ammesso l’accaduto e per questo il ct Steve Hansen l’ha mandato a casa. Il 12 novembre la Nuova Zelanda giocherà un test match a Roma contro l’Italia.

Condividi: