Difesa: tregua armata dei pescatori a Capo Frasca

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – ORISTANO, 6 OTT – Attenderanno sino al primo pomeriggio di oggi che arrivi un segnale dal ministero della Difesa poi, probabilmente da domani, la protesta in mare e a terra dei pescatori davanti al poligono militare di Capo Frasca (Oristano) potrebbe diventare più dura. Nel frattempo anche oggi, per il quarto giorno, circa 150 barche si sono ritrovate davanti alla linea di demarcazione fra la zona di sicurezza, la cosiddetta “campana di sgombero”, e i limite transitabile delle acque davanti alla base utilizzata per le esercitazioni di tiro degli aerei. Rimarranno in attesa in mare pronti a entrare nella zona interdetta se inizieranno le operazioni militari, per tentare ancora una volta di bloccare le attività. Intanto a terra è partito il corteo a piedi da Marceddì sino ai cancelli della base. Sino a ieri sembrava che la situazione potesse precipitare e, mentre si consumava lo scontro istituzionale fra Regione e Difesa, gli stessi rappresentanti dei pescatori avevano manifestato le difficoltà a tenere sotto controllo gli animi in prefettura ad Oristano, ma poi è tutto rientrato in attesa di una risposta da Roma. Nel pomeriggio di oggi una delegazione dovrebbe anche essere ricevuta in prefettura a Cagliari dalla commissione parlamentare per l’Uranio impoverito che sta effettuando da lunedì sopralluoghi nel poligoni sardi. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

14:03Calcio: De Laurentiis, Sarri ha clausola da 8 milioni

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Sarri ha un contratto che lo lega a noi per molti anni e ha una clausola penale, che può scattare soltanto tra un'altra stagione, di 8 milioni di euro". Così il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis parlando in un'intervista a Beln Sports dei rapporti tra la società e l'allenatore azzurro. "Non mi sembra poco come penale per andare ad allenare da qualche altra parte", ha aggiunto De Laurentiis.

14:02Killer ricercato: rubato nella zona kit di pronto soccorso

(ANSA) - BOLOGNA, 26 APR - Un kit di pronto soccorso, con bende, garze e disinfettante. La cassetta era in un garage-ripostiglio vicino ad un casolare ed è sparita nella zona in cui si sta concentrando da giorni la caccia a Norbert Feher, serbo accusato di tre omicidi dalle Procure di Bologna, Ferrara e Ravenna. A constatarne la mancanza è stato di recente il proprietario dello stabile, che però non ha saputo dire agli investigatori con esattezza a quando risale il furto. Bisognerà approfondire se parte del contenuto del kit sia il materiale trovato l'8 aprile nel Fiorino abbandonato dal killer a Molinella, prima di far perdere le tracce. Nel furgoncino erano state repertate garze e cerotti, utilizzate presumibilmente dal ricercato per le ferite rimediate il primo aprile nella colluttazione con il barista di Budrio Davide Fabbri, ucciso con un colpo di pistola. Intanto le ricerche proseguono e in mattinata c'è stato un nuovo approfondito controllo in un casolare a Consandolo (Ferrara) da parte dei Carabinieri. (ANSA).

13:59Calcio: serie A, quattro squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Cristiano Biraghi (Pescara), Mattia De Sciglio e Jose Sosa (Milan), Blerim Dzemaili (Bologna). Sono i quattro giocatori di serie A che dovranno saltare il prossimo turno, secondo quanto deciso dal giudice sportivo dopo le gare dello scorso fine settimana.

13:53Lega: segretario Treviso, “Gentilini non ci rappresenta più”

(ANSA) - VENEZIA, 26 APR - "Giancarlo Gentilini non è più rappresentativo della nostra idea di leghismo". Lo ha detto oggi il segretario provinciale della Lega, Dimitri Coin, come conseguenza delle recenti esternazioni sulla stampa dell'ex sindaco-sceriffo di Treviso. Coin ha spiegato che la lista presente nel Consiglio Comunale di Treviso a nome Gentilini "non sarà più di appoggio alla Lega Nord". Non si tratta di un'espulsione, ha aggiunto il segretario, anche perché "la segreteria provinciale non può praticarla".

13:46Salvini attacca stampa italiana, “brutta cosa essere servi”

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Italia al 52° posto al mondo per "Libertà di stampa" secondo il rapporto di Reporter senza frontiere, preceduta da Papua Nuova Guinea, Argentina, Tonga, Botswana, Malta e Romania... Infatti sui 10.000 patrioti presenti ieri a Verona nel nome della Legittima Difesa poco e niente, mentre di Renzi sappiamo anche quando va in bagno. Che brutta cosa essere servi. Per fortuna che esiste la Rete, anche se la Boldrini la vuole imbavagliare. Viva la LIBERTÀ!". Lo scrive Matteo Salvini su Facebook riferendosi alla copertura giornalistica dell'evento di ieri a Verona sulla legittima difesa.

13:42Gb: ancora bufera su United, coniglio gigante muore in volo

(ANSA) - ROMA, 26 APR - E' ancora bufera sulla United Airlines: un coniglio gigante e' morto a bordo di un volo transatlantico e le foto dell'animale imperversano nel cyberspazio sollevando lo spettro di un nuovo incubo di pubbliche relazioni per la compagnia aerea Usa dopo il disastro del passeggero vietnamita rimosso con la forza da un aereo a causa di overbooking. Il coniglio - di nome Simon, destinato a diventare il più grande del mondo - e' deceduto nella stiva di un Boeing 767 in volo dall'aeroporto londinese di Heathrow all'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago: lo stesso dove due settimane fa David Dao - un medico 69enne di origine vietnamita - era stato trascinato di peso fuori da un aereo United per far posto al personale del vettore. L'allevatrice del coniglio ha detto al Sun che sta valutando un'azione legale contro la compagnia aerea. Simon, che era lungo 91,5 centimetri ed aveva 10 mesi, sarebbe presto diventato il più grande del mondo, strappando il primato a suo padre - Darius - che misura 134,1 centimetri.

13:41Stamina: continuava operare all’estero, fermato Vannoni

(ANSA) - TORINO, 26 APR - Nuovi guai per Davide Vannoni. Il padre della metodica Stamina è stato fermato dai carabinieri del Nas, su ordine della procura di Torino che nei mesi scorsi aveva avviato una nuova inchiesta nei suoi confronti. I pm Vincenzo Pacileo e Alessandro Aghemo ipotizzano i reati di associazione per delinquere aggravata dalla transnazionalità, truffa aggravata, somministrazione di farmaci non conformi con il cosiddetto metodo Stamina. L'accusa nei confronti di Vannoni, in sostanza, è quella di aver continuato all'estero l'attività fermata in Italia dalle autorità giudiziarie e da quelle sanitarie. Lo scorso luglio si era diffusa la notizia che alcuni pazienti italiani si erano recati in Georgia per effettuare le infusioni, ma a dicembre anche il governo georgiano aveva vietato il metodo. Per questo motivo Vannoni stava cercando una nuova località e, secondo l'accusa, stava per andare a Santo Domingo dopo aver venduto la sua Porsche per finanziare la trasferta. Il fermo è stato ordinato per evitarne la fuga.(ANSA).

Archivio Ultima ora