Architetto ucciso, da moglie pervicace spirito vendicativo

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

(ANSA) – MILANO, 6 OTT – A carico di Daniela Rho, moglie dell’architetto Alfio Molteni per il cui omicidio la donna si trova da ieri in carcere con il suo amante, Alberto Brivio, sono emersi “gravi ed univoci indizi che trovano coerente spiegazione in un preciso e chiaro movente”. Il gip che ha disposto l’arresto della coppia evidenzia “lo spirito vendicativo che ha animato la donna in questi anni, ed il suo pervicace perseguimento dell’obiettivo di sottrarre al padre ogni possibile relazione con le due figlie”. Gli elementi consentono di “rileggere in modo organico e progressivo gli atti intimidatori che si sono susseguiti nel tempo e di conferire lucidità e coerenza ad un progetto criminoso che si è progressivamente ingigantito sino al tragico epilogo” dell’omicidio del professionista, ucciso il 14 ottobre dell’anno scorso da due pregiudicati, anche loro in carcere.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

14:18Iraq:generale,verso stop avanzata a Mosul,si teme per civili

(ANSA) - BAGHDAD, 26 APR - L'esercito iracheno potrebbe decidere di sospendere la sua avanzata nei quartieri occidentali di Mosul e adottare invece "una strategia di accerchiamento" dei miliziani dell'Isis per costringerli alla resa, nel timore di provocare nuove ingenti perdite tra la popolazione civile. Lo ha detto il comandante delle forze anti-terrorismo, il generale Abdul Ghani al Asaadi, aggiungendo che non è possibile prevedere quanto tempo sarà ancora necessario per portare a termine l'offensiva, cominciata ormai più di sei mesi fa. Ieri le forze di Baghdad avevano detto di avere riconquistato anche il quartiere più grande di Mosul ovest, quello di Al Tanak. Ma i jihadisti - il cui numero non è noto - rimangono asserragliati nella città vecchia, fatta di vicoli ed edifici storici, tra cui la moschea di Al Nouri, nella quale nell'estate del 2014 Abu Bakr al Baghdadi proclamò la rinascita del Califfato.

14:17Calcio: De Laurentiis, Mertens vuole restare a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - ''Credo che Mertens abbia il desiderio di rimanere qui. Bisogna capire cosa pensa sua moglie. Se si risolveranno i problemi con sua moglie non c'è dubbio alcuno che Mertens rimarrà a Napoli e noi lo accoglieremo a braccia aperte''. Lo ha detto il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. De Laurentiis ha parlato anche del futuro di Koulibaly. ''Il Chelsea - ha detto - offrì oltre 55 milioni di euro e dissi a Conte che non si poteva dare via uno come Koulibaly, a meno che Sarri non mi dica puoi cedere chi vuoi perché io ho Tizio, Caio e Sempronio che sono affidabilissimi''.

14:15Francia: Melenchon non si schiera al ballottaggio

(ANSA) - PARIGI, 26 APR - A prescindere da quale sarà il risultato della consultazione che sta andando avanti fra gli aderenti al suo movimento 'France Insoumise', il leader della sinistra radicale, Jean-Luc Melenchon, non dirà per chi vota al secondo turno delle presidenziali, il 7 maggio. Lo si è appreso oggi, proprio mentre salgono di livello le polemiche per l'atteggiamento di Melenchon, che rifiuta di aderire al 'Fronte repubblicano', destra e sinistra che fanno sbarramento insieme contro l'estrema destra.

14:13Calcio: De Laurentiis Higuain? Ha dimostrato scarsa cultura

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Può indicare me col dito per assolversi di fronte ai tifosi, ma i tifosi non sono stupidi e capiscono perfettamente". Aurelio De Laurentiis torna a parlare di Gonzalo Higuain. "Se tu sei una persona di buon gusto e conosci la storia - aggiunge il presidente - non puoi tradire la tua squadra dove hai giocato e ti sei affermato a livello mondiale, perché tutti ti hanno visto, per andare nella squadra acerrima nemica che è la Juventus". "Credo - conclude De Laurentiis - che sia una caduta di gusto, dove non c'entra più né il presidente né il fratello del giocatore, ma c'entra soltanto la sua cultura che ha dimostrato di essere piccola".

14:11Brasile:indios con archi e frecce manifestano per loro terra

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Migliaia di membri di una tribù brasiliana si sono scontrati a Brasilia, armati di archi e frecce, con la polizia in tenuta antisommossa che ha risposto con gas lacrimogeni: gli indigeni hanno dimostrato nella capitale del Paese per ottenere maggiori diritti e denunciare la continua espansione del settore agricolo nelle loro riserve, riportano i media internazionali. Indossando i tradizionali copricapi ricoperti di penne, gli indigeni hanno portato nel centro della città decine di finte bare per ricordare la strage dei loro antenati morti difendendo le terre ancestrali. La protesta coincide con la cosiddetta 'Settimana Indigena', che prevede a Brasilia una serie di attività per denunciare i crescenti problemi delle tribù. I dimostranti hanno detto che almeno quattro indigeni sono stati arrestati negli scontri, mentre la polizia non ha fornito alcuna informazione.

14:09Napoli: Loreto Mare, fogna intasata,liquami corridoi reparti

(ANSA) - NAPOLI, 26 APR - "Improvvisamente è uscita acqua maleodorante dai gabinetti, il reparto è stato invaso dalla puzza ma devo dire anche che sono intervenuti gli idraulici che hanno lavorato fino a tarda notte". Così Salvatore racconta, dal suo letto in Chirurgia al secondo piano dell'Ospedale Loreto Mare di Napoli, la rottura della colonna fecale della struttura. La rottura è avvenuta dal secondo piano: è lì che lunedì sera si è otturato il tubo, fino a rompersi, sversando le acque nei bagni e fuori, fino al corridoio dei reparti. "L'acqua sporca non è arrivata nelle stanze - dice - gli operai l'hanno fermata in tempo. Abbiamo aperto le finestre e cercato di tollerare il cattivo odore". E ora la corsa è contro il tempo per riattivare al più presto i bagni. Ma perché si è rotta la fecale? Lo spiega Mariella Corvino, direttore sanitario: "Si è otturata perché i pazienti ci buttano di tutto: pannoloni, garze, ovatta. Gli idraulici stavolta hanno trovato anche grossi pezzi di plastica e bicchierini del caffé''.

14:08Scuola senza fondi non fa corso recupero, nulla bocciatura

(ANSA) - GENOVA, 26 APR - Una scuola, anche se mancano i fondi, non può bocciare uno studente se prima non garantisce nei tempi dovuti un corso di recupero per dare la possibilità di rimediare a carenze in una materia di studio. Così il Tar della Liguria ha permesso a una studentessa di un istituto superiore di Chiavari di opporsi alla non ammissione alla terza classe obbligando la scuola a rivalutare la sua preparazione dopo il ricorso presentato dai genitori. La ragazza è stata promossa alla fine del percorso di applicazione del piano di offerta formativa (Pof) imposto dal Tar consistente in un corso di recupero di 6 ore e una nuova verifica in matematica, la materia in cui aveva evidenziato insufficienze. La vicenda giudiziaria si riferisce all'anno scolastico 2015-2016 ma si è conclusa in questi giorni con la pronunzia del Tar che ha preso atto dell'ammissione alla classe successiva verbalizzata dal consiglio di classe a inizio 2017 condannando il Ministero dell'Istruzione al pagamento di 2 mila euro per le spese di giudizio. "Il Pof richiede nei casi più gravi, come quello della studentessa, l'attivazione di corsi di recupero - spiega il Tar nell'ordinanza che ha messo in discussione la bocciatura -. Il mero invito a intensificare lo studio non appare sufficiente a ritenere adempiuto quanto richiesto dal Pof".(ANSA).

Archivio Ultima ora