Fuocoammare, il film nelle sale Usa il 21 ottobre mentre parte la campagna per l’Oscar

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Migranti verso l'Oscar, Italia candida Fuocoammare

Migranti verso l’Oscar, Italia candida Fuocoammare

ROMA. – Dopo l’Orso d’oro di febbraio a Berlino, la candidatura come film italiano per la selezione all’Oscar straniero, l’iscrizione per le nomination agli Oscar come miglior documentario prosegue la marcia trionfale di Fuocoammare, il film di Gianfranco Rosi che racconta la vita a Lampedusa tra noiosa quotidiana normalità e dolore immenso per i migranti morti in mare.

Nella serata dominata da un reality come Grande Fratello Vip – con l’esclusione di Clemente Russo – oltre 2 milioni di spettatori – 2 milioni 273 mila pari a uno share dell’8.8% e con 7 milioni e più di contatti – hanno seguito su Rai3 l’ostico documentario, partecipando idealmente e collettivamente alla Giornata in memoria delle vittime dell’Immigrazione e del ricordo del naufragio del 3 ottobre 2012 2013 a largo di Lampedusa con la morte di 386 migranti.

Un risultato straordinario per il documentario come hanno sottolineato il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto e la direttrice di Rai3 Daria Bignardi che anche scritto su Facebook “siamo tutti migranti, il loro dolore è il nostro”.

Se Fuocoammare supererà il primo ostacolo, ossia entrerà nella rosa delle nomination per il miglior film in lingua non inglese, si saprà martedì 24 gennaio 2017 (mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà al Dolby Theatre di Los Angeles domenica 26 febbraio 2017), intanto in America è già campagna Oscar con la doppia possibilità come Miglior Film Straniero e Miglior Documentario.

Il film sarà nelle sale Usa il 21 ottobre, forte di recensioni positive sin dall’Orso d’oro a Berlino – con l’endorsement di Meryl Streep “vorrei che arrivasse agli Oscar” – e ulteriormente arricchite ora che Fire at Sea fa il tutto esaurito al New York Film Festival per le 3 proiezioni del 7, 8 e 16 ottobre, definito dal Village Voice “il più bel film del New York Film Festival”, così come Variety (“è il film di più alto profilo emerso quest’anno dal circuito dei Festival”), mentre Sight & Sound definisce Rosi “uno dei grandi della nostra epoca”.

Intanto il distributore americano Kino Lorber ha costruito il piano di uscita con grandi numeri sull’intero territorio americano (da Los Angeles a Miami, da New York a Chicago, da Boston a San Francisco).

In Europa, Fuocoammare è fresco di uscita in Francia: 20 mila biglietti, 7 sale solo a Parigi e 55 nel resto della Francia, osannato dalla stampa francese da Le Monde a Liberation, con grande soddisfazione del distributore Meteore Films, mentre il pubblico affolla l’MK2 Beaubourg per la retrospettiva completa dedicata a Rosi. Tra gli dati significativi nel mondo: 62 sono i paesi dove sarà distribuito (trattative ancora in corso per altri territori); 13 sono i paesi in cui è già uscito con un incasso di circa 500.000 euro (dato che non include la Francia dove è appena uscito).

E in Italia è stato superato il 1.000.000 di Euro, dove è uscito distribuito da 01 Distribution e Istituto Luce-Cinecittà. Prodotto da Donatella Palermo e Gianfranco Rosi, è una produzione 21Uno Film, Stemal Entertainment con Istituto Luce – Cinecittà e con Rai Cinema ed è una coproduzione italo-francese Les Films D’Ici e Arte France Cinema.

(di Alessandra Magliaro/ANSA)

Ultima ora

17:19Agguato in Ogliastra, un morto e un ferito

(ANSA) - NUORO, 22 NOV - E' stato trovato morto dai carabinieri, Fabio Longoni, l'allevatore di 39 anni colpito dalle fucilate durante un agguato nelle campagne di Villagrande Strisaili, in Ogliastra. L'uomo si trovava insieme a Daniele Angelo Congiu, 37 anni, suo socio in affari, rimasto ferito a un polpaccio e ricoverato all'ospedale di Lanusei. Dopo essere stato raggiunto dalle fucilate, Longoni era riuscito a scappare, ma le ferite si sono rivelate fatali: l'allevatore è morto quando ormai era giunto in prossimità dell'ovile.

17:16Onu, Mladic è quintessenza del male, vince la giustizia

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - "Una memorabile vittoria della giustizia". Così l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i Diritti umani Zeid Ra'ad Al Hussein commenta, in una nota, la condanna all'ergastolo dell'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco Ratko Mladic. "Mladic è la quintessenza del male, e l'azione penale nei suoi confronti è il simbolo di ciò che la giustizia internazionale rappresenta", afferma Al Hussein, che ricorda come l'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco abbia guidato "alcuni dei crimini più oscuri avvenuti in Europa dalla Seconda guerra mondiale. La sua detenzione è un riconoscimento al coraggio e alla determinazione di quelle vittime e testimoni che non hanno mai abbandonato la speranza di vederlo di fronte alla giustizia", ha detto Zeid, già membro dei caschi blu Onu nella ex Yugoslavia dal 1994 al 1996. La condanna di oggi "è un avvertimento a chi commette" tali atrocità: "non sfuggiranno alla giustizia", aggiunge.

17:15Ostia: giornalista aggredito, temo per me e mia famiglia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Ora temo ritorsioni degli Spada nei miei confronti e ho paura per la mia famiglia": lo ha dichiarato il giornalista Daniele Piervincenzi ai magistrati della Procura di Roma, che indagano sulla aggressione al giornalista della Rai da parte di Roberto Spada il 7 novembre scorso. Stralci del verbale dell'audizione del cronista sono presenti nella memoria che oggi i pm hanno depositato davanti ai giudici del Riesame, che dovranno decidere sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori di Spada, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.

17:14Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Sono in buone condizioni gli otto membri dell'equipaggio dell'aereo Usa precipitato nel Pacifico che sono stati recuperati. Lo ha reso noto la marina Usa, specificando che sono ancora in corso le ricerche agli altri tre.

17:13Violenza donne: 74,5% autori sono italiani

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Da un monitoraggio effettuato dal ministero della Giustizia, partendo dall'esame di 417 sentenze rappresentative del 60% dei casi di violenza sulle donne, tra il 2012 e il 2016, emerge che l'85% dei casi (355 su 417) sono classificabili come omicidio. Nel 98% dei casi l'autore del reato è un uomo e la nazionalità dell'autore conferma la prevalenza di soggetti italiani (74,5%). Nel 55,8% dei casi tra autore e vittima esiste una relazione sentimentale. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sentito dalla commissione parlamentare sul femminicidio. Riguardo alla relazione sentimentale che lega vittima e autore, la percentuale del 55,8% è così distribuita: nel 63,8% dei casi si registra un rapporto di coniugio o convivenza; nel 12% una relazione sentimentale in atto; per il restante 24% tra le due parti vi era stata una relazione sentimentale terminata prima dell'omicidio. L'arma prevalentemente utilizzata è il coltello, che spesso risulta il mezzo di più agevole disponibilità.

17:11Dottoressa violentata, chi mi ha esposto al rischio non paga

(ANSA) - PALERMO, 22 NOV - A due mesi dagli abusi subiti mentre prestava servizio nella guardia medica di Trecastagni, nel Catanese, Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata nella notte tra il 18 e il 19 settembre, definisce "tugurio" quell'ambulatorio medico dove un ventiseienne ora in carcere, Alfio Cardillo, l'ha violentata per ore e dove i suoi colleghi continuano a lavorare senza che nulla sia cambiato. Lo fa a Palermo nel corso un'iniziativa sul contrasto al fenomeno della violenza sulle donne medico nel luogo di lavoro. E accusa i vertici dell'Asp che l'hanno esposta al rischio "e verso i quali la magistratura dovrebbe aprire un'inchiesta parallela". "E' ineccepibile quanto stanno facendo i magistrati nei confronti del mio aggressore; però ci sono dei corresponsabili. Si dovrebbe aprire un'inchiesta parallela sui dirigenti dell'Asp che mi hanno esposto a quel rischio. Non voglio far polemiche, ma qual è l'organo che deve far assumere responsabilità ai dirigenti, se non la magistratura?".

17:07Mladic: procuratore Tpi,’colpa solo sua’

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - La condanna dell'ex generale Ratko Mladic "non è un verdetto contro tutti i serbi. La sua colpevolezza riguarda solo lui, e lui soltanto": è il commento del procuratore capo del tribunale penale internazionale dell'Aja per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) Serge Brammertz al termine dell'udienza.

Archivio Ultima ora