Russia 2018: La Vinotinto punta ad un altro Centenariazo

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da redazione

Russia 2018: La vinotinto punta ad un altro Centenariazo

Russia 2018: La vinotinto punta ad un altro Centenariazo

CARACAS – Ci sono stadi che valgono per il nome, e per la storia; stadi dove il calcio è un’altra cosa, dove sembra una religione. Forse è per questo che giocare nello stadio Centenario di Montevideo sembra qualcosa di trascendente, ricordiamoci che qui si é giocata la prima finale di un mondiale. Vincere in questo recinto sportivo é quasi una missione impossibile. Vincere qui non conta per la classifica, per il tanto desiderato pass per il Mondiale, vincere qui conta perché ti fa entrare negli almanacchi della storia del calcio mondiale.

La Vinotinto sa cosa vuol dire vincere nello stadio Centenario di Montevideo, lo ha fatto sotto la guida di Richard Páez, l’allenatore con piú presenze sulla panchina della nazionale, durante le qualificazioni per il mondiale Germania 2006. Quella vittoria é definita da tutti come il successo piú importante della Vinotinto fino ad oggi.

Il 31 marzo del 2004, sará ricordato con il nome di ‘Centenariazo’. Quel giorno la nazionale venezuelana non solo ha battuto, ma ha letteralmente umilito la celeste battendola per 0-3 nello storico stadio di Montevideo. Le tre reti vinotinto furono segnate da Gabriel Urdaneta (18’), Héctor González (65’) e Juan Arango (80’).

Uruguay e Venezuela si sfideranno oggi nello stadio Centenario di Montevideo in una gara valevole per la nona giornata delle qualificazioni per il Mondiale Russia 2018. La squadra charrúa si presenta come leader del girone con 16 punti in classifica. Mentre la nazionale venezuelana é il fanalino di coda con due punti frutto di due pareggi: 2-2 con Peru (in trasferta) ed Argentina (a Mérida).

Se prendiamo in considerazione qualificazioni, Coppa America ed amichevoli uruguaiani e venezuelani si sono sfidati in 29 occasioni con un bilancio di 17 vittorie celesti, 7 pareggi e 5 successi vinotinto.

La prima volta che si sono affrontati fu nel 1965 a Montevideo, in una gara valevole per le qualificazioni per il Mondiale Inghilterra 1966. Allora s’imposero i celesti per 5-0.

C’é un dato da segnalare, negli ultimi 16 incontri il bilancio é favorevole alla vinotinto con 5 vittorie, 5 pareggi e 4 ko. Questa svolta della nazionale venezuelana é arrivata dopo quella storica vittoria per 2-0 sul rettangolo dello stadio Pachencho Romero di Maracaibo, durante le qualificazioni per il Mondiale Corea-Giappone 2002. Allora ad andare a segno per i creoli furono Ruberth Morán ed Alexander Rondón. L’Uruguay non batte il Venezuela in una gara di qualificazione dal 17 giugno del 2000, allora i charrúas vinsero per 3-1. La rete vinotinto fu segnata da Daniel Noriega al 23’, quel golf u il momentaneo 1-1.

Un piccolo aneddoto, Óscar Washington Tabárez come allenatore della nazionale in sette precedenti contro il Venezuela ha uno score di due vittorie, quattro pareggi ed una sconfitta. Il ko dell’ex tecnico di Cagliari e Milan é avvenuto quest’anno durante la Coppa America Centenaria: quel giorno la Vinotinto vinse 1-0 grazie ad una rete di Salomón Rondón, questo risultato servi ai creoli per qualificarsi per i quarti di finale ed estromettere dal torneo i celesti.

Ritornando al presente la Celeste é in gran forma grazie al duo d’attacco formato da Suarez e Cavani, e per questa gara Tabárez ha recuperato anche Godin in difesa che farà coppia con Coates al posto di Gimenez.

Sull’altra sponda Dudamel ha preannunciato un Venezuela molto coperto per evitare di dar spazio agli attacchi dell’Uruguay e pronto a ripartire con il granata Josef Martínez e Rondón. Faranno parte dell’undici di partenza gli ‘italiani’ il genoano Tomás Rincón e l’ex Parma Rolf Feltscher.

PROBABILI FORMAZIONI

URUGUAY: Muslera; Fucile, Coates, Godín, Gaston Silva; Arevalo Rios, Gaston Ramirez, Corujo, Cristian Rodriguez; Suarez, Cavani.

VENEZUELA: Hernández; Feltscher, Vizcarrondo, Wilker Angel, Rosales; Añor, Rincón, Figuera, Alejandro Guerra; Rondón, Josef Martinez.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

13:18Australia: appello personalità contro la visita di Netanyahu

(ANSA) - SYDNEY, 20 FEB - Oltre 60 fra leader politici, imprenditoriali e religiosi, giuristi, accademici e artisti di spettacolo, sottoscritto una dichiarazione per esprimere la loro opposizione alla visita in Australia, in programma da mercoledì, del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu. Le sue politiche, affermano, violano il diritto internazionale e "provocano e opprimono il popolo palestinese allontanando ancora di più il Medio Oriente dalla pace". "E' tempo che sia messa fine alle sofferenze del popolo palestinese e che l'Australia assuma una posizione più equilibrata nel sostenere l'applicazione del diritto internazionale e non sostenga ciecamente Netanyahu e le sue politiche", scrivono. Sono in programma manifestazioni di protesta a Sydney, Melbourne e Canberra. Netanyahu incontrerà il primo ministro conservatore Malcolm Turnbull, il leader dell'opposizione laburista Bill Shorten e altri leader durante la visita di quattro giorni, la prima di un capo di governo israeliano in carica.

13:13Roma: nel pomeriggio possibile incontro Raggi-Grillo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - A quanto si apprende l'incontro tra Beppe Grillo, da oggi a Roma, e Virginia Raggi potrebbe tenersi nel tardo pomeriggio in Campidoglio oppure domani mattina. Al centro dell'incontro potrebbe esserci anche la posizione del M5S sullo Stadio della Roma a Tor di Valle.

13:12Pd: nasce area Orlando-Cuperlo-Damiano

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Una riunione, ieri sera, tra Andrea Orlando, Gianni Cuperlo e Cesare Damiano ha sancito, a quanto si apprende, la nascita di una nuova area dentro il Pd alla luce della quasi certa scissione con la minoranza. I tre esponenti ex ds, che ieri in assemblea hanno caratterizzato i loro interventi all'insegna dell'unità del partito e dell'equidistanza, si sono trovati d'accordo, nella riunione, sulla necessità di un'area larga che avanzi una proposta politica nuova per rifondare il Pd.

13:11Pd: Orlando, io sarei già candidato se impedisse scissione

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Non mi pare serva mettere altri candidati alla segreteria in lizza. Se la mia candidatura impedisse la scissione, sarei già candidato. Non ho capito quale sia il problema in questo passaggio...". Così il Ministro della Giustizia Andrea Orlando (Pd) intervenendo ad Agorà, su RaiTre, parlando del partito democratico. "Qualunque problema abbia il partito, l'idea che lo si possa risolvere con la scissione è sbagliata: apre un fronte che consente alla destra di rafforzarsi", ha aggiunto. "La responsabilità è di tutti: non si à sedimentata una politica comune".

13:11Ue: Gentiloni vede Padoan in vista Eurogruppo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha incontrato questa mattina a palazzo Chigi il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Il colloquio, a quanto si apprende, è servito a fare un punto prima della partenza del ministro per Bruxelles, dove parteciperà all'Eurogruppo.

13:10Pd: Rossi, nuovi gruppi parlamentari sosterranno governo

(ANSA) - FIRENZE, 20 FEB - Nuovi gruppi parlamentari dopo la scissione nel Pd? "Non so: è una domanda che va posta a chi siede in Parlamento, ma penso che sia normale che appoggino il governo", dice Enrico Rossi a Rainews24. "Non sono d'accordo con Fratoianni - ha poi aggiunto rispondendo ad una domanda - che ci ha chiesto di non sostenere Gentiloni". Quanto alla sua appartenenza al Pd, Rossi ha detto: "Proprio poco fa stavo pensando di rispedire la mia tessera alla mia sezione, con una lettera, e andarne a trovare anche il segretario".

12:57Pence a Bruxelles, Mogherini, buona base

(ANSA) - BRUXELLES, 20 FEB - "Eccellente incontro, buona base per la nostra cooperazione". Lo ha twittato l'alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini, dopo l'incontro nella residenza dell'ambasciatore americano presso la Ue a Bruxelles, con cui il vicepresidente americano, Mike Pence, ha cominciato la visita ufficiale alle istituzioni Ue. Dopo un colloquio di circa 45 minuti, il vice di Donald Trump si è recato nell'Europa Building, nuova sede del Consiglio Europeo, per l'incontro con il presidente Donald Tusk, in cui il principale argomento atteso - secondo quanto riferito da fonti europee - è la "rassicurazione sull'unità transatlantica". Successivamente Pence incontrerà il presidente Jean-Claude Juncker nella sede della Commissione europea. Pomeriggio dedicato invece alla Nato con una visita al quartier generale per l'incontro con il segretario generale Jens Stoltenberg. IeriPence ha avuto una cena con il primo ministro belga, Charles Michel.

Archivio Ultima ora