Russia 2018: La Vinotinto punta ad un altro Centenariazo

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da redazione

Russia 2018: La vinotinto punta ad un altro Centenariazo

Russia 2018: La vinotinto punta ad un altro Centenariazo

CARACAS – Ci sono stadi che valgono per il nome, e per la storia; stadi dove il calcio è un’altra cosa, dove sembra una religione. Forse è per questo che giocare nello stadio Centenario di Montevideo sembra qualcosa di trascendente, ricordiamoci che qui si é giocata la prima finale di un mondiale. Vincere in questo recinto sportivo é quasi una missione impossibile. Vincere qui non conta per la classifica, per il tanto desiderato pass per il Mondiale, vincere qui conta perché ti fa entrare negli almanacchi della storia del calcio mondiale.

La Vinotinto sa cosa vuol dire vincere nello stadio Centenario di Montevideo, lo ha fatto sotto la guida di Richard Páez, l’allenatore con piú presenze sulla panchina della nazionale, durante le qualificazioni per il mondiale Germania 2006. Quella vittoria é definita da tutti come il successo piú importante della Vinotinto fino ad oggi.

Il 31 marzo del 2004, sará ricordato con il nome di ‘Centenariazo’. Quel giorno la nazionale venezuelana non solo ha battuto, ma ha letteralmente umilito la celeste battendola per 0-3 nello storico stadio di Montevideo. Le tre reti vinotinto furono segnate da Gabriel Urdaneta (18’), Héctor González (65’) e Juan Arango (80’).

Uruguay e Venezuela si sfideranno oggi nello stadio Centenario di Montevideo in una gara valevole per la nona giornata delle qualificazioni per il Mondiale Russia 2018. La squadra charrúa si presenta come leader del girone con 16 punti in classifica. Mentre la nazionale venezuelana é il fanalino di coda con due punti frutto di due pareggi: 2-2 con Peru (in trasferta) ed Argentina (a Mérida).

Se prendiamo in considerazione qualificazioni, Coppa America ed amichevoli uruguaiani e venezuelani si sono sfidati in 29 occasioni con un bilancio di 17 vittorie celesti, 7 pareggi e 5 successi vinotinto.

La prima volta che si sono affrontati fu nel 1965 a Montevideo, in una gara valevole per le qualificazioni per il Mondiale Inghilterra 1966. Allora s’imposero i celesti per 5-0.

C’é un dato da segnalare, negli ultimi 16 incontri il bilancio é favorevole alla vinotinto con 5 vittorie, 5 pareggi e 4 ko. Questa svolta della nazionale venezuelana é arrivata dopo quella storica vittoria per 2-0 sul rettangolo dello stadio Pachencho Romero di Maracaibo, durante le qualificazioni per il Mondiale Corea-Giappone 2002. Allora ad andare a segno per i creoli furono Ruberth Morán ed Alexander Rondón. L’Uruguay non batte il Venezuela in una gara di qualificazione dal 17 giugno del 2000, allora i charrúas vinsero per 3-1. La rete vinotinto fu segnata da Daniel Noriega al 23’, quel golf u il momentaneo 1-1.

Un piccolo aneddoto, Óscar Washington Tabárez come allenatore della nazionale in sette precedenti contro il Venezuela ha uno score di due vittorie, quattro pareggi ed una sconfitta. Il ko dell’ex tecnico di Cagliari e Milan é avvenuto quest’anno durante la Coppa America Centenaria: quel giorno la Vinotinto vinse 1-0 grazie ad una rete di Salomón Rondón, questo risultato servi ai creoli per qualificarsi per i quarti di finale ed estromettere dal torneo i celesti.

Ritornando al presente la Celeste é in gran forma grazie al duo d’attacco formato da Suarez e Cavani, e per questa gara Tabárez ha recuperato anche Godin in difesa che farà coppia con Coates al posto di Gimenez.

Sull’altra sponda Dudamel ha preannunciato un Venezuela molto coperto per evitare di dar spazio agli attacchi dell’Uruguay e pronto a ripartire con il granata Josef Martínez e Rondón. Faranno parte dell’undici di partenza gli ‘italiani’ il genoano Tomás Rincón e l’ex Parma Rolf Feltscher.

PROBABILI FORMAZIONI

URUGUAY: Muslera; Fucile, Coates, Godín, Gaston Silva; Arevalo Rios, Gaston Ramirez, Corujo, Cristian Rodriguez; Suarez, Cavani.

VENEZUELA: Hernández; Feltscher, Vizcarrondo, Wilker Angel, Rosales; Añor, Rincón, Figuera, Alejandro Guerra; Rondón, Josef Martinez.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

Archivio Ultima ora