Russia 2018: La Vinotinto punta ad un altro Centenariazo

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da redazione

Russia 2018: La vinotinto punta ad un altro Centenariazo

Russia 2018: La vinotinto punta ad un altro Centenariazo

CARACAS – Ci sono stadi che valgono per il nome, e per la storia; stadi dove il calcio è un’altra cosa, dove sembra una religione. Forse è per questo che giocare nello stadio Centenario di Montevideo sembra qualcosa di trascendente, ricordiamoci che qui si é giocata la prima finale di un mondiale. Vincere in questo recinto sportivo é quasi una missione impossibile. Vincere qui non conta per la classifica, per il tanto desiderato pass per il Mondiale, vincere qui conta perché ti fa entrare negli almanacchi della storia del calcio mondiale.

La Vinotinto sa cosa vuol dire vincere nello stadio Centenario di Montevideo, lo ha fatto sotto la guida di Richard Páez, l’allenatore con piú presenze sulla panchina della nazionale, durante le qualificazioni per il mondiale Germania 2006. Quella vittoria é definita da tutti come il successo piú importante della Vinotinto fino ad oggi.

Il 31 marzo del 2004, sará ricordato con il nome di ‘Centenariazo’. Quel giorno la nazionale venezuelana non solo ha battuto, ma ha letteralmente umilito la celeste battendola per 0-3 nello storico stadio di Montevideo. Le tre reti vinotinto furono segnate da Gabriel Urdaneta (18’), Héctor González (65’) e Juan Arango (80’).

Uruguay e Venezuela si sfideranno oggi nello stadio Centenario di Montevideo in una gara valevole per la nona giornata delle qualificazioni per il Mondiale Russia 2018. La squadra charrúa si presenta come leader del girone con 16 punti in classifica. Mentre la nazionale venezuelana é il fanalino di coda con due punti frutto di due pareggi: 2-2 con Peru (in trasferta) ed Argentina (a Mérida).

Se prendiamo in considerazione qualificazioni, Coppa America ed amichevoli uruguaiani e venezuelani si sono sfidati in 29 occasioni con un bilancio di 17 vittorie celesti, 7 pareggi e 5 successi vinotinto.

La prima volta che si sono affrontati fu nel 1965 a Montevideo, in una gara valevole per le qualificazioni per il Mondiale Inghilterra 1966. Allora s’imposero i celesti per 5-0.

C’é un dato da segnalare, negli ultimi 16 incontri il bilancio é favorevole alla vinotinto con 5 vittorie, 5 pareggi e 4 ko. Questa svolta della nazionale venezuelana é arrivata dopo quella storica vittoria per 2-0 sul rettangolo dello stadio Pachencho Romero di Maracaibo, durante le qualificazioni per il Mondiale Corea-Giappone 2002. Allora ad andare a segno per i creoli furono Ruberth Morán ed Alexander Rondón. L’Uruguay non batte il Venezuela in una gara di qualificazione dal 17 giugno del 2000, allora i charrúas vinsero per 3-1. La rete vinotinto fu segnata da Daniel Noriega al 23’, quel golf u il momentaneo 1-1.

Un piccolo aneddoto, Óscar Washington Tabárez come allenatore della nazionale in sette precedenti contro il Venezuela ha uno score di due vittorie, quattro pareggi ed una sconfitta. Il ko dell’ex tecnico di Cagliari e Milan é avvenuto quest’anno durante la Coppa America Centenaria: quel giorno la Vinotinto vinse 1-0 grazie ad una rete di Salomón Rondón, questo risultato servi ai creoli per qualificarsi per i quarti di finale ed estromettere dal torneo i celesti.

Ritornando al presente la Celeste é in gran forma grazie al duo d’attacco formato da Suarez e Cavani, e per questa gara Tabárez ha recuperato anche Godin in difesa che farà coppia con Coates al posto di Gimenez.

Sull’altra sponda Dudamel ha preannunciato un Venezuela molto coperto per evitare di dar spazio agli attacchi dell’Uruguay e pronto a ripartire con il granata Josef Martínez e Rondón. Faranno parte dell’undici di partenza gli ‘italiani’ il genoano Tomás Rincón e l’ex Parma Rolf Feltscher.

PROBABILI FORMAZIONI

URUGUAY: Muslera; Fucile, Coates, Godín, Gaston Silva; Arevalo Rios, Gaston Ramirez, Corujo, Cristian Rodriguez; Suarez, Cavani.

VENEZUELA: Hernández; Feltscher, Vizcarrondo, Wilker Angel, Rosales; Añor, Rincón, Figuera, Alejandro Guerra; Rondón, Josef Martinez.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

12:49Diritti tv: Tim-Eurosport, esclusiva anche per tennis

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Non solo Olimpiadi, Tim avrà l'esclusiva per la banda larga, ultra larga e mobile anche per tre delle quattro prove del Grande Slam di tennis (Australian Open, Roland Garros, Us Open), i tre grandi giri di ciclismo (Giro d'Italia, Tour de France e Vuelta de Espana). E poi il nuoto e l'atletica con i rispettivi mondiali, l'EuroCup di basket e tutte le discipline invernali. La partnership siglata con Eurosport e Discovery Communications riguarda infatti tutti i principali eventi sportivi italiani e internazionali fino a tutto il 2020. Dal telefonino ma anche dalla tv con il decoder TimVision, che inaugura così la sezione sport. L'accordo, si legge in una nota, permette di accedere dal decoder TimVision ai due canali tematici Eurosport 1 e Eurosport 2 e alla programmazione completa di tutte le dirette degli eventi sportivi proposti da Eurosport Player, gratuitamente per il primo anno.

12:45Aereo turismo precipita tra Piemonte e Valle d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 26 GIU - Un aereo da turismo è precipitato nella zona del Mont Mars, tra Valle d'Aosta e Piemonte. A bordo - secondo quanto comunicato dalla Centrale Unica del soccorso della Valle d'Aosta - c'erano due persone. Sul posto stanno operando elicotteri della protezione civile valdostana e dei vigili del fuoco del Piemonte. (ANSA).

12:45Comunali: Speranza, fine renzismo unica strada per ripartire

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Siamo dinanzi alla più clamorosa sconfitta degli ultimi anni alle elezioni amministrative per il centrosinistra". Lo scrive su Facebook il coordinatore di Articolo 1 Roberto Speranza. "È inutile - prosegue Speranza - far finta di non vedere. La destra avanza anche perché in sintonia con le paure di questo tempo. Ma sono state le politiche sbagliate dell'ultima stagione a far restare a casa una larga parte degli elettori di sinistra e di centrosinistra, demotivati e spesso umiliati da scelte incomprensibili su lavoro, scuola, ambiente e fisco. Occorre essere chiari e netti: l'unica strada per ripartire è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo e rimettere al centro i nostri valori fondamentali a partire dalla giustizia sociale e dalla lotta contro le diseguaglianze". "Non ci rassegniamo alla vittoria della destra. Tocca a tutti noi ricostruire. A partire dalla manifestazione del primo luglio a Roma", conclude Speranza.

12:33Salvini, ora modello Comunali a livello nazionale

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - "Non vedo l'ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale": lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Abbiamo fatto 30 - ha sostenuto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese. Con idee chiare, senza tentennamenti fra stare o no con Renzi". "Non capisco - ha spiegato - come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato, il caldo fa brutti scherzi. E non capisco neanche come Gentiloni non sia salito al Quirinale a rassegnare le dimissioni, questa è la terza sfiducia". "Renzi sarà probabilmente il conduttore di 'Chi l'ha visto' l'anno prossimo", ha aggiunto, mentre "con Silvio Berlusconi, "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana".

12:28Torino: presidente Ui, spostare il G7 sarebbe un errore

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - "È un atteggiamento sbagliato spostare il G7. Torino è e deve essere città dell'accoglienza". Lo ha affermato il presidente degli industriali di Torino Dario Gallina a proposito dell'ipotesi di trovare un'altra sede per gli appuntamenti di fine settembre come proposto da alcuni dopo le tensioni delle ultime settimane nel capoluogo piemontese, dai fatti di piazza San Carlo agli scontri con i centri sociali. "C'è tutto il tempo per assicurare la riuscita dell'evento come è già avvenuto in passato. La polemica politica non deve andare a scapito della collettività", ha detto Gallina aprendo l'assemblea annuale dell'Unione Industriale.(ANSA).

12:16Comunali: sinistra perde Sesto San Giovanni dopo 70 anni

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovanni, l'ormai definitivamente ex Stalingrado d'Italia, sarà amministrata da un sindaco del centrodestra. Dopo 70 anni, la sinistra perde quindi una delle sue roccaforti nel nord Italia al termine di un ballottaggio senza storia: Roberto Di Stefano ha vinto con il 58,6% contro la sindaca uscente Monica Chittò del Pd che si è fermata al 41,4%, mentre nel 2012 al ballottaggio era stata eletta con il 70%. Appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e dalla lista civica Sesto nel Cuore, Di Stefano ha potuto contare sul sostegno di Gianpaolo Caponi, candidato di tre liste civiche vicine al centrodestra arrivato terzo con il 24% al primo turno. Non è bastato a Chittò il sostegno di tutto il centrosinistra, con la presenza in campagna elettorale di big come Giuliano Pisapia o Walter Veltroni: soprattutto il Pd ha subito una dura sconfitta passando da 10 a 4 consiglieri e la bassa affluenza (45.6%) ha punito sopratutto il centrosinistra.

12:10Gb: cyberattacco, Guardian ha sospetti su Mosca

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Il cyberattacco condotto venerdì scorso contro il network di email del Parlamento britannico sarebbe riconducibile più a "uno Stato" che non a gruppi di cani sciolti e "probabilmente" al "governo russo". E' quanto afferma oggi il britannico Guardian pur non rivelando alcun elemento concreto al riguardo e ammettendo anzi che sarà difficile poter provare un tale ipotetico collegamento anche in futuro. Il giornale, citando i servizi segreti del Regno Unito, afferma che ci sono altri tre Paesi che possono aver ordinato l'attacco: Cina, Iran e Corea del Nord. Allo stesso tempo cresce la paura di possibili ricatti ai danni dei deputati che hanno visto violate le loro email, anche se il numero di account colpiti è limitato a soli 90 su un totale di 9mila.

Archivio Ultima ora