Effetto Opec sui prezzi del petrolio, torna sopra i 50 dollari

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Effetto Opec su prezzi petrolio, torna sopra 50 dlr

Effetto Opec su prezzi petrolio, torna sopra 50 dlr

ROMA. – Prosegue l’effetto Opec sul petrolio che ritorna sopra i 50 dollari al barile per la prima volta da giugno scorso. L’accordo ad Algeri tra i Paesi membri del cartello petrolifero, che prevede il taglio delle quote di produzione a 32,5 milioni di barili al giorno, ha fatto schizzare il greggio, versione Wti, a 50,55 dollari da 45 dollari nel giro di una settimana, con un rialzo di oltre il 10%, e il Brent oltre i 52 dollari.

Tuttavia, secondo diversi analisti, la corsa dell’oro nero si dovrebbe arrestare intorno ai 55 dollari perché sul mercato “resta un eccesso” d’offerta da parte dei Paesi produttori. Anche l’ex Amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, qualche giorno fa ha detto che nelle sue previsioni i prezzi “non supereranno i 55-56 dollari al barile”.

La settimana prossima i Paesi Opec si riuniranno ad Istanbul per mettere a punto il piano circa il taglio della produzione e vi parteciperà anche la Russia, che non fa parte del cartello. Intanto Mosca ha annunciato che la privatizzazione del colosso petrolifero Rosneft è prevista per il prossimo novembre. Sarà collocato sul mercato una quota del 19,5% della società e il governo dovrebbe incassare 700 miliardi di rubli, circa 10 miliardi di euro. Rosneft appartiene per il 69,5% allo Stato (tramite la Rosneftegaz, statale al 100%) e per il 19,75% alla Bp.

La corsa al rialzo del petrolio sui mercati internazionali ha portato inevitabilmente ad aumenti a raffica dei carburanti da parte delle compagnie. Il prezzo medio nazionale della benzina verde self service al distributore è salito a 1,465 euro/litro da 1,461 euro di martedì e da 1,454 di venerdì scorso. Per il diesel il prezzo medio è pari a 1,307 euro. Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,576 euro, mentre per il diesel la media è a 1,422 euro, secondo i dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Ministero dello Sviluppo Economico.

Aumenti che hanno fatto esplodere la rabbia delle associazioni dei consumatori. “Inaccettabili gli attuali rincari dei prezzi della benzina”, tuonano Adusbef e Federconsumatori, invitando il governo ad intervenire sulle accise, ritoccandole al ribasso “di almeno 5 cent al litro in una prima fase, per poi intervenire in termini strutturali con ulteriori riduzioni di almeno 10 cent” per riportare la tassazione nelle medie europee. Il Codacons parla di aumenti a “velocità record” che “rappresentano un danno per gli automobilisti” e, come Adusbef e Federconsumatori, sollecita l’intervento del governo.

L’Associazioni dei gestori autostradali, Faib, definisce però “pretestuose” tutte le polemiche sui rincari, considerando la pesante crisi che il settore ha attraversato, e sottolinea che negli ultimi nove anni i gestori hanno subito una perdita complessiva di 130 milioni di euro. La Faib comunque ritiene “opportuno” un taglio delle accise se i prezzi del petrolio dovessero continuare a salire.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

05:05Terremoti: scossa magnitudo 3.8 in provincia di Potenza

(ANSA) - POTENZA, 6 DIC - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata alle 3:13 in provincia di Potenza e chiaramente avvertita dalla popolazione. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro tra Abriola e Pignola. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.(ANSA).

22:44Tav: approvata mozione M5s, Torino esce da Osservatorio

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Il Consiglio comunale di Torino ha approvato con 26 voti favorevoli e 6 contrari la mozione che fa uscire Torino dall'Osservatorio tecnico sulla Torino-Lione. Il voto è stato accolto dall'applauso della maggioranza pentastellata, mentre davanti a Palazzo civico un presidio di No Tav, alcuni dei quali provenienti dalla Francia, gridava"sarà dura", lo slogan del movimento che si oppone all'Alta Velocità. Bagarre in aula, durante la discussione, quando la consigliera pentastellata Carlotta Tevere ha espresso solidarietà ai 38 No Tav condannati di recente nel maxi processo per gli scontri dell'estate 2011. "Vergogna, vergogna", è stata la replica dell'opposizione, che ha costretto il presidente Fabio Versaci a sospendere la seduta e a richiamare i consiglieri al rispetto delle regole. "So bene che un sindaco non può bloccare la Torino-Lione, ma questo è un atto che ha grande valenza politica, di cui sono molto orgogliosa", ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino.(ANSA).

22:38Calcio: Napoli, Sarri, non sappiamo giocare per il pareggio

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Giocare per il pareggio non fa per noi, potrebbe rovinarci la prestazione. Non siamo abituati a gestire il pari". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Benfica. "Non penseremo - ha detto Sarri - a quello che accade nell'altra gara del girone". Sarri ha spiegato che "la gara può cambiare violentemente nella fase finale. Nei primi 60'-70' si giocherà con equilibrio, tecnica, poi nel finale per forza di cose una delle due dovrà prendersi rischi enormi e portarla su aspetti meno tattici".

22:30Calcio: Chievo-Genoa 0-0

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Chievo-Genoa 0-0 in uno dei posticipi della 15/a giornata del campionato di serie A.

22:29Calcio:Sarri ‘stadio caldissimo, ma meritiamo passare’

(ANSA) NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci giochiamo una finale, sarà una partita difficile, molto diversa da quella dell'andata". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida decisiva di Champions League a Lisbona contro il Benfica. Sarri invita a dimenticare il 4-2 del San Paolo e ricorda le inside del Da Luz: "Giocheremo in uno stadio caldissimo, ma noi vogliamo qualificarci, meritiamo di passare".

22:21Calcio:Inter, Zanetti, Champions? Abbiamo l’obbligo provarci

(ANSA) - MILANO, 05 DIC - "Abbiamo l'obbligo di provare a raggiungere la Champions League poi alla fine di questo campionato faremo le valutazioni. Non ci nascondiamo, i problemi sono tanti ma dobbiamo avere la forza di risolverli". Il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a margine della festa per i 15 anni della Fondazione Pupi, ammette il periodo difficile dei nerazzurri ma non per questo cambia gli obiettivi stagionali. E sulla possibilita' di vedere Simeone sulla panchina dell'Inter non si sbilancia: "Quello che accadrà in futuro chi lo sa, noi ci concentriamo sul presente, su Pioli, sul rimediare e tentare di arrivare il più in alto possibile. Il futuro nessuno lo sa". C'e' fiducia in Stefano Pioli che ha avuto "in grande impatto". La sconfitta per 3-0 contro il Napoli un ko "difficile da smaltire perche' per la prima volta abbiamo sbagliato l'approccio", secondo Zanetti, deve essere cancellato in fretta: "Devono contare i fatti. E' arrivato il momento di renderci consapevoli''.

22:17Calcio: Di Francesco,Fiorentina-Sassuolo no sfida tra deluse

(ANSA) - MONTECATINI TERME (PISTOIA), 05 DIC - "Sfida tra deluse? Non direi, io almeno non lo sono. I bilanci definitivi li faremo più avanti". Così, parlando della prossima gara di campionato tra Fiorentina e Sassuolo, il tecnico degli emiliani Eusebio Di Francesco, parlando stasera a Montecatini Terme (Pistoia) per il premio Maestrelli che gli è stato attribuito quale miglior allenatore dello scorso campionato. Di Francesco ha parlato anche di Domenico Berardi, fermo da tempo per infortunio: "Tornerà a gennaio e sarà il nostro acquisto: è un giocatore di livello internazionale ed è come se l'avessimo mandato in prestito per metà campionato". Poi, sul giocatore della Fiorentina Bernardeschi, ha detto che è un "ottimo giocatore, magari lo avessimo al Sassuolo". Quindi ha definito Lapadula del Milan come "un vero giocatore".

Archivio Ultima ora