Effetto Opec sui prezzi del petrolio, torna sopra i 50 dollari

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Effetto Opec su prezzi petrolio, torna sopra 50 dlr

Effetto Opec su prezzi petrolio, torna sopra 50 dlr

ROMA. – Prosegue l’effetto Opec sul petrolio che ritorna sopra i 50 dollari al barile per la prima volta da giugno scorso. L’accordo ad Algeri tra i Paesi membri del cartello petrolifero, che prevede il taglio delle quote di produzione a 32,5 milioni di barili al giorno, ha fatto schizzare il greggio, versione Wti, a 50,55 dollari da 45 dollari nel giro di una settimana, con un rialzo di oltre il 10%, e il Brent oltre i 52 dollari.

Tuttavia, secondo diversi analisti, la corsa dell’oro nero si dovrebbe arrestare intorno ai 55 dollari perché sul mercato “resta un eccesso” d’offerta da parte dei Paesi produttori. Anche l’ex Amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, qualche giorno fa ha detto che nelle sue previsioni i prezzi “non supereranno i 55-56 dollari al barile”.

La settimana prossima i Paesi Opec si riuniranno ad Istanbul per mettere a punto il piano circa il taglio della produzione e vi parteciperà anche la Russia, che non fa parte del cartello. Intanto Mosca ha annunciato che la privatizzazione del colosso petrolifero Rosneft è prevista per il prossimo novembre. Sarà collocato sul mercato una quota del 19,5% della società e il governo dovrebbe incassare 700 miliardi di rubli, circa 10 miliardi di euro. Rosneft appartiene per il 69,5% allo Stato (tramite la Rosneftegaz, statale al 100%) e per il 19,75% alla Bp.

La corsa al rialzo del petrolio sui mercati internazionali ha portato inevitabilmente ad aumenti a raffica dei carburanti da parte delle compagnie. Il prezzo medio nazionale della benzina verde self service al distributore è salito a 1,465 euro/litro da 1,461 euro di martedì e da 1,454 di venerdì scorso. Per il diesel il prezzo medio è pari a 1,307 euro. Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,576 euro, mentre per il diesel la media è a 1,422 euro, secondo i dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Ministero dello Sviluppo Economico.

Aumenti che hanno fatto esplodere la rabbia delle associazioni dei consumatori. “Inaccettabili gli attuali rincari dei prezzi della benzina”, tuonano Adusbef e Federconsumatori, invitando il governo ad intervenire sulle accise, ritoccandole al ribasso “di almeno 5 cent al litro in una prima fase, per poi intervenire in termini strutturali con ulteriori riduzioni di almeno 10 cent” per riportare la tassazione nelle medie europee. Il Codacons parla di aumenti a “velocità record” che “rappresentano un danno per gli automobilisti” e, come Adusbef e Federconsumatori, sollecita l’intervento del governo.

L’Associazioni dei gestori autostradali, Faib, definisce però “pretestuose” tutte le polemiche sui rincari, considerando la pesante crisi che il settore ha attraversato, e sottolinea che negli ultimi nove anni i gestori hanno subito una perdita complessiva di 130 milioni di euro. La Faib comunque ritiene “opportuno” un taglio delle accise se i prezzi del petrolio dovessero continuare a salire.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

14:08Sci: Mondiali, Roda (Fisi), non colpevolizzare i tecnici

(ANSA) - ST. MORITZ (SVIZZERA), 19 FEB - ''Non si possono colpevolizzare i tecnici perche' sono convinto che sicuramente hanno lavorato bene. Ma altrettanto sicuramente qualcosa e' mancato se sino a dieci giorni fa in coppa del mondo risultati c'erano, con un bagaglio abbastanza completo. Mentre arrivati qui non siamo più' stati competitivi ed e' questo che dispiace veramente''. Lo ha detto Flavio Roda , presidente Fisi, facendo un bilancio dei Mondiali di St. Moritz in cui non ha nascosto la sua delusione ma facendo una analisi che serva in positivo per il futuro. Certo la coppa del mondo e' una cosa e i Mondiali con gare secche un 'altra: ''ma questo puo' valere per i piu' giovani senza esperienza di queste competizioni nelle quali noi del resto tradizionalmente soffriamo di più', e' la storia che lo dice. La cosa che dispiace e' che non siamo stati competitivi mai''.

14:08Terremoto: consegnate prime casette legno a sfollati Norcia

(ANSA) - PERUGIA, 19 FEB - Consegnate le prime 18 casette di legno a San Pellegrino di Norcia. Sono le prime abitazioni completate nell'intera area del Centro Italia colpita dal sisma. Il sindaco Nicola Alemanno ha dato le chiavi degli alloggi alle famiglie aventi diritto a seguito della scossa del 24 agosto scorso. Emozione e lacrime sui volti delle persone che hanno potuto prendere possesso delle abitazioni dotate di ogni confort: all'interno sono completamente arredate con tanto di stoviglie, asciugamani, biancheria e pentole. "Questo è il risultato dello sforzo di cinque mesi difficili, ma è anche la risposta migliore che lo Stato potesse dare, oggi possiamo dire che le istituzioni qui hanno lavorato come meglio non si potesse, nonostante le tante difficoltà", ha detto il sindaco. Al taglio del nastro ha partecipato anche l'assessore regionale Fernanda Cecchini che ha ribadito che "lo Stato c'è e continuerà ad esserci, restando al fianco di questa gente". I destinatari delle 18 casette potranno abitarci dai prossimi giorni.

14:04Pd: Renzi, impensabile errore fare congresso su governo

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Basta con la discussione e le polemiche sul governo. Faccio un applauso a Gentiloni che è qui, per quello che sta facendo con i ministri. E' impensabile che si trasformi il congresso in un congresso sul governo. Sarebbe un errore allucinante per tutti". Lo dice Matteo Renzi. "Sul governo non ho cambiato idea, mi fa piacere che altri lo abbiano fatto passando dall'appoggio caso per caso all'appoggio fino a fine legislatura. Rispettiamo l'azione del governo e i poteri del presidente della Repubblica".

14:02Pd: Renzi a minoranza, non democratico chiedere io vada via

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Tutti si sentano a casa nel Pd, liberi di discutere ma se in tutte le settimane c'è un'occasione di critica, se per tre anni si è pensato che si stava meglio quando si stava peggio, io non dico che siamo nemici né avversari ma dico 'mettetevi in gioco', non continuate a lamentarvi ma non potete immaginare di chiedere a chi si dimette per fare il congresso di non candidarsi per evitare la scissione non è una regola democratica". Così Matteo Renzi all'assemblea.

14:01Basket: Pasquini, vogliamo portare a casa un’altra coppa

(ANSA) - RIMINI, 19 FEB - Terza finale negli ultimi quattro per il Banco di Sardegna Sassari che questa sera a Rimini (ore 18), contro la favorita EA7 Milano, tenta l'assalto alla Coppa Italia, già vinta nel 2014 e 2015. Dopo i successi con Avellino venerdì e Brescia ieri, coach Federico Pasquini (che all'epoca dei due trionfi in Coppa era general manager con Meo Sacchetti in panchina) non nasconde la soddisfazione: "Questa terza finale in quattro anni sicuramente significa grande continuità, significa che ci stiamo consolidando nel tempo - ha detto ai microfoni di Dinamo TV -. Siamo molto contenti di questo, vogliamo giocarcela al meglio per portare un'altra coppa a Sassari. Come tutte le finali - ha osservato Pasquini - sarà una partita dura e molto intensa, sarà un match fatto di contatti duri. Chi è più pronto la porta a casa". "Dai miei ragazzi mi aspetto che siamo una squadra, che andiamo avanti su quello che abbiamo costruito e abbiamo fatto vedere in campo nelle due sfide precedenti''.

13:58Taxi: servizio fermo a Roma per il quarto giorno

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Per il quarto giorno consecutivo il servizio taxi è fermo a Roma. La categoria protesta dopo la votazione di un emendamento contenuto nel Milleproroghe che "deregolamenta il settore". "Non aiuta di certo il clima - spiega Riccardo Cacchione di Usb taxi - l'aver tardato l'incontro con il ministro Delrio, previsto per martedì, a fronte di una calendarizzazione che prevede l'inizio della discussione alla Camera già da lunedì. Ci auguriamo che la discussione duri almeno qualche giorno. Se il Pd non è convinto di quello che ha fatto, se le altre forze politiche intendono attivarsi concretamente per concludere questa vicenda a favore del servizio pubblico, dell'utenza e dei lavoratori, è il momento di farlo. Noi - conclude - siamo determinati a non rinunciare ai nostri diritti".

13:53Incendio a bordo traghetto: Snav, tutti incolumi

(ANSA) - PALERMO, 19 FEB - Dopo il principio di incendio scoppiato presso la sala macchine della motonave Snav Toscana in prossimità del porto di Palermo, la compagnia ha reso noto che il rogo "è sotto controllo e che i 113 passeggeri e i 75 membri dell'equipaggio presenti a bordo sono tutti in salvo e incolumi". "Le squadre di bordo, tempestivamente intervenute come da procedura - si legge in una nota - stanno proseguendo le attività in costante coordinamento con le strutture di terra preposte. La nave, salpata da Napoli, sta attraccando in banchina e, una volta terminate le necessarie verifiche, saranno attivate le procedure di sbarco. I passeggeri, come da procedura, sono stati radunati nei punti di raccolta previsti, dove sono costantemente informati circa l'evolversi della situazione". Intanto la Procura di Palermo sta attendendo la relazione sull'incendio che si è sviluppato a bordo del traghetto per valutare se aprire un'inchiesta. L'eventuale ipotesi di reato è incendio colposo.

Archivio Ultima ora