Rapporto Migrantes: fuga degli italiani all’estero, tanti i giovani

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Rapporto Migrantesç la fuga degli italiani all'estero

Rapporto Migrantesç la fuga degli italiani all’estero

ROMA. – Italia, addio. Sono sempre più numerosi – e giovani – i connazionali che staccano un biglietto di sola andata per raggiungere una meta estera. Riempiono le valige di titoli e percorsi di studio, in testa l’idea chiara di un progetto di futuro. Nel 2015 ad espatriare sono stati 107.529 italiani, il 6,2% in più rispetto al 2014. Più di uno su tre, il 36,7%, ha tra i 18 e i 34 anni. Si sono uniti alla “grande metropoli” di italiani nel mondo, che oggi conta oltre 4,8 milioni di abitanti (+ 3,7% rispetto al 2014).

L’analisi è della Fondazione Migrantes della Cei, che ha presentato a Roma il Rapporto “Italiani nel mondo 2016”. Un quadro che conferma la vocazione italiana all’emigrazione, registrando un aumento delle partenze. Si tratta di flussi, osserva il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che “talvolta rappresentano un segno di impoverimento piuttosto che una libera scelta ispirata alla circolazione dei saperi e delle esperienze”. E per quanto riguarda la mobilità dei giovani, aggiunge, “dobbiamo fare in modo che ci sia equilibrio e circolarità. I nostri giovani devono poter andare liberamente all’estero, così come devono poter tornare a lavorare in Italia, se lo desiderano, e riportare nella nostra società le conoscenze e le professionalità maturate”.

Anche il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sottolinea la necessità di creare un clima per farli tornare: “la notizia mi ha fatto male ed è per questo che dobbiamo rendere il Paese più semplice. I ragazzi che vogliono andarsene hanno tutto il diritto di farlo, noi dobbiamo creare un clima che permetta loro di tornare”.

Polemico il leader della Lega, Matteo Salvini: “Italiani che emigrano? E’ la prova di una pulizia etnica in corso. Scappano dal paese in centomila e sbarcano 150 mila clandestini. E’ un’invasione da fermare, con ogni mezzo”. Critiche anche da Forza Italia: la fuga dei cervelli è un “fallimento del governo”. Mentre per Giorgia Meloni (Fdi) si tratta di “prove generali di sostituzione etnica”.

Posizioni respinte dal sottosegretario agli Esteri, Benedetto della Vedova: “Il fenomeno dell’immigrazione straniera e quello dell’emigrazione di italiani all’estero non sono legati da nessun rapporto di causa ed effetto e chi come Salvini assurdamente parla di ‘pulizia etnica’ semina la cultura dell’odio”.

VIA TANTI GIOVANI: Dei 107.529 iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero nel 2015, 39.410 rientrano nella fascia dei Millennials, hanno tra i 18 e i 34 anni. Sono la fascia più rappresentata. Seguono i 35-49enni (25,8%), mentre i minori sono il 20,7% (di cui 13.807 mila hanno meno di 10 anni): a dimostrazione che “si spostano anche intere famiglie”, ha detto il presidente di Migrantes, mons. Guerino Di Tora. Il 6,2% invece ha più di 65 anni. “L’Italia deve garantire opportunità ai giovani”, ha aggiunto il direttore Migrantes, mons.Perego.

GB ATTIRA ANCORA NONOSTANTE BREXIT: il Regno Unito è il primo paese scelto come meta di studi all’estero. Nel rapporto si parla anche di Brexit che nell’immediato, anno accademico 2016-17, non avrà “cambiamenti”. Tra le mete degli oltre 39 mila migranti tra i 18 e i 34 anni dopo il Regno Unito è stato finora al primo posto, seguito da Germania, Svizzera e Francia.

ANCHE PENSIONATI ALL’ESTERO: Si stanno muovendo dall’Italia, ha spiegato Delfina Licata, curatrice del rapporto, “a causa della trasformazione della società”, “per risolvere le problematiche fiscali in un posto diverso”. Partono anche i “nuovi italiani”, ha aggiunto, “come i bengalesi a Londra: dopo essere emigrati in Italia e aver ottenuto la nostra cittadinanza compiono lo stesso percorso di chi è nato in Italia”.

SI PARTE DAL NORD: La Lombardia, con 20.088 partenze, è la prima regione in valore assoluto per partenze, il Veneto (10.374) la seconda. Seguono la Sicilia (9.823), Lazio (8.436), Piemonte (8.199) ed Emilia Romagna (7.644). In generale, sono espatriati soprattutto i maschi (56,1%) e i single (60,2%).

GERMANIA E’ META PREFERITA: Con 16.568 espatri. Seguono, con una minima differenza, il Regno Unito (16.503) e poi, più distaccate, la Svizzera (11.441) e la Francia (10.728).

4,8 MLN ITALIANI NEL MONDO: Gli iscritti all’Aire al primo gennaio 2016 sono 4.811.163, 174.516 in più rispetto all’anno precedente. Dal 2006 al 2016 la mobilità italiana è aumentata del 54,9%: dieci anni fa i connazionali residenti in terra straniera erano poco più di 3 milioni. Oggi oltre la metà (53,8%) vive in Europa (oltre 2,5 milioni), il 40,6% in America. Il 50,8% è originario del Sud Italia. Le donne sono il 48,1%.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

01:14Calcio: Gasperini, partita che ci deve essere d’insegnamento

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Da questa partita dobbiamo prendere un insegnamento importante contro una squadra forte e che aveva voglia di riscatto. Non sono deluso. Deve essere un riferimento per noi, impariamo la lezione. Ci servirà a gennaio, quando affronteremo ancora la Juventus in Coppa Italia e per il ritorno in campionato. Nel frattempo speriamo di crescere". Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta rivelazione in serie A, non si mostra abbattuto dopo il 3-1 incassato allo 'Juventus stadio', arrivato dopo sei successi consecutivi. "C'erano tutte le condizioni per non avere alcun tipo di impatto negativo - dice l'allenatore - indubbiamente c'era un certo divario, ma meno evidente di quello che ha mostrato il campo. Sarà compito nostro cercare di ridurlo. L'aspetto che mi dà fastidio è che contro squadre così non devi giocare individualmente ma coralmente. Siamo arrivati troppo spesso secondi sulla palla".

01:09Calcio: Allegri, siamo ripartiti dopo Genova

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Siamo ripartiti dopo Genova". Massimiliano Allegri è visibilmente soddisfatto di come la sua Juventus ha reagito contro l'Atalanta alla sconfitta sul terreno del Genoa. "Lavorare una settimana intera è stato importante, puoi dare idee nuove alla squadra, curare il recupero fisico. Da un mese avevo smesso di fare l'allenatore, giocando una partita ogni tre giorni" ha spiegato l'allenatore. "Contro l'Atalanta abbiamo fatto una bella partita e non era facile perché loro ci hanno impegnato molto fisicamente - ha aggiunto - ma i ragazzi sono stati bravi. Pjanic meglio da trequartista? Il trequartista è un giocatore che deve fare il centrocampista. Pjanic l'ha fatto discretamente bene e poi è stato importante sui calci piazzati in cui abbiamo fatto due gol". Quanto a Higuain "deve rimanere sereno, lui è abituato a segnare tutte le partite, ma nella Juve è normale che segnino anche altri. Ha avuto occasioni, ha fatto una buona partita e segnerà nei prossimi match".

00:52Trovato morto in casa dopo furto nel Livornese

(ANSA) - SAN VINCENZO (LIVORNO), 3 DIC - Un uomo di 77 anni è stato trovato morto nella sua casa di San Vincenzo (Livorno) dopo aver subito un furto o una rapina. Il corpo dell'uomo non presenta ferite esterne o segni di violenza: tra le ipotesi, anche quella che il 77enne possa essere morto per un malore dovuto allo choc, anche se sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso. Ancora da chiarire anche la dinamica dell'accaduto nella casa dell'uomo, un ex imprenditore della zona, in una zona residenziale sulle colline di San Vincenzo nella quale sono intervenuti i carabinieri: l'abitazione è stata trovata a soqquadro e la cassaforte aperta, senza il suo contenuto. L'allarme è stato dato dalla figlia dell'anziano.(ANSA).

00:32Calcio: Rugani, sconfitta a Genova ci ha fatto crescere

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Era importante far capire subito che quello di Genova è stato un tonfo che ci poteva stare, ma che ci ha fatto crescere e capire cosa avevamo sbagliato. E questo si è visto in campo, siamo entrati con il giusto approccio, siamo stati molto determinati ed il risultato è stato una conseguenza". Daniele Rugani, difensore-goleador della Juventus che ha battuto 3-1 l'Atalanta, commenta così il successo della sua squadra. "Sono contento di aver dato un buon contributo per mettere la partita nei binari giusti. A chi dedico il mio gol? A tutte le persone che mi stanno vicino, a tutti quelli che mi danno sempre una mano dentro e fuori dal campo" aggiunge.

00:13Calcio: un’ottima Juventus batte l’Atalanta 3-1

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Un'ottima Juventus ha vinto la sfida con l'Atalanta, squadra rivelazione della serie A, battendola 3-1. Per la formazione allenata da Gasperini non c'è stato scampo allo Juventus Stadium, contro l'11 bianconero affamato di riscatto dopo la sconfitta patita in casa del Genoa. Dopo 19 minuti il risultato era già 2-0, con le reti Alex Sandro (la prima in campionato del brasiliano, che ha poi reso omaggio ai connazionali della Chapecoense, decimati nell'incidente aereo in Colombia, con una maglietta dedicata) e Rugani. Nella ripresa Mandzukic, uno dei migliori in campo anche prima di entrare nel tabellino, ha segnato la terza rete. Freuler nel finale ha reso meno amaro il ko. I bianconeri allungano in testa alla classifica, salendo a 36 punti, +7 su Roma e Milan, la prima impegnata domani nel derby ed il secondo in casa con il Crotone. Atalanta ferma a 28.

23:45Termina a Santiago il viaggio di Fidel

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 3 DIC - Il viaggio di Fidel Castro nella sua Cuba termina a Santiago. Dopo aver percorso 900 chilometri, e aver attraversato l'isola sulle orme della 'Caravana de la Libertad' che segnò l'inizio dell'era del Comandante en Jefe, Fidel torna alla 'sua' base. Dove tutto iniziò. A Santiago de Cuba infatti il Lider Maximo ha mosso i primi passi della rivoluzione, che lo ha portato il primo gennaio 1959 a entrare trionfante a L'Avana. E Santiago è orgogliosa del suo ruolo nella storia, e si definisce 'culla della rivoluzione'. Il corteo funebre con le ceneri di Fidel entra trionfante in città e percorre 17 chilometri per le strade di Santiago, fra migliaia di persone in piazza per salutarlo e omaggiarlo. Un omaggio che si protrae l'intera giornata, con l'ultimo bagno di folla per il Comandante en Jefe nella Plaza Antonio Maceo, la Plaza de la Revolucion, alla presenza di Raul Castro. Per l'occasione diverse personalità sono giunte a Cuba.

23:40Usa: Fiamme al rave, molti stranieri alla festa

(ANSA) - NEW YORK, 3 DIC - Tra i partecipanti del rave party finito in tragedia ad Oakland, in California, anche tanti stranieri. Lo ha detto la polizia locale. Non e' ancora chiaro se vi siano cittadini non americani tra le vittime e i dispersi.

Archivio Ultima ora