Renzi a Torino, imprenditori in prima fila per la ripresa

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Renzi a Torino, imprenditori in prima fila per ripresa

Renzi a Torino, imprenditori in prima fila per ripresa

TORINO. – Passa da Torino, “capitale” del manifatturiero che ospiterà il prossimo G7 dell’Industria, l’endorsemet degli imprenditori per il Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre. Una partita “non facile”, perché “sono state raccontate tante bugie su questa riforma”, ammette lo stesso Matteo Renzi, convinto però che “gli italiani siano molto meglio di come li immaginiamo”. E che, alla fine, “un fracco di gente della Lega e dei Cinque Stelle, quando leggerà il quesito referendario, voterà sì”.

Nella sala dell’Unione Industriale subalpina, che fa da sfondo al passaggio di testimone alla presidenza tra Licia Mattioli e Dario Gallina, Renzi incassa il sostegno convinto di Confindustria. “Al referendum ci auguriamo che vinca il sì perché quando prendiamo una posizione non lo facciamo per un atto formale, ma perché ci crediamo”, sottolinea il presidente Vincenzo Boccia, che da sotto la Mole lancia “il nuovo rinascimento industriale italiano” invitando gli imprenditori a “essere corresponsabili” e a “costruire insieme un progetto per la crescita”.

Il referendum, del resto, “è l’ultima occasione per cambiare l’Italia”, sostiene Renzi, che prima dell’incontro con gli industriali visita il Cottolengo e lo stabilimento torinese della Thales Alenia Space. Due eccellenze che rendono il premier “orgoglioso” di un Paese capace di “credere nei valori dell’umanità”, come insegna la scuola per bambini difficili diretta da don Andrea Bonsignori, e di “guidare gli sforzi perché l’Europa sia all’avanguardia nello spazio”, riferimento quest’ultimo a tecnici e ingegneri della missione su Marte ExoMars.

Di fronte a simili primati, la discussione sulle previsioni di crescita del Pil diventa “spassosa” per Renzi, convinto che il Paese “si stia rimettendo in moto” perché “in questi tre anni il governo italiano ha fatto qualcosa”.

Dai tanto criticati 80 euro “che – ricorda il premier – non sono stati una mancia”, all’abolizione dell’Imu sulla prima casa e al Jobs Act. Provvedimenti che il presidente del Consiglio cita uno dopo l’altro nel corso del faccia a faccia con Massimo Gramellini. Un’intervista a tutto campo, dopo il pranzo al grattacielo dell’Innovation Center di Intesa Sanpaolo e una visita all’Arsenale della Pace di Ernesto Olivero per parlare di giovani.

“Criticare è bello, ma è più bello sporcarsi le mani e provare a cambiare – sottolinea Renzi -. E’ la differenza che c’è tra chi fa filosofia e chi fa politica. E noi qualcosa abbiamo fatto, certo errori ne abbiamo commessi, potevamo fare meglio, ma almeno le cose si stanno muovendo”. Un concetto che applica anche alla riforma costituzionale su cui gli italiani sono chiamati ad esprimersi. Non la riforma perfetta, ma una occasione per ridurre i costi della politica, togliere un po’ di burocrazia e semplificare. E sulla quale, per altro, “ci sarà lo spazio per migliorare e intervenire”.

A patto però che vinca il SI’, perché “se vince il NO – osserva ancora il premier – è difficilissimo cambiare dopo”. “Finalmente ora ci siamo, si può sbloccare il futuro, semplificare”, afferma Renzi, che non risparmia le critiche agli avversari della riforma, D’Alema compreso, ma invita a mettere da parte i personalismi. Perché, conclude, “la cosa più bella” è “l’occasione di sbloccare il futuro”. E di creare così il clima “per far tornare” gli italiani che oggi preferiscono andare all’estero.

(di Alessandro Galavotti/ANSA)

Ultima ora

06:52Venezuela, elicottero attacca sede ministero a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 28 GIU - Un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell'Interno della Corte suprema a Caracas, sparando e lanciando due granate. L'agente responsabile del gesto ha anche pubblicato sui social un video-manifesto in cui chiama all'unione tra militari e popolo contro Maduro. Secondo il presidente, il poliziotto sarebbe collegato all'ex governo Chavez. La capitale venezuelana è stata blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Il governo parla di "attacco terrorista".

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

Archivio Ultima ora