Trump shock a malati terminali, votatemi prima di morire

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Hillary Clinton

WASHINGTON. – Nuova gaffe di Donald Trump ad un mese dalle elezioni: il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha esortato i malati terminali suoi sostenitori a restare in vita almeno fino alle presidenziali, in modo da poterlo votare. “Non mi interessa quanto siate malati. Non mi interesse se siete appena andati dal medico e lui vi ha dato la prognosi peggiore, cioè vi ha detto che è finita”, ha detto Trump parlando ad un comizio in Nevada. “Non importa. Reggete fino all’otto novembre. Uscite e votate”, ha incalzato. “Lo dico scherzando, ma lo dico davvero”, ha concluso. Un appello al voto shock, immortalato in un video che sta diventando virale.

Anche Hillary Clinton però rischia di irritare le persone che soffrono, acquistando spazi pubblicitari per 63 mila dollari sul seguitissimo canale delle previsioni meteo negli stati chiave sul percorso dell’uragano Matthew, tra cui Florida e North Carolina: in questo modo potrebbe dare l’impressione di sfruttare la calamità naturale.

Intanto però l’ex segretario di stato incassa lo storico endorsement dell’ Atlantic magazine, che nei suoi 159 anni di storia l’aveva dato solo in altre due occasioni, nel 1860 con Abraham Lincoln e nel 1964 con Lyndon B. Johnson. Un punto che vale doppio, perche’ l’editoriale contiene anche un pesante attacco a Donald Trump, definito “il più ostentatamente inadatto candidato di un grande partito nei 227 anni di storia della presidenza Americana”, nonché “un demagogo, uno xenofobo, un sessista, un ignorante e un bugiardo”.

Certo, se a decidere il prossimo presidente degli Stati Uniti fosse la stampa, Clinton avrebbe già vinto alla grande: tutti i grandi giornali Usa che in queste settimane hanno deciso di uscire allo scoperto, oltre 80, hanno dato il loro appoggio alla candidata democratica, usando nei confronti di Donald Trump toni durissimi, allarmanti, apocalittici.

La cosa singolare è che gli endorsement non sono arrivati solo dai media mainstream ma anche da giornali che non avevano mai sostenuto un democratico o che non lo facevano da decenni – The Dallas Morning News, The Arizona Republic, The Cincinnati Enquirer – o che non avevano mai dato il loro supporto ad un candidato presidenziale, come Usa Today.

Ancora nessun quotidiano si è speso per Trump, dopo alcuni endorsement durante le primarie, mentre persino il candidato libertario Gary Johnson ha ottenuto l’appoggio di sei testate. Si tratta della campagna elettorale più sbilanciata in termini di endorsement che gli Stati Uniti abbiano mai visto. E anche forse di quella con la maggiore distanza tra gli orientamenti editoriali e una significativa fetta dell’elettorato che, sondaggi alla mano, continua a credere in Trump, al suo motto ‘Make America great again” e ai suoi attacchi contro la stampa “corrotta”.

Negli ultimi dieci giorni però il tycoon sta perdendo terreno negli swing state mettendo in allarme i repubblicani, che temono di perdere il controllo del Congresso. Forse anche per questo lo speaker della Camera, Paul Ryan, che ha appoggiato Trump dopo mesi di titubanza, farà campagna con lui per la prima volta sabato prossimo in Wisconsin, anche se non ha pubblicizzato molto l’evento.

Intanto però 30 ex deputati repubblicani hanno firmato una lettera in cui si scagliano in maniera feroce contro il tycoon e sollecitano l’unità del partito per respingere la sua candidatura. Contro Trump anche l’intera famiglia Bush, con George W. che ha accettato di comparire insieme a Barack Obama in un un video bipartisan: i due leader, un tempo avversari ma ora accumunati dalla loro posizione anti Trump, invitano gli elettori ad esercitare il loro diritto di voto, insieme al cast di ‘Hamilton’, un musical di enorme successo, e ad altri ‘testimonial’, come l’ex first lady Laura Bush, la senatrice democratica Elizabeth Warren, e lo stesso Ryan.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

04:26Corea Nord, possibile test bomba H in Pacifico

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, tra le "azioni di più alto livello" contro gli Usa. E' l'ipotesi espressa dal ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un, che sta considerando iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di "distruzione totale" del Paese asiatico.

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

Archivio Ultima ora