Referendum: causa aperta anche al tribunale di Milano

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Referendum: causa aperta anche al tribunale di Milano

Referendum: causa aperta anche al tribunale di Milano

ROMA. – Accanto all’azione intentata al Tar Lazio sul quesito referendario, ne pende un’altra – avviata fin da giugno – di fronte al tribunale civile di Milano: l’oggetto è la legge del 1970 che disciplina il referendum, ma per questa via si punta comunque al quesito referendario. E se contenuto e iter dei due procedimenti sono diversi, la sostanza è analoga. Ad intentarla un gruppo di avvocati come cittadini-elettori: Claudio Tani, Aldo Bozzi, già protagonisti del ricorso contro il Porcellum, Ilaria Tani ed Emilio Zecca.

Il ricorso punta a verificare il corretto utilizzo dello strumento referendario e chiede di rinviare alla Corte Costituzionale la legge 352/1970 nella parte in cui non prevede che l’Ufficio centrale presso la Cassazione, che verifica legittimità e conformità dei referendum all’art. 138 del Costituzione, abbia il potere “di invitare, con ordinanza, i promotori a formulare quesiti in modo separato e raggruppandoli per materie omogenee”.

La questione avrebbe dovuto già essere esaminata, ma c’è stato un rinvio per problemi procedurali: l’udienza è aggiornata al 20 ottobre. Tre giorni dopo, quindi, la camera di consiglio al Tar da cui è attesa subito una sentenza. L’atto di citazione a Milano, che chiama in causa Presidenza del Consiglio, ministeri dell’Interno e delle Riforme, è del 16 giugno. E’ poi seguito un ricorso d’urgenza il 21 luglio, ritenendo imminente l’emanazione del decreto con la data del referendum.

Tutto ruota attorno alla eterogeneità del quesito referendario supposta dai ricorrenti, che ricordano come la Consulta abbia già stabilito, per il referendum abrogativo, la necessità di “un quesito ‘comune e razionalmente unitario'”. Principio che si chiede di estendere ai referendum confermativi, com’è quello sulla riforma costituzionale del 4 dicembre.

Nel ricorso si chiede di verificare se non ci ci sia una “compressione della libertà del diritto di voto” nel momento in cui si chiede all’elettore di esprimersi, con un’unica manifestazione di volontà, sulla modifica di 42 articoli della Costituzione. La questione, quindi, è se “a fronte di un unico referendum a quesiti multipli l’elettore sia in grado di comprendere – sino in fondo – contenuto, conseguenze e finalità della revisione costituzionale”.

“E’ ovvio che un referendum concepito come quello che si prospetta – si legge negli atti – sarebbe poco più che un sondaggio sulla fiducia al Governo, se non fosse che nel nostro ordinamento la fiducia è data dal Parlamento”.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora