Renzi, niente paura ma ultima occasione. Scontro con D’Alema

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Renzi,no paura ma ultima occasione.Scontro con D'Alema

Renzi,no paura ma ultima occasione.Scontro con D’Alema

ROMA. – Matteo Renzi sfoggia ottimismo sull’esito del referendum e, pur sapendo che si tratta di una “partita non facile” confida nel voto degli italiani. “Non ho paura dei miei concittadini e della democrazia” annuncia il premier convinto che “il buon senso e la saggezza prevarranno” e che “ci sarà un fracco di gente della Lega e di M5s che voterà sì”. Tutti tranne Massimo D’Alema: lui, ironizza il premier “non lo convinciamo”.

E’ lui ormai l’alfiere della battaglia per il No e che, dopo il tentativo di Matteo Renzi di spersonalizzare il voto, ha paradossalmente assunto il volto dell’antagonista. L’ex premier torna ad attaccare la riforma, parla di un quesito “chiaramente propagandistico” e prospetta un ulteriore “arretramento” del partito nel caso di una vittoria del Sì perché il Pd, afferma, diventerebbe sempre di più il “partito di Renzi”. Tuttavia, assicura, “non ho né desideri né propensioni a promuovere scissioni”.

Un attacco a cui replica duro il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti, definendo D’Alema un uomo “accecato dalla rabbia e dall’odio personale per non aver ottenuto la sua poltroncina”. Ma non è solo sulla dialettica contrapposta tra i due fronti referendari che si gioca la partita. Si è saputo che la decisione del Tar del Lazio sul ricorso presentato da M5s e Sinistra Italiana sul quesito referendario sarà presa a metà ottobre. Attorno al 20 si esprimerà anche un altro tribunale, quello civile di Milano.

Tre sono le possibilità di decisione del tribunale amministrativo: confermare il provvedimento di indizione del referendum, annullarlo potendo anche dare indicazioni su eventuali cambiamenti nel quesito oppure dichiararsi incompetente sulla materia. Soluzione, questa, su cui punta l’avvocatura dello Stato che si è costituita nel giudizio per conto della Presidenza del Consiglio. E che nel merito cercherà invece di sostenere l’assenza di un obbligo di legge nell’indicare nel quesito referendario gli articoli della Costituzione che vengono toccati dal referendum.

I 5 Stelle invece confidano nel loro ricorso che, dicono, non è un’azione improvvisata. “Andiamo avanti. Abbiamo fiducia nella magistratura” assicura Luigi Di Maio che chiede di andare al più presto al voto nel caso in cui dovesse vincere il No e ripete: “Toglietevelo dalla testa. Il M5s non farà parte di un governo di scopo”. Ma nello scontro gli argomenti del governo e dei 5 Stelle sono esattamente antitetici: “se vince il No dopo sarà difficilissimo cambiare” sostiene Renzi. “Votare Sì significa rendere irreversibile questa riforma” replica Di Maio.

Ma intanto si alza il tifo dalle tribune. Rinnova un convinto sostegno per il Sì il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia ed anche il commissario europeo agli Affari Economici, Pierre Moscovici, pur non parlando di referendum, annuncia di voler sostenere “gli sforzi di Renzi” contro la “minaccia populista”. E uniscono il fronte 5 Stelle e D’Alema contro quella che definiscono una riforma dettata dalla JP Morgan. “Gli altri urlano e insultano noi rispondiamo con il sorriso” replica a tutti Matteo Renzi che chiama ad uno sforzo finale contro le “tante bugie raccontate su questa riforma”. Lo sprint arriverà dalla Leopolda, da dove, tra il 4 e il 6 novembre, verrà lanciata l’ultima fase della campagna elettorale per il Sì.

(Di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

14:43Terrorismo: espulso pachistano, sospettato far parte rete

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino pachistano, per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un 27enne, residente a Napoli, segnalato a seguito di indagini investigative in ambito di collaborazione internazionale perché ritenuto membro di una rete di suoi connazionali impegnata in "attività ricognitive" finalizzate a "possibili azioni controindicate nel nostro Paese". A seguito degli approfondimenti informativi che ne hanno confermato l'opera di monitoraggio svolta su potenziali obiettivi, il ministro dell'Interno ha emesso un provvedimento di espulsione. L'uomo è stato quindi rimpatriato con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino. Con quella di oggi sono 87 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 219 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

13:55Renzi, se Gentiloni confermasse Visco prenderò atto

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema. Prenderò atto della decisione del governo e qualsiasi decisione sarà non intaccherà minimamente i nostri rapporti. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza e l'autonomia della Banca d'Italia sono giuste". Così Matteo Renzi in una intervista all'Avvenire di domani (anticipazioni sul sito del quotidiano).

13:55Calcio: Delneri, Buffon si ritira? Spero continui a giocare

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - "Buffon è un grande professionista; io sono onorato di averlo allenato e penso i tifosi di averlo visto all'opera". Lo ha detto oggi il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri a chi gli ha ricordato che quella di domani potrebbe essere l'ultima al Friuli per il numero uno della Juventus se veramente il campione bianconero dovesse decidere di ritirarsi nella prossima stagione. "Spero per lui non lo sia. Mi sembra che abbia lasciato una traccia importante per la visione di un ruolo come quello del portiere. E’ stato artefice del cambiamento strutturale del ruolo dei portieri. Credo abbia dimostrato come si possa diventare un attaccante pur essendo in porta", ha aggiunto ricordando anche la sua figura di uomo. "Un ragazzo a posto che ha dimostrato che in tutti gli ambienti bisogna avere professionalità, essere uomini, credere in quello che si fa. Un esempio per tutti, anche per i bambini".

13:47Sport e fair play: consegnati gli Award 2017 per videospot

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Sport e fair play: consegnati a Roma gli Award della quarta edizione del Video-spot Festival alle scuole superiori italiane sul tema 'Vivere da sportivi, a scuola di fair play'. Si tratta di una competizione multimediale inserita in una campagna di sensibilizzazione giovanile sul significato sociale dei valori etici dello sport. 12 le scuole finaliste, 6 i premi assegnati nella sezione Video, 7 per gli Spot, due alla sezione Speciale e 2 fuori concorso agli Ospedali Pediatrici. I best video 2017 sono 'Salviamo gli ultras' realizzato dagli studenti dell'istituto Tommaso D'Oria di Ciriè (Torino) e 'Si gioca solo con regole condivise' dei ragazzi del liceo sportivo Galilei di Siena. La cerimonia finale di premiazione si è svolta alla Scuola Superiore di Polizia. Tema della competizione multimediale 2017 lanciata da Monica Promontorio, sono stati in particolare i temi d'integrazione, inclusione, bullismo e cyber-bullismo, parità di genere, ambiente. (ANSA).

Archivio Ultima ora