Spagna e Buffon spaventano l’Italia, ma poi è pari su rigore

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da ansa

Italy's Eder (L) and Spain's Gerard Piquè in action during the FIFA World Cup 2018 Group G qualification match Italy vs Spain at the Juventus Stadium in Turin, Italy, 06 October 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Italy’s Eder (L) and Spain’s Gerard Piquè in action during the FIFA World Cup 2018 Group G qualification match Italy vs Spain at the Juventus Stadium in Turin, Italy, 06 October 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TORINO. – Un tempo a guardare la Spagna, prima di rispolverare il gioco e la grinta spinti dalla clamorosa papera di Buffon e dallo svantaggio. L’Italia di Ventura ci ha messo tanto, troppo, a carburare e alla fine il pareggio (1-1, con De Rossi su rigore) con la Spagna nello ‘Stadium’ di Torino si porta dietro addirittura qualche rimpianto, anche se il girone di qualificazione ai Mondiali del 2018 è appena all’inizio.

Le ‘furie rosse’ hanno controllato la partita per tutti i primi 45′: il solito sontuoso palleggio ma pochi tiri. E per fare gol hanno dovuto sfruttare un incredibile liscio di Buffon, che ha spalancato la porta a Vitolo. L’entrata di due attaccanti che il ct azzurro ha avuto al Torino, Immobile e Belotti, ha messo pepe alla partita e agli azzurri. Ancora una volta cambi insoliti, come già ad Haifa nella prima ufficiale contro Israele, hanno dato ragione al ct Ventura. L’attaccante laziale ha preso il posto di Pellè, uscito dal campo, tra i fischi, senza stringere la mano al ct, e con il ‘Gallo’ granata gli azzurri sono passati a un attacco a tre: Eder-Immobile e, appunto, Belotti.

Dalla verve e dal piede di Belotti è venuto l’assist a Eder, steso da Sergio Ramos: rigore e pareggio dell’Italia, all’82’, firmato da De Rossi, premiato prima della partita per le oltre 100 presenze in Nazionale: per il centrocampista della Roma 19/o gol in azzurro, raggiunti Bettega e Gilardino.

Il primo tempo dell’Italia, inerme contro il palleggio iberico, era stato tutto da buttare. Poco movimento, molti tocchi sbagliati, Florenzi e De Sciglio senza iniziativa, male anche Parolo; le ‘furie rosse’ con l’Iniesta dei giorni migliori hanno tenuto gli azzurri praticamente sempre nella loro metà campo, anche se la supremazia è stata molto sterile: 9 calci d’angolo (a 0) ma solo due tiri senza pretese, facili preda di Buffon: un sinistro fiacco di Iniesta dopo un insistito scambio con Silva, e un tocco di testa di di Busquets, centrale e innocuo.

Nei primi 45′ Iniesta, Koke e Silva hanno tenuto sempre in soggezione l’Italia di Ventura che al 30′ ha dovuto sostituire Montolivo, toccato duramente da Sergio Ramos, con Bonaventura, L’unico sussulto degli azzurri al 42′: un tiro cross di Eder, sporcato da Ramos. Un solo vero problema per la Spagna di Lopetegui: tre ammoniti Busquets, Vitolo e Diego Costa, anche se l’arbitro, il tedesco Brych, avrebbe dovuto alzare il cartellino giallo anche per Pellè per una manata come ‘vendetta’ per il fallo subito da Montolivo.

L’errore di Buffon – un liscio in uscita al limite dell’area su Vitolo lanciato a rete – ha dato il vantaggio che la Spagna meritava ai punti, ma probabilmente anche la scossa per una reazione, interpretata benissimo da Immobile tra i fischi. E l’attaccante della Lazio al 19′ in scivolata è arrivato fuori tempo per qualche frazione di secondo.

La Spagna avrebbe potuto raddoppiare ma questa volta il diagnale di Vitolo lanciato da Koke è finito sul fondo. Lopetegui ha cercato di dare più profondità al gioco mettendo Morata. Ma è stato tutto un crescendo azzurro, anche oltre il rigore del pari, con Belotti a dare altra carica e vivacità al gioco d’attacco, Immobile a sfiorare il vantaggio e l’arbitro Brych ad annullare un gol di Belotti per fuorigioco.

Ora in testa al girone c’è l’Albania, la Spagna favorita per la qualificazione mondiale per ora è solo neutralizzata.

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

13:17Bimbo di 26 mesi muore schiacciato da tv in Salento

(ANSA) - LEVERANO (LECCE), 20 OTT - Un bambino di 26 mesi é morto schiacciato dal televisore che gli è caduto addosso mentre tentava di accenderlo. La tragedia é avvenuta nell'abitazione della famiglia della vittima a Leverano, in Salento. Il piccolo, figlio unico, era in casa con la madre. Approfittando di un momento di disattenzione della donna, il piccolo si é diretto nel soggiorno, è salito sul carrello sul quale era posizionata la tv, un vecchio modello col tubo catodico e, nel tentativo di accenderla, l'ha fatta cadere. L'apparecchio l'ha schiacciato. Vano il disperato tentativo dei sanitari del 118 di rianimarlo. La mamma è sotto choc. Sul posto sono al lavoro i carabinieri della scientifica.

13:16Rogo nel forlivese scatenato da petardi, tre denunciati

(ANSA) - MODIGLIANA (FORLÌ-CESENA), 20 OTT - Due cacciatori di 47anni e il figlio 17enne di uno di loro sono stati denunciati dai carabinieri per incendio colposo. Il tutto ha preso il via nel tardo pomeriggio di ieri col divampare di un violento incendio in un podere di Modigliana, sull'Appennino forlivese. Sono stati distrutti oltre quattro ettari di macchia mediterranea e solo il faticoso lavoro dei vigili del fuoco ha impedito che il rogo raggiungesse un'abitazione. L'incendio, hanno verificato i militari intervenuti, è stato provocato dallo scoppio di alcuni petardi, e tre persone erano state viste allontanarsi velocemente a bordo di due auto subito dopo il divampare delle fiamme. I tre sono stati ben presto identificati e raggiunti nelle loro abitazioni. Si tratta di due cacciatori del posto e del minorenne. Secondo quanto emerso il 17enne avrebbe fatto scoppiare i petardi con l'intenzione di indirizzare i volatili impauriti verso i fucili del padre e dell'amico. (ANSA).

13:0713enne giù da finestra scuola a Roma, è morto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un ragazzino di 13 anni è morto dopo essere precipitato da una finestra della scuola Santa Maria, di via Tasso, nel centro di Roma. Secondo quanto si è appreso, il ragazzino, è stato soccorso in gravissime condizioni dal 118 ed è deceduto poco dopo. Ancora da chiarire le circostanze della caduta del ragazzo.

12:59L. Elettorale: 179 emendamenti in Commissione al Senato

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sono solo 179 gli emendamenti al Rosatellum 2.0 presentati in Commissione Affari costituzionali del Senato. Lo riferisce il presidente della Commissione e relatore Salvatore Torrisi, contattato al telefono. "Ci sono emendamenti di M5s, di Mdp, del Misto, di Gal e Qualcuno anche da parte di deputati del Pd e della Lega. Lunedì alle 16 iniziamo e proseguiamo ad oltranza", ha concluso.

12:58Bankitalia: Cav, sinistra vuole posti, no asse con Renzi

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Sul caso Bankitalia la mia posizione è stata di massima trasparenza e chiarezza: ho denunciato l'antico vizio della sinistra per l'occupazione dei posti e ribadito, allo stesso tempo, che è comprensibile la volontà di controllo su quello che è successo in questi anni. Tutto questo ho detto anche per invocare il rispetto delle regole, che qualcuno ha disinvoltamente dimenticato o addirittura violato. Nessun "asse con Renzi", come qualche giornale ha maliziosamente insinuato". Lo afferma il leader di FI Silvio Berlusconi.

12:52Solo e in pigiama, a 3 anni di notte in piazza Maggiore

(ANSA) - BOLOGNA, 20 OTT - Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino, cantava Lucio Dalla. Invece ben prima dell'alba di mercoledì un bimbo di tre anni, solo, scalzo e in pigiama, è stato soccorso dai carabinieri in piazza Maggiore. Verso le 4.30 la centrale operativa del 112 è stata informata della presenza del piccolo, che stava vagando per la piazza. Una pattuglia della stazione Bologna è intervenuta e i militari sono risaliti ai genitori del bimbo, una coppia d'italiani residenti in zona. La madre era assente per motivi di lavoro, il padre e la domestica stavano dormendo e non si erano accorti che era uscito di casa.(ANSA).

12:51Uomo accoltellato e ucciso durante lite a Roma, un arresto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un uomo è stato accoltellato e ucciso stamattina alla periferia di Roma. La vittima è un 50enne che è stato raggiunto da più coltellate durante una lite. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma che hanno bloccato il responsabile, un 32enne. Non si esclude che possa avere problemi psichici. Ancora da chiarire i motivi della lite.

Archivio Ultima ora