Major League Baseball, playoff al sapore di arepa e papelón

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da redazione

MLB – I playoff avranno un sapore di arepa e papelón

MLB – I playoff avranno un sapore di arepa e papelón

CARACAS – Con le gare Blue Jays-Rangers e Red Sox-Indians prenderanno il via i play off della Major League Baseball che avranno come protagonista 22 peloteros venezuelani, questo cifra potrebbe arrivare a 23 se Pablo Sandoval sará incluso nel roster da Boston.

Iniziamo dai Blue Jays, la squadra di Toronro ha in rosa Dioner Navarro, Frankling Morales, Jesús Montero y Ezequiel Carrera. I canadesi, che sono approdati a questa fase del torneo dopo aver battuto per 5-2 i Boltimora Orieles: in questo primo turno dei play off sfideranno i Texas Rengers.

La squadra texana, si é qualificata per la post seasson dopo aver vinto il titolo della Divisione Ovest della Lega Americana. Difenderanno la casacca dei Rangers Martín Pérez, Robinson Chirinos, Elvis Andreus e Rougned Odor.

Nell’altra gara dei play off nella American League, ci saranno i Red Sox che hanno chiuso al primo posto la divisione est della Lega Americana. Il manager John Farrell ha a disposizione giocatori del calibro di Sandy León, Eduardo Rodríguez, Edwin Escobar e stando ai rumors potrebbe rientrare Pablo Sandoval. Il famoso ‘Panda’ non ha giocato gran parte della stagione a causa di un infortunio alla spalla, ma potrebbe rientrare per la fase decisiva del torneo. I rivali dei Red Sox saranno gli Indians, vincitori della Divisione Centrale della American League. La formazione che rappresenta la cittá di Cleveland ha due venezuelani: Jesus Aguilar e Carlos Carrasco.

Pasando alla National League, anche nota come Senior Circuit, lotteranno per il titolo di campione i Chicago Cubs, Washington Nationals, Los Angeles Dodgers e la vincente dello spareggio tra New York Mets e San Francisco Gigants.
Un secolo senza vincere le World Series. I Chicago Cubs sono senza dubbio la squadra più disgraziata della Mlb. Colpa loro? Forse.

La superstizione racconta dell’anatema lanciato da tal Billy Sianis nel 1945 quando, seduto al Wrigley Field (lo stadio dove gioca la squadra), si stava gustando una partita delle finali Mlb. Con lui c’era una capra. Gli inservienti, su richiesta degli altri spettatori, andarono da Sianis costringendolo a uscire. L’animale, secondo loro, puzzava troppo. E Billy che combinò? Fuori dal Wrigley Field esclamò: “I Cubs non vinceranno più”. Una maledizione andata a buon fine, e che occupa il primo posto nella classifica di “On Irish road”.

I Cubs che nel loro palmares hanno due titoli della World Series vinte in maniera consecutiva nel 1907 e nel 1908, sono anche la prima squadra a qualificarvisi per tre anni consecutivi e a vincere per due volte di seguito. Da allora la squadra è apparsa otto volte alle World Series, l’ultima nel 1945, senza più vincerle, una striscia negativa di 107 anni che è la più lunga di qualsiasi altra squadra nello sport nordamericano.

A causa di questa dubbia distinzione, ci si riferisce spesso a loro come “Lovable Losers” (adorabili perdenti). I Cubs che in questo 2016 hanno avuto il miglior record della Major League Baseball con 103 vittorie e 58 sconfitte cercheranno di sfatare questo tabú che dura da piú di un secolo. A difendere la casacca dei Cubs ci saranno i creoli Héctor Rondón, Miguel Montero, Jonathan Martínez e Wilson Contreras.

La squadra della cittá dei venti sfiderá i Mets, che ha vinto lo spareggio contro i Gigants. Nella squadra con sede a New York ci sono Asdrubal Cabrera e Wilmer Flores. Infine l’altra formazione con peloteros provenienti dalla terra di Bolívar sono i Los Angeles Dodgers che hanno Luis Avilán.

La cifra di 22 giocatori nei play off migliora la performance della scorsa stagione dove il Venezuela fu rappresentato da 17 peloteros.

I grandi asseti saranno José Altuve con i suoi Astros, Miguel Cabrera e Victor Martínez coi Tigers. Senza dimenticarci dei campioni in carica dei Royals che hanno nel roster Salvador Pérez, Alcides Escobar e Franklin Morales.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

18:40Ciclismo: Abu Dhabi, tappa a Cavendish

(ANSA) - ABU DHABI (EMIRATI ARABI), 23 FEB - Mark Cavendish, con il tempo di 4h'37'06", ha vinto la prima tappa dell'Abu Dhabi tour di ciclismo, denominata 'Emirates' e lunga 189 km. L'inglese è stato il primo a indossare la maglia rossa di leader della classifica generale. In una volata caratterizzata dalle cadute del tedesco Marcel Kittel e dell'australiano Caleb Ewan - lo sprinter che gareggia con i colori della Dimension Data ha battuto il tedesco André Greipel (Lotto-Soudal), Nicolò Bonifazio (Barhain-Merida), Simone Consonni (Uae Abu Dhabi) ed Elia Viviani (Team Sky). Domani 2/a tappa, la 'Nation towers', lunga 153 km, che si snoderà interamente per le vie della capitale degli Emirati. Sabato la giornata chiave della corsa a tappe organizzata dall'Abu Dhabi Sports council, in collaborazione con Rcs sport-La Gazzetta dello sport, con arrivo in salita a Jebel Hafeet (11 km con una pendenza media del 7 per cento e punte dell'11). Domenica la 4/a e ultima tappa nel circuito di Yas Marina.

18:38Letta, rischio instabilità anche in prossima legislatura

(ANSA) - PARIGI, 23 FEB - L'Italia? "Più del resto, sono preoccupato per l'instabilità politica, che rischia di continuare nella prossima legislatura, a causa di una legge elettorale folle, quella che abbiamo adesso, puramente proporzionale": lo ha detto Enrico Letta, rispondendo ai cronisti a margine del capital Markets summit di 2017, organizzato a Parigi da Politico e Agefi Hebdo. A chi chiedeva di chi fosse la colpa di questa instabilità Letta ha risposto: "E' la conseguenza di sei mesi di una folle campagna elettorale seguita dal fallimento del referendum" di Matteo Renzi. "Oggi abbiamo un sistema in cui le riforme istituzionali sono ferme e abbiamo una legge elettorale puramente proporzionale". "E' preoccupante", ha concluso, dicendo che oggi più che mai serve "unità".

18:38Siria: Putin, fino a 4.000 miliziani provenienti da Russia

(ANSA) - MOSCA, 23 FEB - Provengono dalla Russia circa 4.000 miliziani che combattono in Siria: lo ha dichiarato oggi il presidente russo Vladimir Putin incontrando un gruppo di ufficiali della Flotta del Nord. "Purtroppo - ha detto il leader del Cremlino - in territorio siriano si è accumulato un enorme numero di guerriglieri che provengono dalle repubbliche dell'ex Urss e dalla stessa Russia. Stando ai dati dello stato maggiore del Gru (i servizi segreti militari russi) e altri nostri servizi speciali, ad esempio l'Fsb, fino a 4.000 provengono dalla Russia e 5.000 dalle repubbliche dell'ex Urss".

18:38Trump: dem verso nomina leader. Otto i canditati

(ANSA) - NEW YORK, 23 FEB - "Trump ha fatto già abbastanza per essere messo in stato di accusa": a evocare l'impeachment il deputato democratico Keith Ellison, in corsa per diventare presidente del partito nella convention che si svolgerà sabato ad Atlanta. "Le azioni di Trump, che hanno già violato più volte la Costituzione, sollevano già la questione dell'impeachment. Per questo chiedo una commissione d'inchiesta", ha aggiunto Ellison, che è il primo musulmano ad essere stato eletto in Congresso, appoggiato da Bernie Sanders e che se la dovrà vedere soprattutto con l'ex ministro del Lavoro Tom Perez, vicino a Barack Obama. Più cauto quest'ultimo sull'impeachment ma comunque duro contro il presidente: "Trump vuole riportare indietro l'orologio e dobbiamo combatterlo".

18:36Merkel, modifica trattati Ue non è in agenda

(ANSA) - BERLINO, 23 FEB - "La modifica dei trattati dell'Ue non è in agenda". Lo ha detto Angela Merkel a Berlino in conferenza stampa col premier lituano Saulius Skevernelis. La cancelliera ha poi aggiunto che la Germania rimane per "il no agli eurobond" ed è favorevole alla "responsabilità delle singole nazioni" rispetto al debito. Merkel ha ricordato che esistono strumenti per poter praticare la solidarietà nell'eurozona come l'Esm, "se la stabilità è a rischio".

18:35Mo: militari Israele, intercettato drone di Hamas

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 FEB - L'esercito israeliano ha intercettato un drone di Hamas che era in procinto di entrare nello spazio aereo dello Stato ebraico. Lo ha annunciato il portavoce militare secondo cui il drone "partito da Gaza è stato intercettato ed è caduto in mare". "L'esercito - ha aggiunto - non permetterà alcuna violazione del proprio spazio aereo".

18:32Iran: ministro Difesa, abbiamo aumentato precisione missili

(ANSA) - TEHERAN, 23 FEB - L'Iran ha accresciuto notevolmente la precisione dei suoi missili balistici a lungo raggio e non ha fermato il suo programma missilistico dopo le polemiche scaturite dal test del 29 gennaio scorso che ha portato a nuove sanzioni da parte degli Stati Uniti. Lo ha riferito oggi il ministro della Difesa iraniano, Hossein Dehqan. "Abbiamo aumentato la gamma e la precisione dei nostri missili balistici terra-terra a lungo raggio", ha detto Dehqan, aggiungendo che "l'esercito iraniano è riuscito anche ad aumentare la durata di conservazione dei suoi missili fino a 20 anni".

Archivio Ultima ora