Major League Baseball, playoff al sapore di arepa e papelón

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da redazione

MLB – I playoff avranno un sapore di arepa e papelón

MLB – I playoff avranno un sapore di arepa e papelón

CARACAS – Con le gare Blue Jays-Rangers e Red Sox-Indians prenderanno il via i play off della Major League Baseball che avranno come protagonista 22 peloteros venezuelani, questo cifra potrebbe arrivare a 23 se Pablo Sandoval sará incluso nel roster da Boston.

Iniziamo dai Blue Jays, la squadra di Toronro ha in rosa Dioner Navarro, Frankling Morales, Jesús Montero y Ezequiel Carrera. I canadesi, che sono approdati a questa fase del torneo dopo aver battuto per 5-2 i Boltimora Orieles: in questo primo turno dei play off sfideranno i Texas Rengers.

La squadra texana, si é qualificata per la post seasson dopo aver vinto il titolo della Divisione Ovest della Lega Americana. Difenderanno la casacca dei Rangers Martín Pérez, Robinson Chirinos, Elvis Andreus e Rougned Odor.

Nell’altra gara dei play off nella American League, ci saranno i Red Sox che hanno chiuso al primo posto la divisione est della Lega Americana. Il manager John Farrell ha a disposizione giocatori del calibro di Sandy León, Eduardo Rodríguez, Edwin Escobar e stando ai rumors potrebbe rientrare Pablo Sandoval. Il famoso ‘Panda’ non ha giocato gran parte della stagione a causa di un infortunio alla spalla, ma potrebbe rientrare per la fase decisiva del torneo. I rivali dei Red Sox saranno gli Indians, vincitori della Divisione Centrale della American League. La formazione che rappresenta la cittá di Cleveland ha due venezuelani: Jesus Aguilar e Carlos Carrasco.

Pasando alla National League, anche nota come Senior Circuit, lotteranno per il titolo di campione i Chicago Cubs, Washington Nationals, Los Angeles Dodgers e la vincente dello spareggio tra New York Mets e San Francisco Gigants.
Un secolo senza vincere le World Series. I Chicago Cubs sono senza dubbio la squadra più disgraziata della Mlb. Colpa loro? Forse.

La superstizione racconta dell’anatema lanciato da tal Billy Sianis nel 1945 quando, seduto al Wrigley Field (lo stadio dove gioca la squadra), si stava gustando una partita delle finali Mlb. Con lui c’era una capra. Gli inservienti, su richiesta degli altri spettatori, andarono da Sianis costringendolo a uscire. L’animale, secondo loro, puzzava troppo. E Billy che combinò? Fuori dal Wrigley Field esclamò: “I Cubs non vinceranno più”. Una maledizione andata a buon fine, e che occupa il primo posto nella classifica di “On Irish road”.

I Cubs che nel loro palmares hanno due titoli della World Series vinte in maniera consecutiva nel 1907 e nel 1908, sono anche la prima squadra a qualificarvisi per tre anni consecutivi e a vincere per due volte di seguito. Da allora la squadra è apparsa otto volte alle World Series, l’ultima nel 1945, senza più vincerle, una striscia negativa di 107 anni che è la più lunga di qualsiasi altra squadra nello sport nordamericano.

A causa di questa dubbia distinzione, ci si riferisce spesso a loro come “Lovable Losers” (adorabili perdenti). I Cubs che in questo 2016 hanno avuto il miglior record della Major League Baseball con 103 vittorie e 58 sconfitte cercheranno di sfatare questo tabú che dura da piú di un secolo. A difendere la casacca dei Cubs ci saranno i creoli Héctor Rondón, Miguel Montero, Jonathan Martínez e Wilson Contreras.

La squadra della cittá dei venti sfiderá i Mets, che ha vinto lo spareggio contro i Gigants. Nella squadra con sede a New York ci sono Asdrubal Cabrera e Wilmer Flores. Infine l’altra formazione con peloteros provenienti dalla terra di Bolívar sono i Los Angeles Dodgers che hanno Luis Avilán.

La cifra di 22 giocatori nei play off migliora la performance della scorsa stagione dove il Venezuela fu rappresentato da 17 peloteros.

I grandi asseti saranno José Altuve con i suoi Astros, Miguel Cabrera e Victor Martínez coi Tigers. Senza dimenticarci dei campioni in carica dei Royals che hanno nel roster Salvador Pérez, Alcides Escobar e Franklin Morales.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

22:45Calcio: Calabria, Milan deve ripartire vincendo a Cagliari

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' stata particolarmente intensa la ripresa degli allenamenti del Milan dopo la settimana di sosta e ora "sarebbe importante ripartire con una bella vittoria", come ha sottolineato Davide Calabria, in vista della trasferta di domenica a Cagliari. "Ci siamo preparati alla grande, mister Gattuso ci ha aiutato a recuperare la condizione dopo una settimana di vacanza", ha spiegato Calabria, protagonista assieme a gran parte della squadra di un evento promozionale. "In questi giorni ci siamo allenati con grande intensità, è stata dura ma nessuno ha mollato. Ora c'è il Cagliari e possiamo dare un'impronta al nostro campionato", ha aggiunto Fabio Borini, secondo cui le difficoltà del Milan a fare gol dipendono anche "dagli avversari che lavorano per non farci giocare: per noi diventa più complicato. Per quanto mi riguarda - ha sorriso l'attaccante - visto che a volte gioco lontano dalla porta, a meno che non tiri da 50 metri fatico a segnare...".

22:41Calcio: Davids, il Napoli è bello ma vincerà la Juve

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Il Napoli gioca bene ma credo che alla fine vincerà la Juve perché ha esperienza e un organico più ampio". Così Edgar Davids oggi a Firenze per un evento a Pitti Bimbo, la rassegna di moda infantile che si è aperta alla Fortezza da Basso. L'ex centrocampista olandese, che in Italia ha vestito le maglie di Milan, Juve e Inter vincendo scudetti e coppa, ha elogiato il gioco di Sarri augurandosi che il campionato "resti aperto fino al termine". Il Milan fatica a tornare ai livelli passati: "Mi auguro che il futuro dei rossoneri torni bello, c'è chi pensa che basti l'acquisto di un paio di giocatori, invece bisogna avere una visione chiara, creare una struttura e concedere tempo a chi allena". Chiusura sulla crisi del calcio italiano escluso, come quello olandese, da Russia 2018: "Un Mondiale senza l'Italia non è un Mondiale vero. La crisi deve trasformarsi in occasione di rilancio perché il calcio italiano ha storia e qualità".

22:35PyeongChang: -21, lotta doping Cio, fatti oltre 14mila test

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Oltre 14mila test effettuati a tutela dei Giochi di PyeongChang. A 21 giorni dal via delle Olimpiadi invernali che si apriranno nella località della Corea del Sud il 9 febbraio, il Cio ha reso noto i numeri della campagna contro il doping portata avanti da una task force in avvicinamento all'evento olimpico: oltre 6000 atleti provenienti da 61 paesi sono stati testati tra aprile e dicembre dello scorso anno. Un lavoro svolto dalle organizzazioni antidoping nazionali (Nado) e dalle federazioni internazionali degli sport invernali e del ghiaccio. "Tutelare gli atleti puliti combattendo il doping è una priorità del Cio - ha spiegato Richard Budgett, direttore medico scientifico del comitato olimpico internazionale - La pulizia dei Giochi è fondamentale e ci impegniamo affinché PyeongChang 2018 tuteli tutti gli atleti puliti". Riflettori puntati sui russi, esclusi da queste Olimpiadi per decisione del Cio: tra novembre e dicembre gli atleti di Mosca sono testati in numero doppio rispetto a quelli degli altri paesi.

Archivio Ultima ora