Referendum: fino all’8 ottobre opzione di voto in Italia per gli iscritti all’Aire

Pubblicato il 06 ottobre 2016 da redazione

OPZIONE PER L' ESERCIZIO DEL VOTO PER CORRISPONDENZA NELLA CIRCOSCRIZIONE ESTERO - REFERENDUM COSTITUZIONALE - AUTUNNO 2016

OPZIONE PER L’ ESERCIZIO DEL VOTO PER CORRISPONDENZA NELLA CIRCOSCRIZIONE ESTERO – REFERENDUM COSTITUZIONALE – AUTUNNO 2016

ROMA – Una circolare della direzione centrale per i Servizi elettorali del ministero dell’interno, in vista del referendum costituzionale per l’approvazione del testo della legge costituzionale concernente “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016, ricorda agli elettori residenti all’estero, cioè quelli inseriti d’ufficio nell’elenco elettori iscritti nell’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire), che possono optare per esercitare il diritto di voto in Italia entro il prossimo 8 ottobre 2016. Chi non eserciterà tale opzione riceverà come di consueto il plico elettorale all’indirizzo di residenza all’estero

L’opzione degli iscritti all’Aire che vogliano esercitare il loro diritto di voto in Italia dovrà pervenire all’ufficio consolare nella circoscrizione di residenza dell’elettore (mediante consegna a mano, o per invio postale o telematico, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità) entro il termine dell’8 ottobre e può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

Qualora l’opzione venga inviata per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’ufficio consolare, entro il termine prescritto. Le eventuali opzioni effettuate in occasione di precedenti consultazioni politiche o referendarie non hanno più effetto.

Il ministro dell’Interno ricorda che dal Maeci è stato predisposto, a titolo orientativo, un apposito modulo d’opzione, diffuso anche dal Consolato generale di Caracas, che gli elettori residenti all’estero potranno utilizzare o prendere come riferimento per formulare l’opzione per l’esercizio del voto in Italia.

Le operazioni di votazione in Italia si svolgeranno nella sola giornata di domenica 4 dicembre 2016, dalle ore 7 alle ore 23. Lo scrutinio avrà inizio subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti.

Ultima ora

13:58Referendum: Speranza, capire messaggio degli italiani

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - "Con il referendum gli Italiani ci hanno dato un messaggio fortissimo. Dobbiamo capirlo a fondo e ripartire. Ci vediamo a Roma sabato 17 dicembre!". Lo scrive il leader della sinistra Pd Roberto Speranza su Facebook lanciando la manifestazione che si svolgerà sabato 17 dicembre a Roma dal titolo: "L'Italia prima di tutto. Un Nuovo Pd per ricostruire il centrosinistra".

13:58Buttiglione (Udc), serve governo di decantazione

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - "Siamo disponibili a sostenere un governo che abbia una funzione di decantazione, completi le riforme e faccia la riforma elettorale". Lo dice Rocco Buttiglione dell'Udc al Quirinale. "Serve una cultura della mediazione, dialogo, ascolto paziente per arrivare a un sintesi politica. E' il metodo della cultura politica democratico cristiana di Aldo Moro per fare le riforme che durino", ha puntualizzato. Buttiglione ha ribadito il no ad elezioni subito "perchè entreremmo in un vicolo cieco. Serve - ribadisce - un governo che continui il percorso riformatore avviato dall'Esecutivo Renzi, ma anche creare un tavolo di trattativa a cui tutti partecipino e fare maturare anche la nuova cultura politica che serve, del dialogo e della mediazione, completi le riforme avviate, affronti il problema delle povertà emergenti, metta in sicurezza il sistema bancario davanti alle prossime difficoltà e negoziare in Ue".

13:52Droga: da Germania a Milano con ovuli nello stomaco, operato

(ANSA) - MILANO, 9 DIC - Un afgano di 21 anni ha rischiato di morire a causa di alcuni ovuli di eroina che si sono aperti nel suo stomaco durante il trasporto dalla Germania a Milano. Il giovane è arrivato in stazione Centrale con un autobus attorno alle 20 di ieri, ha mostrato segni di malessere ed è stato trasportato d'urgenza al Policlinico. I medici gli hanno trovato 18 ovuli nello stomaco e qualcuno nel colon. Alle 23 è stato necessario operarlo per rimuoverli. Le sue condizioni sono gravi ma non è in pericolo di vita. Nel risvolto dei pantaloni sono stati trovati altri 42 ovuli che erano stati espulsi da poco. In tutto sono 60 gli ovuli recuperati per un peso complessivo di poco più di 500 grammi. Una successiva perquisizione nel suo appartamento di Porto Recanati ha dato esito negativo.

13:50Morta studentessa, insegue rapinatori, investita da treno

(ANSA) - ROMA, 09 DIC - E' stata trovata morta Zhang Yao, la studentessa cinese di 20 anni scomparsa a Roma lunedì scorso. Il cadavere della ragazza era in un cespuglio a ridosso della ferrovia nella zona di Tor Sapienza, dove era stata vittima di una rapina. La studentessa, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stata investita da un treno mentre inseguiva i tre rapinatori che le avevano sottratto la borsa. C'è una telecamera a circuito chiuso che ha ripreso gli ultimi istanti di vita. Una telecamera posta su un capannone industriale nella zona di via Salviati in cui, oltre alla ragazza, si intravedono anche "tre ombre in movimento". Un dato che sembra confermare la versione che la ragazza diede ad una sua amica al telefono quando disse che stava inseguendo tre uomini di colore che l'avevano appena borseggiata. Chi indaga spiega che la qualità delle immagini è scarsa ed è quindi complesso individuare chiaramente i tre rapinatori. La Procura di Roma indaga per il reato di rapina.

13:45M5S: Piazza sentito a Bologna, fiducia che si risolverà

(ANSA) - BOLOGNA, 9 DIC - "Ho trovato una persona molto attenta, scrupolosa, e ho massima fiducia. Ci vorrà un po' di tempo, ma credo che la cosa si risolverà". Lo ha detto, riferendosi al Pm Michela Guidi, Marco Piazza, vicepresidente del consiglio comunale di Bologna indagato nell'inchiesta sulle firme raccolte per le regionali 2014 in Emilia-Romagna. "Vi confermo - ha spiegato Piazza ai giornalisti, uscendo dalla Procura dopo quasi due ore - che mi vengono contestate venti firme sulla cui autenticità non ci sono dubbi: si tratta di irregolarità nella raccolta. Ho portato tutti gli elementi per dimostrare che anche queste irregolarità non sono state commesse". Il 5 Stelle autosospeso ha detto di aver portato alla Pm "in cui ho massima fiducia" 250 firme "in più che avevamo e che avremmo potuto selezionare scartando le altre, se avessimo avuto anche il minimo dubbio sulla regolarità. C'è un solo modulo che mi viene contestato, con tutte firme autentiche. Tranquillamente avrei potuto scartarlo e sostituirlo".

13:38Lampada San Francesco a Nobel per la pace Manuel Santos

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 9 DIC - Verrà consegnata al premio Nobel per la pace, Juan Manuel Santos, per "lo sforzo nei processi di riconciliazione con le Farc" la lampada di San Francesco. La cerimonia si terrà ad Assisi sabato 17 dicembre alle 11 nella Basilica Superiore prima del 31/o Concerto di Natale. Lo stesso giorno alle 15.30, sempre nella Basilica Superiore, il presidente Santos terrà una lectio magistralis sullo "storico" accordo di pace con le Forze armate rivoluzionarie della Colombia. Verranno anche approfondito i temi della fraternità e del dialogo. Il presidente della Repubblica, Juan Manuel Santos, sarà accolto dal Custode del Sacro Convento, padre Mauro Gambetti, secondo quanto rende noto il direttore della sala stampa del Sacro Convento, padre Enzo Fortunato. (ANSA).

13:37Esplosione in commissariato polizia Andria

(ANSA) - ANDRIA, 9 DIC - Una esplosione si è verificata poco fa nell'androne del commissariato di polizia di Andria. Una persona - sembra un addetto alle pulizie - è rimasto ferito. Non si conoscono le sue condizioni. Sul posto stanno intervenendo i vigili del fuoco. A quanto si è appreso, l'esplosione sarebbe stata provocata da un piccolo ordigno esploso nell'atrio del commissariato che ha provocato la caduta di una parte del cartongesso che divideva due ambienti. A causa dei vetri andati in frantumi, una persona, l'addetto alle pulizie, è rimasta ferita. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Archivio Ultima ora