Russia 2018: per la Vinotinto é notte fonda, battuta per 3-0 dall’Uruguay

uruguay-vs-venezuela

CARACAS – La vinotinto di Rafael Dudamel crolla nello stadio Centenario contro l’Uruguay. La nazionale venezuelana era partita bene, al 21′ un fraseggio tra Salomón Rondón e Peñaranda ha lasciato con il fiato sospeso i tifosi, purtroppo il tiro é uscito di poco con la porta vuota a causa di un’uscita sbagliata di Muslera.

Al 28’, Luis Suarez scappa sulla fascia sinistra, il suo cross chirugico permette a Nicolás Lodeiro di segnare in palombella. Si va al riposo con i padroni di casa in vantaggio per 1-0.

Dopo appena 15 secondi della ripresa, il grande assente fino a quel momento, una zampata di Edison Cavani allunga le distanze. Al 66’, la Vinotinto rimane addirittura in 10 uomini a causa dell’espulsione per somma di ammonizioni di Oswaldo Vizcarrondo.

Dodici minuti dopo, l’ex calciatore del Napoli segna il lapidario 3-0. In questo modo, El matador diventa il primo charrúa che segna due doppiette in gare consecutive con la maglia della nazionale ed ha eguagliato con 36 reti Diego Forlan nella classifica dei bomber della Celeste. L’Uruguay allunga la sua scia positiva, nello stadio Centenario non subisce gol da 6 gare consecutive e a sua volta interrompe una negativa: a Montevideo non batteva la vinotinto da 16 anni.

La Celeste si conferma in vetta alla classifica del girone Conmebol con 19 punti, mentre la Vinotinto continua ad annaspare come fanalino di coda con due punti frutto di due pareggi: 2-2 con il Perù (in trasferta) ed Argentina (a Mérida).

La nazionale venezuelana tornerá in campo martedí, giorno in cui sfiderá il Brasile a Mérida. Mentre l’Uruguay sfiderá in trasferta la Colombia.

(Fioravante De Simone)