Ministro degli Esteri del Brasile, Serra: “Venezuela esporta sempre più cocaina”

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da redazione

Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.

Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.

CARACAS – Venezuela esporta sempre più cocaina? E’ quanto ha affermato il ministro degli Esteri del Brasile, Josè Serra, durante la conferenza stampa che ha fatto seguito all’incontro del segretario generale dell’Osa, Luis Almagro, con il presidente Michel Temer.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti, al quale Almagro non ha partecipato, il ministro Serra ha affermato che il Venezuela si propone “ogni giorno di più come esportatore di cocaina”.

– La situazione attuale del Venezuela – ha detto Serra – è molto preoccupante.

Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.

– E’ possibile trovare una soluzione alla crisi – ha detto – ma non sarà semplice.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora