Ministro degli Esteri del Brasile, Serra: “Venezuela esporta sempre più cocaina”

Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.
Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.
Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.

CARACAS – Venezuela esporta sempre più cocaina? E’ quanto ha affermato il ministro degli Esteri del Brasile, Josè Serra, durante la conferenza stampa che ha fatto seguito all’incontro del segretario generale dell’Osa, Luis Almagro, con il presidente Michel Temer.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti, al quale Almagro non ha partecipato, il ministro Serra ha affermato che il Venezuela si propone “ogni giorno di più come esportatore di cocaina”.

– La situazione attuale del Venezuela – ha detto Serra – è molto preoccupante.

Il cancelliere del Brasile ha considerato che la presenza del Vaticano, negli sforzi per iniziare un dialogo tra il Governo del presidente Maduro e l’Opposizione rappresentata dal Tavolo dell’Unità, è assai positiva poiché alimenta la speranza di incontrare “una formula per la transizione”.

– E’ possibile trovare una soluzione alla crisi – ha detto – ma non sarà semplice.