Turismo: quest’anno l’Italia avrà un risultato straordinario

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Turismo: quest'anno l’Italia avrà un risultato straordinario

Turismo: quest’anno l’Italia avrà un risultato straordinario

ROMA. – Anche dai suoi uffici di Parigi dove è stato riconfermato presidente del Comitato Turismo dell’Ocse a cui partecipano oltre 50 Paesi per altri tre anni, Armando Peres continua a seguire da vicino l’Italia e le sue performance in questo settore, dove potrebbe essere la prima della classe.

“Sono molto contento – dice in’intervista dall’ANSA subito dopo la rielezione – perché ho avuto il pieno sostegno da parte del Governo. Ritengo che sia un momento molto importante per l’Italia perché abbiamo preparato il piano strategico che ora è in attesa del benestare definitivo da parte del Governo e che poi presenteremo, come io stesso ho richiesto, all’Ocse”.

E i mali del turismo italiano Peres li conosce e li spiega bene: “L’Italia quest’anno avrà un risultato straordinario sia per meriti propri sia per le sfortune degli altri (ad esempio la Francia per dirne una ha avuto una debacle a causa del terrorismo). Ma non basta: il problema rimane il Mezzogiorno, che è il nostro collo di bottiglia. L’87% dei turisti sia italiani che stranieri non va al di sotto di Napoli… E questa è una vera disgrazia. Le Canarie fanno 12 volte il turismo della Sicilia… Ma questi sono territori ricchi di meraviglie e tesori mortificati dalla mancanza di infrastrutture, dalle ferrovie a binario unico, dal fatto che ci vogliono 5 ore per andare da un luogo a un altro. Bisogna per carità fare dei distinguo, ad esempio la Puglia sta agendo molto bene e i risultati si vedono”.

Ma come riconosce lo stesso Peres il turismo è un settore molto difficile da governare proprio per il suo essere totalmente trasversale. ” Per qualsiasi cosa – ammette – bisogna mettere intorno a un tavolo tantissimi istituzioni e operatori diverse dalla Cultura ai Trasporti, dall’Ambiente all’Economia. Ma è importante avere un piede italiano in un’organizzazione così importante: sempre più le decisioni vengono prese a livello internazionale ed essere ai tavoli internazionali dove le questioni vengono dibattute e quindi le decisioni prese è determinate. Quindi il mio ruolo qui riafferma anche questo”.

Peres conclude facendo due esempi delle materie su cui l’Ocse si sta impegnando negli ultimi tempi. A partire dalla Sharing Economy che è un settore economico in crescita esponenziale e avrà numeri da “fare paura” e viene vissuta spesso come una “unfair competition”.

“Noi Ocse abbiamo tracciato un documento con delle linee guida che abbiamo dato all’Ue che le ha recepite: la Francia le ha immediatamente adottate, noi in Italia ci stiamo lavorando. Il ruolo dell’Ocse è proprio questo: studiare i problemi, pensare delle soluzioni, discutere con le istituzioni sovranazionali e cercare di trovare delle linee guida che possano diventare legge nei vari paesi”.

L’altra questione calda sono le statistiche: “E’ uno degli argomenti più “stravaganti” e travagliati e noi abbiamo deciso come Ocse di fare proprio in Italia, tra l’altro a Venezia che è la mia città, dal 23 al 25 novembre una tre giorni sulle statiche del turismo. Ci saranno tutti, dall’Istat all’Eurostat al Ciset”.

(di Cinzia Conti/ANSA)

Ultima ora

16:08Grillo ironizza, problema libertà stampa? Colpa mia… (2)

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Oggi ho scoperto di essere io la causa del problema di libertà di stampa in Italia. Lo afferma il rapporto di Reporters Sans Frontieres appena pubblicato. Mi ha aperto gli occhi". Così Beppe Grillo dal suo blog: "La colpa è mia", ironizza. "Io pensavo che fosse perché i partiti politici con la lottizzazione si sono mangiati la Rai piazzando i loro uomini nel management e nei telegiornali e dicendo loro che cosa dire e che cosa non dire. Pensavo che fosse per i giornalisti cacciati dai programmi RAI o per le minacce del partito di governo a quelli che sono indipendenti, come Report. Pensavo che fosse perché in Italia non ci sono editori puri e metà delle tv generaliste le controlla il capo di Forza Italia e perché la tessera numero uno del Pd controlla il secondo giornale più diffuso in Italia. No, la colpa è mia", scrive Grillo.

16:06Calcio: dg Frosinone, gol dello Spezia viziato da fuorigioco

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Premesso che da parte del Frosinone c'è il "massimo rispetto" per lo Spezia, esiste però "una verità incontrovertibile: il gol reclamato al 18' del primo tempo della gara del Comunale, lunedì scorso, era viziato da un evidente fuorigioco del calciatore numero 10 dello Spezia, Piccolo". Il direttore generale del Frosinone, Ernesto Salvini, in una dichiarazione interviene così sulla polemica seguita al 2-0 con il quale il club ciociaro ha battuto quello ligure nell'ultimo turno di serie B. Lo Spezia aveva duramente reclamato per un gol "non visto" dall'arbitro Pinzani, decretando il silenzio stampa. "Il fotogramma ripreso dalle telecamere di Sky è infatti eloquente - prosegue Salvini -: sul tiro dell'attaccante dei liguri con la maglia numero 29, Granoche, il giocatore dello Spezia, Piccolo, è posizionato al fianco del portiere Bardi, prima della linea di porta. In posizione quindi di fuorigioco mentre il pallone rimbalza oltre la linea bianca".

15:58Ostia, prefetto: bando su bagnini deserto

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Il primo maggio si apre la stagione balneare, finalmente trasparenza e legalità e il giusto merito a chi ha lavorato. Il progetto riguarda tutto il lungomare, questa è una spiaggia aperta e importante senza muri che può essere riconsegnata a romani e gestita in modo appropriato. Veniamo qui a vedere il mare". Lo ha detto il capogruppo del M5S in Campidoglio Paolo Ferrara che con la sindaca Virginia Raggi ha raggiunto il mare di Ostia. Il prefetto Vulpiani ha sottolineato che "abbiamo avuto un bando per bagnini che è andato deserto perché qualcuno ha voluto che non partecipassero a questo bando, in una città che è piena... Ma non ci facciamo intimidire, i bagnini li troveremo, li abbiamo trovati e stiamo già facendo un piano". Raggi ha aggiunto: "Vulpiani ha iniziato a farci vedere la relazione sul litorale. Stanno lavorando molto sugli stabilimenti e sulle spiagge libere, su cui nel corso del tempo evidentemente ci sono state gestioni poco chiare. Stiamo ripristinando la legalità".

15:57Pd: Emiliano, grande coalizione? Sì con M5s, no con Fi

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Un governo di larga coalizione potrebbe essere ipotizzato con M5s e non con Forza Italia. Lo ha detto Michele Emiliano a Repubblica.Tv. Interpellato sulla prospettiva di un Governo di grande coalizione, Emiliano ha osservato: "Berlusconi è un'alternativa secca al Pd, M5s no". Quindi, è stato chiesto, lei sarebbe disponibili a questo tipo di governo con i pentastellati? "Non c'è dubbio - ha risposto - perché in M5s ci sono milioni di elettori che vengono dalla sinistra".

15:53E’ morto l’ex sindaco di Bologna Giorgio Guazzaloca

(ANSA) - BOLOGNA, 26 APR - E' morto l'ex sindaco di Bologna Giorgio Guazzaloca. Da tempo malato, aveva 73 anni ed era ricoverato all'ospedale Sant'Orsola. Era stato alla guida del capoluogo emiliano per un mandato, dal 1999 al 2004. Guazzaloca è stato il primo e unico sindaco di Bologna non espressione della sinistra di tutto il dopoguerra. Fu eletto nel 1999 quando, alla guida di una lista civica e con il sostegno dei partiti di centrodestra, riuscì nella storica impresa di vincere al ballottaggio contro Silvia Bartolini, candidata per la sinistra. Cinque anni dopo venne sconfitto da Sergio Cofferati.

15:53Reporters sans Frontieres, tra i problemi Italia c’è Grillo

(ANSA) - ROMA, 26 APR - In Italia "il livello di violenze contro i reporter (intimidazioni verbali o fisiche, provocazioni e minacce) è molto preoccupante, mentre alcuni responsabili politici - come Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle - non esitano a comunicare pubblicamente l'identità dei giornalisti che danno loro fastidio". E' uno dei problemi indicati da Reporters sans Frontieres nella sua classifica annuale sulla libertà di stampa, che vede comunque l'Italia guadagnare 25 posizioni, dal 77esimo al 52esimo posto.

15:51Calcio: Maurizio Sarri vince il Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 26 APR - E' Maurizio Sarri il vincitore della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il tecnico del Napoli è stato scelto dalla giuria, riunitasi stamane presso la sede Nazionale delle Acli a Roma, presieduta dal numero uno della Federcalcio, Carlo Tavecchio, oltre che, in qualità di presidenti onorari, dall'ex presidente della Figc, Giancarlo Abete, e l'ex numero uno dell'Us Acli Marco Galdiolo. Nell'albo d'oro del prestigioso premio Sarri succede a Cesare Prandelli, Walter Mazzarri, Vincenzo Montella, Carlo Ancelotti, Massimiliano Allegri e Claudio Ranieri, quest'ultimo vincitore della passata edizione. La cerimonia di consegna si svolgerà al Salone d'Onore del Coni a Roma il 30 maggio alle ore 15 e sarà ripresa dalle telecamere della Rai e trasmessa lo stesso giorno alle ore 23 su Rai Sport HD.

Archivio Ultima ora