Storia di Luracatao, il condor ferito tornato sulle Ande

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

This Oct. 4, 2016 photo shows the Andean Condor named "Luracatao" after its release into the wild in Salta, Argentina. The condor had been recovering at the former Palermo zoo in Buenos Aires after being shot and found in Luracatao village. It was released after the zoo was turned into an eco-park, along with many of the former zoo's animals that are being relocated to sanctuaries in Argentina and abroad. (Juan Barthe/Diario El Tribuno Salta via AP)

This Oct. 4, 2016 photo shows the Andean Condor named “Luracatao” after its release into the wild in Salta, Argentina. The condor had been recovering at the former Palermo zoo in Buenos Aires after being shot and found in Luracatao village. It was released after the zoo was turned into an eco-park, along with many of the former zoo’s animals that are being relocated to sanctuaries in Argentina and abroad. (Juan Barthe/Diario El Tribuno Salta via AP)

BUENOS AIRE. – L’immagine di un condor maestoso che torna a volare nel cielo limpido delle Ande campeggia sulle prime pagine della stampa argentina: si tratta di Luracatao, un esemplare della specie di uccelli simbolo della cordigliera sudamericana, che è tornato al suo habitat naturale, dopo una storia di recupero che rappresenta una lezione di rispetto per l’ambiente.

L’uccello, infatti, era stato ritrovato più di un anno fa in un campo di erba medica nei pressi di Luracatao -la località della provincia di Salta, nell’estremo nordovest argentino, da cui deriva il suo nome- da un muratore locale, Silvio Lopez. “Ho cercato di fargli paura con un bastone, credendo che sarebbe volato via, ma invece rimaneva lì. Era ovvio che aveva qualche problema, così l’ho preso per il collo, me lo sono caricato in spalla e l’ho portato a casa”, ha raccontato Lopez alla stampa.

Poche ore dopo, il condor volava verso Buenos Aires a bordo di un aereo. Nell’Ecoparco (ex zoologico) della capitale, Luracatao è stato esaminato dai veterinari, che hanno scoperto che era stato ferito dallo sparo di un fucile a canna liscia. E’ stato necessario prelevare una a una le schegge ed eliminare i resti di metallo presenti nel sangue e nelle ossa dell’uccello, un procedimento lungo e delicato.

Una volta guarito, il condor è stato riportato a Salta, dove è stato liberato a 3.600 metri di altezza, accompagnato da una cerimonia ancestrale -il cosiddetto rito della chicha e della coca- presieduta da un santone locale, Lihuel, che ha condotto le preghiere e le danze per gli spiriti delle montagne, mentre una folla di curiosi riprendeva le immagini dell’uccello che tornava a volare nel suo ambiente naturale.

Ultima ora

10:44Scambia Cc per corteggiatori della moglie, arrestati coniugi

(ANSA) - ANDRIA, 6 DIC - Ha scambiato i carabinieri in borghese per corteggiatori della moglie 25enne che faceva da 'palo' in auto, di sera, mentre il marito rubava olive in un campo: per questo il coniuge geloso, un pregiudicato 29enne, è uscito allo scoperto dai rovi con ancora in mano un sacco di olive. La coppia è stata arrestata dai militari per furto aggravato nell'ambito di controlli compiuti contro i ladri di olive nella provincia di Barletta-Andria-Trani. La refurtiva, circa un quintale di olive, è stata restituita al proprietario.

05:05Terremoti: scossa magnitudo 3.8 in provincia di Potenza

(ANSA) - POTENZA, 6 DIC - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata alle 3:13 in provincia di Potenza e chiaramente avvertita dalla popolazione. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro tra Abriola e Pignola. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.(ANSA).

22:44Tav: approvata mozione M5s, Torino esce da Osservatorio

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Il Consiglio comunale di Torino ha approvato con 26 voti favorevoli e 6 contrari la mozione che fa uscire Torino dall'Osservatorio tecnico sulla Torino-Lione. Il voto è stato accolto dall'applauso della maggioranza pentastellata, mentre davanti a Palazzo civico un presidio di No Tav, alcuni dei quali provenienti dalla Francia, gridava"sarà dura", lo slogan del movimento che si oppone all'Alta Velocità. Bagarre in aula, durante la discussione, quando la consigliera pentastellata Carlotta Tevere ha espresso solidarietà ai 38 No Tav condannati di recente nel maxi processo per gli scontri dell'estate 2011. "Vergogna, vergogna", è stata la replica dell'opposizione, che ha costretto il presidente Fabio Versaci a sospendere la seduta e a richiamare i consiglieri al rispetto delle regole. "So bene che un sindaco non può bloccare la Torino-Lione, ma questo è un atto che ha grande valenza politica, di cui sono molto orgogliosa", ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino.(ANSA).

22:38Calcio: Napoli, Sarri, non sappiamo giocare per il pareggio

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Giocare per il pareggio non fa per noi, potrebbe rovinarci la prestazione. Non siamo abituati a gestire il pari". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Benfica. "Non penseremo - ha detto Sarri - a quello che accade nell'altra gara del girone". Sarri ha spiegato che "la gara può cambiare violentemente nella fase finale. Nei primi 60'-70' si giocherà con equilibrio, tecnica, poi nel finale per forza di cose una delle due dovrà prendersi rischi enormi e portarla su aspetti meno tattici".

22:30Calcio: Chievo-Genoa 0-0

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Chievo-Genoa 0-0 in uno dei posticipi della 15/a giornata del campionato di serie A.

22:29Calcio:Sarri ‘stadio caldissimo, ma meritiamo passare’

(ANSA) NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci giochiamo una finale, sarà una partita difficile, molto diversa da quella dell'andata". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida decisiva di Champions League a Lisbona contro il Benfica. Sarri invita a dimenticare il 4-2 del San Paolo e ricorda le inside del Da Luz: "Giocheremo in uno stadio caldissimo, ma noi vogliamo qualificarci, meritiamo di passare".

22:21Calcio:Inter, Zanetti, Champions? Abbiamo l’obbligo provarci

(ANSA) - MILANO, 05 DIC - "Abbiamo l'obbligo di provare a raggiungere la Champions League poi alla fine di questo campionato faremo le valutazioni. Non ci nascondiamo, i problemi sono tanti ma dobbiamo avere la forza di risolverli". Il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a margine della festa per i 15 anni della Fondazione Pupi, ammette il periodo difficile dei nerazzurri ma non per questo cambia gli obiettivi stagionali. E sulla possibilita' di vedere Simeone sulla panchina dell'Inter non si sbilancia: "Quello che accadrà in futuro chi lo sa, noi ci concentriamo sul presente, su Pioli, sul rimediare e tentare di arrivare il più in alto possibile. Il futuro nessuno lo sa". C'e' fiducia in Stefano Pioli che ha avuto "in grande impatto". La sconfitta per 3-0 contro il Napoli un ko "difficile da smaltire perche' per la prima volta abbiamo sbagliato l'approccio", secondo Zanetti, deve essere cancellato in fretta: "Devono contare i fatti. E' arrivato il momento di renderci consapevoli''.

Archivio Ultima ora