Marino assolto, “ristabilita la verità, tornerò per Roma”

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Lex sindaco di Roma Ignazio Marino esce dal tribunale penale di Roma, 7 ottobre 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Lex sindaco di Roma Ignazio Marino esce dal tribunale penale di Roma, 7 ottobre 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Assolto in primo grado e subito pronto a tornare in politica per Roma. Ignazio Marino, ora che un tribunale lo ha dichiarato innocente dall’accusa di avere consumato 56 cene a spese dei romani, si toglie più di un sassolino dalle scarpe. Oggi “viene ristabilita la verità” ma è anche la sua vendetta politica. Ed infatti sottolinea che un anno fa “centinaia di migliaia di romani sono stati violentati da un piccolo gruppo di una classe dirigente che si è rifugiata nello studio di un notaio” e che lui fu costretto a dimettersi, salvo poi ritirare quelle dimissioni, sotto “pressioni politiche e mediatiche”.

Perché brucia ancora il ricordo di quei “26 accoltellatori e un unico mandante”, ovvero i consiglieri del Pd che lo destituirono davanti ad un notaio. L’ex sindaco con un pianto liberatorio ha accolto la notizia che erano cadute le accuse nei suoi confronti di peculato, truffa e falso nell’ambito del processo sul caso scontrini e sulle consulenze della Onlus Imagine. Vicenda giudiziaria che ‘libera’ Marino anche dall’accusa di aver utilizzato soldi pubblici, utilizzando la carta di credito del comune, per 56 cene per un totale di 13 mila euro.

Marino fa capire subito che da questa sentenza parte la sua riscossa, anche pratica come ad esempio chiedere i danni ma precisa: “ogni cosa a suo tempo”. Non ha dubbi sul suo futuro: “ho il dovere morale di continuare ad impegnarmi per il mio paese e la mia città”.

E nella piccola sala della sua conferenza stampa a pochi passi dai palazzi della politica ci sono anche numerosi supporter e tre ex assessori della sua Giunta, la fedelissima Alessandra Cattoi, Francesca Danese e Luigi Nieri. A quello che ha sempre indicato come l’ideatore della sua destituzione, ovvero il premier Matteo Renzi, manda subito un affondo: “Il conto di certe azioni le paga il paese, soprattutto quando riguardano la capitale di Italia. Qualcuno ora si dovrebbe guardare allo specchio e capire se ha la statura di statista e farsi un esame di coscienza”.

Marino non crede proprio che alla luce dell’assoluzione ora i suoi principali oppositori, in particolare Renzi e “l’illuminato commissario del Pd Roma Matteo Orfini” possano chiedergli scusa poiché, a suo dire mancano di “capacità d’analisi, umiltà e onestà”. E a Orfini, che oggi spiega di “avere chiesto le dimissioni dell’ex sindaco per incapacità”, dedica parole di fuoco: “non commento i personaggi di Collodi”.

Chi chiede per Marino le scuse invece è il leader di Sinistra Italiana Stefano Fassina. “In particolare – dice – chi nel Pd pose fino al suo mandato con le firme dal notaio”. Per Luigi Di Maio “c’è una questione legata alla magistratura, poi c’è una questione precedente, sul fatto che, secondo alcuni riscontri, alcune cene fossero state fatte in maniera immorale”, “non del tutto etiche e allora quella è una vicenda su cui applicare una sanzione politica”. Ma lo stesso Di Maio ricorda però che la vicenda degli scontrini a Firenze è stata “totalmente insabbiata dal sindaco Matteo Renzi”.

L’assoluzione di Marino è stata invece “una bella notizia” per Gianni Cuperlo poiché si toglie “un bel macigno dalle spalle”. Anche i giganti del vecchio Pd, secondo quanto si è appreso, si sono fatti sentire: Veltroni e D’Alema lo hanno chiamato così come tante persone “da varie parti del mondo”.

(di Emanuela De Crescenzo/ANSA)

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora