Matthew: Haiti in ginocchio, si temono migliaia di morti

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

A handout picture provided on 07 October 2016 by MINUSTAH showing the destruction in the city of Jeremie, Haiti on 6 October 2016, in the west of the country, that with Les Cayes, suffered the greatest destruction as a result of Category 4 hurricane Matthew. The death toll in Haiti by Hurricane Matthew increase to 820, according to the Haitian government.  EPA/Logan Abassi /

A handout picture provided on 07 October 2016 by MINUSTAH showing the destruction in the city of Jeremie, Haiti on 6 October 2016, in the west of the country, that with Les Cayes, suffered the greatest destruction as a result of Category 4 hurricane Matthew. The death toll in Haiti by Hurricane Matthew increase to 820, according to the Haitian government. EPA/Logan Abassi /

NEW YORK. – Matthew lambisce la Florida ma spaventa ancora gli Stati Uniti. Mentre la conta dei morti ad Haiti sembra inarrestabile: passato l’uragano, diventa sempre più chiaro lo scenario di devastazione lasciato sull’isola. L’ultimo bilancio è di 842 morti, ma i numeri sembrano drammaticamente destinati a crescere di ora in ora, con le autorità locali che temono migliaia di vittime perché alcune delle aree più colpite dalla tempesta sono ancora irraggiungibili per i soccorritori.

Gli operatori umanitari raccontano un Paese in ginocchio, alle prese con la più grave crisi umanitaria dai tempi del terremoto del 2010. Persino il presidente Usa Barack Obama ha lanciato un appello agli americani invitandoli ad aiutare il più possibile la popolazione dell’isola caraibica. Obama si è poi rivolto nuovamente ai residenti delle zone degli Stati Uniti interessate dall’uragano e ha quasi implorato loro di evacuare laddove richiesto dalle autorità. “C’è il rischio che l’uragano si rafforzi – ha detto – e il pericolo maggiore ora sono le inondazioni”. “Non è finita”.

Nel frattempo c’è stata la prima vittima in Florida. Si tratta di una donna di 58 anni morta nella notte tra giovedì e venerdì per arresto cardiaco: i soccorsi non sono arrivati per il maltempo. Anche se per ora è stato scongiurato l’impatto diretto sul sud della Florida ed è tornato di ‘categoria 3’, Matthew prosegue la sua corsa verso nord, mentre il Sunshine State è alle prese con le inondazioni.

Il rischio maggiore in queste ore è per Jacksonville, dove alcune zone sono già state allagate. Quasi un milione di abitazioni sono rimaste senza energia elettrica e circa 4.500 voli sono stati cancellati nei tre Stati interessati dal percorso dell’uragano: oltre alla Florida, la Georgia e la South Carolina. In quest’ultima, spiegano gli esperti, il livello delle acque potrebbe salire di oltre 3 metri e mezzo nelle prossime ore.

Dopo gli appelli dei governatori, anche il direttore del centro uragani Richard Knabb ha deciso di uscire allo scoperto per convincere chi ancora solleva dubbi sulla pericolosità dell’uragano, in particolar modo ora che non c’è stato un impatto diretto.

“Solo perché si muove al largo della costa – ha detto – non significa che non possiate essere coinvolti. Diventerà molto peggio prima che si veda l’opportunità di un miglioramento”. Intanto dove possibile è iniziata la stima dei danni. Matthew potrebbe rivelarsi tra gli uragani più costosi della storia degli Stati Uniti.

Secondo quanto riferisce la Cnn, infatti, sono a rischio circa 200mila abitazioni. E se l’uragano passerà a ‘categoria 1’, la stima per riparare i danni o ricostruirle ammonterebbe a 43 miliardi di dollari. Se invece resterà ‘categoria 3’, rappresentando un pericolo per altre 300mila case, i costi aggiuntivi sarebbero di altri 60 miliardi di dollari, superando così in totale i cento miliardi di dollari. Secondo altre fonti di stampa americane, per le assicurazioni sarebbe un vero e proprio salasso, con perdite che oscillerebbero tra i 25 ed i 30 miliardi di dollari.

(di Gina Di Meo/ANSA)

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora