La Russia difende Trump, clamorosa protesta all’Onu

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Republican presidential candidate Donald Trump, left, stands with Democratic presidential candidate Hillary Clinton before the first presidential debate at Hofstra University, Monday, Sept. 26, 2016, in Hempstead, N.Y. (ANSA/AP Photo/ Evan Vucci)

Republican presidential candidate Donald Trump, left, stands with Democratic presidential candidate Hillary Clinton before the first presidential debate at Hofstra University, Monday, Sept. 26, 2016, in Hempstead, N.Y. (ANSA/AP Photo/ Evan Vucci)

WASHINGTON. – Ad un mese esatto dal voto per le presidenziali, Hillary Clinton è in vantaggio su Donald Trump di 4,3%, ossia 48,1% contro 43,8%, secondo la media dei sondaggi nazionali di RealClearPolitics. Sullo sfondo del crollo statistico, intanto, spunta l’imbarazzante protesta formale della Russia al segretario generale dell’Onu Ban ki-moon per le critiche rivolte al candidato repubblicano da uno dei funzionari più alti in grado delle Nazioni Unite.

Il rating del tycoon è in calo dal 2 ottobre, mentre quello dell’ex segretario di Stato continua a salire dal 18 settembre, quando i due candidati erano separati solo da uno 0,9%. Il magnate sta perdendo terreno anche negli swing state, tanto che il suo vice Mike Pence avrebbe più probabilità di lui di battere Hillary Clinton, secondo un sondaggio di Politico tra i suoi ‘insiders Gop’ in quegli stati in bilico: il 66% di loro ritiene che il governatore dell’Indiana sconfiggerebbe la candidata democratica, mentre solo il 44% pensa che Trump prevarrebbe.

Le quotazioni di Pence sono salite dopo la performance nel primo e unico duello tv tra vice, dove secondo esperti e sondaggi ha dominato il confronto con Tim Kaine, facendo rimpiangere a molti dirigenti repubblicani l’ipotesi di un nominee come lui. Il rating del tycoon è sceso invece dopo la deludente prestazione nel primo dibattito con Hillary Clinton, seguito da una serie di imbarazzanti rivelazioni giornalistiche, attacchi dei media e gaffe personali.

Il magnate sta preparandosi per riscattarsi nella seconda sfida tv di domenica in Missouri: il suo campaign manager, Robby Mook, si aspetta un Trump “molto più preparato e concentrato sulle sue proposte politiche” e non intenzionato ad usare “il tipo di attacchi personali e duri che ha minacciato”, ossia le infedeltà di Bill. Però ne ha sparata un’altra delle sue, denunciando che c’è un input per far passare alla frontiera gli immigrati clandestini in modo che possano votare manipolando così le prossime elezioni. Accusa non provata, tanto più che gli immigrati appena ammessi non hanno diritto di voto, ma che rivela un nuovo tentativo di mettere in discussone il risultato delle urne.

Il magnate continua a restare nel mirino dei media, che ogni giorno tirano fuori dal cilindro scheletri vecchi e nuovi. Politico ha denunciato il doppio ruolo, di lobbista per il Cremlino e di consigliere di politica estera per Trump, di Richard Burt, ex dirigente del dipartimento di stato con Ronald Reagan ed ex ambasciatore in Germania. La sua azienda, secondo la testata, ha ricevuto 365 mila dollari per aver fatto lobbying a favore del gasdotto Nord Stream II (controllato da Gazprom e osteggiato da Usa e Polonia) nei primi sei mesi di quest’anno, quando ha contribuito a plasmare il primo intervento di politica estera di Trump.

Intervento in cui il tycoon ha espresso il suo apprezzamento per Putin e auspicato un miglioramento dei rapporti con la Russia, suscitando sospetti di essere un alleato del presidente russo e di essere sostenuto dal Cremlino. Tanto che l’ambasciatore russo all’Onu, Vitali Churkin, ha protestato formalmente un mese fa con Ban ki-Moon per le critiche al populismo di Trump da parte di Zeid Ra’ad al-Hussein, l’alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite: non si era mai vista una lamentela russa su come l’Onu tratta un politico americano.

Trump è costretto ad incassare anche uno schiaffo dall’ex moglie Ivana, che può pesare sull’elettorato femminile: “Non è mai stato realmente interessato ai figli fino a che non ha potuto parlare di affari con loro. Quando hanno compiuto 21 anni, glieli ho consegnati e gli ho detto: ecco il prodotto finito, tu puoi prenderli da questo momento”.

Pesante sul fronte rosa anche lo smacco subito da Caroline Rose Giuliani: la figlia dell’ex sindaco di New York, tra i più convinti sostenitori di Trump, ha deciso di non seguire le scelte politiche del padre e appoggia con entusiasmo la candidata democratica.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

22:32Sciatore disperso ad Abetone, ritrovato da Soccorso Alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - E' stato ritrovato e sta bene lo sciatore disperso dal tardo pomeriggio di oggi ad Abetone. Si tratta di un 20enne di Massa e Cozzile (Pistoia), che con attrezzatura non idonea (normali sci da pista), si era avventurato in una zona impervia e particolarmente scoscesa, per la quale sarebbero serviti almeno sci da alpinismo e molta esperienza. Intorno alle 17 la batteria del telefono che aveva con sé si è scaricata ed ha perso i contatti con gli amici. A ritrovarlo intorno alle 20.30 sono stati i volontari del Soccorso alpino e gli agenti della polizia di stato in servizio sulle piste da neve.

22:13Sciatore disperso ad Abetone, lo cerca il Soccorso alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - Il Soccorso alpino ha avviato le ricerche di uno sciatore che sarebbe disperso nella zona dell'Alpe delle Tre Potenze, in Val di Luce, ad Abetone (Pistoia). Gli amici, dopo averlo sentito per l'ultima volta alle 17 hanno perso i contatti con l'uomo ed hanno dato l'allarme ai soccorsi. E' partita una squadra di volontari del Soccorso alpino e speleologico toscano per le ricerche. Secondo le prime indicazioni, lo sciatore, avrebbe intrapreso il percorso che va dall'Alpe Tre Potenze (1940 m) verso il Lago Nero.

22:05Calcio: Juventus, Real e Barcellona contro discriminazione

(ANSA) - TORINO, 24 GEN - I presidenti di Juventus, Real Madrid e Barcellona hanno partecipato oggi nella capitale spagnola al lancio dell'iniziativa 'Sin respecto no hay huego', la nuova campagna a favore dell'inclusione e contro ogni forma di discriminazione nel calcio, varata dal Gruppo Prisa in collaborazione con Unesco e alla quale hanno aderito i tre club calcistici. Andrea Agnelli ha ricordato come il 27 novembre 2015 a Parigi la Juventus aveva presentato nella sede dell'Unesco il dossier 'Colour? What colour?', incentrato sui fenomeni legati al razzismo in campo internazionale, progetto che lo stesso club bianconero ha finanziato. "Il documento - ha sottolineato il presidente della Juventus - propone delle misure e degli strumenti volti a favorire l'integrazione. Necessità però dell'aiuto di tutti: istituzioni, club e media. Con l'appoggio di tutti sarà più facile dire 'No al razzismo' e favorire l'inclusione e il rispetto verso gli altri".

22:03F.1: la Fia ringrazia Ecclestone

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - La Fia ringrazia l'ad uscente della F1 management, Bernie Ecclestone, "per più di 40 anni di dedizione alla Federazione". "La Fia - si legge in un comunicato - è stata responsabile della creazione di una struttura normativa per la Formula 1 già nel 1946. La Federazione resta impegnata a regolamentare il Mondiale di F1 in modo equo, sicuro e nel migliore interesse dello sport, come ha cercato di fare sin dall'inizio, 67 anni fa". Il presidente della Fia, Jean Todt, si è congratulato con i nuovi proprietari del Gruppo Formula 1, Liberty media corporation. "Come organo di governo della Formula 1, la Fia dà il benvenuto al nuovo ad, Chase Carey, e a tutta la sua squadra per il campionato", prosegue la nota. "Tutta l'organizzazione della Fia - conclude - non vede l'ora di lavorare a stretto contatto, con l'obiettivo comune di migliorare e crescere ulteriormente lo sport con il supporto delle competenze altamente riconosciute di Liberty media corporation sui media e nel mondo della comunicazione sportiva".

21:35Usa: tabloid, Obama ora in vacanza ai Caraibi

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Gli Obama ora sarebbero in vacanza ai Caraibi. Lo riferisce Tmz secondo cui l'ex famiglia presidenziale avrebbe lasciato Palm Springs in California dopo soli tre giorni a causa del maltempo. Sempre secondo il tabloid, Barack e Michelle sarebbero prima ritornati a Washington, poi di li avrebbero preso un jet privato di Richard Branson, il businessman inglese proprietario della Virgin Atlantic, alla volta dell'isola di Necker, nelle isole Vergini britanniche. Il sito di Tmz mostra una foto in cui l'ex presidente e First Lady posano con delle persone che sembrano delle guardie. Ancora secondo indiscrezioni, Malia e Sasha non avrebbero seguito i genitori a Palm Spring ma probabilmente ora sono ai Caraibi anche se al momento non circola nessuna loro foto.

Archivio Ultima ora