La Russia difende Trump, clamorosa protesta all’Onu

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Republican presidential candidate Donald Trump, left, stands with Democratic presidential candidate Hillary Clinton before the first presidential debate at Hofstra University, Monday, Sept. 26, 2016, in Hempstead, N.Y. (ANSA/AP Photo/ Evan Vucci)

Republican presidential candidate Donald Trump, left, stands with Democratic presidential candidate Hillary Clinton before the first presidential debate at Hofstra University, Monday, Sept. 26, 2016, in Hempstead, N.Y. (ANSA/AP Photo/ Evan Vucci)

WASHINGTON. – Ad un mese esatto dal voto per le presidenziali, Hillary Clinton è in vantaggio su Donald Trump di 4,3%, ossia 48,1% contro 43,8%, secondo la media dei sondaggi nazionali di RealClearPolitics. Sullo sfondo del crollo statistico, intanto, spunta l’imbarazzante protesta formale della Russia al segretario generale dell’Onu Ban ki-moon per le critiche rivolte al candidato repubblicano da uno dei funzionari più alti in grado delle Nazioni Unite.

Il rating del tycoon è in calo dal 2 ottobre, mentre quello dell’ex segretario di Stato continua a salire dal 18 settembre, quando i due candidati erano separati solo da uno 0,9%. Il magnate sta perdendo terreno anche negli swing state, tanto che il suo vice Mike Pence avrebbe più probabilità di lui di battere Hillary Clinton, secondo un sondaggio di Politico tra i suoi ‘insiders Gop’ in quegli stati in bilico: il 66% di loro ritiene che il governatore dell’Indiana sconfiggerebbe la candidata democratica, mentre solo il 44% pensa che Trump prevarrebbe.

Le quotazioni di Pence sono salite dopo la performance nel primo e unico duello tv tra vice, dove secondo esperti e sondaggi ha dominato il confronto con Tim Kaine, facendo rimpiangere a molti dirigenti repubblicani l’ipotesi di un nominee come lui. Il rating del tycoon è sceso invece dopo la deludente prestazione nel primo dibattito con Hillary Clinton, seguito da una serie di imbarazzanti rivelazioni giornalistiche, attacchi dei media e gaffe personali.

Il magnate sta preparandosi per riscattarsi nella seconda sfida tv di domenica in Missouri: il suo campaign manager, Robby Mook, si aspetta un Trump “molto più preparato e concentrato sulle sue proposte politiche” e non intenzionato ad usare “il tipo di attacchi personali e duri che ha minacciato”, ossia le infedeltà di Bill. Però ne ha sparata un’altra delle sue, denunciando che c’è un input per far passare alla frontiera gli immigrati clandestini in modo che possano votare manipolando così le prossime elezioni. Accusa non provata, tanto più che gli immigrati appena ammessi non hanno diritto di voto, ma che rivela un nuovo tentativo di mettere in discussone il risultato delle urne.

Il magnate continua a restare nel mirino dei media, che ogni giorno tirano fuori dal cilindro scheletri vecchi e nuovi. Politico ha denunciato il doppio ruolo, di lobbista per il Cremlino e di consigliere di politica estera per Trump, di Richard Burt, ex dirigente del dipartimento di stato con Ronald Reagan ed ex ambasciatore in Germania. La sua azienda, secondo la testata, ha ricevuto 365 mila dollari per aver fatto lobbying a favore del gasdotto Nord Stream II (controllato da Gazprom e osteggiato da Usa e Polonia) nei primi sei mesi di quest’anno, quando ha contribuito a plasmare il primo intervento di politica estera di Trump.

Intervento in cui il tycoon ha espresso il suo apprezzamento per Putin e auspicato un miglioramento dei rapporti con la Russia, suscitando sospetti di essere un alleato del presidente russo e di essere sostenuto dal Cremlino. Tanto che l’ambasciatore russo all’Onu, Vitali Churkin, ha protestato formalmente un mese fa con Ban ki-Moon per le critiche al populismo di Trump da parte di Zeid Ra’ad al-Hussein, l’alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite: non si era mai vista una lamentela russa su come l’Onu tratta un politico americano.

Trump è costretto ad incassare anche uno schiaffo dall’ex moglie Ivana, che può pesare sull’elettorato femminile: “Non è mai stato realmente interessato ai figli fino a che non ha potuto parlare di affari con loro. Quando hanno compiuto 21 anni, glieli ho consegnati e gli ho detto: ecco il prodotto finito, tu puoi prenderli da questo momento”.

Pesante sul fronte rosa anche lo smacco subito da Caroline Rose Giuliani: la figlia dell’ex sindaco di New York, tra i più convinti sostenitori di Trump, ha deciso di non seguire le scelte politiche del padre e appoggia con entusiasmo la candidata democratica.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora