La Russia difende Trump, clamorosa protesta all’Onu

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Republican presidential candidate Donald Trump, left, stands with Democratic presidential candidate Hillary Clinton before the first presidential debate at Hofstra University, Monday, Sept. 26, 2016, in Hempstead, N.Y. (ANSA/AP Photo/ Evan Vucci)

Republican presidential candidate Donald Trump, left, stands with Democratic presidential candidate Hillary Clinton before the first presidential debate at Hofstra University, Monday, Sept. 26, 2016, in Hempstead, N.Y. (ANSA/AP Photo/ Evan Vucci)

WASHINGTON. – Ad un mese esatto dal voto per le presidenziali, Hillary Clinton è in vantaggio su Donald Trump di 4,3%, ossia 48,1% contro 43,8%, secondo la media dei sondaggi nazionali di RealClearPolitics. Sullo sfondo del crollo statistico, intanto, spunta l’imbarazzante protesta formale della Russia al segretario generale dell’Onu Ban ki-moon per le critiche rivolte al candidato repubblicano da uno dei funzionari più alti in grado delle Nazioni Unite.

Il rating del tycoon è in calo dal 2 ottobre, mentre quello dell’ex segretario di Stato continua a salire dal 18 settembre, quando i due candidati erano separati solo da uno 0,9%. Il magnate sta perdendo terreno anche negli swing state, tanto che il suo vice Mike Pence avrebbe più probabilità di lui di battere Hillary Clinton, secondo un sondaggio di Politico tra i suoi ‘insiders Gop’ in quegli stati in bilico: il 66% di loro ritiene che il governatore dell’Indiana sconfiggerebbe la candidata democratica, mentre solo il 44% pensa che Trump prevarrebbe.

Le quotazioni di Pence sono salite dopo la performance nel primo e unico duello tv tra vice, dove secondo esperti e sondaggi ha dominato il confronto con Tim Kaine, facendo rimpiangere a molti dirigenti repubblicani l’ipotesi di un nominee come lui. Il rating del tycoon è sceso invece dopo la deludente prestazione nel primo dibattito con Hillary Clinton, seguito da una serie di imbarazzanti rivelazioni giornalistiche, attacchi dei media e gaffe personali.

Il magnate sta preparandosi per riscattarsi nella seconda sfida tv di domenica in Missouri: il suo campaign manager, Robby Mook, si aspetta un Trump “molto più preparato e concentrato sulle sue proposte politiche” e non intenzionato ad usare “il tipo di attacchi personali e duri che ha minacciato”, ossia le infedeltà di Bill. Però ne ha sparata un’altra delle sue, denunciando che c’è un input per far passare alla frontiera gli immigrati clandestini in modo che possano votare manipolando così le prossime elezioni. Accusa non provata, tanto più che gli immigrati appena ammessi non hanno diritto di voto, ma che rivela un nuovo tentativo di mettere in discussone il risultato delle urne.

Il magnate continua a restare nel mirino dei media, che ogni giorno tirano fuori dal cilindro scheletri vecchi e nuovi. Politico ha denunciato il doppio ruolo, di lobbista per il Cremlino e di consigliere di politica estera per Trump, di Richard Burt, ex dirigente del dipartimento di stato con Ronald Reagan ed ex ambasciatore in Germania. La sua azienda, secondo la testata, ha ricevuto 365 mila dollari per aver fatto lobbying a favore del gasdotto Nord Stream II (controllato da Gazprom e osteggiato da Usa e Polonia) nei primi sei mesi di quest’anno, quando ha contribuito a plasmare il primo intervento di politica estera di Trump.

Intervento in cui il tycoon ha espresso il suo apprezzamento per Putin e auspicato un miglioramento dei rapporti con la Russia, suscitando sospetti di essere un alleato del presidente russo e di essere sostenuto dal Cremlino. Tanto che l’ambasciatore russo all’Onu, Vitali Churkin, ha protestato formalmente un mese fa con Ban ki-Moon per le critiche al populismo di Trump da parte di Zeid Ra’ad al-Hussein, l’alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite: non si era mai vista una lamentela russa su come l’Onu tratta un politico americano.

Trump è costretto ad incassare anche uno schiaffo dall’ex moglie Ivana, che può pesare sull’elettorato femminile: “Non è mai stato realmente interessato ai figli fino a che non ha potuto parlare di affari con loro. Quando hanno compiuto 21 anni, glieli ho consegnati e gli ho detto: ecco il prodotto finito, tu puoi prenderli da questo momento”.

Pesante sul fronte rosa anche lo smacco subito da Caroline Rose Giuliani: la figlia dell’ex sindaco di New York, tra i più convinti sostenitori di Trump, ha deciso di non seguire le scelte politiche del padre e appoggia con entusiasmo la candidata democratica.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

01:20Giovane pestato in discoteca a Jesolo, e’ in coma

VENEZIA - Un giovane veneziano di 24 anni è ricoverato in coma farmacologico all'ospedale di Mestre in seguito ad un pestaggio subito la notte di Ferragosto in una discoteca di Jesolo (Venezia). Lo riferisce il sito del 'Corriere del Veneto', spiegando che la vicenda è stata resa nota dai genitori del ragazzo, in una lettera denuncia. La vittima dell'aggressione si trova all'interno di un privé del locale, quando sarebbe stato avvicinato da uno sconosciuto, un giovane corpulento, che, probabilmente in stato di alterazione, che gli avrebbe gettato addosso una bevanda. Quando il 24enne ha reagito, secondo la ricostruzione della testata, l'altro gli si sarebbe lanciato contro, colpendolo con due pugni al volto.

00:29Champions: tecnico Nizza, Napoli è squadra quasi perfetta

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Giocare contro il Napoli è difficilissimo: è una squadra quasi perfetta, con pochissimi punti deboli. Abbiamo incontrato parecchie difficoltà". Così, dai microfoni di Premium, il tecnico del Nizza Lucien Favre dopo la sfida del San Paolo, per i play off della Champions. "Cosa possiamo fare per ribaltare il risultato? - dice ancora Favre - Dovremo fare un grosso lavoro, la chiave sarà il ritmo. Siamo in ritardo da questo punto di vista e colmare il gap sarà difficile".

00:25Basket:James contro Trump,’con lui odio va di nuovo di moda’

(ANSA) - SANDUSKY (USA), 16 AGO - Anche Lebron James, fenomeno del basket che anche in passato ha espresso le proprie opinioni politiche, appoggiando Barack Obama e diventando 'testimonial' nella campagna per Hillary Clinton, attacca il Presidente Donald Trump dopo gli scontri a Charlottesville durante una manifestazione di neonazisti e KKK e le dichiarazioni di Trump che ne sono seguite. Lo ha fatto prima con un tweet in cui ha spiegato che "l'odio è sempre esistito in America, e lo sappiamo bene, ma Donald Trump ha reso quell'odio nuovamente di moda. Le statue non c'entrano più nulla adesso". Poi la star Nba ha rincarato la dose nel corso di una manifestazione della sua fondazione benefica. "Ci sono tragici eventi che stanno accadendo - ha detto -. Voglio parlarne, perché ho questa occasione e sono una persona che può far sentire la propria voce: l'unico modo per migliorare come società e come persone è attraverso l'amore. E è così che riusciremo a conquistare qualcosa. Non c'entra quel tizio che dicono sia il presidente degli Usa".

00:18Champions: Sarri, fatto il meglio di ciò che possiamo ora

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Abbiamo fatto il meglio che possiamo in questo momento della stagione, ci manca un pizzico di lucidità sotto porta, siamo anche stati un po' sfortunati, con un palo e una traversa, però sono soddisfatto anche se potevamo fare di più negli ultimi dieci minuti". Al termine di Napoli-Nizza, Maurizio Sarri fa il bilancio della partita in cui i suoi hanno vinto per 2-0. "Non ci aspettavamo che loro giocassero a cinque - dice ancora - e nell'intervallo abbiamo fatto il 'riepilogo' di cosa facciamo quando ci troviamo di fronte una squadra schierata in questo modo. Così poi abbiamo 'economizzato' certi movimenti: prima avevamo speso troppo, ma ci siamo rimessi in ordine". Ma ora comincia anche il campionato e c'è il ritorno con il Nizza: sarà difficile gestire tre patite in sei giorni? "Non penso che in questo momento siano un problema insormontabile - risponde Sarri -, anzi ci può fare bene fare tre partite ufficiali. Milik? ha sbagliato un'occasione facile, ma non è entrato male e si è fatto trovare pronto".

00:13Champions: Mertens, il 2-0 è troppo poco

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Oggi era un match molto importante, lo abbiamo detto, la squadra ha giocato e ha dato tutto. Lo stadio pieno è bellissimo. Secondo me il 2-0 è troppo poco, non è male ma se rivediamo la partita credo sia troppo poco, anche se in ottica match di ritorno non è male". E' un Dries Mertens non felice al 100% quello che commenta 'a caldo' il successo del Napoli sul Nizza nel preliminare di Champions. "C'era molto spazio alla fine, avremo potuto fare di più per la squadra - dice ancora il belga, anche oggi a segno -. Sono rimasto qui perchè la squadra gioca un calcio molto bello e ci si possono togliere molte soddisfazioni. Qual è il mio vero ruolo? Io voglio giocare, e posso farlo con qualsiasi sistema. Nella nazionale del Belgio giochiamo con un modulo diverso, con due attaccanti dietro la prima punta".

23:23Champions: risultati andata ‘playoff’

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Risultati delle partite d'andata giocate oggi per i playoff di ammissione alla fase a gironi della Champions League: Napoli (Ita) - Nizza (Fra) 2-0 Basaksehir (Tur) - Siviglia (Spa) 1-2 Hapoel Beer-Sheva (Isr) - Maribor (Slo) 2-1 Celtic (Sco) - Astana (Kaz) 5-0 Olympiacos Pireo (Gre) - Rijeka (Cro) 2-1.

23:21Champions: play off, Napoli-Nizza 2-0

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Napoli-Nizza 2-0 nella partita d'andata dei play off per l'ammissione alla fase a gironi della Champions League. La partita di ritorno si giocherà fra sei giorni in Francia. Le reti del match di oggi sono state segnate da Mertens al 12' pt e Jorginho su rigore, molto contestato dai nizzardi al 25' st. Il Nizza ha concluso in nove per le espulsioni di Koziello e Plea.

Archivio Ultima ora