I primi cento giorni di Appendino, noi vicini alla gente

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Primi cento giorni Appendino, noi vicini alla gente

Primi cento giorni Appendino, noi vicini alla gente

TORINO. – Lo scorso 30 giugno aveva ‘marciato’ sul Comune di Torino, annunciando l’intenzione di “cambiare la storia”. Tre mesi dopo, per Chiara Appendino è già tempo di bilanci. Cento giorni vissuti tra la querelle del Salone del Libro, l’emergenza alghe sul Po, l’avvio dell’anno scolastico con la nuova incognita del ‘diritto al panino’. Ma anche cento giorni passati “sempre vicini alla gente”, come sottolinea in un video postato per l’occasione su Facebook in cui ricorda le “262 delibere approvate e le 16 giunte svolte finora”.

TAGLIO DEGLI STAFF E GIRO VITE SULL’AZZARDO – Tra i primi provvedimenti la prima cittadina del Movimento 5 Stelle ricorda il taglio dei compensi degli staffisti. In campagna elettorale aveva promesso una riduzione del 30%, che una volta eletta è diventato del 50%. Gli oltre cinque milioni di euro risparmiati “costituiranno un fondo per l’inserimento nelle imprese dei giovani a partire dal prossimo anno”. Sono motivo di orgoglio per la prima cittadina anche il progetto periferie, con cui Torino partecipa al bando governativo, le imminenti missioni internazionali per l’individuazione di nuovi investitori e l’ordinanza sul gioco d’azzardo, che dal 10 ottobre introduce limiti orari per le slot.

TORINO SOSTENIBILE E SMART CITY – Forte l’attenzione della nuova giunta per i temi dell’innovazione e della sostenibilità. “Abbiamo avviato la revisione generale piano regolatore riducendo l’impatto dei grandi centri commerciali e garantendo buone qualità ambientali di disegno urbano, piste ciclabili e verde per i cittadini”, annuncia il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Guido Montanari, mentre Maria Lapietra (Trasporti) e Stefania Giannuzzi (Ambiente) ricordano le ‘zone 20’ e l’ampliamento del bike sharing, “fino a oltre 200 stazioni entro il 2018”.

Sono “strumenti innovativi per semplificare la vita di cittadini e aziende”, invece le nuove applicazioni per saltare la coda o una che introdurremo a breve per il pagamento via cellulare”, ricorda l’assessora all’Innovazione Paola Pisano, mentre l’assessore al Commercio Alberto Sacco punta l’attenzione sul coinvolgimento “di tutte le parti sociali in ogni evento e iniziativa, sul modello dell’accordo con i tassisti in occasione di Terra Madre Salone del Gusto.

L’INCERTEZZA DEI CONTI – Resta l’incognita risorse, che rischia di condizionare i piani della nuova amministrazione anche per il futuro. Per questo motivo, l’assessore al Bilancio Sergio Rolando ha avviato per la prima volta un gruppo di lavoro per la verifica straordinaria dei rapporti di debito e di credito, con particolare riferimento al rapporto tra la Città e le sue partecipate. “Vogliamo un quadro affidabile della situazione patrimoniale della città – spiega – entro 45 giorni”.

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora