Il premio Nobel a Santos rilancia la pace con le Farc

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Cuban President Raul Castro (C) holds the hands of Colombian President Juan Manuel Santos (L) and top leader of the Revolutionary Armed Forces of Colombia (FARC) Rodrigo Londono 'Timochenko' Echeverri (R) during a press conference announcing the reaching of an agreement between the two parts after nearly three years of peace negotiations, in Havana, Cuba, 23 September 2015. The Colombian government and the FARC guerrillas unveiled a major agreement on how justice shall be applied during the transition period from war to peace in Colombia.  EPA/ALEJANDRO ERNESTO

Cuban President Raul Castro (C) holds the hands of Colombian President Juan Manuel Santos (L) and top leader of the Revolutionary Armed Forces of Colombia (FARC) Rodrigo Londono ‘Timochenko’ Echeverri (R) during a press conference announcing the reaching of an agreement between the two parts after nearly three years of peace negotiations, in Havana, Cuba, 23 September 2015. The Colombian government and the FARC guerrillas unveiled a major agreement on how justice shall be applied during the transition period from war to peace in Colombia. EPA/ALEJANDRO ERNESTO

BOGOTA’. – Il Premio Nobel per la Pace assegnato a Juan Manuel Santos ha ridato nuovo vigore e slancio al processo di pace lanciato dal presidente per porre fine al conflitto con le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc), scosso dalla bocciatura di un primo accordo con la guerriglia nel referendum di domenica scorsa. Nell’annunciare il premio a Santos – una scelta che ha sorpreso non pochi osservatori – la presidente del Comitato Nobel, Kaci Kullman Five, ha ammesso che il risultato del referendum “ha creato una grande incertezza per il futuro della Colombia”, ma appunto perché esiste “un pericolo reale che il processo di pace si fermi e che riprenda la guerra civile”, il comitato ha deciso di premiare gli “sforzi risoluti” per la pace del leader colombiano.

Ha sorpreso anche che il premio sia stato assegnato solo a Santos, e non alle Farc (“lo meritavano anche loro”, ha osservato l’ex ostaggio franco-colombiano Ingrid Betancourt), anche se Kullman Five ha sottolineato che il Nobel “dovrebbe essere visto come un tributo al popolo della Colombia” e a “tutte le parti in causa che hanno contribuito a questo processo di pace”, nonché alle vittime della guerra.

Dopo essere stato svegliato dalla telefonata del Comitato Nobel alle 5 del mattino, Santos ha ringraziato l’istituzione norvegese per il riconoscimento che gli è stato attribuito, e ha sottolineato che malgrado la bocciatura nelle urne dell’accordo con le Farc “la pace è vicina, la pace è possibile, è l’ora della pace”.

In un breve messaggio, Santos ha detto che “ora tutti dobbiamo unire le nostre menti e i nostri cuori per conquistare il premio più importante: una pace giusta e duratura”. “Colombiani, questo premio è vostro, e ora dobbiamo impegnarci perché non ci sia più una sola vittima, dobbiamo riconciliarci e unirci per chiudere questo processo di pace con un accordo giusto e duraturo”, ha aggiunto il presidente.

I primi effetti politici del Nobel a Santos sono arrivati poche ore dopo dall’Avana, dove i negoziatori del governo colombiano e delle Farc hanno diffuso un comunicato comune nel quale hanno confermato che il processo di pace va avanti.

Le due parti hanno ammesso che è necessario riconoscere la vittoria del “no” nel referendum di domenica. Era la prima volta che le Farc lo dichiaravano ufficialmente. Inoltre, e questo risulta ancora più importante, i negoziatori hanno accettato l’iniziativa di Santos di consultare i promotori del “no” per definire “correzioni e precisazioni” all’accordo di pace, che saranno poi discusse al tavolo della trattativa all’Avana.

Lo spiraglio di pace apertosi ieri, dopo che i promotori del “no” – e in primis Alvaro Uribe, l’ex presidente ora a capo dell’opposizione – hanno accettato l’invito di Santos a dialogare per presentare correzioni all’accordo si è dunque allargato un poco di più, grazie all’intervento del Comitato Nobel.

La strada verso la pace resta però tutta in salita per Santos, che dovrà adesso mediare fra le pretese di Uribe e quelle delle Farc per arrivare ad una nuova soluzione di compromesso accettata da tutti. Non sarà facile, come dimostrano le prime dichiarazioni dello stesso Uribe e del comandante delle Farc, Rodrigo Londoño, alias Timochenko. Il leader della guerriglia, infatti ha reagito all’annuncio del Nobel per la Pace a Santos con un messaggio nel quale, con tono duro, ha sottolineato che “l’unico premio al quale aspiriamo è quello della pace con giustizia sociale, senza paramilitarismo, senza rappresaglie e senza menzogne”.

Uribe, da parte sua, nel fare i complimenti al suo successore e acerrimo nemico, ha auspicato che questo riconoscimento “porti a cambiamenti negli accordi che sono nocivi per la democrazia”: Timochenko e Uribe, insomma, segnano il terreno prima dei nuovi negoziati, ma questo significa che accettano che i negoziati ci saranno e che vi parteciperanno.

Insomma, il Premio Nobel attribuito ad Oslo – la capitale dove la trattativa fra governo e guerriglia fu inaugurata formalmente nel novembre del 2012 – è servito per dare nuovo respiro al progetto di pace. Resta ora da sperare che Santos riesca ad ottenere un risultato positivo nei negoziati prima della cerimonia ufficiale di consegna del premio, che avverrà come ogni anno il 10 dicembre.

(di Javier Fernandez/ANSA)

Ultima ora

15:43Calcio: Inzaghi, vogliamo sfatare tabù Chievo

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Il tabù Chievo? L'auspicio è quello di sfatarlo. Affrontiamo una squadra che contro l'Udinese ha fatto molto bene e storicamente qui all'Olimpico ci ha sempre dato fastidio. Lo scorso anno ci abbiamo perso qui a Roma. Servirà partita molto attenta e dovremo essere bravi a concretizzare quanto il Chievo ci concederà. Vogliamo fare bottino pieno". Lo dice l'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, alla vigilia della sfida contro il Chievo. Il tecnico biancoceleste ha avuto modo di tornare anche sull'incontro con gli arbitri sul Var: "E' stato un incontro costruttivo - ha precisato Inzaghi - anche se poteva essere fatto anche prima. Io penso che gli arbitri devono continuare ad arbitrare nonostante il Var. I nostri arbitri e i segnalinee sono i migliori e non devono avere problemi ad arbitrare, che ci sia il Var oppure no".

15:39Calcio: Oddo, l’Udinese non si è indebolita

(ANSA) - UDINE, 20 GEN - E' emergenza sulla fascia in casa Udinese, in vista della sfida di domani contro la Spal. Alle assenze certe di Angella, Ali Adnan e Behrami, si sono aggiunti nelle ultime ore due punti interrogativi sul possibile impiego di Widmer e Stryger Larsen. "E' sopraggiunto un piccolo problema a Widmer prima dell'allenamento. Stryger Larsen è convocato, vediamo come sta. Siamo un po in difficoltà", ha ammesso l'allenatore dell'Udinese Massimo Oddo nella consueta conferenza stampa prepartita. L'allenatore non ha pensato ancora a un cambio di modulo in caso di un'assenza congiunta di entrambi i giocatori. "Sono ottimista, spero di averli entrambi a disposizione". Rispondendo a una domanda sull'andamento del mercato, Oddo ha spiegato che "la squadra non si è indebolita, perché chi è partito ha avuto poco spazio. La società fa delle scelte anche di prospettiva, E' ovvio che in questo momento siamo corti, ma perché abbiamo degli infortunati, ma le difficoltà aiutano a crescere, magari ti danno delle opportunità".

15:33Calcio: Inzaghi, Lazio ha pagato abbastanza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Due turni con lo stadio chiuso chiesti dalla Procura? Penso che la Lazio abbia già pagato abbastanza. Abbiamo avuto due partite senza la nostra curva, la Lazio si è sempre dimostrata contro ogni forma di razzismo e antisemitismo e penso che abbiamo già pagato abbastanza. Sono convinto che non possa succedere altro". Così l'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, in conferenza stampa, commentando la richiesta della Procura federale avanzata ieri per il caso degli adesivi antisemiti affissi dai tifosi laziali nella partita del 22 ottobre scorso contro il Cagliari.

15:25Coree: team Nord domani farà sopralluogo siti Seul

(ANSA) - PECHINO, 20 GEN - La Corea del Nord ha notificato che domani invierà al Sud il team incaricato di fare i sopralluoghi ai siti di Seul e Gangnueng dove si esibiranno i suoi gruppi artistici di 240 persone, parte degli accordi di partecipazione alle Olimpiadi invernali di PyeongChang (9-25 febbraio). Lo riferisce il ministero dell'Unificazione di Seul, annunciando lo sblocco della missione che avrebbe dovuto iniziare oggi il suo lavoro di due giorni, prima che nella tarda serata di ieri il Nord informasse l'improvviso stop.

15:24Calcio: Verona, Osvaldo Bagnoli nominato presidente onorario

(ANSA) - VERONA, 20 GEN - Osvaldo Bagnoli, l'allenatore dello scudetto gialloblù conquistato nel 1985, è stato nominato presidente onorario dell'Hellas Verona. Lo ha ufficializzato stamattina il presidente del club, Maurizio Setti, intervenendo alla cerimonia d'inaugurazione di alcuni murales dedicati proprio a Bagnoli e a Preben Elkjaer Larsen, uno dei due attaccanti titolari (l'altro era Giuseppe Galderisi) di quella stagione trionfale, vicino allo stadio Marc'Antonio Bentegodi. Bagnoli, 81 anni, guidò la panchina del Verona dal 1981 al 1990, conquistando lo scudetto nella stagione 1984/85 - con 43 punti, quando all'epoca ogni vittoria valeva 2 punti e non 3 - e portando i gialloblù a disputare due finali di Coppa Italia.

15:23Norman Atlantic: relitto resta sotto sequestro in porto Bari

(ANSA) - BARI, 20 GEN - Il relitto del traghetto 'Norman Atlantic' rimane sotto sequestro perché potrebbe essere necessario tornare a bordo e perché si rischierebbe una infrazione comunitaria. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Bari Alessandra Piliego, rigettando l'appello proposto dai difensori dell'armatore proprietario del traghetto, Carlo Visentini, gli avvocati Filiberto Palumbo e Pietro Palandri. Il traghetto naufragò dopo un incendio a bordo nel dicembre del 2014 che costò la vita a 12 persone (19 sono ancora disperse) e il ferimento di altre 64; il relitto è ormeggiato nel porto di Bari dal febbraio 2015. Per il giudice, che ha accolto le tesi della Procura, è necessario "assicurare la nave a fini probatori" perché anche nel corso del processo "potrebbero profilarsi nuove esigenze istruttorie". Concluso l'incidente probatorio, la Procura ha ipotizzato responsabilità a carico di nuovi indagati i quali, per il gip, potrebbero chiedere perizie tecniche a bordo, non avendo partecipato all'incidente probatorio.

15:18Sci. Cdm, tedesco Dressen vince libera Kitzbuehel e Fill 9/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 20 GEN - Favorito da un momentaneo arrivo del sole, e da una migliore visibilità, il tedesco Thomas Dressen, 24 anni e al primo successo in carriera, ha vinto a sorpresa (1'56"15) la discesa sulla leggendaria Streif a Kitzbuehel, la pista più famosa e difficile del mondo. Al secondo posto lo svizzero Beat Feuz (1'56"35), che già pensava a festeggiare di nuovo dopo il trionfo di una settimana fa a Wengen. Terzo l'austriaco Hannes Reichelt (1'56"56), che è riuscito a salvare l'onore dei padroni di casa. Caduto senza danni Christof Innerhofer, miglior azzurro è risultato Peter Fill, vincitore due stagioni fa, 9/o in 1'57"41. Poi c'è, pettorale 44 e miglior risultato in carriera, il veneto Emanuele Buzzi 11/o in 1'57"60. Dominik Paris - vincitore l'anno scorso e nel 2013, ha chiuso invece all'11/o posto, 1'57"79. L'attesissimo azzurro Matteo Marsaglia - primo e terzo tempo nelle due prove, nonostante il pettorale altissimo - è sceso da 49/o, ma con il cielo completamente chiuso: per lui solo il tempo di 1'58"80.

Archivio Ultima ora