Il premio Nobel a Santos rilancia la pace con le Farc

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da ansa

Cuban President Raul Castro (C) holds the hands of Colombian President Juan Manuel Santos (L) and top leader of the Revolutionary Armed Forces of Colombia (FARC) Rodrigo Londono 'Timochenko' Echeverri (R) during a press conference announcing the reaching of an agreement between the two parts after nearly three years of peace negotiations, in Havana, Cuba, 23 September 2015. The Colombian government and the FARC guerrillas unveiled a major agreement on how justice shall be applied during the transition period from war to peace in Colombia.  EPA/ALEJANDRO ERNESTO

Cuban President Raul Castro (C) holds the hands of Colombian President Juan Manuel Santos (L) and top leader of the Revolutionary Armed Forces of Colombia (FARC) Rodrigo Londono ‘Timochenko’ Echeverri (R) during a press conference announcing the reaching of an agreement between the two parts after nearly three years of peace negotiations, in Havana, Cuba, 23 September 2015. The Colombian government and the FARC guerrillas unveiled a major agreement on how justice shall be applied during the transition period from war to peace in Colombia. EPA/ALEJANDRO ERNESTO

BOGOTA’. – Il Premio Nobel per la Pace assegnato a Juan Manuel Santos ha ridato nuovo vigore e slancio al processo di pace lanciato dal presidente per porre fine al conflitto con le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc), scosso dalla bocciatura di un primo accordo con la guerriglia nel referendum di domenica scorsa. Nell’annunciare il premio a Santos – una scelta che ha sorpreso non pochi osservatori – la presidente del Comitato Nobel, Kaci Kullman Five, ha ammesso che il risultato del referendum “ha creato una grande incertezza per il futuro della Colombia”, ma appunto perché esiste “un pericolo reale che il processo di pace si fermi e che riprenda la guerra civile”, il comitato ha deciso di premiare gli “sforzi risoluti” per la pace del leader colombiano.

Ha sorpreso anche che il premio sia stato assegnato solo a Santos, e non alle Farc (“lo meritavano anche loro”, ha osservato l’ex ostaggio franco-colombiano Ingrid Betancourt), anche se Kullman Five ha sottolineato che il Nobel “dovrebbe essere visto come un tributo al popolo della Colombia” e a “tutte le parti in causa che hanno contribuito a questo processo di pace”, nonché alle vittime della guerra.

Dopo essere stato svegliato dalla telefonata del Comitato Nobel alle 5 del mattino, Santos ha ringraziato l’istituzione norvegese per il riconoscimento che gli è stato attribuito, e ha sottolineato che malgrado la bocciatura nelle urne dell’accordo con le Farc “la pace è vicina, la pace è possibile, è l’ora della pace”.

In un breve messaggio, Santos ha detto che “ora tutti dobbiamo unire le nostre menti e i nostri cuori per conquistare il premio più importante: una pace giusta e duratura”. “Colombiani, questo premio è vostro, e ora dobbiamo impegnarci perché non ci sia più una sola vittima, dobbiamo riconciliarci e unirci per chiudere questo processo di pace con un accordo giusto e duraturo”, ha aggiunto il presidente.

I primi effetti politici del Nobel a Santos sono arrivati poche ore dopo dall’Avana, dove i negoziatori del governo colombiano e delle Farc hanno diffuso un comunicato comune nel quale hanno confermato che il processo di pace va avanti.

Le due parti hanno ammesso che è necessario riconoscere la vittoria del “no” nel referendum di domenica. Era la prima volta che le Farc lo dichiaravano ufficialmente. Inoltre, e questo risulta ancora più importante, i negoziatori hanno accettato l’iniziativa di Santos di consultare i promotori del “no” per definire “correzioni e precisazioni” all’accordo di pace, che saranno poi discusse al tavolo della trattativa all’Avana.

Lo spiraglio di pace apertosi ieri, dopo che i promotori del “no” – e in primis Alvaro Uribe, l’ex presidente ora a capo dell’opposizione – hanno accettato l’invito di Santos a dialogare per presentare correzioni all’accordo si è dunque allargato un poco di più, grazie all’intervento del Comitato Nobel.

La strada verso la pace resta però tutta in salita per Santos, che dovrà adesso mediare fra le pretese di Uribe e quelle delle Farc per arrivare ad una nuova soluzione di compromesso accettata da tutti. Non sarà facile, come dimostrano le prime dichiarazioni dello stesso Uribe e del comandante delle Farc, Rodrigo Londoño, alias Timochenko. Il leader della guerriglia, infatti ha reagito all’annuncio del Nobel per la Pace a Santos con un messaggio nel quale, con tono duro, ha sottolineato che “l’unico premio al quale aspiriamo è quello della pace con giustizia sociale, senza paramilitarismo, senza rappresaglie e senza menzogne”.

Uribe, da parte sua, nel fare i complimenti al suo successore e acerrimo nemico, ha auspicato che questo riconoscimento “porti a cambiamenti negli accordi che sono nocivi per la democrazia”: Timochenko e Uribe, insomma, segnano il terreno prima dei nuovi negoziati, ma questo significa che accettano che i negoziati ci saranno e che vi parteciperanno.

Insomma, il Premio Nobel attribuito ad Oslo – la capitale dove la trattativa fra governo e guerriglia fu inaugurata formalmente nel novembre del 2012 – è servito per dare nuovo respiro al progetto di pace. Resta ora da sperare che Santos riesca ad ottenere un risultato positivo nei negoziati prima della cerimonia ufficiale di consegna del premio, che avverrà come ogni anno il 10 dicembre.

(di Javier Fernandez/ANSA)

Ultima ora

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

Archivio Ultima ora