Nuovo caso Yahoo, ‘Mayer discrimina dipendenti uomini’

(ANSA) – NEW YORK, 8 OTT – Marissa Mayer, numero uno di Yahoo, ancora nel mirino. Stavolta con l’accusa di discriminare i dipendenti maschi del gruppo, in alcuni casi fino al loro licenziamento. La nuova polemica – che arriva dopo il ‘furto’ dei dati di mezzo miliardo di utenti Yahoo da parte di hacker e dopo il caso delle centinaia di milioni di email scannerizzate e passate agli 007 Usa – nasce dalla denuncia sporta da un ex manager. Questi fu ‘cacciato’ dalla Mayer nel 2015, dopo tre anni e mezzo di servizio, e nella causa presentata alla corte di San Jose’, in California, accusa la Ceo di aver adottato un sistema di valutazione dei dipendenti che penalizza fortemente la componente maschile.

Condividi: