Usa 2016: Trump sopravvive al duello tv tra accuse e colpi bassi

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Republican presidential nominee Donald Trump listens to Democratic presidential nominee Hillary Clinton during the second presidential debate at Washington University in St. Louis, Sunday, Oct. 9, 2016. (ANSA/AP Photo/Patrick Semansky)

Republican presidential nominee Donald Trump listens to Democratic presidential nominee Hillary Clinton during the second presidential debate at Washington University in St. Louis, Sunday, Oct. 9, 2016. (ANSA/AP Photo/Patrick Semansky)

WASHINGTON. – Poteva essere il suo capolinea, dopo lo scandalo del video osceno contro le donne che gli ha messo contro il partito. Invece Donald Trump, come un gatto dalle sette vite, sopravvive nonostante le enormi pressioni anche al secondo duello tv con Hillary Clinton e quindi resta in corsa per la Casa Bianca, anche se la raffica dei recenti scandali sembra aver compromesso le sue possibilità di rimonta.

La candidata democratica supera agevolmente la prova, dribblando le trappole del rivale contro le infedeltà del marito, ma non assesta il possibile colpo del ko, forse per evitare un terreno minato anche per lei. Secondo il primo sondaggio a caldo della Cnn, Hillary ha vinto nettamente: 57% a 34%. Ma Trump ha superato le aspettative.

Il dibattito di 90 minuti resta privo di colpi di scena memorabili e offre meno scintille di quello che ci si poteva attendere. Ma i due si affrontano a muso duro sin dall’inizio, senza neppure stringersi la mano, e non rinunciando a qualche colpo basso. Il primo lo sferra il tycoon giocando d’anticipo, con una breve apparizione a sorpresa poco prima del duello insieme a quattro donne: tre ex accusatrici di Bill (Paula Jones, Wathleen Willey e Juanita Broaddrick) e una (Kathy Shelton) che rimprovera a Hillary di aver difeso quando era avvocato il suo stupratore. Poi le porta anche al dibattito e le fa sedere a poca distanza da Bill.

Sono gli spettri del passato dei Clinton che il magnate vuole contrapporre ai suoi, quelli del video ‘sessista’ del 2005, in modo da partire ad armi pari in un dibattito che si annuncia esplosivo. Prima di attaccare però un Trump dal tono umile si difende per spazzar via il fango di quel video: “Non ne sono orgoglioso, me ne scuso con la mia famiglia e con il popolo americano, ma erano chiacchiere da spogliatoio”, ribadisce, giurando inoltre di non aver mai agito così aggressivamente con le donne. A differenza di Bill: “non c’è mai stato nessuno nella storia della politica che abbia abusato così delle donne come Bill Clinton”, incalza.

Hillary non abbocca e cita Michelle Obama: “quando gli altri volano basso, noi voliamo alto”. Ma non rinuncia a commentare il video dello scandalo, pur senza affondare il colpo, forse sperando nell’autocombustione di Trump: “il video dimostra esattamente chi è”, “cosa pensa delle donne, cosa fa alle donne”.

Ma dopo i primi 20 minuti si gira la pagina degli scandali sessuali e si passa all’Emailgate. Hillary ribadisce la linea (“Ho sbagliato, mi sono scusata, non lo rifarei”), Trump affonda: “stai mentendo di nuovo”, “dovresti vergognarti”. Quindi la minaccia, la più pesante del dibattito, quella di mettere in prigione la sua oppositrice: “se fossi presidente nominerei un procuratore speciale per indagare l’uso del server privato” (quando era segretario di stato, ndr) e “tu saresti in galera”.

Hillary replica attaccandolo sulle tasse federali non pagate ma lui è abile nel ribaltare le accuse: “certo che l’ho fatto. E così fanno gran parte dei tuoi donatori”. Il tycoon cerca di demonizzare la sua rivale: “sei un diavolo”, “hai il cuore pieno di odio”. Ma Hillary sembra più empatica col pubblico, mentre lui si aggira nervoso sul palco come se stesse aspettando un bus.

Poi, quando arrivano ai temi più politici, viene fuori la maggiore competenza della Clinton, soprattutto in politica estera. I due restano agli antipodi anche sui musulmani, sebbene il tycoon edulcori il bando promesso in “controlli estremi”, mentre l’ex segretario di Stato ammonisce che la retorica di Trump è miope e pericolosa, “un regalo per l’Isis”.

Idem sulla Russia: Trump è per una collaborazione con Putin, Clinton denuncia una interferenza nel voto senza precedenti. Alla fine la stretta di mano c’è e con un riconoscimento reciproco: di Donald lei rispetta “i suoi figli, devoti e capaci”, di Hillary lui ammette che “non molla mai, è una combattente”. Terzo ed ultimo round il 19 ottobre.

(di Claudio Salvalaggio e Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

18:52Serie A: il Napoli vince a Verona e torna secondo

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Il Napoli vince 3-1 a Verona, sul campo del Chievo, e torna momentaneamente al secondo posto della classifica, aspettando Roma-Torino che inizia alle 18. "Effetto Zeman" a Pescara, con gli abruzzesi che - alla prima panchina del tecnico boemo - travolgono 5-0 il Genoa e conquistano la prima vittoria stagionale sul campo. Terza vittoria esterna consecutiva del Sassuolo, che passa 1-2 a Udine, rovinando la festa per il ritorno di Zico, applauditissimo dai tifosi friulani. Termina 1-1 Sampdoria-Cagliari, con i sardi arrabbiatissimi per un gol annullato a Ibarbo a partita quasi finita. Milan-Fiorentina alle 20:45 chiuderà la 25/a giornata della serie A.

18:38Gaza: 3 palestinesi condannati a morte per collaborazionismo

(ANSAmed) - GAZA, 19 FEB - Un tribunale militare di Gaza ha condannato a morte tre abitanti della Striscia accusati di collaborazionismo con Israele. Lo ha reso noto il ministero degli interni di Gaza senza precisare ulteriori dettagli. Le condanne a morte emesse di volta in volta dalle corti militari di Gaza sono già state oggetto di aspre condanne da parte di Ong locali di difesa dei diritti civili, nonchè da parte dell'Unione Europea. Quelle condanne sono inoltre motivo di frizione fra l'Autorità nazionale palestinese (secondo cui la ratifica delle pene capitali resta prerogativa esclusiva di Abu Mazen) e le autorità di Hamas a Gaza che in questa materia ritengono di poter agire autonomamente. (ANSAmed).

18:27Israele: ai confini del Paese ora ci pensano le soldatesse

(ANSAmed) - TEL AVIV, 19 FEB - Israele torna a scommettere sulle sue soldatesse. Negli ultimi anni Tsahal (acronimo delle forze armate) ha aperto loro una gamma di nuovi incarichi, che in passato erano riservati solo ai maschi. Adesso Tsahal va ancora oltre e decide di affidare la difesa di confini impegnativi - Egitto e Giordania - a battaglioni misti, con combattenti femmine (in prevalenza) e maschi. "Le soldatesse combattenti sono tutte volontarie", ha fatto notare Mordechai Kahana, comandante dell'apparato di difesa dei confini di Israele. Oggi - che i battaglioni misti sono divenuti 3 - le combattenti sono 800. E nell'ultimo arruolamento si è registrato un ulteriore aumento delle volontarie. Entro la fine dell'anno raggiungeranno così la cifra record di 1100 e sarà allora possibile dislocare sul terreno un quarto battaglione misto.

18:19Pd: Rossi, è stato alzato muro, strada è un’altra

(ANSA) - FIRENZE, 19 FEB - "È stato alzato un muro, sia nel metodo che nella forma. Per noi la strada è un'altra. Sono maturi i tempi per formare una nuova area. Ci sono stati milioni di cittadini che hanno abbandonato questo Pd". Così Enrico Rossi sul dibattito all'assemblea nazionale Pd. "Abbiamo posto lo stesso problema che milioni di cittadini pongono e che avvertono il PD come un partito non più di sinistra. Abbiamo provato ad avanzare alcune idee,invece è stato alzato un muro e non abbiamo avuto nessuna risposta di merito ne' di metodo".

18:18Pd: Guerini, da minoranza scelta già compiuta, peccato

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "L'assemblea ha deciso l'avvio del congresso, il più alto momento di democrazia interna, andarsene per una data è sbagliato. Avremmo voluto ascoltare la minoranza, in assemblea non ne abbiamo sentiti molti. E' una scelta già compiuta che assumo con rammarico". Così il vicesegretario Pd Lorenzo Guerini alla luce delle affermazioni dei bersaniani.

18:15Roma: squadra in visita da Florenzi prima del Torino

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - La Roma si stringe attorno ad Alessandro Florenzi. La squadra giallorossa, prima della gara di campionato col Torino, si è recata al gran completo a Villa Stuart per far visita all'esterno operato due giorni fa al ginocchio sinistro per la seconda rottura del legamento crociato a distanza di quattro mesi dal primo infortunio. "Sono un uomo e un calciatore fortunato: ho scoperto di avere tante persone che mi vogliono bene. Grazie, grazie, grazie a tutti" ha scritto su Instagram Florenzi allegando al messaggio la foto con la squadra e il tecnico Spalletti attorno al letto della propria stanza. La Roma, per testimoniare la vicinanza al ragazzo di Vitinia, giocherà inoltre la sfida coi granata indossando una maglietta speciale con il n.24 di Florenzi cucito sulla manica.

18:03Calcio: tifosi Genoa lasciano stadio Pescara

(ANSA) - PESCARA, 19 FEB - Protesta forte dei tifosi del Genoa allo Stadio Adriatico che al 40' del primo tempo, per protesta contro la squadra, sotto per 3-0 con gli abruzzesi, hanno ammainato striscioni e bandiere, lasciando il settore loro riservato nel gabbiotto di curva sud. Una protesta simile c'era stata domenica scorsa a Torino, da parte dei tifosi del Pescara che avevano lasciato gli spalti dello Stadio Olimpico all'inizio del secondo tempo, con i biancazzurri sotto con i granata.

Archivio Ultima ora