I tifosi della LVBP ringraziano il Baseball Classic

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da redazione

I  tifosi della  LVBP ringraziano il Baseball Classic

I tifosi della LVBP ringraziano il Baseball Classic

CARACAS – L’inizio della Liga Venezolana de Baseball Profesional é sempre sinonimo di felicitá per i tifosi della pelota. Ma in questa stagione gli amanti dello sport della mazza e dei guantoni hanno un motivo in piú per esultare: con molto probabilitá molti degli assi della MLB giocheranno in Venezuela. Il motivo? L’anno venturo ci sará la quarta edizione del World Baseball Classic, una sorta di mondiale targato Major League Baseball.

Campioni del calibro di Félix Hernández, José Altuve, Elvis Andrus, Rougned Odor hanno manifestato la loro voglia di indossare la maglia del Magallanes. Senza dimenticare Francisco Rodriguez che vuole giocare con i suoi Tiburones de La Guaira. I tifosi dei Tigres non vedono l’ora di rivedere il loro beniamino Miguel Cabrera sul diamente del José Pérez Colmenares.

Tutti loro hanno intenzione di giocare nel campionato venezuelano per arrivare al top della forma in chiave World Baseball Classic, ricordiamoci che la vinotinto é inserita nello stesso girone dell’Italia.

L’ultima volta che molti dei campioni venezuelani che giocano nella MLB hanno manifestato l’intenzione di giocare sui diamanti creoli é stato nella stagione 2012-2013: anche quella volta fu per prepararsi per il World Baseball Classic che si sarebbe disputato nel 2013. In quella stagione, campioni della caratura di Pablo Sandoval ed Elvis Andrus giocarono con il Magallanes, disputando addirittura la finale.

Secondo il manager venezuelano, Omar Vizquel uno dei principali errori in quell’occasione fu non arrivarci al top della forma. “É fondamentale che i ragazzi si preparino ed arrivino in forma con il ritmo di gioco nelle gambe e nelle braccia. Per questo motivo voglio che i miei giocatori si allenino giocando. Nelle precedenti edizioni, non siamo arrivati con la forma idonea per questo tipo di manifestazioni, e perciò non siamo riusciti a disputare un buon torneo”.

La vinotinto del baseball già conosce i rivali che dovrà affrontare nel World Baseball Classic (WBC) che si disputerà l’anno venturo. La nazionale allenata da Omar Vizquel è stata inserita nel girone D, lo stesso dell’Italia insieme a Messico e Porto Rico. Questo girone si disputerá a Guadalajara, in Messico; ricordiamoci che nel WBC ogni gruppo gioca in una sede diversa.

Nei tre precedenti incontri tra venezuelani ed italiani, i vinotinto hanno avuto la meglio con un bilancio di tre vittorie: 6-0 nella fase a gironi del 2006, 7-0 nella prima fase del 2009 e 10-1 nello spareggio della stessa edizione.

Contro il Porto Rico, i precdenti sono anche tre con due successi venezuelani ed un ko: le due vittorie sono arrivate nel 2006 (6-0) e 2009 (2-0). Mentre il trionfo degli isolani risale al 2013: 6-3. Contro il Messico non ci sono precedenti nel World Baseball Classic.

Ricordiamoci che la migliore prestazione della vinotinto nel WBC é stata nel 2009: allora la nazionale allenata da Luis Sojo chiuse al terzo posto.

All’edizione del 2017 del World Baseball Classic parteciperanno 16 squadre, l’ultimo biglietto lo ha conquistato l’Israele che ha battuto 9-1 nello spareggio la Gran Bretagna. Questo spareggio si é disputato a Brooklyn, la nazionale israeliana entrerà a far parte del girone B dove sono inserite Corea del Sud, Taiwan ed Olanda. Questo ragruppamento avrà come sede la città di Seul.

Nel girone A, che giocherà tutte le sue gare a Tokio, sono stati inseriti: Giappone, Cina, Australia e Cuba.
Infine nel gruppo C, che avrà come sede Miami, troviamo: Stati Uniti, Canada, Repubblica Dominicana e Colombia.

Quella del 2017, sarà la quarta edizione del World Baseball Classic, torneo omologato dalla Major League Baseball. Nell’albo d’oro troviamo due campionati vinti dal Giappone (2006 e 2009) ed uno dalla Repubblica Dominicana (2013).

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

11:01Rigopiano: Stefano vivo, a Valva si riaccende la speranza

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 21 GEN - La notizia che Stefano Feniello è vivo ed è stato individuato assieme alla fidanzata Francesca Bronzi ed altre tre persone sotto le macerie del resort Rigopiano è giunta nel cuore della notte a Valva (Salerno). "Aspettiamo qualche buona notizia'' aveva detto ieri lo zio di Stefano, Claudio, che stamattina insieme con la sorella Graziella ed il figlio Carmine si sta dirigendo a Silvi Marina dove vive la famiglia di Stefano. "Per il momento non abbiamo notizie - dice Claudio Feniello - speriamo che quando saremo a destinazione nostro nipote sia stato estratto dalle macerie". A telefono il fratello di Stefano, Andrea, che si trova in queste ore a Pescara, dice: 'Aspettiamo notizie''.

10:57Bus ungherese: A4 riaperta, rimossa carcassa pullman

(ANSA) - S.MARTINO BUONALBERGO (VERONA), 21 GEN - E' stata riaperta poco fa l'autostrada A4, chiusa dalla notte scorsa tra Verona Sud e Verona Est in seguito al tragico incidente al bus ungherese. Il traffico, sia pur lentamente, ha ripreso a scorrere in direzione di Venezia, dopo che ciò che rimaneva del pullman straniero è stato rimosso. Sul posto sono ora in azione i mezzi della società autostradale per ripulire il tratto di autostrada interessato. Si resta in attesa, da parte della Polstrada di Verona Sud, di conoscere l'esatta dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:55Bus ungherese in fiamme, 16 morti

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - E' di 16 morti accertati il bilancio nell'incidente che ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L'incidente si è verificato poco prima di mezzanotte sulla A4 all'altezza dello svincolo di Verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattere lateralmente contro il pilone del ponte, incendiandosi. A bordo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni che stavano tornando da una gita scolastica: da una località montana della Francia il bus stava facendo ritorno a Budapest.

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

Archivio Ultima ora