Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all'estero

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

ROMA. – Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che per andare a scuola, invece di salire sul bus, prendono l’aereo. Carichi di aspettative e desiderosi di conoscere il mondo, salutano mamma e papà e partono per tre-sei mesi, talvolta un anno, verso qualche paese straniero. Un’esperienza di vita, quella degli studi all’estero, che nell’anno scolastico 2015-2016 ha coinvolto circa 7.400 alunni delle superiori, il 111% in più rispetto al 2009.

Hanno scelto per lo più mete anglofone, Stati Uniti in primis (38%; 13% Regno Unito), ma anche paesi dell’America centrale e meridionale (8%). Il 47% delle scuole attesta che almeno uno dei suoi studenti ha fatto un’esperienza di studio in una scuola estera nel 2015-16, soprattutto annuale (43%; 38% nel 2014). La scuola italiana continua così il suo cammino vero l’apertura al mondo (l’indice di internazionalizzazione è passato da 41 a 42 punti su 100 in un anno), anche se perde un po’ di ‘appeal’ tra gli studenti stranieri: in un anno sono diminuiti, da circa 3.200 a 2.800, i ragazzi non madrelingua che hanno scelto l’Italia come meta di studi.

E’ quanto emerge dalla rilevazione 2016 dell’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca, condotta da Ipsos per Fondazione Intercultura e presentata a Milano.

SI PARTE SOPRATTUTTO DA NORD OVEST E CENTRO – In queste aree gli istituti con alunni in uscita sono aumentati in un anno di 10 punti percentuali, raggiungendo rispettivamente quota 66% e 59%. Al Sud, dove la mobilità non si è mai diffusa quanto altrove, la percentuale scende da 38 a 31. I licei sono le scuole più “attive” (70%) e da nord a sud aumentano (+7%) i docenti che valutano positivamente quest’esperienza (49%).

63% SCUOLE E’ ‘INTERNAZIONALE’, MA CRISI LE PIEGA – Nel 2014 gli istituti che avevano aderito a progetti internazionali erano il 68%. Tra le cause del calo – afferma il 20% dei presidi – ci sono i “tagli di budget”. Diminuiscono poi i programmi di mobilità di classe o gruppo (si passa da oltre un terzo a poco più di un quarto di istituti che li promuovono; solo il 9% nel caso degli istituti tecnici) e solo il 57% delle scuole riesce a organizzare almeno un viaggio di istruzione all’estero per tutte o quasi tutte le classi (-9% su 2014). Segno meno anche per gli stage oltreconfine (dal 69% al 65%). Bene invece il Clil: oggi l’insegnamento in lingua straniera di discipline non linguistiche coinvolge il 66% delle scuole, un raddoppio rispetto al 2014.

DOPO MOBILITA’ FUTURO IN DISCESA – Ieri avevano studiato all’estero, oggi sono laureati (84%), spesso con risultati brillanti (64%), conoscono due lingue, hanno un lavoro dipendente (75%), anche con cariche apicali (un terzo), e tanta soddisfazione in tasca: il 90% si dichiara complessivamente felice contro la media italiana del 67%. Tra gli 886 intervistati che hanno vissuto un’esperienza di studio all’estero tra il 1977 e il 2012, la metà ne ha vissuto un’altra negli anni successivi (48%) e un terzo (34%) ha conseguito un titolo di studio terziario fuori Italia.

Oggi si occupano per lo più di marketing e comunicazione (la metà) e 3 su 4 sono soddisfatti della loro carriera, coerente con le aspirazioni. Il tasso di disoccupazione è inferiore al 9% contro una media nazionale del 14%. Sono una generazione inclusiva (64%), che sente di appartenere all’Ue (79% contro il 40% della media italiana), che non vuole controlli alle frontiere (solo il 14% è favorevole contro il 58%) e che con la mobilità ha cambiato il proprio modo di vivere: il 73% si definisce più propositivo e positivo.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

11:22William e Harry, troppo breve ultima telefonata con Diana

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Una telefonata breve, come quella che può esserci tra due adolescenti e una madre in vacanza. Loro volevano giocare con i cugini, non perdere tempo in chiacchiere, lei era in Francia. Ma sarà proprio la brevità della telefonata, quel 31 agosto del 1997, a 'perseguitare' i principi William ed Harry: la loro mamma, la principessa Diana, morì quella stessa notte in un incidente nel tunnel dell'Alma a Parigi. William aveva 15 anni, Harry soltanto 12. Sono proprio i due fratelli a raccontare quel giorno in un documentario di ITV: 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Harry ed io avevamo una fretta dannata di salutarla... Se avessi saputo cosa sarebbe successo non sarei stato così indifferente", racconta William. Che aggiunge: "Ma quella telefonata mi si è conficcata in testa, anche in maniera pesante". Harry afferma che quella breve chiacchierata è qualcosa che rimpiangerà per il resto della sua vita.

11:22Calcio: Allegri, “ottimo test, normale essere indietro”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "È stato un bello show, una partita con giocate tecniche di alto livello. Per noi si è trattato di un ottimo test: non avevamo praticamente fatto neanche un allenamento insieme, quindi è normale che la squadra sia indietro come preparazione, anche se, ci sono state delle buone giocate a livello individuale". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così, sul sito internet del club, la sconfitta nell'amichevole americana contro il Barcellona. "Ora l'obiettivo - aggiunge il tecnico - è lavorare sia sulla fase offensiva che difensiva, evitare gli infortuni e tornare in Italia in buona condizione per prepararci bene per la Supercoppa e il campionato".

11:21Nuoto: Mondiali, Detti finalista nei 400 col 7/o tempo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Gabriele Detti si è qualificato per la finale dei 400 stile ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest: alla Duna Arena della capitale magiara che apre la settimana dedicata ai campioni della piscina, l'azzurro ha ottenuto il settimo tempo delle batterie di 3'45"72. "Sarà molto dura, saremo tutti motivati e vogliosi. Nuoterò in corsia laterale, magari non mi vede nessuno. Anche alle Olimpiadi di Rio avevo Mack Horton a fianco e mi ha portato fortuna". Horton ha il quarto tempo di 3'45"60. La prima degli azzurri a gareggiare è stata oggi Ilaria Bianchi che si è qualificata alle semifinali dei 100 farfalla con il 9/0 tempo delle batterie di 57"98. "E' sempre difficile nuotare così presto al mattino, ho avuto comunque delle buone sensazioni. C'è tanto da limare ma va bene così".

11:07Calcio: Fassone, Kalinic? No nomi ma Milan farà qualcosa

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan prosegue la sua caccia a un nuovo attaccante ma Marco Fassone non rivela se sarà Nikola Kalinic, della Fiorentina. "Non faccio più nomi, perché non voglio che qualcuno si risenta. Guai a parlare dei giocatori che sono di altri club - ha frenato l'ad rossonero, tornato in Italia con la squadra dalla tournée in Cina -. Certamente faremo qualcosa, ma con la dovuta calma. Mancano ancora quaranta giorni. La squadra è già molto competitiva così e non abbiamo nessuna fretta di concludere".Intanto Fassone è concentrato sul preliminare di Europa League. "Sono stati dieci giorni importanti e due gare importanti per il mister. Siamo stati tutti assieme e adesso parte la stagione, quella vera, con la partita di giovedì prossimo. Giovedì vedremo se la squadra è pronta".

11:06Calcio: Milan rientrato da Cina, ora testa a Europa League

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan è rientrato in Italia dalla tournée cinese. Il volo proveniente da Hong Kong con a bordo la squadra di Vincenzo Montella è atterrato poco dopo le 8 all'aeroporto di Malpensa. Giusto il tempo di smaltire il fuso orario nella giornata di riposo prevista oggi, poi domani i rossoneri ricominceranno ad allenarsi per preparare un'altra trasferta. Mercoledì voleranno in Romania per il primo impegno ufficiale della stagione, l'andata del preliminare di Europa League di giovedì contro il Craiova.

11:04Calcio: amichevoli, Juventus ko 1-2 col Barcellona

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La Juventus perde 1-2 col Barcellona, nella prima amichevole dei bianconeri in programma negli Stati Uniti. Doppietta di Neymar nel primo tempo (15' e 26'), poi nella ripresa la rete di Chiellini (63').

10:48Fukushima: ‘Little sunfish’ segnala combustibile radioattivo

(ANSA) - TOKYO, 23 LUG - Per la prima volta dal disastro nucleare di Fukushima, nel marzo del 2011, un robot è riuscito a individuare quello che con ogni probabilità è il combustibile radioattivo depositatosi nel fondo del reattore numero 3, il più danneggiato nell'incidente. Lo ha reso noto la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto di Fukushima Daiichi, spiegando che i tentativi vanno avanti da mercoledì scorso e l'obiettivo è di raggiungere le fondamenta, a una profondità di 6,4 metri. "Crediamo che il combustibile nel contenitore a pressione si sia fuso e abbia causato il cedimento delle strutture sistemate nella parte superiore della struttura", ha detto il portavoce della Tepco, Takahiro Kimoto. L'operazione 'Little Sunfish', il robot a forma di cilindro del diametro di 13 centimetri, è il terzo tentativo di questo tipo. I precedenti erano falliti.

Archivio Ultima ora