Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all'estero

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

ROMA. – Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che per andare a scuola, invece di salire sul bus, prendono l’aereo. Carichi di aspettative e desiderosi di conoscere il mondo, salutano mamma e papà e partono per tre-sei mesi, talvolta un anno, verso qualche paese straniero. Un’esperienza di vita, quella degli studi all’estero, che nell’anno scolastico 2015-2016 ha coinvolto circa 7.400 alunni delle superiori, il 111% in più rispetto al 2009.

Hanno scelto per lo più mete anglofone, Stati Uniti in primis (38%; 13% Regno Unito), ma anche paesi dell’America centrale e meridionale (8%). Il 47% delle scuole attesta che almeno uno dei suoi studenti ha fatto un’esperienza di studio in una scuola estera nel 2015-16, soprattutto annuale (43%; 38% nel 2014). La scuola italiana continua così il suo cammino vero l’apertura al mondo (l’indice di internazionalizzazione è passato da 41 a 42 punti su 100 in un anno), anche se perde un po’ di ‘appeal’ tra gli studenti stranieri: in un anno sono diminuiti, da circa 3.200 a 2.800, i ragazzi non madrelingua che hanno scelto l’Italia come meta di studi.

E’ quanto emerge dalla rilevazione 2016 dell’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca, condotta da Ipsos per Fondazione Intercultura e presentata a Milano.

SI PARTE SOPRATTUTTO DA NORD OVEST E CENTRO – In queste aree gli istituti con alunni in uscita sono aumentati in un anno di 10 punti percentuali, raggiungendo rispettivamente quota 66% e 59%. Al Sud, dove la mobilità non si è mai diffusa quanto altrove, la percentuale scende da 38 a 31. I licei sono le scuole più “attive” (70%) e da nord a sud aumentano (+7%) i docenti che valutano positivamente quest’esperienza (49%).

63% SCUOLE E’ ‘INTERNAZIONALE’, MA CRISI LE PIEGA – Nel 2014 gli istituti che avevano aderito a progetti internazionali erano il 68%. Tra le cause del calo – afferma il 20% dei presidi – ci sono i “tagli di budget”. Diminuiscono poi i programmi di mobilità di classe o gruppo (si passa da oltre un terzo a poco più di un quarto di istituti che li promuovono; solo il 9% nel caso degli istituti tecnici) e solo il 57% delle scuole riesce a organizzare almeno un viaggio di istruzione all’estero per tutte o quasi tutte le classi (-9% su 2014). Segno meno anche per gli stage oltreconfine (dal 69% al 65%). Bene invece il Clil: oggi l’insegnamento in lingua straniera di discipline non linguistiche coinvolge il 66% delle scuole, un raddoppio rispetto al 2014.

DOPO MOBILITA’ FUTURO IN DISCESA – Ieri avevano studiato all’estero, oggi sono laureati (84%), spesso con risultati brillanti (64%), conoscono due lingue, hanno un lavoro dipendente (75%), anche con cariche apicali (un terzo), e tanta soddisfazione in tasca: il 90% si dichiara complessivamente felice contro la media italiana del 67%. Tra gli 886 intervistati che hanno vissuto un’esperienza di studio all’estero tra il 1977 e il 2012, la metà ne ha vissuto un’altra negli anni successivi (48%) e un terzo (34%) ha conseguito un titolo di studio terziario fuori Italia.

Oggi si occupano per lo più di marketing e comunicazione (la metà) e 3 su 4 sono soddisfatti della loro carriera, coerente con le aspirazioni. Il tasso di disoccupazione è inferiore al 9% contro una media nazionale del 14%. Sono una generazione inclusiva (64%), che sente di appartenere all’Ue (79% contro il 40% della media italiana), che non vuole controlli alle frontiere (solo il 14% è favorevole contro il 58%) e che con la mobilità ha cambiato il proprio modo di vivere: il 73% si definisce più propositivo e positivo.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

17:02Al via in Belgio il processo per Salah Abdeslam

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - E' fissato per oggi al tribunale di Bruxelles l'avvio del processo a Salah Abdeslam, uno degli autori degli attentati di Parigi. Lo ha reso noto la procura federale belga. L'uomo è stato rinviato a giudizio in Belgio per una sparatoria contro la polizia, avvenuta durante la sua fuga dopo che gli agenti avevano scoperto il suo nascondiglio a Forest, a pochi chilometri da Bruxelles, a marzo dello scorso anno. Abdeslam assisterà al processo insieme al suo complice, Sofiane Ayari. I due sono accusati di 'tentato omicidio in contesto terroristico'.

17:00Concorsi truccati: rettore Firenze, è malattia non epidemia

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - "Noi siamo i primi a volere che siano accertate quanto prima le responsabilità e se accertate che la punizione sia severa, rigorosa, esemplare. Ma nella comunità universitaria italiana ci sono migliaia di professori e di ricercatori che lavorano con onestà e hanno come faro il merito, la valutazione e la trasparenza. Siamo doppiamente feriti perché non vogliamo che una malattia venga scambiata per una epidemia". Lo ha detto, stamane in una conferenza stampa, il rettore dell'ateneo fiorentino, Luigi Dei, commentando quanto emerso finora nell'ambito dell'indagine sui concorsi truccati. "Questi fatti - ha osservato il rettore - feriscono in prima battuta e soprattutto la comunità universitaria. Siamo colpiti, tristi e amareggiati. Cose di questo genere non dovrebbero mai succedere".

16:59Usa: prima donna supera corso per ufficiale fanteria Marine

(ANSA) - NEW YORK, 26 SET - Una donna fa la storia e supera, per la prima volta, il massacrante corso dei Marine per diventare ufficiale di fanteria. E' la prima donna a compiere tale impresa e il suo successo viene celebrato dal comandate dei Marine, il generale Robert Neller, che twitta una sua della ragazza e scrive: ''sono orgoglioso dell'ufficiale''.

16:56Mose: udienza per aziende per mancato controllo funzionari

(ANSA) - VENEZIA, 26 SET - Con l'udienza preliminare, si è aperto al Tribunale di Venezia il procedimento alle otto aziende coinvolte nella vicenda Mose per il mancato controllo dei propri funzionari infedeli che hanno utilizzato fondi in nero ed eluso il fisco. Il filone d'inchiesta è legato al decreto legislativo che prevede di indagare un'impresa che non controlla l'operato dei propri dirigenti. Tra le imprese coinvolte, la Cooperativa San Martino e la Codemar hanno annunciato di aver raggiunto un accordo con la Procura per il patteggiamento. Altre due - la Mantovani e Adria Infrastrutture - hanno detto di avere in corso la stessa procedura. Il Consorzio Venezia Nuova, Fincosit, Condotte e Technostudio al momento vanno avanti con il procedimento, in attesa che venga definito per poi decidere se optare per il patteggiamento. La Regione Veneto, la Presidenza del Consiglio e i ministeri dell'Economia e dei Trasporti non sono stato riconosciuti parti civili.

16:55Matera 2019: firmato il Contratto istituzionale di sviluppo

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non è un'iperbole dire - come ha fatto il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri - che è una giornata storica. Fatto storico è Matera 2019 e il contratto istituzionale che firmiamo oggi è un passo importantissimo, necessario, in vista di quell'appuntamento". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, dopo la firma del contratto istituzionale di sviluppo per Matera 2019 a Palazzo Chigi. Al premier si è rivolto il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella: "Dopo aver posto in agenda Matera capitale della cultura, abbiamo come regione recuperato la sfida titanica, per un regionalismo nuovo, di maggiore cooperazione e sintonia con il governo nazionale. Vogliamo vincere la scommessa, con lei e il suo Governo".

16:39Matera 2019: De Vincenti, stanziati circa 400 mln

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "E' una giornata importante che apre fino in fondo la strada per la realizzazione di Matera 2019. Questo contratto di Sviluppo fornisce la struttura di governance che consentirà di accelerare al massimo gli interventi per il grande evento sia per Matera che per il nostro Paese". Lo dice il ministro Claudio De Vincenti presentando a Palazzo Chigi il Contratto istituzionale di sviluppo per "Matera 2019 Capitale europea della cultura". Sono previsti "interventi diretti su Matera 2019 per 106,4 milioni e su Basilicata 2019 per 284,9 milioni. Più il bando periferie per 13,12 milioni. Nel complesso circa 400 milioni a disposizione".

16:37M5s: Di Battista, fiducia in Di Maio, restare compatti

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Candidarsi a premier non è mica obbligatorio, qua l'unica cosa che è obbligatoria è restare compatti perché ci aspettano mesi durissimi". Lo scrive in un post su facebook Alessandro Di battista, che pubblica il discorso che avrebbe dovuto tenere a Italia 5 Stelle. "Io sono un battitore libero", prosegue Di Battista spiegando di non essersi candidato premier perché proprio perché si considera "un battitore libero" e aggiungendo: "Ho fiducia in Luigi, anche lui si è caricato il Movimento sulle sue spalle. E va sostenuto".

Archivio Ultima ora