Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all'estero

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

ROMA. – Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che per andare a scuola, invece di salire sul bus, prendono l’aereo. Carichi di aspettative e desiderosi di conoscere il mondo, salutano mamma e papà e partono per tre-sei mesi, talvolta un anno, verso qualche paese straniero. Un’esperienza di vita, quella degli studi all’estero, che nell’anno scolastico 2015-2016 ha coinvolto circa 7.400 alunni delle superiori, il 111% in più rispetto al 2009.

Hanno scelto per lo più mete anglofone, Stati Uniti in primis (38%; 13% Regno Unito), ma anche paesi dell’America centrale e meridionale (8%). Il 47% delle scuole attesta che almeno uno dei suoi studenti ha fatto un’esperienza di studio in una scuola estera nel 2015-16, soprattutto annuale (43%; 38% nel 2014). La scuola italiana continua così il suo cammino vero l’apertura al mondo (l’indice di internazionalizzazione è passato da 41 a 42 punti su 100 in un anno), anche se perde un po’ di ‘appeal’ tra gli studenti stranieri: in un anno sono diminuiti, da circa 3.200 a 2.800, i ragazzi non madrelingua che hanno scelto l’Italia come meta di studi.

E’ quanto emerge dalla rilevazione 2016 dell’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca, condotta da Ipsos per Fondazione Intercultura e presentata a Milano.

SI PARTE SOPRATTUTTO DA NORD OVEST E CENTRO – In queste aree gli istituti con alunni in uscita sono aumentati in un anno di 10 punti percentuali, raggiungendo rispettivamente quota 66% e 59%. Al Sud, dove la mobilità non si è mai diffusa quanto altrove, la percentuale scende da 38 a 31. I licei sono le scuole più “attive” (70%) e da nord a sud aumentano (+7%) i docenti che valutano positivamente quest’esperienza (49%).

63% SCUOLE E’ ‘INTERNAZIONALE’, MA CRISI LE PIEGA – Nel 2014 gli istituti che avevano aderito a progetti internazionali erano il 68%. Tra le cause del calo – afferma il 20% dei presidi – ci sono i “tagli di budget”. Diminuiscono poi i programmi di mobilità di classe o gruppo (si passa da oltre un terzo a poco più di un quarto di istituti che li promuovono; solo il 9% nel caso degli istituti tecnici) e solo il 57% delle scuole riesce a organizzare almeno un viaggio di istruzione all’estero per tutte o quasi tutte le classi (-9% su 2014). Segno meno anche per gli stage oltreconfine (dal 69% al 65%). Bene invece il Clil: oggi l’insegnamento in lingua straniera di discipline non linguistiche coinvolge il 66% delle scuole, un raddoppio rispetto al 2014.

DOPO MOBILITA’ FUTURO IN DISCESA – Ieri avevano studiato all’estero, oggi sono laureati (84%), spesso con risultati brillanti (64%), conoscono due lingue, hanno un lavoro dipendente (75%), anche con cariche apicali (un terzo), e tanta soddisfazione in tasca: il 90% si dichiara complessivamente felice contro la media italiana del 67%. Tra gli 886 intervistati che hanno vissuto un’esperienza di studio all’estero tra il 1977 e il 2012, la metà ne ha vissuto un’altra negli anni successivi (48%) e un terzo (34%) ha conseguito un titolo di studio terziario fuori Italia.

Oggi si occupano per lo più di marketing e comunicazione (la metà) e 3 su 4 sono soddisfatti della loro carriera, coerente con le aspirazioni. Il tasso di disoccupazione è inferiore al 9% contro una media nazionale del 14%. Sono una generazione inclusiva (64%), che sente di appartenere all’Ue (79% contro il 40% della media italiana), che non vuole controlli alle frontiere (solo il 14% è favorevole contro il 58%) e che con la mobilità ha cambiato il proprio modo di vivere: il 73% si definisce più propositivo e positivo.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

20:20Piano economia Trump, 25 mln di nuovi posti lavoro

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Il piano per l'economia del neo presidente Usa, contenuto sul nuovo sito della Casa Bianca targata Trump, prevede 25 milioni di nuovi posti di lavoro nel prossimo decennio. Le ricette individuate puntano a una crescita del 4% l'anno. "La nostra strategia - si legge sul sito - parte con il ritiro dalla Trans-Pacific Partnership e dall'accertarci che gli accordi commerciali siano nell'interesse degli americani. Il presidente Trump è impegnato a rinegoziare il Nafta", l'accordo di libero scambio con Canada e Messico, e se i partner rifiutano di rinegoziare il presidente insisterà sulla "sua intenzione di lasciare l'accordo di libero scambio del Nafta".

20:14Maltempo: Regione Sardegna, subito 2 mln ai Comuni per danni

(ANSA) - CAGLIARI, 20 GEN - Due milioni di euro disponibili da subito per risarcire gli interventi dei Comuni del Nuorese legati all'emergenza. Lo annuncia la Regione Sardegna, che invita i paesi colpiti dalle intense nevicate dei giorni scorsi ad indicare alla Protezione civile regionale i disagi subiti con la dichiarazione dello Stato di Calamità naturale. Le spese di emergenza effettuate dalle amministrazioni locali, infatti, sono coperte finanziariamente dalla legge 28, di competenza della Protezione civile. "I Comuni non sono e non verranno lasciati soli", ha detto l'assessora della Difesa dell'Ambiente, Donatella Spano. "Ad oggi, sulla legge 28, esiste una disponibilità immediata di circa 2 milioni di euro che, se necessario, verrà integrata con nuove risorse. Bene hanno fatto i Comuni che per salvaguardare l'incolumità dei cittadini, degli animali e delle cose, si sono avvalsi di strumenti e mezzi messi a disposizione dai privati: tutte queste spese saranno coperte dall'intervento della Regione". Sul versante agricolo, invece, fra qualche giorno, appena chiusa la fase dell'emergenza - fanno sapere dalla Regione - si attiveranno le procedure per fare la conta dei danni con i tecnici delle Agenzie regionali mobilitati per i controlli nelle aziende. Nel Programma di sviluppo rurale (Psr) esiste una Misura specifica, la 5, dedicata proprio al "Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate misure di prevenzione". Infine, per il trasporto di foraggi o mangimi verso le aziende più isolate, l'Agenzia Forestas e il Corpo forestale di Vigilanza ambientale (come hanno già fatto in questi giorni a Tempio) mettono a disposizione i propri mezzi. I sindaci possono quindi rivolgersi alla Sala operativa regionale integrata (Sori) che coordinerà le eventuali richieste di intervento.

20:12Maltempo: 95enne invalido raggiunto in sci e salvato

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 20 GEN - Un anziano 95enne allettato, rimasto isolato da 4 giorni, senza elettricità e al freddo in uno dei borghi dell'Ascolano sommersi dalla neve, a Santa Maria a Corte, frazione di Comunanza, è stato raggiunto con sci e ciaspole e poi portato in ospedale da un gruppo di carabinieri forestali e volontari del Soccorso alpino. In un primo sopralluogo, condotto nella tarda serata di ieri, i carabinieri forestali avevano ripristinato la funzionalità di un gruppo elettrogeno in un capannone pericolante annesso alla casa, utilizzando la batteria di un'auto per rimettere in moto la caldaia. Stamani però le condizioni dell'anziano si sono aggravate, e Cc e Soccorso alpino sono tornati nella frazione e, con un'operazione molto complessa, hanno deposto l'anziano in una barella toboga, e, accompagnato dal figlio di 55 anni, l'hanno condotto ad un'auto e poi nell'ospedale di zona.

20:11Migranti: Oim, 3.156 arrivi via mare in Europa nel 2017

(ANSA) - GINEVRA, 20 GEN - Il numero di arrivi di migranti e rifugiati in Europa via mare ha raggiunto i 3.156 dall'inizio del 2017 ed il numero di morti è 234, secondo gli ultimi dati dell'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). Oltre i tre quarti dei migranti e rifugiati sono arrivati in Italia e gli altri in Grecia, precisa una nota dell'Oim sottolineando che nei primi 18 giorni del mese di gennaio dell'anno scorso gli arrivi erano stati 32.317.

20:08Gb: William giù da elicottero, presto lascerà lavoro pilota

(ANSA) - LONDRA, 20 GEN - Rotore spento e giù dall'elicottero. Il principe William s'appresa a lasciare a breve il suo lavoro di pilota dei servizi di soccorso per passare più tempo a Londra e assumere nuovi impegni ufficiali. Lo preannuncia oggi in una nota Kensington Palace, residenza ufficiale del duca di Cambridge, di sua moglie Kate e dei figli George e Charlotte. La nota precisa che il principe, secondo in linea di successione dopo suo padre Carlo al trono occupato dalla 90enne regina Elisabetta, interromperà in estate l'attività di elicotterista per conto della East Anglia Air Ambulance. E privilegerà a partire da quel momento la capitale britannica rispetto all'amata residenza-rifugio di campagna nel Norfolk. Ufficialmente si tratta di consentire al piccolo George, 3 anni, di frequentare una scuola materna londinese. Stando ai media, pesa tuttavia anche la scelta ormai consolidata fatta dalla regina di delegare gradualmente parte degli impegni di corte, di Stato e umanitari a Carlo e agli altri eredi.

20:06Calcio: Aubameyang, io mai al Bayern

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Non andrò mai al Bayern Monaco, sarebbe una cosa troppo difficile da accettare per i tifosi del Borussia Dortmund". La promessa arriva da Pierre-Emerick Aubameyang, idolo dei supporter gialloneri e attualmente impegnato in Coppa d'Africa con il Gabon, dove la 'Bild' lo ha intervistato. L'attaccante attuale leader della classifica della 'Scarpa d'oro' ha un contratto fino al 2020, ma potrebbe partire in estate. Il 27enne Aubameyang ha un contratto per altre tre stagioni, ma il Borussia, che sta insistendo con l'Ajax per avere il nuovo fenomeno Dolberg, potrebbe metterlo sul mercato per ricavarne una cifra congrua. Lui non nasconde che il suo sogno è di giocare nel Real Madrid. "Sì, è il club dei miei sogni - ammette l'attaccante ex Milan -, ma nel mondo non esiste solo il Real. Non so se sia vero che Zidane mi voglia: se è vero mi chiameranno, altrimenti non c'è problema".

20:00Migranti: Cpa Cona,svolti a Padova funerali giovane ivoriana

(ANSA) - PADOVA, 20 GEN - Sono stati celebrati questo pomeriggio a Padova nella chiesa metodista di Corso Milano i funerali di Sandrine Bakayoko, la 25enne ivoriana deceduta lo scorso 2 gennaio nel centro di prima accoglienza di Conetta (Venezia), per una trombosi polmonare. Al rito hanno assistito circa un centinaio degli oltre 1200 giovani africani ospitati nell'hub della provincia veneziana, giunti a Padova con alcuni pullman. Il corpo della giovane sarà sepolto nel cimitero di Piove di Sacco (Padova). A farsi carico delle spese delle esequie è stata la cooperativa che ha in gestione il Cpa di Conetta. Proprio il decesso di Sandrine aveva dato origine alle proteste nel centro di accoglienza, sfociate negli incidenti verificatisi nella notte tra il 2 e il 3 gennaio, sedati poi dalla polizia senza l'uso della forza. (ANSA).

Archivio Ultima ora