Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all'estero

Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che vanno a studiare all’estero

ROMA. – Sono sempre più numerosi gli studenti italiani che per andare a scuola, invece di salire sul bus, prendono l’aereo. Carichi di aspettative e desiderosi di conoscere il mondo, salutano mamma e papà e partono per tre-sei mesi, talvolta un anno, verso qualche paese straniero. Un’esperienza di vita, quella degli studi all’estero, che nell’anno scolastico 2015-2016 ha coinvolto circa 7.400 alunni delle superiori, il 111% in più rispetto al 2009.

Hanno scelto per lo più mete anglofone, Stati Uniti in primis (38%; 13% Regno Unito), ma anche paesi dell’America centrale e meridionale (8%). Il 47% delle scuole attesta che almeno uno dei suoi studenti ha fatto un’esperienza di studio in una scuola estera nel 2015-16, soprattutto annuale (43%; 38% nel 2014). La scuola italiana continua così il suo cammino vero l’apertura al mondo (l’indice di internazionalizzazione è passato da 41 a 42 punti su 100 in un anno), anche se perde un po’ di ‘appeal’ tra gli studenti stranieri: in un anno sono diminuiti, da circa 3.200 a 2.800, i ragazzi non madrelingua che hanno scelto l’Italia come meta di studi.

E’ quanto emerge dalla rilevazione 2016 dell’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca, condotta da Ipsos per Fondazione Intercultura e presentata a Milano.

SI PARTE SOPRATTUTTO DA NORD OVEST E CENTRO – In queste aree gli istituti con alunni in uscita sono aumentati in un anno di 10 punti percentuali, raggiungendo rispettivamente quota 66% e 59%. Al Sud, dove la mobilità non si è mai diffusa quanto altrove, la percentuale scende da 38 a 31. I licei sono le scuole più “attive” (70%) e da nord a sud aumentano (+7%) i docenti che valutano positivamente quest’esperienza (49%).

63% SCUOLE E’ ‘INTERNAZIONALE’, MA CRISI LE PIEGA – Nel 2014 gli istituti che avevano aderito a progetti internazionali erano il 68%. Tra le cause del calo – afferma il 20% dei presidi – ci sono i “tagli di budget”. Diminuiscono poi i programmi di mobilità di classe o gruppo (si passa da oltre un terzo a poco più di un quarto di istituti che li promuovono; solo il 9% nel caso degli istituti tecnici) e solo il 57% delle scuole riesce a organizzare almeno un viaggio di istruzione all’estero per tutte o quasi tutte le classi (-9% su 2014). Segno meno anche per gli stage oltreconfine (dal 69% al 65%). Bene invece il Clil: oggi l’insegnamento in lingua straniera di discipline non linguistiche coinvolge il 66% delle scuole, un raddoppio rispetto al 2014.

DOPO MOBILITA’ FUTURO IN DISCESA – Ieri avevano studiato all’estero, oggi sono laureati (84%), spesso con risultati brillanti (64%), conoscono due lingue, hanno un lavoro dipendente (75%), anche con cariche apicali (un terzo), e tanta soddisfazione in tasca: il 90% si dichiara complessivamente felice contro la media italiana del 67%. Tra gli 886 intervistati che hanno vissuto un’esperienza di studio all’estero tra il 1977 e il 2012, la metà ne ha vissuto un’altra negli anni successivi (48%) e un terzo (34%) ha conseguito un titolo di studio terziario fuori Italia.

Oggi si occupano per lo più di marketing e comunicazione (la metà) e 3 su 4 sono soddisfatti della loro carriera, coerente con le aspirazioni. Il tasso di disoccupazione è inferiore al 9% contro una media nazionale del 14%. Sono una generazione inclusiva (64%), che sente di appartenere all’Ue (79% contro il 40% della media italiana), che non vuole controlli alle frontiere (solo il 14% è favorevole contro il 58%) e che con la mobilità ha cambiato il proprio modo di vivere: il 73% si definisce più propositivo e positivo.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

19:59Incidenti montagna: due alpinisti bloccati sul Monviso

(ANSA) - SALUZZO (CUNEO), 23 APR - Due alpinisti sono bloccati sulla parete Sud del Monviso, a 3.800 metri di altitudine. In corso le operazioni di salvataggio da parte degli uomini del Soccorso Alpino con l'ausilio dell'elicottero del 118. Gli alpinisti sono in buone condizioni, ma alcuni problemi alle corde avrebbero impedito la discesa costringendo i due a chiedere aiuto. In quota c'è ancora molta neve e il vento non facilita le operazioni di soccorso. (ANSA).

19:57Gb: disinnescato ordigno davanti a scuola vicino a Belfast

(ANSA) - LONDRA, 23 APR - Un ordigno lasciato di fronte al cancello di una scuola elementare ad Ardoyne, a nord di Belfast, in Irlanda del Nord, è stato individuato e disinnescato dalla polizia nelle ultime ore. Lo riferisce la Bbc, citando fonti investigative britanniche stando alle quali la bomba avrebbe potuto "ferire o uccidere". La Holy Cross Boys' Primary School era chiusa, essendo domenica, ma l'obiettivo di chi l'ha piazzata - secondo quanto emerso dalle prime indagini - pare fosse quello di colpire agenti di polizia. I sospetti si concentrano sui cosiddetti "dissidenti repubblicani", clan a metà strada fra la guerriglia e la criminalità comune emersi da costole di irriducibili dell'Ira dissociatisi dagli storici accordi di pace del Venerdì Santo del 1998 fin dagli anni del negoziato.

19:54Trump insiste su muro, rischio scontro in Congresso

(ANSA) - NEW YORK, 23 APR - Il presidente americano Donald Trump e' determinato ad insistere sul muro ai confini col Messico, chiedendo che le risorse necessarie vengano stanziate nella legge a cui sta lavorando il Congresso per evitare lo 'shutdown' del governo federale. Lo ha detto in un'intervista alla Cbs il segretario alla sicurezza nazionale John Kelly. Le parole di Kelly nascondono le divisioni sul progetto del muro all'interno dell'amministrazione e dei repubblicani a Capitol Hill, lasciando intravedere uno scontro in vista della scadenza del prossimo fine settimana in cui si dovranno assicurare al governo le risorse necessarie per evitare la paralisi.

19:48Israele: palestinese ferisce 4 persone a Tel Aviv

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 APR - Un palestinese ha accoltellato sul lungomare di Tel Aviv almeno 4 persone ferendole leggermente ed è stato poi fermato da alcuni agenti. Lo ha detto il portavoce della polizia precisando che si è trattato di un attentato. Secondo una prima ricostruzione, il palestinese - residente a Nablus in Cisgiordania e di cui si stanno ora esaminando le modalità di ingresso in Israele - ha colpito le prime due persone con attrezzi da lavoro nei pressi dell'Hotel Leonardo su Hayarkon Street e quindi altre due a poco distanza dall'Hotel Herods. L'uomo è stato poi immobilizzato dai dipendenti degli alberghi e dagli agenti accorsi sul posto. A seguito dell'attentato, il coordinatore delle attività militari israeliane nei Territori Yoav Mordechai ha sospeso la concessione di permessi di ingresso giornalieri per i palestinesi della Cisgiordania. Lo ha reso noto la radio militare secondo cui questa sospensione dovrebbe avere una durata di alcuni giorni.

19:44Kart: muore minipilota 10 anni su circuito Fernando Alonso

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Un pilota di kart di soli 10 anni, Gonzalo B., originario della provincia di Medina di Pomar (Burgos), è morto mentre provava sul circuito intitolato a Fernando Alonso in vista della gara valida per il campionato delle Asturie. Lo ha reso noto la federazione spagnola di automobilismo tramite i 'social media'. La tragedia, secondo quanto precisato dalla stessa federazione, si è verificata ieri e la prova, che avrebbe dovuto svolgersi oggi, è stata annullata. Da parte loro gli organizzatori hanno assicurato che "per le prove di questa gara di kart durante la quale c'è stato l'incidente sul circuito erano state messe in atto tutte le misure di sicurezza necessarie". Il bambino pilota si è scontrato con un altro veicolo, dal quale poi è stato colpito. Immediatamente soccorso, ogni cura si è rivelata inutile. Fernando Alonso ha commentato l'accaduto con un tweet: "mi alzo e vivo uno dei giorni più tristi della mia vita. Un abbraccio enorme a tutta la famiglia di Gonzalo e al mondo del kart".

19:43‘Ndrangheta:processo Meta,confermate condanne a boss reggini

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 23 APR - La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha confermato la condanna a 27 anni di reclusione a carico del boss Giuseppe De Stefano, detto il 'crimine', nell'ambito del processo Meta scaturito dall'inchiesta della locale Dda che ha riguardato altri boss e gregari delle principali cosche reggine. Venti gli anni di reclusione inflitti anche al 'supremo' Pasquale Condello e a Giovanni Tegano 'uomo di pace', mentre Pasquale Libri ha visto la pena aumentata di un anno (21). Le condanne, disposte in secondo grado, confermano il lavoro della Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria che con il sostituto procuratore Giuseppe Lombardo ha rappresentato la pubblica accusa. De Stefano, soprannominato "il crimine", è indicato così per la carica a cui spetta il potere di vita o di morte su tutti gli associati alle cosche che gravitano nel mandamento reggino che va da Bagnara Calabra a Melito Porto Salvo.(ANSA).

19:41Libia: fonte, Al-Ghweil controlla una buona parte di Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 23 APR - Presenza amministrativa in alcuni edifici ministeriali e militare in diverse parti della capitale oltre che a Misurata, la città ago della bilancia della crisi libica: così una fonte del non-riconosciuto Governo di salvezza nazionale (Gsn o Nsg) libico ha descritto il peso dell'esecutivo dell'ex-premier Khalifa Al-Ghweil. "Il governo di salvezza lavora ancora in maniera quasi normale attraverso qualche ministero", ha detto la fonte all'ANSA preferendo restare anonima ma citando come esempio i dicasteri della Difesa, Istruzione superiore ed Esteri. Circa la "forza" che sostiene l'esecutivo - ha aggiunto - "essa è presente nella maggior parte delle zone della capitale, in particolare a sud ed est", fra l'altro "all'aeroporto internazionale". "Queste forze hanno evitato di farsi coinvolgere nei sanguinosi scontri" accaduti "con gruppi armati che appoggiano al Sarraj", ha sostenuto ancora la fonte riferendosi implicitamente al premier riconosciuto dall'Onu.

Archivio Ultima ora