Baseball: i Tiburones sognano lo scudetto con Guillén

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da redazione

Per la stagione 2016-2017, l’esecutivo degli squali ha pensato al beniamino dei tifosi per cercare di sfatare il tabù con un titolo che gli sfugge da ben 31 anni

Per la stagione 2016-2017, l’esecutivo degli squali ha pensato al beniamino dei tifosi per cercare di sfatare il tabù con un titolo che gli sfugge da ben 31 anni

CARACAS – I Tiburones de La Guaira sono una delle squadre tradizionali della Liga Venezolana de Baseball Profesional, ma sembra che abbiano una sorta di tabú con lo scudetto, infatti non gridano la parola ¡Campeones! dalla stagione 1985-1986.

Ma appena ascolti il nome di Oswaldo Guillén non puoi fare altro che pensare ai Tiburones de La Guaira, club nel quale ha militato durante tutta la sua carriera come giocatore della Liga Venezolana de Baseball Profesional (Lvbp).

Per la stagione 2016-2017, l’esecutivo degli squali ha pensato al beniamino dei tifosi per cercare di sfatare il tabù con un titolo che gli sfugge da ben 31 anni. “Finalmente è arrivato il momento” sono state le prime parole pronunciate dall’ex giocatore nato 52 anni fa ad Ocumare del Tuy, nello Stato Miranda. L’ultimo título vinto dalla squadra litoralense é arrivato con Guillén in campo.

L’ex intermezzo, ha come biglietto da visita il fatto di essere stato il manager che ha vinto le World Series coi Chicago White Sox nel 2005: anche loro a secco di titoli da diversi anni, per la precisione dal 1919.

Guillén ha iniziato la straordinaria carriera nel 1980 quando partecipò al suo primo torneo mondiale giovanile, al termine del quale ottenne un contratto con i Tiburones de La Guaira, con i quali esordì nel 1981 nella Lvbp.

Nel 1985, il grande salto nella Major League Baseball, quando firmò con i Chicago White Sox, con i quail giocò per 12 stagioni. Con loro, conquistò il titolo di miglior esordiente dell’anno (1985) e fu selezionato tre volte per il Major League Baseball All-Star Game (1988, 1990 e 1991). Dopo aver salutato la città dei venti ha indossato le maglie dei Baltimore Orioles, Atlanta Braves ed infine Tampa BayRays.

Dopo aver appeso gli spike ed il guantone al chiodo nel 2004 fu assunto come allenatore dai White Sox, che portò alla vittoria delle World Series nel 2005 (aiutando i Chi-Sox a sfatare un tabù che durava dal 1917 dalla famosa ‘Maledizione dei calzini neri’). Nel 2005 vinse anche il titolo di miglior allenatore dell’anno. Rimase alla guida della squadra fino al 2011.

Appena vinto il titolo con i Chicago White Sox i tifosi dei Tiburones cominciarono a sognare di vedere ‘Ozzie’ sulla panchina degli squali, sperando che anche loro riuscissero a sbloccare quella scia negativa che dura da 31 anni.

Guillén sa che giocare nella Liga Venezuelana de Baseball è difficile, più complicato è vincere il titolo. “Quello che vivrò non sarà facile, ed accetto questa sfida. Ho indossato tante casacche nella mia carriera, però indubbiamente ho più fealing con quella dei Tiburones”.

L’arrivo di Ozzie sulla panchina degli squali sta facendo sognare i tifosi di questa franchigia “La mia presenza non sarà garanzia della conquista del titolo, pero posso garantire che nel dogout ci sarà molta disciplina, grinta e passione”.

Al momento, i Tuburones hanno un record di una vittorie e tre sconfitte, ma la stagione è lunga, e il campionato della Liga Venezolana de Baseball Profesional ci regala spesso tanti colpi di scena dalla prima all’ultima giornata.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

05:55Trump-media, muro contro muro per i 100 giorni

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - I primi 100 giorni di Donald Trump alla Casa Bianca si sono conclusi come erano iniziati: con un durissimo scontro tra il presidente e i giornalisti. Il tycoon - che con uno strappo clamoroso ha disertato la tradizionale cena dei corrispondenti della Casa Bianca - è tornato ad accusare i media definendoli 'fabbrica di fake news'. Irrefrenabile l'entusiasmo della folla di sostenitori riunitasi ad Harrisburg, in Pennsylvania. Secca la risposta del presidente dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca, Jeff Mason, che aprendo la serata annuale dell'associazione ha respinto le accuse al mittente: "Siamo qui come sempre per celebrare la libertà di stampa e il buon giornalismo, non per celebrare la presidenza". "Come si può vedere - la sua frecciata ironica - la serata è lo stesso sold out". Poi serio: "Non siamo fake news, e non siamo il nemico del popolo americano. Un attacco a noi è un attacco a tutti gli americani".

05:44Trump, presto grande decisione su accordo clima

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - "Presto sull'accordo di Parigi sul clima negoziato da Barack Obama prenderò una grande decisione": lo ha detto Donald Trump, a proposito dell'incontro tra i consiglieri del presidente americano previsto per martedì prossimo, per discutere l'eventuale ritiro degli Usa dall'intesa siglata in seno alle Nazioni Unite.

00:50Pugilato:spettacolo a Wembley,Joshua batte Klitschko per ko

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Doveva essere un match spettacolo per rilanciare la boxe mondiale e così è stato tra atterramenti, sangue, sudore e provocazioni. In uno stadio di Wembley con un tutto esaurito da 90.000 spettatori, a prevalere tra l'idolo di casa Anthony Joshua e l'ex campione del mondo ucraino Wladimir Klitschko è l'inglese che parte bene per farsi riprendere nel bel mezzo del match e poi trionfare nel finale per ko tecnico. Klitschko va al tappeto per la prima volta all'inizio del quinto round, ma poi si 'riparte' bene mandando giù il suo avversario nella ripresa successiva e riportando il match in equilibrio. E quando l'incontro sembrava avviarsi alla conclusione rimettendosi alla decisione dei giudici ecco il colpo di scena: alla 11/a ripresa Joshua si scatena mandando al tappeto per due volte Klitschko costringendo l'arbitro a chiudere l'incontro per ko tecnico per la gioia del pubblico di Wembley. A Joshua la riunificazione delle cinture dei pesi massimi (Wba e Ibf)

23:28Calcio: Liga, Barca vince derby e risponde al Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il Barcellona vince il derby con l'Espanyol riportandosi in testa alla Liga in coabitazione con il Real Madrid che nel pomeriggio aveva battuto di misura il Valencia. A dare la vittoria 3-0 ai blaugrana, i gol di Suarez (5' e 42' st) e Rakitic (31' st). In testa al massimo campionato spagnolo Barcellona e Real Madrid si trovano a quota 81 punti, ma le merengues devono ancora recuperare la partita di Vigo contro il Celta.

23:15Calcio: Torino-Sampdoria 1-1

(ANSA) - TORINO, 29 APR - Torino-Sampdoria 1-1 (0-1) nell'anticipo della 34/a giornata del campionato di Serie A. Al gol di Schick nel primo tempo (12') risponde l'ex romanista Iturbe al 33' della ripresa.

22:51Pallavolo: Champions, Perugia in finale con Zenit Kazan

(ANSA) - ROMA, 29 APR - La Sir Safety Conad Perugia ha conquistato la finale della Champions League 2017 di volley maschile battendo la Lube Civitanova nell'attesissimo derby italiano al PalaLottomatica di Roma davanti a 10mila spettatori. La squadra di Ivan Zaytsev ha vinto 3-2 al tie-break (25-19; 22-25; 25-19; 21-25; 15-9) e nella finalissima della massima competizione europea di volley con i russi dello Zenit Kazan. (

22:35Usa: clima, 300 cortei contro Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 29 APR - ''Con l'aumento dei livelli del mare Mar-a-Lago diventerà Mar-a-long gone'': è lo striscione esibito dalla sedicenne Olivia Springberg, con Trump e il suo staff raffigurati mentre rischiano di annegare tra le palme della residenza del presidente in Florida. E' uno dei tanti cartelloni esibiti dalle decine di migliaia di persone, tra cui l'attore Leonardo di Caprio, che oggi hanno invaso Washington con una marcia per il clima, per protestare contro le politiche ambientali di Trump in coincidenza con i primi cento giorni della sua amministrazione. Un periodo breve ma nel quale il tycoon ha già indicato chiaramente la politica di deregulation che intende seguire, cancellando l'eredità 'verde' di Barack Obama: sblocco degli oleodotti, nuove licenze per le miniere, revoca delle restrizioni sulle emissioni dei gas serra e per le trivellazioni nell'Artico, in attesa di decidere prima del G7 italiano se confermare o abbandonare l'accordo di Parigi sul clima. La marcia si tiene in altre 300 città Usa.

Archivio Ultima ora